alps regia di Yorgos Lanthimos Grecia 2011
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

alps (2011)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film ALPS

Titolo Originale: ALPEIS

RegiaYorgos Lanthimos

InterpretiAggeliki Papoulia, Ariane Labed, Aris Servetalis, Johnny Vekris

Durata: h 1.33
NazionalitàGrecia 2011
Generedrammatico
Al cinema nel Dicembre 2016

•  Altri film di Yorgos Lanthimos

Trama del film Alps

Alps è il nome di un gruppo di quattro persone (un'infermiera, un paramedico, una ginnasta e il suo allenatore) che offrono, dietro pagamento di un’elevata cifra, un supporto particolare alle famiglie che hanno perso i propri cari. In un clima di annullamento totale delle loro personalità, gli Alps rimpiazzano i defunti nelle attività quotidiane, ne ripetono gesti e abitudini e ne rinsaldano i legami con chi li circonda, in modo da non far pesare la loro assenza. Tuttavia essere parte del gruppo comporta il rispetto di rigide regole da seguire e un prezzo molto alto da pagare: se ne accorgerà l'infermiera, per la quale ritornare alla propria vita non sarà un’operazione semplice.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,00 / 10 (10 voti)7,00Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Alps, 10 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

TheLegend  @  07/04/2018 22:12:34
   7 / 10
Questo regista non è sicuramente per tutti.
Film glaciale.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  11/01/2018 09:49:16
   7 / 10
Vivere in panni altrui e nello specifico di persone defunte, sostituite dal quartetto "Alpi" (una ginnasta e il suo allenatore, un'infermiera e un paramedico) il tutto per dare conforto a parenti ed amici, far pesare meno l'assenza ed elaborare il lutto. Non è una società benefica, bensì a scopo di lucro, dove l'impersonificazione non richiede alcuna somiglianza: è sufficiente indossare abiti del morto, ricalcarne passioni, tic, o recitare dialoghi di cui fu protagonista. Sono previste pene molto severe nel caso in cui si crei un coinvolgimento emotivo o si commettano errori durante la recita del copione.
Chi conosce Lanthimos non avrà difficoltà a individuarne lo stile respingente, teatro dell'assurdo permeato da colori smorti e immortalato da un lavoro registico ricercato, in cui per sentirsi vivi occorre diventare surrogati, sostituirsi a qualcuno per raggiungere un'identità appagante: non a caso la giovane tennista (emblema di vita in divenire e di futuro apparentemente roseo) viene ambita da entrambe le ragazze della banda nonostante non sia ancora trapassata, fino a diventare vero e proprio assillo deleterio.
L'annullamento del proprio io e la maschera indossata senza giustificazioni prendono forma in una visione distopica di supporto sociale, in cui i riferimenti alla cultura pop, con relativo impoverimento spirituale e intellettuale, indicano con fermezza il pensiero dell'autore riguardo l'ossessionante ricerca di una felicità indottrinata, ostentata da molti ma raggiunta davvero da pochi.
Interessante e grottesco "Alps" è film ostico, con personaggi impossibili da comprendere fino in fondo, impoveriti da descrizioni sommarie in cui l'ermetismo del regista greco rende distaccata la visione d'insieme, di fatto inaridita delle naturali emozioni che temi come morte e lutto dovrebbero scatenare.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR ferro84  @  20/09/2017 13:16:17
   7 / 10
Yorgos Lanthimos non ha paura di colpire attraverso storie morbose, strane ma affascinanti.
In Alps fa lo stesso ma ammetto di aver avuto qualche difficoltà a seguirlo proprio per una cattiva interpretazione degli attori i quali non hanno mai saputo ben bilanciare la loro performance all'interno di un film tanto difficile.

Manca una vera introspezione psicologica e se non sostenuto da prove attoriali all'altezza il film risulta un pò monco.

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  20/07/2016 21:42:38
   7½ / 10
Lanthimos ripropone ancora un mondo pervaso di silenziosa violenza e popolato da soggetti spersonalizzati, qui con una protagonista alla ricerca spasmodica di un'identità da interpretare. Film sulla vita e sul cinema stesso. Lento e complesso, visione non semplice. Bello.

marcogiannelli  @  16/07/2016 16:18:19
   7½ / 10
Lanthimos riesce ancora una volta a stuprarmi l'anima con un altro film devastante, grottesco come gli altri suoi che ho apprezzato tanto
per il resto vi lascio leggere la recensione di Giuseppe, quella sotto la mia, che ha saputo spiegare con parole certamente migliori quello che penso

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR oh dae-soo  @  28/03/2014 01:02:37
   8 / 10
Va bene, non faccio diventare la Trilogia Greca del Padre (Miss Violence, Dogtooth, Attenberg) una
quadrilogia, o.k, ma che Alpis sia un'altra meraviglia del portentoso cinema ellenico questo è fuor di dubbio.
Più che altro nello specifico è talmente evidente che questo sia un film di Lanthimos (regista di Dogtooth) da gridare quasi al miracolo per aver trovato nel cinema moderno un regista capace di scrivere e realizzare film talmente nuovi, talmente pieni di significati, talmente disturbanti da renderlo con solo due pellicole uno dei più grandi autori moderni.
Un pò ho capito cosa mi affascina di Lanthimos. E' il suo tratto saramaghiano, quello di costruire vicende al limite dell'assurdo (o che lo oltrepassano) vendendocele per dati di fatto, verosimili, accettabili.
Ma quello che è davvero portentoso in questo cinema (tutto questo greco) è la capacità di emozionarti senza toccarti il cuore. C'è uno stranissimo sentimento puramente intellettivo, un disturbo che ti colpisce alla testa molto prima che allo stomaco. La freddezza con la quale i fatti vengono narrati, questa incredibile glacialità sono qualcosa di portentoso. E Lanthimnos in più riesce a creare dei soggetti del tutto nuovi, geniali.
Qua si parla di una "società" di sole 4 persone che dietro compenso "interpreta" il ruolo di persone morte, per far vivere alla famiglia più gradualmente e senza stacchi netti l'elaborazione del lutto. Il ruolo dell'"attore" è predominante. Molte volte vi si fa riferimento, si chiede ai morenti chi sia l'attore preferito, in una scena la vecchia cieca di tutte le notizie della rivista vuole che le sia letta l'intervista a Wynona Ryder, gli "impersonificatori" (i 4) fanno delle prove prima di recitare le parti o giocano al gioco del "chi sono"?. Il ruolo dell'attore quindi, di colui che interpreta una parte, della finzione, è predominante. E il bravo attore può interpretare chiunque, anche il ruolo di una ragazza 16enne a 30 anni e passa. Lo stesso nome che i 4 si danno, Alpi. sta a significare che qualsiasi montagna delle Alpi può sostituire un'altra montagna ma non viceversa. Ed anche questo è affascinante perchè tale cosa non è assolutamente vera, ma Monte Bianco sembra avere una visione limitata e limitante del mondo, un pò come i protagonisti di Dogtooth.
Ancora una volta il sesso è mostrato in maniera disturbante e disturbata, ancora una volta il ballo (incredibile anche qui l'importanza che gli si dà) è al centro delle scene più grottesche, ancora una volta c'è un'aria torbida, malata ma di un fascino incredibile.
E sono geniali alcuno passaggi di sceneggiatura, come lei che si "compra" una parte all'insaputa di loro, come la ragazza ginnasta talmente plagiata da tentare il suicidio non tanto per l'orrenda vita che fa ma per aver fatto male il suo lavoro (e la metafora della ginnastica è perfetta dato che forse è lo sport con più disciplina e crudeltà nell'apprendimento). Anche per questo come per i film della Trilogia potremmo parlare di Quadrilogia dell'Educazione...
C'era di tutto per fare un film che colpisse anche le corde emotive dello spettatore. L'elaborazione del lutto, il tentativo di colmare un vuoto, il non voler guardare in faccia la realtà, il tema della perdita e del dolore, c'erano tutti gli elementi per emozionare. E invece no, tutto è trattato in un modo freddo, grottesco, una specie di teatro dell'assurdo. Ad esempio la prova di litigata tra il venditore di lampade e sua "moglie" e la successiva immediata rappresentazione mettono i brividi. E' un cinema a tesi, che vuol dimostrare qualcosa, forse un cinema colto e superbo, ma di una bellezza a mio vedere unica.
Gli ultimi 10 minuti, apparentemente ostici, secondo me sfiorano la perfezione.
Monte Rosa non fa più parte della società (in una scena che per violenza e glacialità ricorda come non mai quella di Niente da nascondere di Haneke).
Ha solo due altre possibilità.
La prima è continuare la recita della giovane tennista, quella che aveva intrapreso da sola. Ma la società nel frattempo l'ha saputo e sostituita con la ginnasta (ah, a proposito, fantastiche le due attrici, che altro non sono poi che la protagonista di Attenberg e la sorella maggiore di Dogtooth).
Ormai le resta solo casa sua, quella vera (vera? qualche dubbio ce l'ho). E in un disperato e paradossale tentativo tenta davanti suo padre di interpretare sua madre defunta. Monte Rosa non può vivere la sua vita vera, ha bisogno di essere qualcun altro.
Un altro film su cui si potrebbe scrivere un libro.

Ciaby  @  23/04/2013 21:49:06
   9 / 10
Dopo il capolavoro "Dogtooth", un altro film straordinario di Lanthimos. Anche se la trovata degli attori che rimpiazzano i morti non è nuova (Sion Sono ci aveva già pensato) è un'opera forte, dolorosa, asettica, ancora in grado di colpire. Bellissimo.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  17/12/2012 18:37:15
   5 / 10
Meno originale di quanto pensassi perchè avendo visto Kinetta anche Alpis ne ripropone, sia pure in chiave leggermente diversa, molte delle sue tematiche. Il gioco metacinematografico è meno evidente ed è sempre presente quel meccanismo di sostituzione della propria (evanescente) identità con un altra defunta, facendola rivivere in maniera meccanica e artificiosa. C'è qualche variante in più: il percorso parallelamente inverso della ginnasta e dell'infermiera, in crisi con le rispettive controparti maschili (l'allenatore e il padre), ma aldilà dell'effetto straniante che provocano le pellicole del regista greco, qui prevale l'effetto irritante di una cosa già proposta.

Jumpy  @  22/09/2011 16:50:24
   7½ / 10
Un film ermetico e difficile, si presta a più chiavi di lettura, molto viene lasciato all'intuizione dello spettatore.
Va seguito con una certa attenzione, il che non è sempre facile, dati alcuni passaggi abbastanza pesanti.
Il tutto è condotto con un tatto ed una sensibilità magistrali, credo questa sia la forza del film.
Nonostante a Venezia si sia beccato qualche fischio, a me è piaciuto e mi ha fatto piacere che abbia vinto il premio Osella per la sceneggiatura ;)

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  06/09/2011 23:53:00
   4½ / 10
Lo spunto era davvero molto interessante, ma il risultato finisce per essere più pretenzioso che invitante. Forse non era la serata giusta, ma non ho fatto altro che rimpiangere il compianto kieslowsky. La regia, antitetica alle convenzioni e vagamente metafisica, non riesce a tramutare il risultato in qualcosa di meno velleitario

2 risposte al commento
Ultima risposta 16/09/2011 23.03.43
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#ops - l'evento1938 diversi7 sconosciuti a el royalea private wara voce alta - la forza della parolaachille taralloalmost nothing - cern: la scoperta del futuroalpha - un'amicizia forte come la vitaanatomia del miracoloangel faceanimali fantastici: i crimini di grindelwaldarrivederci saigona-x-l: un'amicizia extraordinariabaffo & biscotto - missione spazialeberniniblack tideblackkklansmanbogside storybohemian rhapsodyboxe capitale
 NEW
calcutta - tutti in piedichesil beach - il segreto di una nottecoldplay: a head full of dreamscolette (2018)conta su di me (2018)conversazione su tiresia. di e con andrea camilleri
 NEW
conversazioni atomichecosa fai a capodanno?country for old men
 NEW
dinosaurs (2018)disobediencedog dayse' nata una stella (2018)euforiafriedkin uncut - un diavolo di registafuoricampoghostland - la casa delle bambolegirlgotti - un vero padrino americanoguarda in alto
 HOT
halloweenhell fest
 NEW
hepta. sette stadi d'amorehunter killer - caccia negli abissii spit on your grave: deja vui villaniil banchiere anarchicoil bene mioil castello di vetroil complicato mondo di nathalieil destino degli uominiil grinch (2018)il mistero della casa del tempoil presidente (2018)il primo uomo (2018)il ragazzo piu' felice del mondoil salutoil sindaco - italian politics 4 dummies
 NEW
il testimone invisibileil verdetto - the children actil vizio della speranzaimagine (2018)in guerrain viaggio con adeleisabellejohnny english colpisce ancorajust charlie - diventa chi seiklimt & schiele - eros e psichela banda grossila casa dei librila diseducazione di cameron postla donna dello scrittore
 NEW
la donna elettricala fuitina sbagliatala morte legalela prima pietrala profezia dell’armadillola scuola seralela strada dei samounil'albero dei frutti selvaticil'ape maia - le olimpiadi di mielel'apparizionele ereditierele ninfee di monet: un incantesimo di acqua e lucelo schiaccianoci e i quattro regnilola + jeremy
 NEW
lontano da quilook away
 NEW
l'uomo che rubo' banksyl'uomo che uccise don chisciotte
 NEW
macchine mortalimalerbamandymenocchiomichelangelo - infinitomillennium - quello che non uccideminicuccioli - le quattro stagionimio figliomiraimorto tra una settimana... o ti ridiamo i soldimuseo - folle rapina a città del messiconessuno come noi
 T
new york academy - freedancenon ci resta che vincerenon dimenticarmi - don't forget menon e' vero ma ci credonotti magicheoltre la nebbia - il mistero di rainer merzopera senza autoreotzi e il mistero del tempoovunque proteggimipapa francesco - un uomo di parolapiazza vittoriopiccoli brividi 2 - i fantasmi di halloweenpupazzi senza gloriaquasi nemici - l'importante e' avere ragionered land (rosso istria)red zone - 22 miglia di fuocorenzo piano: l'architetto della lucericchi di fantasiaride (2018)robin hood - l'origine della leggendaroma (2018)santiago, italiasaremo giovani e bellissimise son rosesearchingseguimisei ancora qui - i still see yousembra mio figliosenza lasciare traccia (2018)separati ma non tropposick for toysslaughterhouse rulezsmallfoot - il mio amico delle nevisogno di una notte di mezza eta'soldadostyxsulla mia pelle (2018)sulle sue spallesummer (leto)suspiria (2018)terror take awaythe barge peoplethe domesticsthe equalizer 2 - senza perdonothe islethe little strangerthe milk system - la verita' sull'industria del lattethe nun - la vocazione del malethe other side of the windthe predatorthe reunionthe wife - vivere nell'ombrathis is maneskinti presento sofiatouch me nottre voltitroppa graziatutti in pieditutti lo sannoun affare di famiglia (2018)un amore così grandeun figlio all'improvvisoun giorno all'improvvisoun nemico che ti vuole beneun peuple et son roi
 NEW
un piccolo favoreuna storia senza nomeuno di famigliaup&down - un film normaleupgradevenom (2018)widows: eredita' criminalezanna bianca (2018)zen sul ghiaccio sottilezombie contro zombie - one cut of the dead

981847 commenti su 40516 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net