Recensione up regia di Pete Docter, Bob Peterson USA 2009
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione up (2009)

Voto Visitatori:   7,84 / 10 (344 voti)7,84Grafico
Miglior film d'animazioneMiglior colonna sonora
VINCITORE DI 2 PREMI OSCAR:
Miglior film d'animazione, Miglior colonna sonora
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film UP

Immagine tratta dal film UP

Immagine tratta dal film UP

Immagine tratta dal film UP

Immagine tratta dal film UP

Immagine tratta dal film UP
 

Carl Fredricksen, diventato vedovo della sua amata Ellie, decide di coronare il sogno di una vita e raggiungere le Cascate Paradiso in Sud America, portando con sŔ la casa (trasformata in una sorta di mongolfiera con migliaia di palloncini) in cui ha condiviso la vita con Ellie: simbolicamente, sarÓ come arrivarci insieme. L'inatteso fuori programma ha il nome di Russell, un petulante e tenace giovane aspirante "Esploratore della Natura Selvaggia" a caccia dell'ultima medaglia per completare il suo addestramento, quella dell'Aiuto agli anziani, il quale si ritrova sulla casa volante. Arrivati non senza difficoltÓ in Sud America, Carl e Russell devono fare i conti con l'esploratore Charles Muntz, mito di giovent¨ di Carl e Ellie, da decenni a caccia di un uccello rarissimo insieme ai suoi cani parlanti: l'uccello Ŕ lo stesso che Russell incontra, battezza col nome di Kevin e decide di proteggere...

A guardare i recenti film della Pixar, "Ratatouille", "Wall-E" e "UP", ci si chiede davvero come facciano a mantenersi su certi livelli. Non si tratta neanche di migliorarsi constantemente, ma proprio di reinventare le regole tutte le volte. L'animazione digitale Ŕ il mezzo scelto da questi meravigliosi cantastorie californiani per raccontarci di topi gourmet, giocattoli parlanti, robot in cerca d'amore e, ora, anche un pensionato in cerca d'avventura.

I soloni che si preoccupavano delle sorti commerciali di "UP" sono giÓ stati zittiti dal successo enorme di critica e pubblico. "UP" arriva a tutti, perchŔ il messaggio Ŕ universale: l'amore non ha etÓ, ma neanche bisogno di un oggetto preciso. Pu˛ essere quello per la persona con cui hai condiviso tutta la vita, per gli animali, per l'avventura: non fa alcuna differenza, Ŕ quello che ti spinge, metaforicamente, al di sopra di tutto il resto, che ti rende cosý leggero da essere trasportato da un palloncino. Ed Ŕ di questo che UP tratta.

Non c'Ŕ alcuna ombra di compassione nei confronti del vecchio e burbero Carl Fredricksen, un incrocio tra Spencer Tracy e Walter Matthau, la sua solitudine non Ŕ legata all'etÓ, quanto alla mancanza della sola persona con cui era stato felice. Non c'Ŕ bisogno di avere settant'anni per far scattare l'empatia. Inoltre, a Carl Ŕ affidata la scena forse pi¨ forte mai vista in un film Pixar, uno scatto d'ira notevole e anche un po' di sangue... Decisamente un bel rischio, ma ormai Pete Docter e soci sanno perfettamente cosa vogliono e come raggiungerlo. Il primo quarto d'ora di "UP" Ŕ un film nel film, una piccola poesia, tutta una vita insieme riassunta in poche, significative sequenze, un prologo straziante, ma necessario alla storia vera e propria. Se si potesse dare un premio alla miglior sequenza dell'anno, beh... Probabilmente l'unico rivale del primo quarto d'ora di "UP" sarebbe... Il secondo quarto d'ora di "UP", con il "decollo" della casa e la parte iniziale del volo, tra i palazzi e poi in aperta campagna.

Il resto procede spedito, i personaggi di contorno funzionano (anche se tutti quei cani parlanti... L'inside joke del "dogfight" Ŕ carino, ma francamente un po' eccessivo) e l'interazione tra i protagonisti non Ŕ mai banale, anche perchŔ sono un vecchio, un bambino di otto anni, uno "struzzo in technicolor" e un cane parlante; in particolare, colpisce la scelta di fare del villain il mito d'infanzia di Carl e sua moglie, l'esploratore Charles Muntz (modellato su Kirk Douglas e doppiato da Christopher Plummer in USA e Arnoldo FoÓ da noi), come ulteriore ed ultima beffa per Carl, che arriva emblematicamente al momento di scegliere tra continuare a vivere per il passato e lanciarsi in una nuova avventura nel presente (la scena dell'album di foto Ŕ da lacrimoni anche per i pi¨ duri di cuore). Per Carl, in fondo, il viaggio in Sud America era concepito come una sorta di missione suicida, una fuga dalla realtÓ che non vuole pi¨ e da cui non Ŕ voluto (la sua casa ostacola i lavori di un cantiere), l'ultimo viaggio.

La casa volante, l'energia di Carl, i cani parlanti, la strana differenza di etÓ fra Carl e Charles, parecchie cose non hanno senso eppure risultano perfettamente plausibili, parti di un tutto che ha un significato ulteriore rispetto all'intreccio. Se non Ŕ arte, siamo quantomeno nei paraggi.

In ogni caso, non si ha mai l'impressione di trovarsi di fornte ad un prodotto per bambini godibile anche dagli adulti, oppure a scelte concordate con il marketing. "UP" Ŕ un film vero, ogni singola inquadratura Ŕ studiata per dare il miglior effetto possibile, sia esso comico o drammatico, l'uso della musica, come in "Wall-E", Ŕ geniale.
╚ palese che alla Pixar si fa cinema, e non cartoni animati, non merchandising a 24 fotogrammi al secondo. A metÓ strada tra Walt Disney e Hayao Miyazaki, con il primo come punto di partenza ed il secondo come punto di arrivo. La strada Ŕ lunga (anche perchŔ passerÓ attraverso "Toy Story 3" e "Cars 2") ma sarÓ uno spettacolo per tutti.

Dalle macchie sulla pelle e la barba incolta di Carl all'animazione dei palloncini (da togliere il fiato), Pixar mostra ancora una volta chi comanda e come si comanda nel campo della CG, ma, come sempre, i progressi tecnologici passano in secondo piano. UP Ŕ anche il primo lungometraggio in 3D di Pixar. A parte la fatica per gli occhi e la scarsa luminositÓ dello schermo che ancora restano problemi irrisolti, la scelta -saggia- di non puntare ad effetti da luna park con oggetti che "escono" dal piano dello schermo o pretestuose scene in soggettiva ma piuttosto di sfruttare la stereoscopia per aumentare la profonditÓ e dare maggior effetto ai paesaggi del Sud America ed alle scene di volo si rivela vincente, ma anche, tutto sommato, inutile: un ottimo film come "UP" non ha bisogno di "doping" per incantare.

Menzione finale per "Partly Cloudy", il corto d'animazione che precede UP. Vagamente in tema col film per l'ambientazione tra le nuvole, e che nuvole!, Ŕ un altro assaggio ľsenza dialoghi, ovviamente- di come si possa fare cinema in pochissimi minuti. Avete mai visto una nuvola animata, vi siete mai chiesti perchŔ piove? Avrete qualche risposta soprendente. E pensare che ai corti ci mettono gli esordienti.

Commenta la recensione di UP sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di JackR - aggiornata al 02/11/2009

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#unfit - la psicologia di donald trump10 giorni con babbo nataleabout endlessnessaddio al nubilatoalessandra - un grande amore e niente piu'all my friends are deadamore al quadratobaby yaga: incubo nella foresta oscurabastardi a mano armatabliss (2021)burraco fatalecentigradecherry - innocenza perdutacome truecosa sarÓcreators: the pastcrisiselegia americanafino all'ultimo indiziogirl power - la rivoluzione comincia a scuolagodzilla vs. konggovernance - il prezzo del poteregreenlandhoneylandi am greta - una forza della naturai predatoriil cammino di xicoil caso pantani - l'omicidio di un campioneil mio corpo vi seppellira'il principe cerca figlioil talento del calabroneimprevisti digitali
 NEW
jakob's wifejudas and the black messiahla nave sepoltala prima donnala ruota del khadi - l'ordito e la trama dell'indiala stanzala vita straordinaria di david copperfieldl'amico del cuore (2021)lasciami andarel'incredibile storia dell'isola delle roselockdown all'italianal'ultimo paradiso (2021)ma rainey's black bottommadame claudemankminarimurdershownomad: in cammino con bruce chatwinnotizie dal mondooperazione celestinaoperazione varsity blues: scandalo al collegepalazzo di giustiziapalm springs - vivi come se non ci fosse un domaniparadise - una nuova vitaparadise hillspele' - il re del calcioqualcuno salvi il natale 2quello che non ti ucciderange runnersrebeccaroubaix, una lucesacrifice (2020)sola al mio matrimoniosonsotto lo zerosoul (2020)sul piu' belloten minutes to midnight
 HOT
tenetthe fatherthe mauritanianthe midnight skythe nights before christmasthe secret - le verita' nascostethe unholythe united states vs. billie holidaythunder forcetua per sempretutto il mondo e' palesetutto normale il prossimo nataleun divano a tunisiuna classe per i ribelliuna donna promettentewe are the thousand - l'incredibile storia di rockin'1000we can be heroes
 NEW
why did you kill me?wonder woman 1984wrong turnyes dayzack snyder's justice league

1016649 commenti su 45326 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net