Recensione mash regia di Robert Altman USA 1970
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione mash (1970)

Voto Visitatori:   7,95 / 10 (40 voti)7,95Grafico
Miglior sceneggiatura non originale
VINCITORE DI 1 PREMIO OSCAR:
Miglior sceneggiatura non originale
Miglior film commedia o musicale
VINCITORE DI 1 PREMIO GOLDEN GLOBE:
Miglior film commedia o musicale
Gran premio del festival del cinema internazionale
VINCITORE DI 1 PREMIO AL FESTIVAL DI CANNES:
Gran premio del festival del cinema internazionale
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film MASH

Immagine tratta dal film MASH

Immagine tratta dal film MASH

Immagine tratta dal film MASH

Immagine tratta dal film MASH

Immagine tratta dal film MASH
 

Durante la guerra di Corea, in un ospedale da campo, tre chirurghi vivono anarchicamente infischiandosene delle regole e della disciplina, fino a quando rischiano di essere messi sotto inchiesta. Pericolo che riescono ad evitare vincendo una partita a rugby.

Straordinaria pellicola anti-militarista del geniale e indimenticabile Robert Altman, "M.A.S.H.", Ŕ uno dei capostipiti del cosiddetto filone comico-demenziale, uno di quei film apparentemente "stupidi", ma sostanzialmente intelligentissimi e graffianti nel prendere di mira una determinata realtÓ. In questo caso il regista e lo sceneggiatore Ring Lardner Jr., che vinse meritatamente l'Oscar, prendono di mira non solo il mondo militare e di rimando anche la guerra, ma anche una serie di aspetti che accompagnano solitamente queste realtÓ come l'estrema e a volte ingiustificata disciplina e il fervido senso religioso che accompagna molte figure che compongono il mosaico di questo ospedale militare.

"M.A.S.H." infatti Ŕ l'acronimo di "Mobile Army Surgical Hospital", ed Ŕ proprio all'interno di questa sorta di ospedale mobile che il regista si muove egregiamente facendoci spettatori di questo micro-mondo sconvolto e stravolto dai tre dottori sopra le righe, che per sopportare gli orrori della guerra (qui mai pienamente mostrati ma solo fatti intuire, come nelle sequenze in cui i dottori operano continuando a divertirsi e a scherzare forse per non soccombere di fronte all'estremo dolore altrui), decidono di vivere spensieratamente la loro esperienza, gozzovigliando a destra e a manca, festeggiando con donne e alcolici, divertendosi a prendere in giro in maniera irriverente i propri colleghi e i propri superiori e operando allegramente i propri pazienti in fin di vita.

Sono tanti i personaggi memorabili di questa pellicola, a partire dai tre protagonisti: Occhio di falco (un giovanissimo ed irresistibile Donald Sutherland), Razzo (uno straordinario e divertentissimo Elliot Gould) e Duke (un sarcastico e buontempone Tom Skerritt); fino ad arrivare agli innumerevoli comprimari che si fanno al centro delle beffe dei tre dottori e che assumono il ruolo di vittime o di complici, come per esempio il maggiore Frank Burns, fervente religioso che pi¨ volte viene sorpreso e offeso dalla vena dissacratoria che i tre hanno nei confronti della sua fede e della sua religione (un esilarante Robert Duvall), la biondissima "Bollore", quella che alla fine viene descritta come un'impareggiabile babbea, il maggiore a cui sono indirizzati gli scherzi "sessuali" dell'allegra brigata (una bravissima Sally Kellerman), o ancora Cassiodoro che crede di essere diventato omosessuale e che per questo vuole suicidarsi, intento che i suoi colleghi tentano di sventare in maniera a dir poco spassosa ed irriverente.

Non sono pochi, infatti, i momenti in cui Altman pigia il piede sull'acceleratore e si sofferma sarcasticamente su una serie di "dogmi" allora come ora intoccabili per la societÓ americana e non solo. Da qui la straordinaria sequenza del finto suicidio di Cassiodoro, in cui Occhio di Falco e i suoi amici organizzano una sorta di ultima cena con protagonisti i dottori del campo, sequenza tra le pi¨ strabilianti e divertenti dell'intera pellicola, oltre ad essere forse la pi¨ spinta nel suo dileggiare la religione e i suoi dettami, ridicolizzati fino all'estremo come si nota nel trattamento riservato al personaggio interpretato da Robert Duvall.

Altra grande sequenza, ulteriroe evidenza del talento registico del grande Robert Altman, Ŕ quella finale della partita a rugby, in cui le mosse dei giocatori, le battute di quelli rimasti in panchina e delle ragazze pon-pon, nonchÚ quelle degli allenatori si mescolano in maniera spassosa e molto significativa (una sorta di dimostrazione del fatto che si possono vincere delle "guerre" anche in maniera pacifica). Da non dimenticare anche lo straordinario utilizzo della profonditÓ di campo che ci fa abbracciare con lo sguardo un gran numero di elementi nello schermo, in modo tale da farci scegliere liberamente quello su cui concentrarci e il sapiente ricorso alle carrellate orizzontali che ci accompagnano all'interno dei vari luoghi di "ritrovo" di questa strampalata base militare, come la sala operatoria o gli alloggi dei vari dottori e militari.

Costruito quasi come una sorta di raccolta di piccoli episodi (tutti o quasi legati dalle inquadrature fisse sui numerosi altoparlanti che circondano il campo e che spesso si fanno al centro di diffusioni esilaranti circa i comportamenti libidinosi di personaggi che ipocritamente predicano altri tipi di atteggiamenti, vedasi Bollore e il maggiore Frank Burns che vengono colti in fallo proprio mentre si lasciano andare ad una focosa notte di sesso, interrotta proprio dai "birichini" colleghi che li stanno spiando con un microfono posizionato sotto il letto), "M.A.S.H." trova un altro suo punto di forza negli interminabili e velocissimi dialoghi, spesso sovrapposti, tra i vari protagonisti, tutti molto divertenti ed esplicativi dell'atmosfera goliardica e anarchica che si respira durante l'intera pellicola, oltre che deliziosamente nonsense e quasi grotteschi, con battute e motti di spirito che ci fanno sorridere e ridere ininterrottamente. Non Ŕ un caso che si sia fatto ricorso a questa sorta di simultaneitÓ dei dialoghi, visto che Altman, notoriamente regista di film corali, prediligeva la pari importanza di ciascun personaggio dei suoi film, senza che uno risultasse pi¨ importante dell'altro, con la totale assenza di concetti quali il divismo o il protagonismo, se non per essere essi stessi dileggiati e parodiati.

Fa riflettere il fatto che il film sia stato girato e poi distribuito quasi a ridosso della guerra in Vietnam, costituendo quindi un coraggioso e primo passo verso la critica alle pratiche disumane di quelle guerre e del sistema americano (tant'Ŕ che le autoritÓ religiose e militari della pellicola, impersonate da un prete e da un colonnello, non riescono minimamente a farsi rispettare e soprattutto a far rispettare i dettami e le regole delle proprie rispettive istituzioni).

Vince dunque la ribellione, giustificata e sacrosanta, a questi elementi non sempre positivi e condivisibili della nostra civiltÓ.
Cosý come vince l'allegria e la libertÓ di questi dottori di contro alla crudeltÓ e agli orrori della guerra.

Commenta la recensione di MASH sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di A. Cavisi - aggiornata al 25/01/2010

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 NEW
abigail (2024)accattaromaancora un'estateanother endanselmarcadianaugure - ritorno alle originiautobiography - il ragazzo e il generaleback to blackbrigitte bardot forevercattiverie a domicilioc'era una volta in bhutanchallengerscivil warcoincidenze d'amorecome fratelli - abang e adikconfidenzadamseldicono di tedrive-away dollsdune - parte duee la festa continua!ennio doris - c'e' anche domanieravamo bambinifantastic machinefino alla fine della musicaflaminiaforce of nature - oltre l'ingannogarfield - una missione gustosaghostbusters - minaccia glacialegli agnelli possono pascolare in pacegodzilla e kong - il nuovo impero
 NEW
i dannatii delinquentii misteri del bar etoile
 NEW
if - gli amici immaginariil caso josetteil cassetto segretoil coraggio di blancheil diavolo e' dragan cyganil gusto delle coseil mio amico robotil mio posto e' quiil posto (2024)il regno del pianeta delle scimmieil segreto di liberatoil teorema di margheritaimaginaryinshallah a boykina e yuk alla scoperta del mondokung fu panda 4la moglie del presidentela profezia del malela seconda vitala terra promessala zona d'interessel'estate di cleolos colonosmay decembermemory (2023)
 NEW
metamorphosis (2024)monkey manmothers' instinctneve (2024)
 NEW
niente da perdere (2024)non volere volareomen - l'origine del presagio
 HOT R
povere creature!priscillarace for glory - audi vs lanciarebel moon - parte 2: la sfregiatricered (2022)ricky stanicky - l'amico immaginario
 NEW
ritratto di un amoreroad house (2024)samadsaro' con tese solo fossi un orsosei fratellishirley: in corsa per la casa biancasolo per mesopravvissuti (2022)spy x family code: whitesull'adamant - dove l'impossibile diventa possibile
 NEW
superlunatatami - una donna in lotta per la liberta'the animal kingdomthe fall guythe rapture - le ravissementtito e vinni - a tutto ritmototem - il mio soletroppo azzurroun altro ferragostoun mondo a parte (2024)una spiegazione per tutto
 NEW
una storia neravita da gattovite vendute (2024)zafira, l'ultima reginazamora

1050658 commenti su 50771 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

BLACKOUT (2023)BURNING DAYSCABRINICURSE OF HUMPTY DUMPTY 3GORATHHUMANEIL CLAN DEL QUARTIERE LATINOIL MOSTRUOSO DOTTOR CRIMENIL PRINCIPE DEL MIO CUOREIL SENSO DELLA VERTIGINELA NOTTE DEGLI AMANTILEDALISA FRANKENSTEINMAGGIE MOORE(S) - UN OMICIDIO DI TROPPOMORBOSITA'ONCE WITHIN A TIMEPENSIVEQUESTA VOLTA PARLIAMO DI UOMINISONG OF THE FLYTERRORE SULL'ISOLA DELL'AMORETHE AFTERTHE CURSE OF THE CLOWN MOTELTHE DEEP DARKTHE JACK IN THE BOX RISESTHE PHANTOM FROM 10.000 LEAGUES

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net