Recensione this is it regia di Kenny Ortega USA 2009
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione this is it (2009)

Voto Visitatori:   7,24 / 10 (54 voti)7,24Grafico
Voto Recensore:   6,50 / 10  6,50
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film THIS IS IT

Immagine tratta dal film THIS IS IT

Immagine tratta dal film THIS IS IT

Immagine tratta dal film THIS IS IT

Immagine tratta dal film THIS IS IT

Immagine tratta dal film THIS IS IT
 

"Michael Jackson's - This Is It" è un film musicale del 2009, in gran parte realizzato utilizzando il materiale girato dall'artista nei giorni immediatamente precedenti il suo decesso, mentre preparava le coreografie per il tour "This Is It", in programma alla 02 Arena di Londra a partire dal luglio 2009.
Non può essere definito un film concerto poiché non è, per l'appunto, mai stato effettuato in pubblico, ma è solo ed esclusivamente un insieme di filmati girati durante le prove dello spettacolo che Jackson avrebbe dovuto tenere nella stagione successiva.

Fonte: Wikipedia

Maschera ormai grottesca, che traspare specialmente quando intona liriche d'amore e nenie cullanti, Michael Jackson sembrava avere ancora dalla sua la forza d'animo di uno che intende fare le cose al meglio. Perfezionista con strumentisti, ballerini, scenografi, fonici, e con l'intento di essere civile e rispettoso anche di se stesso.
Dedito a una ricerca maniacale nella creazione del sound (uno studio perenne tra l'uso acustico, quello funky e un altro quasi rock), il mondo in costruzione del palco sul quale avrebbe dovuto esibirsi per ben 50 volte è circondato da un misterioso e affascinante effetto lunare, quasi mistico.

Incantevole durante lo sviluppo sulla direzione delle voci, i tempi e le modulazioni dei toni vocali, in assolo e/o in coro, Michael dimostra di avere una riserva polmonare abbastanza invidiabile e la solita bravura da performer di razza. La leggerezza e l'ironia di certi scambi di vedute con Ortega, durante le infinite prove dello show, danno una sensazione quasi irreale di forte presenza dell'artista, come se la sua dipartita fosse una storia inventata, e lui esistesse ancora oggi, usuale dispensatore di amore e pacificazione.

Con il volto scavato e scheletrico, risultato dello scempio rivolto contro il proprio aspetto ormai costituito da guance e orbite incavate, Michael si copre con un paio di grandi occhiali da sole e con un'abbondante capigliatura corvina.
La grande contraddizione tra la sua esteriorità e il suo animo buono, aveva partorito l'idea di una scaletta anticonformista, con un imprevedibile e colorato omaggio ai Jackson Five.

Spesso Jacko, in questo caso impegnato a rinverdire i fasti e i "passi" delle sue prime apparizioni nel mondo dello spettacolo, è stato accusato di essersi voluto affrancare dalle proprie origini, tagliare i ponti col passato, in un moto egoistico estremo e quasi folle.
Non si intravede nulla di tutto questo dallo spettacolo ideato a tempo di record da Ortega, e sinceramente non ci sembra questa la sede per giudicare e indagare oltre sulla vita privata di MJ, lasciando per una volta il giudizio alle immagini del documentario/backstage in questione.

Il regista Ortega, anche produttore, si affida a qualche dimenticabile split e a poche altre invenzioni, soprattutto di montaggio. Probabilmente neutralizzato dalla mancanza di materiale visivo sufficiente a lavorare con consistenti filmati in post-produzione (di solito si pone il problema contrario), le inquadrature dietro le quinte risultano statiche e ripetitive, non supportate da idee originali e sufficientemente vigorose.

Geniale il lavoro di ricostruzione e di sovrapposizione delle immagini con un paio di noir del 1946 ("Gilda" e "Il grande sonno"), durante le quali MJ interagisce ironicamente con Rita Hayworth e Humphrey Bogart, per poi lanciare un balletto straripante sulle note di "Smooth criminal".

Peccato l'uso delle tracce musicali primigenie usate in occasione di "Thriller", "Earth song", "Billie Jean" e "Man in the mirror": nel complesso fanno perdere un po' di magia, e dissipano il grande lavoro fatto con il trucco nel ricreare gli zombi più famosi mai apparsi in un videoclip.

"This is it" resta un quadro incompiuto che sfortunatamente non si riempirà mai.
Una preparazione, interrotta dopo appena due mesi di lavorazione da un evento dolorosamente tragico, che avrebbe potuto essere un tassello memorabile in quel fantastico mosaico pop messo insieme in decenni di straordinaria carriera da parte di uno dei più grandi artisti musicali che il mondo abbia mai conosciuto.
"Your lonely days are gone", Michael.

Commenta la recensione di THIS IS IT sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di pompiere - aggiornata al 30/03/2011 11.41.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)after midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghiera
 NEW
antebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandgli anni piu' belligrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnola vita nascosta - hidden lifel'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammerun sweetheart runsaint maudscherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturaspiral - l'eredita' di saw
 HOT
star wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe gentlementhe grudge (2020)the lodgethe new mutantsthe other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo toloun figlio di nome erasmusuna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivivariumvolevo nascondermiwaves

1004777 commenti su 43482 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net