Recensione live! ascolti record al primo colpo regia di Bill Guttentag USA 2007
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione live! ascolti record al primo colpo (2007)

Voto Visitatori:   5,09 / 10 (113 voti)5,09Grafico
Voto Recensore:   3,00 / 10  3,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film LIVE! ASCOLTI RECORD AL PRIMO COLPO

Immagine tratta dal film LIVE! ASCOLTI RECORD AL PRIMO COLPO

Immagine tratta dal film LIVE! ASCOLTI RECORD AL PRIMO COLPO

Immagine tratta dal film LIVE! ASCOLTI RECORD AL PRIMO COLPO

Immagine tratta dal film LIVE! ASCOLTI RECORD AL PRIMO COLPO

Immagine tratta dal film LIVE! ASCOLTI RECORD AL PRIMO COLPO
 

All'ABN (American Broadcast Network) si lavora alacremente per trovare un modo nuovo di fare televisione e inventare un reality appassionante per milioni di americani. La ricerca è difficile, ma alcuni spunti non mancano (come far rincorrere i partecipanti dalle auto della polizia oppure riprendere il percorso degli spermatozoi fino all'ovulo per vedere chi arriva per primo).
Un giorno, quasi per scherzo, ecco emergere l'idea nuova, assoluta, quella che sbancherà e otterrà un successo assicurato: una roulette russa in diretta. D'altra parte alla ABN sembra necessario uniformarsi alla carrellata di porcherie che trasmettono le altre tv, e quindi chi se ne frega della censura, del buon senso e della legalità?

Cercando di descrivere i presupposti e la trama del film già si rischia il ridicolo, ma dovreste vedere questi pimpanti direttori di rete si eccitano (letteralmente) all'idea del programma del secolo: tutti (o quasi) galvanizzati ed entusiasti della nuova trovata. Non è una cosa originale invece la descrizione di una tv arrivista, senza scrupoli né rispetto per le persone, disposta a mettere a repentaglio le loro vite pur di alzare l'audience. Una televisione in cui non esistono più regole e dove tutto è lecito.
Per giustificare le proprie ambizioni di diventare il primo network ad entrare nella Storia Mondiale dell'Immagine, si rispolverano paragoni con gli spettacoli all'interno del Colosseo ai tempi di Roma Antica e si richiamano i moti giacobini e le ghigliottine ai tempi della Rivoluzione Francese con uno spruzzo di storia americana (non potevano mancare gli astronauti dell'Apollo 11 alla conquista della Luna).

Pioniera di questa "ventata di aria nuova" è la producer Katy/Eva Mendes, pronta a tutto pur di convincere i collaboratori, gli avvocati, gli sponsor e i direttori di rete che, se si vogliono ottenere gloria e fama, questa cosa "s'ha da fare".
Fin dai primi provini ci si accorge che gli smaniosi partecipanti non sono adeguati: si presentano soltanto maniaco-depressivi, malati terminali, guerrafondai in uniforme militare; tutti disperati aspiranti suicidi. E chi li vuol vedere!? Urge ricorrere al dio denaro e aumentare la posta in palio: chi rimarrà vivo dal giochino della roulette russa (un solo vero proiettile e gli altri cinque caricati a salve), vincerà non uno ma cinque milioni di dollari. Ecco che il campo dei concorrenti si allarga: iniziano a pensare alla partecipazione coloro che hanno comunque una gran voglia di vivere la vita, oltre la soglia di quella normale, persone che non si accontentano di un buon anonimato o della mediocrità ma che vogliono tutto e subito, tutto o… NIENTE.

Non mancano gli angoli dedicati alle storie patetiche e strappalacrime in stile Big Brother ed in linea perfetta con i reality che seguiamo attualmente attraverso le nostre tv; a tal proposito una scena veramente penosa e insulsa la offrono i produttori del programma che si emozionano assistendo a uno dei casting suddetti. Roba da far accapponare la pelle per quanto la sequenza non esprima assolutamente niente.
I cliché ormai la fanno da padrone: tra i partecipanti non poteva mancare il ragazzo gay messicano deluso dalla vita e in cerca di riscatto da una condizione sociale sfavorevole.
Affiora pian piano l'idea che la pellicola non riesca ad essere una critica sulla tv e sui suoi contenuti ma, piuttosto, diventi essa stessa il contenuto. Non assistiamo più a un film ma allo show stesso.
Quello che dovrebbe essere l'oggetto di denuncia ne diventa invece la sostanza.

La sceneggiatura non dà spazio al contraddittorio; il film fila dritto per la sua strada senza guardare al colore dei semafori. Manca qualsiasi elemento che richiami alla parodia e pertanto lo spettacolo rimane impantanato e freddo. Niente a che vedere con le profonde meditazioni di alcuni illustri predecessori che hanno trattato lo stesso argomento (non si dovrebbero nemmeno menzionare per rispetto): mancano la lucidità e il rigore di "Quinto potere" (1976) di Lumet e il voyeurismo e il degrado de "La morte in diretta" (1980) di Tavernier.

È per tutta questa serie di motivi che, alla fine, non ce ne frega proprio niente se, mentre va in onda il tanto desiderato show, l'avvocato della rete fa capire la sua disapprovazione attraverso dei grugniti improbabili; gli ideatori si mostrano tesi riguardo alla sorte dei concorrenti come a quella dello share, i familiari stringono i pugni e soffrono in prima fila. Men che meno prendiamo in considerazione la disperazione e gli urti di vomito della Eva Mendes a cinque minuti dalla fine del film.

Commenta la recensione di LIVE! ASCOLTI RECORD AL PRIMO COLPO sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di pompiere - aggiornata al 11/03/2009

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917adoration (2019)alla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghierabad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnboterocaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittle
 NEW
doppio sospettofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandfigli (2020)gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amici
 NEW
gretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretijojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortuna
 NEW
la gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il pop
 NEW
la partita (2020)la ragazza d'autunnolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'immortale (2019)l'inganno perfettolontano lontano
 NEW
lourdes (2019)lunar citymarco polo - un anno tra i banchi di scuolame contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancy
 NEW
non si scherza col fuocoodio l'estate
 NEW
permette? alberto sordipiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarerichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsonic - il filmsorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodge
 HOT
tolo tolouna storia d’arteunderwatervilletta con ospiti

999097 commenti su 42955 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net