Recensione masters of horror: candidato maledetto regia di Joe Dante USA 2005
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione masters of horror: candidato maledetto (2005)

Voto Visitatori:   7,01 / 10 (74 voti)7,01Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film MASTERS OF HORROR: CANDIDATO MALEDETTO

Immagine tratta dal film MASTERS OF HORROR: CANDIDATO MALEDETTO

Immagine tratta dal film MASTERS OF HORROR: CANDIDATO MALEDETTO

Immagine tratta dal film MASTERS OF HORROR: CANDIDATO MALEDETTO

Immagine tratta dal film MASTERS OF HORROR: CANDIDATO MALEDETTO

Immagine tratta dal film MASTERS OF HORROR: CANDIDATO MALEDETTO
 

"Homecoming", Candidato maledetto: forse un intruso in una serie tv horror, ma, stranamente, uno dei pi¨ apprezzabili. Un mediometraggio che vuole scagliarsi contro la guerra.

Siamo negli Stati Uniti, ove stanno per esserci le elezioni del Presidente della Repubblica. Un partito con i suoi esponenti ha giÓ la vittoria in tasca.
La storia Ŕ narrata dal punto di vista di questi (maliziosi) individui, che farebbero di tutto pur di condurre il loro candidato alla vittoria, e in particolare da quello di David Murch (Jon Tenney), uno di loro, ma il pi¨ malleabile, il pi¨ "sensibile" di tutti.
Per caso, durante un'intervista, costui esprime il desiderio di far resuscitare i morti di una guerra che si stava svolgendo; i cadaveri di questi torneranno sotto forma di zombie, stavolta non per compiere stragi ma per chiedere di votare proprio contro il partito di David, e questo per vendicare le vittime delle guerre che proprio Murch e i suoi sostengono.

Con questa inconsueta trama "Homecoming" si lascia ben guardare, e se solo fosse stato un lungometraggio pi¨ pubblicizzato e con un linguaggio un po' pi¨ adeguato, sarebbe potuto arrivare al successo.
David Ŕ un personaggio che nel corso del film cambierÓ spesso idea, si lascerÓ influenzare facilmente sia dagli zombie che dai suoi compagni. Il suo partito Ŕ costituito da componenti ipocriti, che approfittano di qualsiasi occasione per coprirsi di gloria, capaci di sfruttare cose e persone per i loro loschi scopi.
Di questi il massimo esempio Ŕ un altro personaggio senza il quale (probabilmente) la vicenda potrebbe andare avanti, ma Jane (Thea Gill) costituisce il simbolo di questo gruppo di persone (proprio David Ŕ il suo "mentore": le insegna come si parla in pubblico), ed Ŕ quindi un personaggio non necessario ma senza alcun dubbio utile a inquadrare la situazione che il film presenta: una donna che fa di tutto (proprio di tutto) per arrivare al successo, e la sua maligna astuzia la porterÓ a manipolare David come vuole.

Gli zombie, invece, in questo film interpretano la parte dei "buoni", di quelli che sono oppressi proprio dalle persone come David che, non a caso, Ŕ una specie di caricatura di George Bush perchÚ, Ŕ inutile nasconderlo, Homecoming, scagliandosi contro la guerra, fa soprattutto un'aperta critica all'ex Presidente USA.
Non uccidono nessuno in un'ora di film, a parte un caso in cui il malcapitato Ŕ uno dei colleghi del protagonista, vittima di un eccesso di violenza del morto vivente omicida, dopo che si cerca di manovrare quest'ultimo per dimostrare che i soldati resuscitati sono dalla parte del potente partito.
Un'altra cosa viene criticata nel film, e qui la vittima Ŕ il solito "Bush": si tratta dei brogli elettorali, per mezzo dei quali il partito vuole tentare di giungere alla vittoria.

Film pieno di colpi di scena, con un finale emblematico, realizzato bene dal "Master of Horror" Joe Dante, pratico sia con gli horror stessi (non crediamo ci sia bisogno di fare citazioni) che con le commedie (tanto per fare un esempio, aveva da poco terminato l'altro film, sicuramente pi¨ famoso, cocktail animazione-commedia "Looney Tunes: back in action").
Un mediometraggio che non contiene alcuna scena horror (Ŕ horror solo di nome, ma sicuramente non di fatto) o splatter. Viene anche chiamato "commedia", ma con questo film non c'Ŕ proprio niente da ridere, anzi, c'Ŕ da riflettere molto.

Commenta la recensione di MASTERS OF HORROR: CANDIDATO MALEDETTO sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Edgar Allan Poe - aggiornata al 10/02/2010

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#unfit - la psicologia di donald trump10 giorni con babbo nataleabout endlessnessaddio al nubilatoalessandra - un grande amore e niente piu'all my friends are deadamore al quadratobaby yaga: incubo nella foresta oscurabastardi a mano armatabliss (2021)burraco fatalecentigradecherry - innocenza perdutacome truecosa sarÓcreators: the pastcrisiselegia americanafino all'ultimo indiziogirl power - la rivoluzione comincia a scuolagodzilla vs. konggreenlandhoneylandi am greta - una forza della naturai predatoriil cammino di xicoil caso pantani - l'omicidio di un campioneil mio corpo vi seppellira'il principe cerca figlioil talento del calabroneimprevisti digitalijudas and the black messiahla nave sepoltala prima donnala ruota del khadi - l'ordito e la trama dell'indiala stanzala vita straordinaria di david copperfieldl'amico del cuore (2021)lasciami andarel'incredibile storia dell'isola delle roselockdown all'italianal'ultimo paradiso (2021)ma rainey's black bottommadame claudemankminarimurdershownomad: in cammino con bruce chatwinnotizie dal mondooperazione celestinaoperazione varsity blues: scandalo al collegepalazzo di giustiziapalm springs - vivi come se non ci fosse un domaniparadise - una nuova vitaparadise hillspele' - il re del calcioqualcuno salvi il natale 2quello che non ti ucciderange runnersrebeccaroubaix, una lucesacrifice (2020)sola al mio matrimoniosonsotto lo zerosoul (2020)sul piu' belloten minutes to midnight
 HOT
tenetthe fatherthe mauritanianthe midnight skythe nights before christmasthe secret - le verita' nascostethe unholythe united states vs. billie holidaytua per sempretutto il mondo e' palesetutto normale il prossimo nataleun divano a tunisiuna classe per i ribelliuna donna promettentewe are the thousand - l'incredibile storia di rockin'1000we can be heroeswonder woman 1984wrong turnyes dayzack snyder's justice league

1016480 commenti su 45275 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net