Recensione professione: reporter regia di Michelangelo Antonioni Italia, Francia, Spagna 1974
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione professione: reporter (1974)

Voto Visitatori:   8,26 / 10 (34 voti)8,26Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film PROFESSIONE: REPORTER

Immagine tratta dal film PROFESSIONE: REPORTER

Immagine tratta dal film PROFESSIONE: REPORTER

Immagine tratta dal film PROFESSIONE: REPORTER

Immagine tratta dal film PROFESSIONE: REPORTER
 

David Locke giornalista televisivo anglo-americano Ŕ inviato in africa settentrionale per trasmettere al suo paese informazioni su una delle numerose guerriglie politiche che infiammano il Sahara. Nell'Hotel dove alloggia conosce e fa amicizia con David Robertson commerciante d'armi.
Durante una notte afosa Robertson, malato di cuore, muore improvvisamente di infarto rimanendo a lungo riverso nel suo letto. Locke si accorge per primo del cadavere e approfittando di una certa somiglianza con l'amico ne assume l'identitÓ. Falsifica quindi con efficacia tutti i documenti di riconoscimento.

Il film per i media pu˛ sembrare datato ma per la psicanalisi no. Antonioni comunica emozioni di tipo introspettivo articolando anche pulsioni di morte legate a questioni esistenziali enigmatiche. Problemi storicamente riconoscibili. Oggi questa pellicola sarebbe destinata ad un insuccesso di pubblico e forse anche a un disinteresse del punto di vista della critica cinematografica. Non Ŕ infatti un film che nella sua sceneggiatura mostri preoccupazioni "spettacolari". Inoltre non coltiva emozioni da suspense o da sensualitÓ intricata. Il disagio per˛ Ŕ ben precisato e si situa tra le righe di una scrittura ordinaria del quotidiano. La donna nel film Ŕ ben presente ma rimane un oggetto desessualizzato probabilmente per favorire la messa a fuoco del disagio identitario.
Senz'altro questa pellicola verrÓ riproposta nei cinema d'essai e nella televisione in seconda serata perchÚ Ŕ stato riconosciuta a suo tempo come un capolavoro, un "giallo che si porta addosso un mistero" (Morandini). Buona Ŕ la sua capacitÓ comunicativa "altra": quella pi¨ legata ai paradossi del dominio dell'inconscio sull'"io". Poco pu˛ dire in un film di questo genere la chiarezza convenzionale dominata dalla coscienza critica.

L'arte cinematografica Ŕ anche un calarsi ingenuo nel linguaggio inconscio. Alcune questioni interiori, presenti nei personaggi dell'epoca in cui si svolge il film, vengono portate alla luce con un paziente lavoro di ricostruzione delle pagine storiche che racchiudono la vicenda. Uno sfondo che rimane fedele alle apparenze di un'epoca ma mostra i punti oscuri, invisibili del lavoro della morte. Ne scaturisce l'individuazione di una caduta del senso positivo per la vita e della professionalitÓ del protagonista a vantaggio dell'emergere di pulsioni di morte oniriche che non rinunciano al gioco di identificazioni con figure fantasmatiche. Gioco che crea nuovi desideri.
Desideri veri ma privi di un oggetto reale, destinati quindi alla delusione e poi alla tragedia. Passando da giornalista a venditore di armi Locke sperimenta l'ebbrezza di essere un altro per l'altro. In un certo senso il suo inconscio ha giÓ scelto il delirio e la morte come estreme risorse di piacere a dispetto di una razionalitÓ che non riesce pi¨ a dare soddisfazioni.

Penso che abbia senso oggi riproporre queste brevi riflessioni sul film, forse perchÚ si pu˛ intendere meglio a distanza di tempo anche qualcosa del cambiamento culturale e sociale avvenuto dal 1975 ai giorni nostri. In particolare si precisa qualcosa che riguarda le linee di frattura generazionale sia nel costume professionale che politico del post '68. Ci˛ Ŕ evidente nelle suture avvenute lungo la lacerazione di un malessere creato dal crollo delle ideologie del '68. Effetti che portano al ritorno nel privato personale. Il film mette in rilievo il fallimento di una identitÓ unidirezionale nel sociale utopico basata sulla famiglia, il progresso sociale, la soddisfazione professionale. Temi che caratterizzavano gran parte dei progetti di vita degli anni '70.
Con la sua nuova identitÓ che ha il sapore della trasgressione Locke vaga senza una meta precisa, abbandonandosi sullo sfondo di in una ambigua illusione al piacere della morte della sua vecchia identitÓ troppo razionalizzata dai compromessi. Una nuova identitÓ che viene vissuta come gioco del mistero esistenziale inconscio, come arte della sessualitÓ sublimata: le cose si svolgono contro il destino reificato dell'Io fino a divenire morte reale. In una rinascita altra messa in gioco solo per pochi istanti: anche l'altrove, pensato come alteritÓ priva di ansie, risulta "invivibile". Lascia solo il tempo di intravedere l'abisso, segnato di storia, che affligge il suo Io. La coscienza del proprio passato cerca la via della soddisfazione. In questo caso la esige al prezzo della morte.

Commenta la recensione di PROFESSIONE: REPORTER sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Giordano Biagio - aggiornata al 12/07/2006

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

adorazionealcarras - l'ultimo raccoltoalla vitaamanti (2020)american nightblack parthenopecasablanca beatscip e ciop: agenti specialicome prima (2021)dashcamdoctor strange nel multiverso della folliadue donne al di la' della leggeelizabeth (2022)elvis (2022)emergencyesterno nottefassbinderfemminile singolarefirestarterfreedom (2021)gagarine - proteggi cio' che amigenerazione low costgli stati uniti contro billie holiday
 NEW
gold (2022)hill of visionhope (2019)hustlei giovani amantii tuttofareil fronte internoil giorno piu' belloil naso o la cospirazione degli anticonformistiil paradiso del pavoneil talento di mr. cil viaggio degli eroiinvito al viaggio. concerto per franco battiatoio e lulu'italia. il fuoco, la cenerejane by charlottejurassic world - il dominiokarate mankoza nostrakurdbun - essere curdola bicicletta e il badile - in viaggio come hermann buhlla doppia vita di madeleine collinsla fortuna di nikukola grande guerra del salento
 NEW
la mia ombra e' tuala ragazza ha volatol'altra lunal'angelo dei muril'arma dell'inganno - operazione mincemeatl'audizionel'eta' dell'innocenza (2022)lettera a francolightyear - la vera storia di buzzliz e l'uccellino azzurromad godmarcel!memoriamemory (2022)mindemic
 NEW
mistero a saint-tropeznavalnynel mio nomenoi duenostalgiaonly the animals - storie di spiriti amantiour fatherpleasurequel che conta e' il pensiero
 NEW
revolution of our timesrise - la vera storia di antetokounmposecret team 355settembre (2022)spiderheadstudio 666tapirulan
 NEW
tenebrathe batmanthe black phone
 NEW
the deer king - il re dei cervithe man from torontothe other side (2020)
 NEW
the princessthe rescue - il salvataggio dei ragazzitop gun: mavericktutankhamon. l'ultima mostraunwelcomevecchie canaglieviaggio a sorpresawild nights with emily dickinson

1030484 commenti su 47846 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

L'OMBRA DELL'ALTROTHE HOUSE I LIVE IN

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net