Recensione la passione di cristo regia di Mel Gibson USA, Italia 2003
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione la passione di cristo (2003)

Voto Visitatori:   7,00 / 10 (547 voti)7,00Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film LA PASSIONE DI CRISTO

Immagine tratta dal film LA PASSIONE DI CRISTO

Immagine tratta dal film LA PASSIONE DI CRISTO

Immagine tratta dal film LA PASSIONE DI CRISTO

Immagine tratta dal film LA PASSIONE DI CRISTO

Immagine tratta dal film LA PASSIONE DI CRISTO
 

Leggi anche la recensione di peucezia

Il film di Mel Gibson Ŕ decisamente un film per arrivare ai grandi numeri.
Oggi i linguaggi che colpiscono molto le masse sono improntati su immagini o di sesso o di violenza. Sul sesso giÓ aveva detto Scorsese con la sua "Passione" (e forse "peucezia" con la sua recensione, magari ci dirÓ qualcosa sulle altre rappresentazioni filmiche del Ges¨).

Il film di Gibson affronta la seconda ipotesi, quella della violenza, ma non esce fuori con un bel film. Con tutto l'immenso rispetto che ho per la figura di Ges¨ e il messaggio potente che ci ha portato.
Facendo un raffronto, il precedente film di Gibson alla regia (Bravehart) era decisamente migliore.
Credo che in The Passion ci si Ŕ attenuti fedelmente alla cruenza degli avvenimenti, pi¨ che nel film ambientato in Scozia: in Bravehart, tutta la scena della tortura Ŕ sapientemente fatta immaginare nei punti pi¨ duri (nella realtÓ Wallace fu pure castrato).
In The Passion non si immagina: si vede. Come richiede il grande pubblico.
Ma nel cinema questo non funziona sempre, a mio avviso.
Non posso narrare l'intero processo a Galileo in presa diretta: sarebbe da sbadiglio per lo spettatore. E secondo me artisticamente lo Ŕ anche The Passion: scontato, manca di tempi di rilassamento, di alti e bassi narrativi. Se c'Ŕ una cosa scontata per rendere drammatica una scena Ŕ l'uso di rallenty: in The Passion, se ne fa abbonda a dismisura, dall'arresto nell'orto dei Getsemani, ai chiodi della croce. Dove Ŕ l'inventiva?
Scadente seminare in qua e il lÓ dei mostrini da film dell'orrore di serie B.
Appare un film tutto "in salita", un costante "colpire allo stomaco", che non da tregua allo spettatore per riprendere fiato nella narrazione.
Per fare un esempio fuori dal contesto cinematografico, se nel parlare ad una persona in veritÓ urlo, sicuramente avr˛ massima attenzione dell'ascoltatore, quasi spaventato inizialmente dal mio urlare, ma poi anche la sua attenzione calerÓ: l'urlo diventerÓ una cosa quasi normale, e forse dovrei iniziare a bisbigliare per "ricatturarlo".
Il film di Gibson Ŕ un film quasi tutto "urlato". Terminate le scene iniziali dell'orto dei Getsemani, secondo me le pi¨ interessanti, per l'atmosfera della luce e le musiche in sottofondo, si inizia con il regista un percorso a senso unico, che fa risultare il film pi¨ come la passione di Rambo, che la passione di Ges¨.
Esagerato, ma non scioccante come immaginavo (in giro ci sono film sicuramente pi¨ sanguinolenti).
Non bastano i brevi flashback (altra cosa da salvare, per l'ottimo lavoro fatto dal direttore della fotografia, che ha ricostruito illuminazioni alla Caravaccio), di Ges¨ giovane che scherza con Maria (scena molto delicata), dell'ultima cena, l'episodio della lapidazione, per far riprendere fiato e ri-intrigare lo spettatore nella narrazione.

Come ho detto in apertura Ŕ un film da grandi numeri e dal grande business. Pure a Matera si "fregano le mani". Hanno giÓ organizzato gite turistiche sui luoghi del set: www.sassiweb.it
Un film che per alcuni si pu˛ anche non vedere, ma che comunque trovo utile per il grande pubblico, esclusivamente perchŔ ripropone un messaggio attuale e potente, in una societÓ come la nostra che ha difficoltÓ ad abbandonarsi al mistero e all'immaginazione (e per leggere la Bibbia ci vuole anche quella credo).
Il mistero oggi giorno Ŕ credibile solo se ci sono le immagini: Gibson ne offre in gran quantitÓ.
Nessuna critica sul linguaggio degli attori, che recitano in latino e aramaico: sono anzi interessanti e non si fatica a seguire il film.

Commenta la recensione di LA PASSIONE DI CRISTO sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di fromlucca - aggiornata al 27/05/2004

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


959643 commenti su 37677 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net