Recensione perdona e dimentica - life during wartime regia di Todd Solondz USA 2009
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione perdona e dimentica - life during wartime (2009)

Voto Visitatori:   6,91 / 10 (23 voti)6,91Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film PERDONA E DIMENTICA - LIFE DURING WARTIME

Immagine tratta dal film PERDONA E DIMENTICA - LIFE DURING WARTIME

Immagine tratta dal film PERDONA E DIMENTICA - LIFE DURING WARTIME

Immagine tratta dal film PERDONA E DIMENTICA - LIFE DURING WARTIME

Immagine tratta dal film PERDONA E DIMENTICA - LIFE DURING WARTIME

Immagine tratta dal film PERDONA E DIMENTICA - LIFE DURING WARTIME
 

Joy (Shirley Henderson) scopre che il marito Allen non è guarito dalla perversione sessuale che lo affligge e decide di prendersi una pausa, mentre è tormentata dal fantasma di un vecchio corteggiatore morto suicida. Helen (Ally Sheedy), sorella di Joy, ha rotto con la famiglia ed è alle prese con il lato oscuro del successo. Trish (Allison Janney), sorella maggiore e madre di tre figli, cerca di rifarsi una vita (il marito Bill è in carcere condannato per pedofilia), mentre il figlio adolescente Timmy (Dylan Riley Snyder) scopre casualmente la verità sul padre, che credeva morto, e ne resta sconvolto. Bill (Ciaran Hinds, bravissimo) nel frattempo esce dal carcere...

"Perdona e dimentica" ("Life During Wartime") segna il ritorno alla regia di Todd Solondz, che dieci anni fa fece scalpore con "Happiness", in cui temi delicati quali la perversione sessuale e la pedofilia venivano trattati in maniera poco convenzionale. I protagonisti di quel film, tutti re-interpretati, per scelta del regista, da attori diversi, tornano per questa sorta di seguito/rielaborazione (che non necessita dell'originale per essere goduto), in cui Solondz continua a mischiare con mestiere la commedia nera, lo humour yiddish e la tragedia sociale. Non c'è nessuna guerra, come sembra suggerire il titolo originale, anzi: a parte qualche riferimento all'amministrazione Bush, il film è del tutto atemporale, ambientato in una placida Florida dai colori saturi al riparo dal mondo esterno. Piuttosto, sembra di essere arrivati dopo una guerra: le tre sorelle protagoniste sono tutte alle prese con delle vite in gran parte da ricostruire e da ripensare, segnate in maniera indelebile da abbandoni, delusioni e fantasmi del passato che ritornano (e non solo metaforicamente...).

Il perdono e la dimenticanza sembrano essere le due facce della medaglia da indossare per innescare un cambiamento, una redenzione: "si può perdonare e non dimenticare, o perdonare e dimenticare, ma quand'è che si dimentica senza perdonare?", si chiede uno dei personaggi ad un certo punto. La domanda chiave è questa, ma Solondz si guarda bene dal dare una risposta univoca.

Ogni singola vita è tragica e comica allo stesso tempo, dipende dal punto di vista, dal modo di raccontarla e dal modo in cui ogni persona reagisce a ciò che capita. Un nuovo punto di vista sulla vita delle sorelle Jordan è quello a cui Solondz è arrivato prima in fase di scrittura, e poi rivoluzionando il cast rispetto ad "Happiness". Impietosamente, Solondz mette gran parte dei personaggi nella condizione estrema in cui per loro sia impossibile non solo dimenticare, perdonare e farsi perdonare, ma persino comprendere che quella sarebbe la strada da imboccare. I traumi che li hanno devastati li hanno resi persone diverse (persino fisicamente...) ma non migliori, non capaci di metabolizzare il dolore o affrontarlo. Emblematico quanto accade al personaggio di Joy, che, tormentata dal fantasma/rimorso del corteggiatore suicida e pervasa da uno spirito umanitario che la porta a lavorare con i detenuti, non riesce ad aiutare se stessa e suo marito, creando di fatto con la sua fuga solo un nuovo fantasma che la perseguita.

L'unico personaggio che apparentemente sembra avere una dinamica e una prospettiva sembra il piccolo Timmy, ma Solondz in realtà non risolve i suoi conflitti, lasciando campo a problemi psicologici latenti dovuti alla terribile rivelazione che Timmy deve affrontare in così giovane età. Tra dieci anni forse Solondz ci rivelerà cosa è successo a Timmy.

L'occhio di Solondz è compassionevole (basti vedere il personaggio di Bill, alla ricerca di un perdono che per primo non si concederà mai) oltre che impietoso, e questo spiazza certamente, ma non c'è apologia della perversione. Ogni persona nasconde e combatte –finché può- un lato oscuro. "Perdona e Dimentica" racconta di un gruppo di persone che hanno perso questa battaglia e ne pagano le conseguenze per anni, per sempre. Il mondo in cui vivono è una soffocante e provinciale Florida lontana da quella dell'iconografia turistica, più vicina alle atmosfere delle opere Hopper, forse. L'apparato tecnico è fortemente un elemento di narrazione: scenografia, costumi, fotografia, inquadrature, ci pongono a distanza di sicurezza dalla tragedia, racchiudendo in un mondo che sembra un palcoscenico tutti gli elementi scabrosi e drammatici. In questo modo Solondz riesce a calibrare l'empatia ed il giudizio su quel che racconta.

A noi spettatori, che facciamo comunque fatica a essere solidali con pedofili, pervertiti e parenti serpenti, resta la riflessione sul concetto di perdono, che forse è anche meglio del coinvolgimento emotivo nel film.

"Perdona e dimentica" pertanto è un film difficile, che disgusta e inquieta mentre fa ridere, che vive di scarti improvvisi, di accostamenti coraggiosi tra registri molto diversi tra loro. Non a caso sta uscendo in Italia solo ora, dopo essere stato presentato allo scorso Festival di Venezia (dove ha vinto per la miglior sceneggiatura), ed in anteprima mondiale.

Curiosità: l'adattamento dei dialoghi italiani è di Moni Ovadia.

Commenta la recensione di PERDONA E DIMENTICA - LIFE DURING WARTIME sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di JackR - aggiornata al 16/04/2010

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

a quiet place iia riveder le stelleafter midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandalobunuel - nel labirinto delle tartarughecambio tutto!candymancaterinacats (2019)cattive acquecercando valentina - il mondo di guido crepaxcharlie's angels (2019)criminali come noida 5 bloods - come fratellidoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofamosafantasy islandgamberetti per tuttighostbusters: legacygli anni piu' belligretel e hanselgreyhound: il nemico invisibileil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil principe dimenticatoil re di staten islandil richiamo della foresta (2020)impressionisti segretiin the trap - nella trappolala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la sfida delle moglila vita nascosta - hidden lifel'agnellol'anno che verràl'apprendistatol'hotel degli amori smarritilontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marianne e leonard. parole d'amoremarie curie
 HOT R
memorie di un assassino
 NEW
morbiusnel nome della terranon si scherza col fuocoonward - oltre la magiaoutbackpicciridda - con i piedi nella sabbiaqua la zampa 2 - un amico e' per semprequeen & slimrun sweetheart runsaint maudshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccaspiral - l'eredita' di saw
 NEW
star lightstay stillthe boy - la maledizione di brahmsthe gentlementhe grudge (2020)the new mutantsthe old guardthe other lambthey shall not grow oldun figlio di nome erasmusun lungo viaggio nella notteuna intima convinzionevivariumvolevo nascondermivulnerabiliwaves

1007038 commenti su 43880 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net