Recensione sostiene pereira regia di Roberto Faenza Italia 1995
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione sostiene pereira (1995)

Voto Visitatori:   6,81 / 10 (18 voti)6,81Grafico
Voto Recensore:   8,00 / 10  8,00
Miglior attore protagonista (Marcello Mastroianni)
VINCITORE DI 1 PREMIO DAVID DI DONATELLO:
Miglior attore protagonista (Marcello Mastroianni)
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film SOSTIENE PEREIRA

Immagine tratta dal film SOSTIENE PEREIRA

Immagine tratta dal film SOSTIENE PEREIRA

Immagine tratta dal film SOSTIENE PEREIRA
 

Un giornalista anziano, grasso e con problemi di cuore cammina per una strada di Lisbona nell'Agosto del 1938 all'epoca della dittatura salazarista. Porta un bastone e quando passa dalla portineria non manca di avere un battibecco con la portinaia, moglie di un poiliziotto quindi spia del regime. Tutte le volte che torna a casa ascolta musica nazionale e parla col ritratto della moglie, morta di tisi qualche anno prima; è appena stato al lavoro, ovvero alla redazione del giornale, il Lisboa, del quale dirige, solo, la pagina culturale: per lui la letteratura è la cosa più importante che esista, quindi passa le giornate a tradurre racconti di Balzac e a interrogarsi e interrogare Padre Antonio riguardo alla resurrezione della carne (è un buon cattolico, ma non capisce perché la sua pinguedine debba accompagnarlo anche dopo il trapasso). Pereira è un giornalista, ma a lui non interessano né la cronaca, né la politica, né la libertà di pensiero e parola; di quando in quando si fa informare dal suo barista Manuel circa quelle "cose turche" che accadono per mano della polizia o di qualcun altro ai manifestanti repubblicani o agli ebrei.

Questo è il quadro che si presenta agli occhi dello spettatore che incomincia la visione di "Sostiene Pereira", tratto dall'omonimo romanzo di Antonio Tabucchi ("Notturno Indiano", "Piccoli Equivoci Senza Importanza"). Trasporre un libro di quest'autore il cui stile è essenziale, ma estremamente complesso, è faccenda assai ardua per un regista, soprattutto in questo caso dove ogni minimo elemento concorre a tratteggiare una figura articolata e pericolosamente oscillante fra realtà e invenzione. È appunto la verosimiglianza dei fatti narrati che rimandano a quell'"impegno romantico" di scrittori italiani come Manzoni e Berchet che creando la loro metafora storica cercavano di sollevare la coscienza nazionalistica del popolo contro gli occupanti stranieri. Sostiene Pereira dunque si pone come un romanzo civile in cui il personaggio antitetico del giornalista compie un viaggio di metamorfosi a esempio verso tutti i cittadini; l'elemento di stravaganza sta nell'anno in cui Tabucchi scrisse questo romanzo, ovvero il 1997 che non presentava alcun motivo per comporre un'opera di quel tipo. Fortunatamente nel film vengono riprese tutte quelle caratteristiche che ne fanno uno scritto civile (o romantico) a partire dal titolo e dalla forma in cui Tabucchi imposta il suo capolavoro: enfatizzando infatti quell'intercalare si vuole rendere l'idea che il personaggio sia esistito e abbia compiuto quelle azioni veramente e che la voce del regista stia riferendo le sue parole in tempo reale.

Siamo nel 1995; un anno dopo in un dicembre parigino sarebbe morto uno dei più grandi interpreti del cinema italiano: Marcello Mastroianni. Fa in tempo, seppur sformato dalla malattia, ad assicurare alla storia la sua ultima grande interpretazione che il caso volle di un personaggio amabile e indimenticabile come Pereira, a cui Marcello aggiunge quello sguardo rabbioso e vivace, quell'indolenza e quel fascino irresistibile che forse solo De Sica con "Ieri, Oggi e Domani", ma soprattutto Fellini aveva saputo valorizzare con i capolavori "8 ½" e "La Dolce Vita".

Pereira è un soggetto studiato al dettaglio nella sceneggiatura: ossimorico come giornalista poiché sordo alle brutalità della dittatura e ai suoi doveri di cittadino e cronista, egli ha bisogno per tutto il film di continui appigli e consigli in ogni forma possibile (da quella religiosa a quella psicoanalitica, fino a quella marxista) per capire il complesso di colpa a livello inconscio (iniziatosi con la pubblicazione del racconto "Honorine" di Balzac) che lo porterà allo sconvolgimento finale; il dottor Cardoso (un grande Daniel Auteuil) esplicita con la teoria freudiana dell'io-egemone e della confederazione delle anime ciò che Pereira sente dentro dopo l'incontro alla stazione con Marta (Nicoletta Braschi) e in treno con la signora Delgado in cui la sua alienazione raggiunge il culmine con l'affermazione ingenua dell'Inquisizione Spagnola (non sapendo dell'avanzata del nazismo). nella letteratura il fenomeno interiore del protagonista è quello del "fischio del treno" pirandelliano descritto nella celebre novella di Belluca. Se il dottor Cardoso non spiega totalmente perché Pereira parli col ritratto della moglie e soprattutto tratti in quel modo Monteiro Rossi (ovviamente il figlio mancato), è lo svilupparsi stesso degli eventi a consapevolizzarne lo spettatore nella misura in cui solo dopo la tragica morte del giovane Pereira attui il suo personale "attacco al potere" e di conseguenza torni, senza il bastone, ad essere il ragazzo che era e a sognare mondi diversi.

"Sostiene Pereira m'ha fatto soffrire: telefonavo a Faenza che stava in Portogallo e gli dicevo che non avevo nessuna idea. Poi casualmente è nata quella risolutiva. Dalla finestra di casa ho assistito a una manifestazione di scioperanti, ascoltando quel ritmo di protesta che battevano sui tamburi. Così questo ritmo binario ha generato la canzone che sentiva Pereira..." Sono le parole del maestro Morricone, autore della deliziosa colonna sonora del film che lo stesso musicista ha definito "protagonista" in quanto la combinazione fra essa e il soggetto è forte, assoluta.
Anche per questo la chimica fra il film e le meccaniche che lo compongono è perfetta, da manuale che molti registi dovrebbero seguire. Al di là di quanto detto infatti questo film è un gioiello di squisita fattura, anche per le lussureggianti e meravigliose atmosfere del Portogallo, per l'oculata scelta degli attori minori fra cui spicca il caratterista teatrale che impersona il direttore del Lisboa il quale in certe mimiche ricorda le parodie dei politici ne Il Grande Dittatore di Chaplin e forse anche il volto di Gabriele D'Annunzio, nominato diverse volte nel film.

Esempi di cinema così puro ed elevato sono sempre più difficili da trovare (viene in mente il notevole e recente "Nuovomondo" di Emanuele Crialese) poiché questo Cinema è ancora in grado di fare quello che dagli anni '30 cerca e riesce a comunicare (impegno a cui Woody Allen ha dedicato il meraviglioso "La Rosa Purpurea del Cairo"), ovvero emozioni e sogni.

Commenta la recensione di SOSTIENE PEREIRA sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Terry Malloy - aggiornata al 12/07/2007

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghierabad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospetto
 NEW
easy living - la vita facile
 NEW
era mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandfigli (2020)gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvatiche
 NEW
il meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnol'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodge
 NEW
the new mutants
 NEW
the other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo tolouna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivolevo nascondermi

1001576 commenti su 43095 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net