Recensione volver regia di Pedro Almodovar Spagna 2006
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione volver (2006)

Voto Visitatori:   7,51 / 10 (174 voti)7,51Grafico
Voto Recensore:   8,00 / 10  8,00
Miglior sceneggiatura (Pedro Almodˇvar)Miglior attrice (Penelope Cruz, Carmen Maura, Lola Due˝as, Chus Lampreave, Blanca Portillo, Yohana Cobo)
VINCITORE DI 2 PREMI AL FESTIVAL DI CANNES:
Miglior sceneggiatura (Pedro Almodˇvar), Miglior attrice (Penelope Cruz, Carmen Maura, Lola Due˝as, Chus Lampreave, Blanca Portillo, Yohana Cobo)
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film VOLVER

Immagine tratta dal film VOLVER

Immagine tratta dal film VOLVER

Immagine tratta dal film VOLVER

Immagine tratta dal film VOLVER

Immagine tratta dal film VOLVER
 

Dopo due anni dal suo annuncio, finalmente torna a meravigliarci un grande Almod˛var, che con "Volver", il suo sedicesimo lungometraggio, ci regala una storia sorprendente per l'originalitÓ e la sensibilitÓ con cui Ŕ narrata. Pedro abbandona il noir duro della Mala educacion per tornare alla commedia drammatica (ossimoro tutto almod˛variano); lascia il mondo maschile dei suoi ultimi due film per riabbracciare l'universo femminile dei primi; tralascia il tono cupo e cinico per riproporre la narrazione vivace e allegra di un tempo, arricchita da profonde pennellate struggentemente malinconiche, tratteggianti una realtÓ mai scevra da stoccate tipiche dello stile grottesco e surreale che gli Ŕ proprio.

E' ormai una conferma: nessuno sa raccontare le donne come Almod˛var, e non si dica che tanta sensibilitÓ deriva dal suo essere omosessuale. Luogo comune fra I pi¨ odiosi. Semplicemente Pedro ha lo straordinario talento di cogliere dell'anima femminile ci˛ che Ŕ invisibile ai pi¨, di raccontare con incredibile intensitÓ ci˛ che a volte pare estraneo persino alle donne stesse, di meravigliare con le sue profonde intuizioni relative ad un universo cosý complesso: il regista celebra la donna, la comprende, la ama sinceramente.

A ben guardare persino I temi trattati in Volver sono tutti sostantivi femminili: LA famiglia, LA maternitÓ, LA solidarietÓ, LA amicizia, LA morte.. E femminile Ŕ anche la provincia spagnola dell'infanzia, la meseta de La Mancha, la terra di Pedro bambino, descritta in modo sublime, il colore ocra dei campi in contrasto con il bianco delle case, percosse dal vento caparbio dell'est, a cui la tradizione popolare attribuisce la follia e la morte degli abitanti di quella terra.

Il suo Ŕ un ritorno dell'anima al passato, alla sua Mancha sonnacchiosa, alla vita di provincia che scorre a ritmo indefinito nelle case prospicienti I patios, alla cui ombra Pedro bambino andava a sedersi per ascoltare incuriosito I discorsi delle donne della sua infanzia, quel gineceo che ripropone periodicamente nei suoi film migliori. Una Spagna rurale di altri tempi, dunque, che conserva tuttavia I suoi valori, la solidarietÓ ad esempio, la premura verso il prossimo, il rapporto naturale con la morte, motivo centrale del film. Appartiene alla cultura manchega il rapporto cordiale con l'ineluttabile destino, il proseguimento del legame con il caro estinto. La bellissima sequenza iniziale in cui le donne puliscono e curano le tombe rivela nei gesti semplici e quotidiani una emotivitÓ forte, la convivenza con il dolore, la condivisione corale del lutto, non angosciante per˛, perchÚ la morte Ŕ qui mostrata come qualcosa di naturale. Sembra ovvia questa affermazione, non lo Ŕ oggi in una societÓ che si ostina pervicacemente a rimuovere la fine, una cultura in cui predomina l'accanimento alla vita e la corsa all'eterna giovinezza. E' l'Almodovar pi¨ intimo che qui si rivela, confessa la sua paura della morte, come scomparsa di tutto ci˛ che Ŕ vivo, cerca di esorcizzarla e con tocco sublime ci offre l'omaggio pi¨ viscerale all'amata madre, scomparsa da poco (giÓ ricordata nello splendido ritratto dell'unica figura femminile apparsa in "La mala educacion") e qui sublimata nel personaggio della madre fantasma, Irene, interpretata con straordinaria bravura da una splendida e ritrovata Carmen Maura. Il suo personaggio emoziona dal suo primo apparire in scena, un fantasma che interagisce col mondo reale senza effetti speciali, alla Buniel, per intenderci, spettri evocati che appartengono al reale e con il reale si rapportano con naturalezza. Una madre onnipresente come lo sono sempre gli affetti perduti, che consola e segue con amorevole trasporto chi Ŕ rimasto ad affrontare con coraggio le inspiegabili contraddizioni della vita. Il sentimento materno, giÓ espresso con toni drammatici in "Tutto su mia madre" qui abbandona il tono cupo e disperato del lutto e dell'assenza, per sublimarsi nell'eterno rapporto tra madre e figlia, commovente elogio almod˛variano alla maternitÓ.

La memoria, altro sostantivo femminile, entra di prepotenza nella storia giÓ dal titolo, "Volver", ritornare. Il passato stesso riemerge per risolvere ci˛ che Ŕ rimasto sospeso o irrisolto, la trama del film Ŕ circolare, tutto finisce dove la storia ha inizio, I misteri e I drammi delle protagoniste approdano finalmente ad un porto sicuro nel momento stesso in cui I conti con il passato sono risolti, pur in un finale quasi sospeso che lascia le storie ancora aperte.

Commuove il legame femminile tra le tre generazioni di donne, protagoniste della storia, imbastito tra complicitÓ e amore; commuovono e inorgogliscono la forza e l'intelligenza con le quali le umili donne affrontano la dura vita della squallida periferia madrilena, barcamenandosi tra lavori abusivi e soluzioni improvvisate e temporanee, tra menzogne e ribellioni alla prepotenza e agli egoismi maschili; problemi superati con solo apparente leggerezza, grazie alla forza interiore, all'amicizia e alla solidarietÓ tipicamente femminili, che qui il regista torna a celebrare dopo "Tutto su mia madre". Gli uomini sono assenti oppure presenze insignificanti, mai Almod˛var Ŕ stato cosý duro con loro, pensare che uno dei migliori personaggi della sua filmografia Ŕ proprio un uomo, il Benigno di "Parla con lei", sensibile, fragile e intelligente, lontanissimo dal macho mediterraneo, davvero maltrattato in questo film. Dove risaltano invece le figure femminili, tutte magnificamente interpretate; come un demiurgo il regista le guida affettuosamente sapendo bene come valorizzare ciascuna. In particolare si concentra sulle sue due chicas preferite: la Cruz e Carmen Maura, offrendo la possibilitÓ ad entrambe di esprimere il meglio di sÚ come artiste. Alla Cruz restituisce le radici, dopo il fallimentare salto hollywoodiano, convincendola che solo nella sua terra pu˛ esprimersi al massimo. Ne esalta la bellezza mediterranea ispirandosi alle nostre attrici pi¨ sanguigne, la Loren e la Magnani del nostro cinema neorealista. Della Loren ricalca l'aggressiva e sensuale presenza nell'andatura decisa e fiera, nelle generose forme femminili, nel trucco marcato e nell'acconciatura, alla Magnani offre uno struggente omaggio al ruolo di madre latina e combattiva inserendo in "Volver" uno spezzone, per nulla casuale, tratto dal film "Bellissima".

Infine lo stile di Almod˛var, personalissimo e mai ridondante, sobrio e suadente, ironico e surreale, dolce e grottesco, incantevole nel giocare fra atmosfere diverse se non addirittura opposte, saltando dal comico al dramma, dal noir al mel˛ senza mai rompere l'armonia interna del film.

Con "Volver" il regista sembra avere abbandonato le tinte forti dei primi lungometraggi per colori pi¨ tenui, salvo qualche pennellata di rosso, seguendo un suo intimo percorso di vita e di pensiero che approda sempre e comunque alla sua passione pi¨ grande, il cinema, a cui ha dato tanto e da cui ha ricevuto moltissimo.

Commenta la recensione di VOLVER sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Pasionaria - aggiornata al 22/05/2006

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

a quiet place: giorno 1abigail (2024)accattaromaacidamen (2024)
 NEW
amici per casoanimale umanoanimali randagianna (2023)arrivederci berlinguer!bad boys: ride or diebanel e adamacuckoocult killer - la vendetta prima di tuttodall'alto di una fredda torre
 NEW
deadpool & wolverineeileenel paraisoera mio figlio (2024)fantastic machinefederer: gli ultimi dodici giornifly me to the moon - le due facce della lunafremontfuga in normandiafuriosa: a mad max sagagarfield - una missione gustosaghost: rite here rite nowgirasoligli immortaligli indesiderabili (2023)glory hole
 NEW
here after - l'aldila'
 R
hit man - killer per casoholy shoeshorizon: an american saga - capitolo 1hotspot - amore senza retei dannatiif - gli amici immaginariil caso goldmanil coraggio di blancheil gusto delle coseil mio posto e' quiil mio regno per una farfallail mistero scorre sul fiumeil regno del pianeta delle scimmieil segreto di liberatoin a violent natureindagine su una storia d'amoreinside out 2io & sissiio e il seccoio, il tubo e le pizzejago into the whitekinds of kindnesslĺamante dell'astronautala memoria dellĺassassinola morte e' un problema dei vivila profezia del malela stanza degli omicidila tartarugala treccial'esorcismo - ultimo attol'imperol'invenzione di noi duelonglegsl'ultima vendettamadame lunamade in dreams - l'italiano che ha costruito l'americamarcello miomatrimonio con sorpresa (2024)
 NEW
mavka e la foresta incantatame contro te: il film - operazione spiemetamorphosis (2024)mothers' instinctnew lifeniente da perdere (2024)noir casablancanon riattaccare
 NEW
persona non grata (2024)prima della fine - gli ultimi giorni di enrico berlinguerquattro figlie (2023)quell'estate con ireneracconto di due stagioniricchi a tutti i costiritratto di un amorerobo puffinroma bluessamadsaro' con tesei fratellishoshanashukransuperlunathe animal kingdomthe bikeridersthe boys - stagione 4the fall guythe penitent - a rational manthe rapture - le ravissementthe strangers: capitolo 1the tunnel to summer, the exit of goodbyesthe watchers - loro ti guardanoti mangio il cuoretroppo azzurrotwistersun messicano sulla luna
 NEW
un oggi alla voltaun piedipiatti a beverly hills: axel funa spiegazione per tuttouna storia neraunder parisunfrosted: storia di uno snack americanovangelo secondo mariavincent deve morirewindlesswoken - nulla e' come sembra

1052590 commenti su 50961 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

AYKAMA' ROSA

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

in sala


HIT MAN - KILLER PER CASO
Locandina del film HIT MAN - KILLER PER CASO Regia: Richard Linklater
Interpreti: Glen Powell, Adria Arjona, Austin Amelio, Retta, Sanjay Rao, Molly Bernard, Evan Holtzman, Gralen Bryant Banks, Mike Markoff, Bryant Carroll, Enrique Bush, Bri Myles, Kate Adair, Martin Bats Bradford, Morgana Shaw, Ritchie Montgomery, Richard Robichaux, Jo-Ann Robinson, Jonas Lerway, Kim Baptiste, Sara Osi Scott, Anthony Michael Frederick, Duffy Austin, Jordan Joseph, Garrison Allen, Beth Bartley, Jordan Salloum, John Raley, Tre Styles, Donna DuPlantier, Michele Jang, Stephanie Hong
Genere: azione

Recensione a cura di The Gaunt

ON THE JOB: THE MISSING 8
Locandina del film ON THE JOB: THE MISSING 8 Regia: Erik Matti
Interpreti: John Arcilla, Dennis Trillo, Dante Rivero, Joel Torre, Christopher De Leon, William Martinez, Lotlot De Leon, Ina Feleo, Ricky Davao, Vandolph, Isabelle De Leon, Rayver Cruz, Soliman Cruz, Andrea Brillantes
Genere: poliziesco

Recensione a cura di The Gaunt

archivio


LA ZONA D'INTERESSE
Locandina del film LA ZONA D'INTERESSE Regia: Jonathan Glazer
Interpreti: Christian Friedel, Sandra HŘller, Medusa Knopf, Daniel Holzberg, Ralph Herforth, Maximilian Beck, Sascha Maaz, Wolfgang Lampl, Johann Karthaus, Freya Kreutzkam, Lilli Falk, Nele Ahrensmeier, Stephanie Petrowitz, Marie Rosa Tietjen, Ralf Zillmann, Imogen Kogge, Zuzanna Kobiela, Julia Polaczek, Luis Noah Witte, Christopher Manavi, Kalman Wilson, Martyna Poznanski, Anastazja Drobniak, Cecylia Pekala, Andrey Isaev
Genere: drammatico

Recensione a cura di Gabriele Nasisi

MARILYN HA GLI OCCHI NERI
Locandina del film MARILYN HA GLI OCCHI NERI Regia: Simone Godano
Interpreti: Miriam Leone, Stefano Accorsi, Thomas Trabacchi, Mario Pirrello, Orietta Notari, Marco Messeri, Andrea Di Casa, Valentina Oteri, Ariella Reggio, Astrid Meloni, Giulia Patrignani, Vanessa Compagnucci, Lucio PatanÚ, Agnese Brighittini
Genere: commedia

Recensione a cura di Severino Faccin

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net