Recensione paradiso: fede regia di Ulrich Seidl Austria, Francia, Germania 2012
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione paradiso: fede (2012Film Novità

Voto Visitatori:   6,88 / 10 (4 voti)6,88Grafico
Voto Recensore:   8,00 / 10  8,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film PARADISO: FEDE

Immagine tratta dal film PARADISO: FEDE

Immagine tratta dal film PARADISO: FEDE

Immagine tratta dal film PARADISO: FEDE

Immagine tratta dal film PARADISO: FEDE

Immagine tratta dal film PARADISO: FEDE
 

Maria e (il figlio di) Dio. Una Maria che non è (più) moglie né madre, una Maria come potrebbe essere la nostra solitaria vicina della porta accanto. Maria che, tra una preghiera, un martirio, una seduta spiritual-spiritica, una nenia devota, si presenta (sponsor involontario e sgradito) a clienti putativi da arruolare e benedire con la sua (cosiddetta) Madonna pellegrina. Coppie, anziani, donne, uomini i cui corpi sfatti, martoriati, abbruttiti sono lo specchio di uno squallore sociale e ambientale che funge da cassa di risonanza su un popolo allo sbando che, per (illudersi di) salvarsi, riesce solo ad aggrapparsi a feticci, a riversargli contro le proprie mancanze e necessità, con spasmo finanche morboso e patologico. Maria (intensissima la Hofstätter) è invasata dalla rigidità della propria (?) veduta religiosa, imbrigliata in una mentalità che le si esprime (e tortura) addosso, prigione mentale dell'inferenza clericale nella sfera intima, privata e relazionale, che la rende inabile all'autodeterminazione e alla consapevolezza interiore. L'arrivo del marito, funestato da una malattia fisica e - agli occhi della donna - spirituale (è musulmano) scardinerà la calma apparente e piatta del suo equilibrio.

L'austriaco Ulrich Seidl, al massimo delle sue (sadiche, esangui, spietate) potenzialità, perlustra l'inferno di giorni di ordinaria follia illustrandoli con (am)mirabile asciuttezza stilistico-formale, rigorosa, scevra da compiacimenti e furbizie visive: non ammicca alla perversione, non liscia il voyeurismo suo e nostro. La mano ferma, l'oggettivismo limpido e feroce, Seidl allestisce una straordinariamente lucida visione d'insieme, un'analisi entomologica priva di sbavature, un teatro al contempo grottesco, tragico, comico (e scomodo).
In una realtà così corrosivamente delineata siamo schiavi della manipolazione dell'instrumentum regni, della nostra coscienza plasmata, del nostro appiattito senso critico; schiavi degli oggetti che ci trascinano lontano dall'essenza antropica: alla mercé della sedia a rotelle, della bottiglia di alcool, del cibo, della madonnina (che Maria porta qua e là come una coperta di Linus, come una catena inscindibile, come un prolungamento di sé).
L'approccio della donna verso gli altri è militare, integralista, sempre inflessibile, esso stesso segnato dalle caratteristiche imperialistiche e colonizzatrici della religio: la parola e la verità lei le ha già in tasca, e non le trova mai al di fuori dei sacramenti. Come qualsiasi vestale del fondamentalismo, come qualsiasi altro soldatino sull'attenti: con una pistola in mano e una puntata alla tempia.

Il quattordicesimo film di Seidl è un esemplare congegno che si muove tra farsa domestica e dramma sociale, tra grottesco e ridicolo, tra repulsione e disperazione. E da parte sua l'autore fa luce/ombra su questo spaccato dolente con una coerente capacità di rappresentazione subliminale: basti pensare al non-dialogo sul divano, i due coniugi seduti su poli opposti, al centro un quadro, un'intera montagna a separarli.

Non c'è modo di costruire una comunicazione, se in mezzo a loro è stato - appunto - eretto un invalicabile macigno: eppure per Maria Dio è soltanto il viatico per dare ansiosamente un senso ad una vita solitaria, asfittica, vuota, dove il massimo evento scuotitore del grigio quotidiano è nutrire il gatto della sorella (protagonista del primo capitolo - fresco di Cannes - della 'trilogia del paradiso': "Paradise: Love" appunto).
Maria vive per la religione, anzi è la religione a vivere al posto suo, oppio ormai distruttivo e narcotizzante; e quando due forze opposte entrano in collisione con la sua devozione quotidiana (un altro uomo, un'altra credenza), lei, per quanto li predichi, è incapace di aprirsi e praticare il vero amore e il vero perdono: esiste solo l'obnubilante oblio dell'ideologia, dell'ostinata, ossessiva, folle abnegazione. E l'inebriamento religioso produce di conseguenza una relazione unilaterale di rifiuto e cecità, precludendo qualsiasi altro tipo di rapporto (civile, sentimentale, sessuale), incidendo fisicamente e psicologicamente anche sul marito (Maria rifiuta di fare l'amore con lui preferendo alla sua compagnia e alla sua presenza la reliquia icastica di Gesù). E l'uomo, dopo un iniziale tentativo di apertura, davanti ad una tale divina (!) concorrenza reagisce prima allibito, poi prepotente e infine violento, dischiudendo un circolo vizioso irrespirabile.
Un tempo, forse, uniti, si scoprono inconciliabili su un vero e proprio campo di battaglia, lui con inesausta ed esasperata aggressività, lei con costante mutismo e sopportazione, che mai deflagra in un reale lampo di rabbia, seminando semmai sottile vendetta.

Per quanto lo stesso slancio d'ira - o d'amore che sia - dell'uomo ribalti catarticamente le effigi sacrali che infestano la casa come fantasmi ammalianti, l'idillio demolitore non può comunque funzionare davvero: l'odio trascina un altro odio con sé e per quanto cristiana Maria non si fa scrupoli a spezzare le gambe al 'nemico', costringendolo perfino a strisciare per terra, privandolo della possibilità di adempiere ai propri bisogni primari, denudato della propria dignità, ridotto allo stato di verme.

Si potrebbe quasi pensare, giunti a quello che (non) è il termine di un'assurda guerra all'ultimo sangue e all'ultimo Verbo, che una volta toccato il fondo qualcosa ci spingerà a risalire. Un atto convulso e repentino, uno sfogo incontrollato e inconsulto, che in effetti avviene: ma l'ultima inquadratura, l'ultima immagine, uno stacco secco e improvviso, lascia l'amaro ristagnare in bocca, l'impotenza invadere lo stomaco e diffonde la netta sensazione di aver assistito, 'semplicemente', ad un circolo (in)interrotto dell'irreparabile inferno del quotidiano, ad un'onda anomala richiamata nei ranghi dell'inconsapevole dannazione eterna; e forse era inutile cercare il paradiso, perché siamo già all'inferno, siamo già perduti.
Domani forse è un altro giorno: ma non sempre, non per tutti.

Commenta la recensione di PARADISO: FEDE sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Fiaba - aggiornata al 25/10/2012 13.25.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

120 battiti al minuto19222 biglietti della lotteria40 sono i nuovi 20addio fottuti musi verdi
 NEW
agadahalibi.comall eyez on meammore e malavitaappuntamento al parcoauguri per la tua mortebaby driver - il genio della fugababylon sistersbarry seal - una storia americana
 HOT
blade runner 2049borg mcenroebrutti e cattivicapitan mutanda: il filmcars 3chi m'ha vistocold groundcome ti ammazzo il bodyguardcosi' parlo' de crescenzocure a domiciliodavid gilmour - live at pompeii
 NEW
death ward 13dementia 13dove cadono le ombredove non ho mai abitatoearth - one amazing dayemoji - accendi le emozioniferrante feverfinche' c'e' prosecco c'e' speranzafottute!franca: chaos and creationfuori c'e' un mondogatta cenerentolageostormgifted - il dono del talentogli asteroidiglory - non c'e' tempo per gli onestigood timehouse on elm lakehuman flowibiil colore nascosto delle coseil contagioil culto di chuckyil mio godardil palazzo del vicere'
 NEW
i'm - infinita come lo spazioin dubious battle - il coraggio degli ultimiin questo angolo di mondo
 HOT
it (2017)ivory. a crime storyjohnny gruesomejukai - la foresta dei suicidi
 NEW
justice leaguekingsman: il cerchio d'orokoudelka fotografa la terra santal’ordine delle cosela battaglia dei sessi (2017)
 NEW
la casa di famigliala forma della vocela fratellanza (2017)la ragazza nella nebbia
 NEW
la signora dello zoo di varsavial'altra meta' della storialbjleatherfacelego ninjago - il filml'equilibriol'esodo
 NEW
lezione di pittural'incredibile vita di normanl'inganno (2017)l'intrusa (2017)loving vincentl'uomo dal cuore di ferrol'uomo di nevemade in china napoletanomadre!malarazzamanifestomarrowbonemazinga z - infinitymiss sloane - giochi di poteremistero a crooked housemonster familymr. ovemy name is adilmy name is emilynemesi
 NEW
never ending man - hayao miyazakinico, 1988noi siamo tuttonon c'e' camponove lune e mezza
 NEW
ogni tuo respirootherlifepaddington 2party bus to hell
 NEW
pipì, pupù e rosmarina in il mistero delle note rapitepokemon: scelgo te!renegades - commando d'assaltoritorno in borgognarock paper deadsaw: legacyterapia di coppia per amanti
 NEW
the big sick
 NEW
the broken keythe devil's candythe midnight manthe night watchmenthe paris operathe placethe ritualthe square (2017)the teacherthe third murderthor: ragnaroktiro liberotragedy girlsuna di noiuna donna fantasticauna famigliauna questione privata (2017)una scomoda verita' 2valerian e la citta' dei mille pianetivampirettovelenivelenovita da giungla: alla riscossa! - il filmvittoria e abdulwalk with mewe are x

964349 commenti su 38302 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net