anatomia di una caduta regia di Justine Triet Francia 2023
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

anatomia di una caduta (2023)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

Dove puoi vederlo?

locandina del film ANATOMIA DI UNA CADUTA

Titolo Originale: ANATOMIE D'UNE CHUTE

RegiaJustine Triet

InterpretiSandra Hüller, Milo Machado-Graner, Swann Arlaud, Saadia Bentaïeb, Jehnny Beth, Samuel Theis, Antoine Reinartz, Camille Rutherford, Anne Rotger, Sophie Fillières

Durata: h 2.31
NazionalitàFrancia 2023
Generedrammatico
Al cinema nell'Ottobre 2023

•  Altri film di Justine Triet

Trama del film Anatomia di una caduta

Sandra, Samuel e il loro figlio non vedente Daniel hanno vissuto in una remota località di montagna nell'ultimo anno. Quando Samuel viene trovato morto fuori casa, viene avviata un'indagine per morte in circostanze sospette. Nell'incertezza, Sandra viene incriminata: è stato suicidio o omicidio? Un anno dopo Daniel assiste al processo di sua madre, una vera e propria dissezione della relazione dei suoi genitori...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,18 / 10 (19 voti)7,18Grafico
Miglior film stranieroMiglior sceneggiatura (Justine Triet, Arthur Harari)
VINCITORE DI 2 PREMI GOLDEN GLOBE:
Miglior film straniero, Miglior sceneggiatura (Justine Triet, Arthur Harari)
Palma d'oro
VINCITORE DI 1 PREMIO AL FESTIVAL DI CANNES:
Palma d'oro
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Anatomia di una caduta, 19 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

antoeboli  @  23/02/2024 19:55:53
   4 / 10
Avevo aspettative altissime per questo film , vista la mole di premi e nomine in giro per il globo. Purtroppo Aduc è un film che mi ha semplicemente annoiato.
Una puntata di law and order infarcita di due ore e mezza di spiegoni, schelketri nell armadio dei protagonist, e un finale di una banalità assurda.
Mi aspettavo almeno qualche conclusione assurda, e invece nulla, titoli di coda e chi si è visto si è visto!
Regia solida e le ottime performance della Huller e figlio non bastano per me a sollevare un piattume che raramente mi è capitato di vedere.

TheLegend  @  20/02/2024 11:59:37
   7 / 10
Buon film ben interpretato e con alcuni aspetti interessanti, altri meno.
Da Palma D'oro? Non credo.

BigHatLogan91  @  18/02/2024 12:57:16
   7½ / 10
Ben scritto e molto ben interpretato. Forse solo un po' troppo lungo.

matt_995  @  16/02/2024 19:44:45
   8½ / 10
Parte come Blu Notte di Lucarelli, si conclude come la versione thriller (se non addirittura horror) di Marriage Story.
In mezzo c'è un dramma bellissimo, forse appesantito da momenti di troppo (in entrambe le parti) ma che non riescono ad affossare la riuscita del film. Sandra Huller (dopo lo stranissimo Toni Erdmann) crea un altro personaggio ambiguo, glaciale e solo all'apparenza passivo e distaccato ma che tassello dopo tassello viene delineato per quello che è (o che non è, a seconda dei punti di vista): una personalità prevaricatrice ed aggressiva, che in maniera sottile e sotto pelle, riesce a divorare la volontà di chi le sta accanto. O forse no. Forse questa è solo la versione del marito frustrato e depresso (e dell'avvocato d'accusa). è questa la grandezza del film, a parer mio: il raccontare tutto e il raccontare niente, il giudicare un personaggio e poi smentirsi poco dopo, senza dare una vera soluzione, un vero punto di vista oggettivo. Perchè la vita (e la coppia meno che mai) non può essere oggettiva e l'interpretazione oggettiva della realtà è pressoché impossibile.

Chapeau alla Triet che scrive un film sulla "caduta" della coppia, proprio in coppia col marito sceneggiatore. Chapeau alla Huller (specie per la citatissima scena del confronto registrato, da applausi) ma chapeau anche al piccolo Daniel e al meraviglioso cane, attore di grandissima statura.

Setter57  @  14/02/2024 22:36:12
   6 / 10
L'idea di base è abbastanza originale: mischiare un dramma familiare con una vicenda giudiziaria (relativa ad una morte fin da subito sospetta).

La realizzazione è invece abbastanza noiosa, lunga e poco avvincente (sia per la parte "poliziesca", che per il drammone familiare).
E neppure il "sonoro" e la fotografia spiccano per qualità ed originalità.

Va visto unicamente perché una Palma d'oro bisogna nessariamente guardarla (quantomeno per curiosità e per capire come va il mondo).
Se non fosse stato per questo, se ne
sarebbe potuto tranquillamente fare a meno .


P.S. La versione da me vista (in un canale TV a pagamento) era in italiano, ma non presentava sottotitoli: ciò può essere un problema per molti, considerato che diverse fasi del processo sono in lingua inglese (oltre ad una lunga ed importantissima singola scena).

Goldust  @  12/02/2024 17:24:27
   7½ / 10
A partire da un evento delittuoso usato come una sorta di specchietto per le allodole, il film è una radiografia fredda e spietata di un rapporto di coppia ormai deteriorato, orchestrata attraverso una efficace parte processuale e filtrata attraverso le sensazioni e gli stati d'animo di un bambino non vedente, figlio della coppia. La visione è tutt'altro che una passeggiata, la pellicola è lunga ed il dibattimento è condotto sia in inglese che il francese, con un utilizzo di conseguenza denso dei dialoghi. Ma ma la tenuta drammatica è di alto livello ed arrivare in fondo alla storia è veramente appagante. Poi sul finale

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Estonia  @  09/02/2024 23:18:04
   7½ / 10
Rapporto deteriorato tra due coniugi il cui figlio vive con ansia liti e incomprensioni. Quando il marito muore cadendo dalla finestra (omicidio o suicidio?) la vita della donna viene scandagliata con scrupolosa spietatezza. L'atmosfera processuale resa pesante da mille dubbi sulla verità dei fatti è descritta efficacemente. Dramma teso e rigoroso.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Satyr  @  02/02/2024 09:30:16
   7½ / 10
La caduta fisica della vittima, quella metaforica della coppia. Piaciuto tantissimo, un film splendido, con una protagonista (Sandra Hüller) che catalizza tutta l'attenzione grazie a quella valanga di ambiguità che esplode in ogni primo piano.
Il climax con la registrazione vocale dentro l'aula di tribunale è una sequenza che vale da sola il prezzo del biglietto. Da lì in poi il film poteva durare tranquillamente una mezz'oretta di meno, ma va bene così. Ha vinto molti premi, conta cinque nomination agli oscar, tutto meritatissimo.

stratoZ  @  23/01/2024 14:42:10
   8 / 10
ATTENZIONE POSSIBILI SPOILER

Mi accodo al parere della critica, o comunque quello dell'opinione cinefila riguardante questo film, lo trovo ottimo, magari non un capolavoro ma sicuramente un film di alto livello che utilizza il pretesto giudiziario per indagare a fondo in un rapporto di coppia saturo e stanco, che procedeva a stenti, il film nella sua indagine alla ricerca di indizi, prove e dettagli toglie gradualmente i veli dell'apparenza nel rapporto matrimoniale lasciando scoperte quelle che erano le incomprensioni e le estreme conseguenze di esse.

In seguito alla caduta dalla finestra e conseguente morte del marito, Sandra si ritroverà in tribunale a difendersi dall'accusa di omicidio, dato che al momento della morte non vi erano testimoni e lei era l'unica persona in casa, che però a detta sua stava dormendo, da qui si svolgerà questa inchiesta che porterà al processo, nel quale verranno a galla tante verità e problematiche del rapporto tra Sandra e suo marito.

La sensazione che mi ha dato il film è quella di narrare un amore ormai finito, nascosto sotto un velo di convenzionalità, un matrimonio che andava avanti per inerzia, con Sandra, ormai colpevole di tradimento - solo due volte, con la stessa donna, a detta sua, ma la verità non la sappiamo - e il marito frustrato e oramai disperato per le poche opportunità di scrivere che gli vengono concesse, complice anche il tempo che deve dedicare al figlio per aiutarlo a studiare, a causa del fatto che è ipovedente per un incidente avvenuto anni prima di cui Samuel si sente colpevole, ecco che nel film subentra prepotentemente quel senso di colpa dilaniante, amplificato anche dai comportamenti di Sandra nei suoi confronti, che inizialmente esplicitamente, poi inconsciamente lo considera responsabile dell'incidente accaduto al bambino.

L'altro elemento che mina il rapporto tra i due coniugi è l'invidia, con la non realizzazione di Samuel che pulsa prepotentemente nella sua mente e questa idea inizialmente concepita da lui poi usata da Sandra in un suo libro, con il conseguente rinfaccio quando la situazione si scalda, si nota come nelle liti che vengono mostrate dalla registrazione, probabilmente i racconti più attendibili perché non narrati da un personaggio, vi è questo accanimento nei confronti della coniuge, che nasconde un rancore di fondo fomentato dall'invidia e dalla non realizzazione professionale.

Poi vi è il piccolo Daniel, il figlioletto di 11 anni che all'oscuro delle dinamiche familiari deve assistere al processo in cui viene per prassi di ricostruzione svelato tutto, un bambino che vede la sua vita crollare improvvisamente, a cui vengono a mancare tutte le certezze che alla fine dovrà fare i conti con la scelta definitiva, da qui, mi viene l'interrogativo del film, ma Daniel crede davvero la madre sia innocente? Oppure ha scelto di crederci per non perdere anche lei? La forza del film sta anche in questo, non rimane il dubbio di innocenza o colpevolezza solo allo spettatore, rimane in realtà a tutti, anche se probabilmente quello di Daniel è quello che conta di più.

Nelle sue due ore e mezza di durata lo ritengo un film che nonostante i ritmi dilatati scorre bene, fatto prettamente di dialoghi e primi piani, con uno stile abbastanza basico che alterna inquadrature più formali e ricercate a quadri in movimento sporcati appositamente per ricercare un effetto realistico, curiosi sono gli impalli utilizzati nell'aula di tribunale come se i personaggi si volessero nascondere perché imbarazzati dalla condizione che stanno narrando o perché in fondo vorrebbero non raccontare la vicenda e ovviamente la scena del primo interrogatorio di Daniel, con quel punto di vista che cambia continuamente in base a chi pone la domanda, se l'accusa o la difesa è da manuale, recitato divinamente, la Huller l'ho trovata straordinaria nel suo personaggio così incastrato nelle dinamiche legali e matrimoniali, il bambino pure, ha recitato bene anche il cane, figuriamoci.

E comunque, nei giorni successivi alla visione del film non riuscivo a smettere di ascoltare lo strumentale di 50 Cent.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  03/01/2024 21:50:34
   7 / 10
Non ho mai apprezzato la Triet nei suoi precedenti film. Non penso che lo farò nemmeno con questo Anatomia di una caduta, pur essendo un deciso passo avanti per la regista che si serve di una situazione semplice (incidente? omicidio? suicidio?) per analizzare non tanto la caduta di un corpo quanto l'anatomia di una coppia che sta vivendo il suo personale inferno. Una coppia ormai dalla relazione finita ed arrivata nel momento dei rancori reciproci. Ciò che è pubblico nell'aula del tribunale è il riverbero di quello che accade ovviamente nel privato, dove non viene tralasciato nulla. Però tutto rimane su un piano soggettivo o di supposizioni da una parte o dall'altra. Non c'è nulla di oggettivo in Anatomia di una caduta, solo un gran numero di ipotesi che tali rimangono e che nessuna testimonianza, a favore o contro riuscirà a stabilire se Sandra ha ucciso o istigato al suicidio un marito frustrato nelle sue velleità letterarie, al contrario di lei, scrittrice di buon successo. Oppure Samuel ha avuto un semplice incidente o scelto deliberatamente il suicidio perchè non reggeva più il peso del suo fallimento professionale.
Fino alla fine non saremo in grado di giudicare o avere la netta impressione che Sandra sia una vittima o un carnefice. Le stesse parole nell'udienze del tribunale sono messe in discussione, estratte a caso dal contesto più volte per portare acqua al mulino di accusa e difesa. Sicuramente la Triet ha imboccato una certa maturità con questo film invece dei suoi precedenti ed inconcludenti lavori precedenti (Victoria e Sybil). Anatomia di una caduta ha una linearità quasi spietata e mantiene una bravissima Holler su un quadro di assoluta amnbivalenza. C'è sempre tensione e viene mantenuta anche in frangenti che ritengo risondanti. Mi riferisco a quando vengono lette le citazioni dei libri di Sandra in tribunale. Francamente un passaggio inutile che non aggiunge nulla a quanto visto finoa quel momento. Ho visto palme d'oro migliori di questa, ma eravamo in Francia ed i francesi quando giocano in casa fanno di tutto per vincere, se hanno in concorso un buon film come questo.

Phenomeno  @  23/12/2023 13:16:09
   7½ / 10
Sandra Huller, attrice nell'attrice, inafferrabile, incanta lo spettatore che, come i personaggi del film, rimane nel dubbio se crederle o meno. Girato in modo meticoloso, realistico, documentaristico, il film diventa a tratti quasi estenuante perdendosi un po' troppo nella parte "facile" processuale, mentre avrebbe potuto e dovuto dare maggiore spazio alla relazione tra i coniugi per andare a scavare ancora più in profondità nell'animo umano, per approfondire le ragioni di un matrimonio finito, le invidie, le frustrazioni, la rabbia, la depressione dell'uno, la solitudine, stanchezza, la mancanza di sopportazione, la pazienza che sta per terminare dell'altra.

VincVega  @  03/12/2023 14:00:12
   7 / 10
Pellicola riuscita tra dramma e legal movie, capace di appassionare e coinvolgere lo spettatore nelle due ore e mezza di durata, nonostante la lentezza della narrazione. In tutto ciò le cose migliori che vengono fuori sono la caratterizzazione della protagonista e la grande interpretazione di Sandra Hüller. Però a fine visione, pur apprezzando il risultato finale, non riesco ad esaltare il film della Triet, troppo asettico, freddo e distaccato.

Gruppo STAFF, Moderatore Jellybelly  @  27/11/2023 11:40:04
   7½ / 10
Gran bel dramma giudiziario, forse un po' troppo verboso (ha mezz'ora di troppo, come la stragrande maggiorparte dei film attuali, purtroppo) ma appassionante nel suo utilizzare l'espediente del giallo per scandagliare gli abissi dell'animo umano e dei rapporti di coppia, soprattutto quando sono colpiti da un dolore enorme. Il film probabilmente non sarebbe riuscito nel suo ambizioso intento se non avesse avuto un'attrice pazzesca come Sandra Hüller. Ma la menzione d'onore va all'attore che interpreta il figlio, anche lui strepitoso: e non era semplice, visto che la regia indugia tantissimo sui primi piani dei suoi protagonisti. Insomma bravi tutti, dai.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR ferro84  @  18/11/2023 08:00:03
   3 / 10
Lento, verboso, noiosissimo film da festival che grazie ad un dialogo benfatto nella parte centrale del film vorrebbe ergersi a pellicola di spessore.
Troppo lungo, il legal movie telefonato e non avvincente, silenzi buttati lì per darsi un tono, in 150 minuti di agonia


Purtroppo funziona poco, a partire dall'algida protagonista che non riesce mai a trasmettere un minimo di trasporto.
Si salva solo l interpretazione del bambino

Una martellata sugli zebedei

2 risposte al commento
Ultima risposta 19/02/2024 22.23.23
Visualizza / Rispondi al commento
clemtaf  @  13/11/2023 00:44:54
   9½ / 10
Ottimo film, ruvido, scartavetra una famiglia, una coppia. Sandra Huller da Oscar.

Invia una mail all'autore del commento cupido78  @  07/11/2023 13:51:23
   8 / 10
c'è bisogno di una rivoluzione nei rapporti umani, specie quelli di coppia. Le frustrazioni personali, la competitività, i traumi familiari e privati, la genitorialità sono trattate in un crime che si muove fra lo chalet e l'aula di tribunale. Ho pensato di colpo al caso Franzoni, ma per carità lo stato del cinema italiano non è in grado di partorire film come questo. Attori perfetti hanno fatto un lavoro di intreccio delicatissimo sostenuti da una sceneggiatura pazzesca. Il finale magnifico, profondamente umano.

Thorondir  @  06/11/2023 14:14:58
   8 / 10
Dietro il giallo del film della Triet c'è la progressiva fine di un matrimonio, una delle grandi crisi della borghesia occidentale già sviscerata in moltissimi film degli ultimi anni. E però, se il tema potrebbe sembrare inflazionato, è la capacità della Triet di renderlo cinematograficamente interessante che non è scontato: nel ritmo della pellicola, nella descrizione dei personaggi, nei rapporti interpersonali volutamente tracciati con ambiguità viene costruito un film di accumulazioni, di flashback improvvisi me incastonati ottimamente nel fluire del film, di trovate riuscite (splendida la sequenza del "doppiaggio" del figlio sulle parole del padre in flashback, un modo intelligente di rendere la memoria acustica in mancanza di quella visiva). E sebbene il film duri due ore e mezza e si prenda lunghi momenti dialogici, il ritmo è quello di un giallo che vola via e che riesce nell'intento tutt'altro che banale di non spiegarci i personaggi, di non mostrarceli veramente, di abbozzarli in tutta la loro ambiguità, nelle loro fragilità represse. Ne risultano quadri irrisolti, funzionali alla narrazione. Un film ottimamente costruito, girato con uno stile volutamente "basic" a tallonare volti e mosse dei personaggi e recitato da attori perfettamente in parte (su tutti, Sandra Huller).

7219415  @  29/10/2023 17:15:22
   7½ / 10
Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  29/10/2023 02:34:18
   8 / 10
La crisi coniugale era stata affrontata con altri risultati diciamo enfatizzanti da cineasti nordici come Von Trier e Ostlung cfr. facile pensare alle tensioni di Forza Maggiore se non altro per lo stesso habitat - le montagne - in comune. Ma senza scomodare Bergman diciamo che questa Palma a Cannes poteva essere ancora più rilevante se fosse meno Francese. Film minuzioso e manicheo fino a rasentare la freddezza, girato con un aplomb apparentemente privo di emotività e con sequenze di processo che possono apparire estenuanti e verbose. Ma in realtà è un grande film perché non da nulla per scontato, nemmeno alla fine. Perché racconta una protagonista, Giulia - fantastica la Huller - che non si dimostra una buona moglie o una buona madre, in definitiva nella lunga requisitoria è irrilevante che sia colpevole o innocente perché è difficile parteggiare per lei. La Caduta del film, quella che ferma la vita dell'irrequieto Samuel alle prese con i morsi di coscienza per l'incidente del figlio è una sconvolgente requisitoria dove viene raccontata ogni debolezza della vita dei due coniugi, dove la Legge non si ferma a nulla sfruttando le testimonianze del ragazzino fino alla scoperta della Verità sempre che possa apparire tale. Ho detto anche troppo ma questo ragazzino maturo e non vedente che aggira il cinismo di giudici avvocati e assistenti sociali pretendendo di essere sempre presente e testimoniare anche sapendo che sarà un pesante trauma per lui beh lui sì si fa amare incondizionatamente dallo spettatore. Credo che se le cose fossero andate diversamente, un ragazzino così sveglio e precoce l'avrei volentieri adottato. Il film della Triet segue peraltro un binario inconsueto - straordinario il file mostrato al Processo alla faccia del garantismo presunto sulla Privacy - che se fosse lordato di un contesto meno altezzoso e formale avrebbe guadagnato un punto in più. Parlare di Capolavoro mi pare eccessivo, ma resta un eccellente esempio di radiografia -anatomia o chirurgia - della morte coniugale

1 risposta al commento
Ultima risposta 07/11/2023 13.38.20
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

20.000 specie di api50 km all'oraa dire il veroadagioall soulsamerican fictionappuntamento a land’s endaquaman e il regno perdutoarfargylle - la super spiabang bank
 NEW
bob marley: one lovebuon natale da candy cane lanechi ha rapito jerry cala’?chi segna vince
 NEW
city hunter: the movie - angel dustcolpo di fortunacome puo' uno scogliocover story - vent'anni di vanity fairdeserto particulardieci minutidivinitydobbiamo stare vicinielf me
 NEW
emma e il giaguaro neroeneaferrarifinalmente l'albafinestkindfoglie al ventogenoa. comunque e ovunquegiorni felicigodzilla minus onehazbin hotel - stagione 1how to have sexi soliti idioti 3 - il ritornoi tre moschettieri - miladyil colore viola (2023)il confine verdeil fantasma di canterville (2024)il faraone, il selvaggio e la principessail maestro giardiniereil male non esiste (2023)il migliore dei mondiil mondo dietro di teil punto di rugiadail ragazzo e l’aironeimprovvisamente a natale mi sposo
 NEW
in the land of saints and sinnerskriptonla chiocciolala natura dell'amorela petitela quercia e i suoi abitanti
 NEW
la zona d'interessel'anima in pacele avventure del piccolo nicolas
 NEW
le seduzionimadame web
 NEW
martedi' e venerdi'maschile pluralemay decembermean girls (2024)mr. & mrs. smith - stagione 1napoleon (2023)
 NEW
night swimno activity - niente da segnalareno way up (2024)one lifepare parecchio parigipast livesperfect daysperipheric lovepigiama party! carolina e nunù alla grande festa dello zecchino d'oro
 R
povere creature!prendi il voloprima danza, poi pensa - alla ricerca di beckettpuffin rock - il filmrebel moon - parte 1: figlia del fuocored roomsrenaissance: a film by beyoncericomincio da me (2023)robot dreamsromeo e' giulietta (2024)runnersansone e margot - due cuccioli all'operasantocielosilver e il libro dei sognisound of freedom - il canto della liberta'succede anche nelle migliori famigliesuncoastte l'avevo dettothe beekeeper
 NEW
the cage - nella gabbiathe family planthe holdovers - lezioni di vitathe miracle clubthe piper (2023)the warrior - the iron clawtrue detective - stagione 4tutti a parte mio marito - it's raining mentutti tranne teuna bugia per dueupon entry - l'arrivoviaggio in giappone
 NEW
volarewishwonder: white birdwonkayannick - la rivincita dello spettatore

1047862 commenti su 50425 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

ALIENATEAMERICAN NIGHTMARE - MINISERIE TVAPOCALISSE DI GHIACCIOBADLAND HUNTERSCALIFANOCAUSA DI DIVORZIOERADICATIONFREE FALL - CADUTA LIBERAGLI AMICI DELLE VACANZEGLI AMICI DELLE VACANZE 2IL DEMONE NEROIL SENTIERO DELLA VENDETTAIL TESORO DELLE 4 CORONEJUJUTSU KAISEN 0 - IL FILMLA BATTAGLIA DI HANSANLA FESSURALA LEGGENDA DI LONE RANGERLA ROSA DELL'ISTRIAL'AMORE ARRIVA DOLCEMENTEMALIZIOSAMENTENAGAOCCHIO NERO OCCHIO BIONDO OCCHIO FELINO…ONCE UPON A CRIMEPOUPELLE DELLA CITTA' DEI CAMINISEGUI IL TUO CUORESHERLOCK HOLMES - SCANDALO IN BOEMIASHUT IN (2022)SUFFERING BIBLETAURUSTERRA BRUCIATA (1953)UNA RETE DI BUGIE (2023)ZOMBIE 100 - CENTO COSE DA FARE PRIMA DI NON-MORIRE

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net