Recensione marilyn regia di Simon Curtis Gran Bretagna 2011
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione marilyn (2011)

Voto Visitatori:   6,77 / 10 (50 voti)6,77Grafico
Miglior attrice in un film commedia o musicale (Michelle Williams)
VINCITORE DI 1 PREMIO GOLDEN GLOBE:
Miglior attrice in un film commedia o musicale (Michelle Williams)
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film MARILYN

Immagine tratta dal film MARILYN

Immagine tratta dal film MARILYN

Immagine tratta dal film MARILYN

Immagine tratta dal film MARILYN

Immagine tratta dal film MARILYN
 

"Even when you died, and the press still hounded you
all the people had to say was that Marylin was found in the nude"
(Elton John, Candle In The Wind)

1956: Marylin Monroe (Michelle Williams) viene scelta per il ruolo della protagonista da Sir Lawrence Olivier (Kenneth Branagh) per la trasposizione cinematografica di "The Sleeping Prince". Il giovane aiuto regista Colin Clarke (Eddie Redmayne), al suo primo incarico nel mondo del cinema, è l'unico che riesce a stabilire un contatto umano con Marylin, finendo inevitabilmente per innamorarsene. Mentre il comportamento poco professionale di Marylin mette a dura prova la pazienza del regista e del resto del cast, Colin e Marylin vivono un'intensa, inattesa settimana.

Avvertenza: chi scrive manifesta i sintomi di una profonda idiosincrasia per tutti i film "tratti da storie vere". Poco senso inoltre si ritiene abbiano soprattutto le trasposizioni di fatti di cronaca già documentati audiovisivamente (un esempio su tutti: "Frost contro Nixon" di Ron Howard, un'inutile riproposizione di un evento disponibile su youtube).

Una particolare categoria di film tratti da una storia vera è quella dei biopic. La messa in scena della vita privata di personaggi famosi è un inganno dichiarato nei confronti dello spettatore, perchè il filtro operato dagli autori tradisce per forza di cose la verità dei fatti e delle persone. Si sceglie arbitrariamente una parte della vita del personaggio famoso (lasciando ai cartelli in coda una fugace descrizione del resto), si apportano correzioni a scopo drammatico e si lascia che attori più o meno bravi forniscano la loro versione di un'altra persona (che è ben diverso da dare vita ad un personaggio). Il tono dei biopic tende spesso a ricadere in due categorie, l'agiografia o (spesso e volentieri) il gossip, oscillando tra la costruzione del mito e la sua decostruzione, l'ostinata ricerca di particolari scabrosi nella vita degli artisti, nell'intento pretestuoso di creare paralleli tra la sfera privata dell'artista e la sua opera. I personaggi pubblici spesso nascondono (non sempre volutamente) la propria vera natura dietro una facciata creata ad uso e consumo dei fan e dei media. La ricerca dei confini tra i due mondi è spesso argomento di libri e film "rivelazione".

Marylin Monroe è l'icona per eccellenza, la star per antonomasia, il più grande esempio di sproporzione tra meriti artistici e dimensione del mito. Niente, nemmeno il tempo, ha scalfito il mito di Marylin, modesta attrice con il talento di illuminare qualunque fotogramma semplicemente essendo nell'inquadratura. Una dote ai limiti del sovrannaturale, impossibile da fingere o da imitare.

Norma Jean Baker è la candela nel vento cantata da Elton John. E' lei che morì, nel 1962, è lei che visse un'esistenza tormentata all'ombra della propria immagine pubblica. E' lei che non ricordava le battute, che faceva impazzire colleghi e registi con un comportamento tutt'altro che professionale, che usava pillole per dormire e pillole per restare sveglia. La morte prematura le ha risparmiato la vecchiaia e l'ha consegnata al mito di chi resta giovane per sempre, come James Dean, Jim Morrison, Heath Ledger, fondendola per sempre con il suo alter ego pubblico. Il prezzo della vita eterna è che il ricordo della sua immagine oscurerà sempre quello della sua essenza. Tutti gli aneddoti che sono stati svelati sulla vita privata di Marylin hanno contribuito a mantenere vivo l'interesse e a sollevare dibattiti sul cinismo dello star system soprattutto nei confronti degli artisti emotivamente fragili, lasciati in pasto ai media e a sfruttatori di professione. Chi fosse realmente Norma Jean Baker lo può sapere solo chi l'ha conosciuta. Agli altri restano i ricordi e le testimonianze, ma quanto possiamo dire di una persona basandoci solo sulla descrizione altrui? Se impersonare Marylin è una missione impossibile, impersonare Norma Jean è un atto di arbitraria costruzione drammatica che non ha nulla a che vedere con la realtà ed è importante non dimenticarlo mai durante la visione di un film come "My Week with Marylin" (che di filtri alla realtà dei fatti ne applica molteplici, essendo "la trasposizione di un libro basato su ricordi").

Su queste premesse, le infinite discussioni sulla somiglianza di Michelle Williams" con Marylin Monroe sembrano davvero lasciare il tempo che trovano e buone solo a scopo promozionale. La Williams è bravissima, se non si pensa al doppio personaggio che sta interpretando. Incapace (ma non per suoi demeriti) di replicare lo charme magnetico di Marylin Monroe oltre il trucco e i movimenti, perfetti, l'attrice offre anche una sua interpretazione convincente di un'anima tormentata, stordita da farmaci, forse incapace di proteggersi, forse incredibilmente furba, schiava e padrona allo stesso tempo del suo entourage. Si era parlato di Scarlett Johansson e Amy Adams quali alternative. Difficilmente avrebbero fatto meglio della Williams.

L'argomento è chiaramente centrale per l'analisi del film e non poteva essere evitato, ma ognuno può a buon diritto dire la sua e stare o meno al gioco. Per il resto si può essere più obiettivi: "My Week With Marylin" è un film di pregevole fattura, nobilitato da un cast eccellente (su tutti Kenneth Branagh nei panni di Olivier, ma anche Emma Watson, Julia Ormond, Dominic Cooper e Judy Dench) e da uno script brillante, che può fallire nel raccontare credibilmente Marylin, ma non fallisce nell'intrattenimento e nella rappresentazione del mondo del cinema di quegli anni lontano da Hollywood ("Il Principe e la Ballerina" fu girato ai Pinewood Studios). Tratto dalle memorie di Colin Clarke ("The Prince", "The Showgirl and Me" e "My Week with Marilyn"), il film offre una interessante rappresentazione della vita sul set, delle star, di un cambio generazionale imminente, delle maestranze, delle figure di agenti e parassiti che iniziavano a gravitare intorno a celebrità spremute in maniera disumana fino all'ultimo dollaro.
Marylin è presentato come un personaggio ambiguo: talora sembra fragile e completamente dipendente da figure come la sua celebre acting coach Paula Strasberg (che mandò su tutte le furie Sir Lawrence Olivier), altre volte dà l'impressione di essere perfettamente a conoscenza del suo fascino e del suo potere di persuasione. La sceneggiatura non decide per l'una o l'altra versione di Marylin e neanche il pubblico ci riesce. In questo, l'immedesimazione con il giovane protagonista è totale, anche e soprattutto se si pensa che il racconto è basato sui ricordi e dunque sulla percezione che Colin, ingenuo ed inesperto, aveva di Marylin (influenzata peraltro in maniera decisiva dal suo immediato innamoramento).

Lo script di Adrian Hodges e la regia di Simon Curtis non cedono alla tentazione di concentrarsi su Marylin. Tutto viene mostrato sempre dal punto di vista di Colin (a parte alcuni eventi pubblici), anche se, come protagonista, non solo è un po' statico, ma è anche comprensibilmente oscurato dal personaggio della diva americana, intorno alle cui intemperanze si sviluppa ogni evento. Il punto debole del film è proprio questo: tutto ruota intorno ad un personaggio (Marylin) che fondamentalmente non funziona a dovere proprio nel trasferire al di qua dello schermo il magnetismo che sapeva stregare Lawrence Olivier come fosse l'ultimo aiuto regista. Al pubblico non resta altro a cui appigliarsi: né Colin, né tantomeno la riuscita del film sono infatti elementi altrettanto importanti.

Il gradimento di questo film dipende, in ultima analisi, da più fattori. Chi cercherà Marylin Monroe, non la troverà mai (peraltro, la scelta è netta: Michelle Williams recita anche i ciak del film e le foto dei titoli di coda, non è stato usato materiale d'archivio). Chi cerca Norma Jean la troverà (?) sepolta sotto strati di mistificazioni. Chi ama i retroscena dei film, si gusterà i dolori di Lawrence Olivier che voleva sedurre Marylin e si trovò a dirigere un set impossibile, salvo assistere poi nei giornalieri, incantato come uno spettatore qualunque, ad un mito che prendeva vita.

Più di ogni altra cosa questo film fa venire voglia di rivedere "A Qualcuno Piace Caldo" o "Quando La Moglie è in Vacanza" ed innamorarsi di nuovo, come sempre, di Marylin Monroe. E' un merito non da poco.

Commenta la recensione di MARILYN sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di JackR - aggiornata al 25/05/2012 15.35.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

a quiet place: giorno 1abigail (2024)accattaromaacidamen (2024)
 NEW
amici per casoanimale umanoanimali randagianna (2023)arrivederci berlinguer!bad boys: ride or diebanel e adamacuckoocult killer - la vendetta prima di tuttodall'alto di una fredda torre
 NEW
deadpool & wolverineeileenel paraisoera mio figlio (2024)fantastic machinefederer: gli ultimi dodici giornifly me to the moon - le due facce della lunafremontfuga in normandiafuriosa: a mad max sagagarfield - una missione gustosaghost: rite here rite nowgirasoligli immortaligli indesiderabili (2023)glory hole
 NEW
here after - l'aldila'
 R
hit man - killer per casoholy shoeshorizon: an american saga - capitolo 1hotspot - amore senza retei dannatiif - gli amici immaginariil caso goldmanil coraggio di blancheil gusto delle coseil mio posto e' quiil mio regno per una farfallail mistero scorre sul fiumeil regno del pianeta delle scimmieil segreto di liberatoin a violent natureindagine su una storia d'amoreinside out 2io & sissiio e il seccoio, il tubo e le pizzejago into the whitekinds of kindnessl’amante dell'astronautala memoria dell’assassinola morte e' un problema dei vivila profezia del malela stanza degli omicidila tartarugala treccial'esorcismo - ultimo attol'imperol'invenzione di noi duelonglegsl'ultima vendettamadame lunamade in dreams - l'italiano che ha costruito l'americamarcello miomatrimonio con sorpresa (2024)
 NEW
mavka e la foresta incantatame contro te: il film - operazione spiemetamorphosis (2024)mothers' instinctnew lifeniente da perdere (2024)noir casablancanon riattaccare
 NEW
persona non grata (2024)prima della fine - gli ultimi giorni di enrico berlinguerquattro figlie (2023)quell'estate con ireneracconto di due stagioniricchi a tutti i costiritratto di un amorerobo puffinroma bluessamadsaro' con tesei fratellishoshanashukransuperlunathe animal kingdomthe bikeridersthe boys - stagione 4the fall guythe penitent - a rational manthe rapture - le ravissementthe strangers: capitolo 1the tunnel to summer, the exit of goodbyesthe watchers - loro ti guardanoti mangio il cuoretroppo azzurrotwistersun messicano sulla luna
 NEW
un oggi alla voltaun piedipiatti a beverly hills: axel funa spiegazione per tuttouna storia neraunder parisunfrosted: storia di uno snack americanovangelo secondo mariavincent deve morirewindlesswoken - nulla e' come sembra

1052590 commenti su 50961 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

AYKAMA' ROSA

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

in sala


HIT MAN - KILLER PER CASO
Locandina del film HIT MAN - KILLER PER CASO Regia: Richard Linklater
Interpreti: Glen Powell, Adria Arjona, Austin Amelio, Retta, Sanjay Rao, Molly Bernard, Evan Holtzman, Gralen Bryant Banks, Mike Markoff, Bryant Carroll, Enrique Bush, Bri Myles, Kate Adair, Martin Bats Bradford, Morgana Shaw, Ritchie Montgomery, Richard Robichaux, Jo-Ann Robinson, Jonas Lerway, Kim Baptiste, Sara Osi Scott, Anthony Michael Frederick, Duffy Austin, Jordan Joseph, Garrison Allen, Beth Bartley, Jordan Salloum, John Raley, Tre Styles, Donna DuPlantier, Michele Jang, Stephanie Hong
Genere: azione

Recensione a cura di The Gaunt

ON THE JOB: THE MISSING 8
Locandina del film ON THE JOB: THE MISSING 8 Regia: Erik Matti
Interpreti: John Arcilla, Dennis Trillo, Dante Rivero, Joel Torre, Christopher De Leon, William Martinez, Lotlot De Leon, Ina Feleo, Ricky Davao, Vandolph, Isabelle De Leon, Rayver Cruz, Soliman Cruz, Andrea Brillantes
Genere: poliziesco

Recensione a cura di The Gaunt

archivio


LA ZONA D'INTERESSE
Locandina del film LA ZONA D'INTERESSE Regia: Jonathan Glazer
Interpreti: Christian Friedel, Sandra Hüller, Medusa Knopf, Daniel Holzberg, Ralph Herforth, Maximilian Beck, Sascha Maaz, Wolfgang Lampl, Johann Karthaus, Freya Kreutzkam, Lilli Falk, Nele Ahrensmeier, Stephanie Petrowitz, Marie Rosa Tietjen, Ralf Zillmann, Imogen Kogge, Zuzanna Kobiela, Julia Polaczek, Luis Noah Witte, Christopher Manavi, Kalman Wilson, Martyna Poznanski, Anastazja Drobniak, Cecylia Pekala, Andrey Isaev
Genere: drammatico

Recensione a cura di Gabriele Nasisi

MARILYN HA GLI OCCHI NERI
Locandina del film MARILYN HA GLI OCCHI NERI Regia: Simone Godano
Interpreti: Miriam Leone, Stefano Accorsi, Thomas Trabacchi, Mario Pirrello, Orietta Notari, Marco Messeri, Andrea Di Casa, Valentina Oteri, Ariella Reggio, Astrid Meloni, Giulia Patrignani, Vanessa Compagnucci, Lucio Patané, Agnese Brighittini
Genere: commedia

Recensione a cura di Severino Faccin

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net