barbie regia di Greta Gerwig USA, Canada 2023
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

barbie (2023)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

Dove puoi vederlo?

locandina del film BARBIE

Titolo Originale: BARBIE

RegiaGreta Gerwig

InterpretiMargot Robbie, Ryan Gosling, America Ferrera, Will Ferrell, Ariana Greenblatt, Helen Mirren, Issa Rae, Simu Liu, Alexandra Shipp, Michael Cera, Emma Mackey, Kate McKinnon, Emerald Fennell, Ncuti Gatwa, Kingsley Ben-Adir, Scott Evans, Connor Swindells, Jamie Demetriou, Hari Nef, Nicola Coughlan, Dua Lipa, Sharon Rooney, Ana Kayne, Ritu Arya, Rhea Perlman, Luke Mullen, Marisa Abela, John Cena

Durata: h 1.54
NazionalitàUSA, Canada 2023
Generecommedia
Al cinema nel Luglio 2023

•  Altri film di Greta Gerwig

Trama del film Barbie

Vivere a Barbie Land significa essere perfetti in un luogo perfetto. A meno che tu non stia attraversando una crisi esistenziale. Oppure tu sia un Ken.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   5,43 / 10 (37 voti)5,43Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Barbie, 37 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Freddy Krueger  @  19/11/2023 12:23:08
   6½ / 10
Spinto dalla curiosità, ho visto Barbie: mi aspettavo un film kitsch, buffo, nonsense e da come leggevo, femminista.
La trama è più seria del previsto, ma anche un po' raffazzonata. Ci sta la lezioncina politca, canzonatoria. Ma avrei puntato più sull'umorismo e ridotto il numero dei personaggi... perché sono troppi. Mille Ken, mille Barbie, e poi l'adolescente con la mamma, il CEO, il Presidente, la creatrice Ruth, insomma mancava solo Elon Musk, Putin, Bezos e Zuckerberg.
Mi è piaciuto ma mi sono anche un po' stancato, per i motivi detti sopra. Lodevole comunque tutta la preparazione scenografica, la scelta degli attori (metà provenienti da Sex Education!), il comparto sonoro e spettacolare la canzone di Ken.

clemtaf  @  12/11/2023 13:22:57
   5½ / 10
Buone le intenzioni, confusa la realizzazione. La bellissima prima scena con citazione lascia immaginare un proseguito all'altezza, ma nella seconda parte il film diventa un pasticcio.

TheLegend  @  03/11/2023 17:25:25
   4 / 10
Tanto rumore per nulla.

Ch.Chaplin  @  19/10/2023 21:32:44
   7 / 10
Film che, che ci piaccia o no, segnerà un'epoca. Non lo riguarderei, ma è certamente curato nei dettagli. Chi si lamenta della sua semplicità evidentemente non ha capito che è voluta proprio per poter arrivare al maggior numero di persone (maschi) possibile. E, da maschio etero che potrebbe tranquillamente bearsi del proprio status "privilegiato" non posso che rallegrarmene.

1 risposta al commento
Ultima risposta 20/10/2023 09.49.43
Visualizza / Rispondi al commento
Kyo_Kusanagi  @  12/10/2023 17:39:51
   6½ / 10
Commedia all'apparenza scemotta, simpatica e fresca. Margot Robbie la Barbie perfetta! Ho adorato il Ken di Ryan Gosling dal quale nascono i migliori momenti divertenti, sprecato invece Will Ferrell e francamente inutile il suo personaggio così come tutta la parte nel palazzone Mattel. Tanti riferimenti al mondo Barbie e diversi camei simpatici

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER. Prima parte scoppiettante tra canzoni, coreografie e presentazione del mondo fantasy di Barbieland, poi diventa più serio andando a parare sul messaggio tutto femminista che il film vuole lanciare e su riflessioni sul mondo attuale con concetti di patriarcato e di emancipazione femminile. Film visto il successo sarà destinato a diventare un cult o cmq un film dal quale trarre tante citazioni...non escludo un sequel con Ken protagonista

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  11/10/2023 16:51:26
   6½ / 10
Il film di Greta Gerwig mi ha sorpreso ma non sono sicuro se in positivo o negativo. Certamente non è quello che mi aspettavo, una specie di fumetto infarcito di canzoni e buoni sentimenti per i piu' piccoli.

E invece... i piccoli dopo un'oretta spengono la televisione perche il film comincia a lanciare messaggi adulti sull'emancipazione femminile e sul tema del genere.

In effetti dopo aver visitato il mondo di Barbie per 20 minuti il rindondare di alcune scene stava stancando. Con il passaggio alla nostra epoca qualcosa cambia e la storia assume una fisionomia ben chiara. Si vuole capire il motivo perche le donne abbiano cosi poco spazio nel "nostro" mondo rispetto a quello dell'universo Barbie.

Alcune trovate funzionano, altre molto meno. Sembra quasi un'occasione mancata e la causa è proprio il ricercare continuo di una risposta a quella domanda. Il mondo va' cosi e basta, è sbagliato? perche?

Visto il successo commerciale mi aspetto al piu' presto un sequel.
P.S. Margot Robbie è la Barbie perfetta del cinema non c'è che dire.

kastalya  @  01/10/2023 19:47:32
   1 / 10
Film davvero brutto ...fino ad essere quasi fastidioso!
Arrivare alla fine è stata una tortura.

Fa riflettere sui nostri tempi.... il fatto che sia un film da record d'incassi...

cort  @  27/09/2023 20:21:41
   6 / 10
Trama e messaggio confusi in questo film pieno di bellisime barbie e ken(attori bravi). Salvo solo le canzoni coerografate e qualche scena simpatica e ben pensata.

Kronostorm  @  20/09/2023 23:00:44
   4 / 10
Ho visto Barbie. Sì, l'ho fatto. Quando sono uscito dalla sala non ero incazzato, però. Non ero neanche nauseato. Non provavo repulsione, afflizione, scoramento. Nulla di tutto questo. Ero svuotato. Di solito dopo ogni spettacolo ho sempre qualche commento da fare a caldo. In questo caso, ne è uscito un commento lapidario e asciutto: "Tante risorse impiegate male". In quel momento è uscito di getto, ma sentivo che, in realtà, dentro di me ribollivano strati e strati di pensieri che dovevano aspettare la quiete dopo la tempesta, per sedimentarsi a dovere.

Al terzo tentativo ci sono riuscito. Niente overbooking stavolta: dopo tre settimane, evidentemente la maggior parte del gregge era già rientrata all'ovile.
Quindi mi sono mischiato ad alcuni esserini vestiti di tutte le tonalità di rosa e fucsia possibili, mi sono seduto in sala e ho visto quel benedetto film che ha fatto letteralmente impazzire questo mondo allo sbaraglio.
L'ho visto perché ho imparato che, nel bene e nel male, se vuoi parlare di qualcosa lo devi prima conoscere personalmente. Dovevo vederlo per farmi la mia idea sul fenomeno dell'anno.
Mi sono pure sforzato di essere imparziale, perché ero pur sempre seduto in sala e stavo pagando per uno spettacolo. Quindi mi sono detto: "Bene Barbie, a noi due. Se sei meno mer*a di quanto mi aspetto, mi lascerò stupire dal tuo mare di confetti rosa. Dacci dentro."

Purtroppo però, Barbie ha estratto una mitragliatrice gatling rovente e mi ha scaricato addosso una serie infinta di confetti dum-dum che mi hanno crivellato selvaggiamente per oltre due ore. Ma andiamo per gradi.
Siccome so già che arriveranno i social justice warrior, l'anonima cinefili, gli esteti della mer*a e tutto il resto dell'armata brancaleone, parto dalla qualità del film come contenuto di intrattenimento.
E poi passiamo al sugo vero e proprio.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

1 risposta al commento
Ultima risposta 26/09/2023 13.21.29
Visualizza / Rispondi al commento
ValeGo  @  20/09/2023 17:45:33
   5½ / 10
La prima parte del film è molto carina e ben fatta, la seconda parte invece si perde e diventa una storia assurda e poco originale. Averi preferito una cosa tipo Monster & ci con maggiore dettagli sui vari tipi di barbie e su come le barbie entrano ed escono dal mondo reale quotidianamente.
Per fortuna i protagonisti sono fortissimi altrimenti sarebbe stato un flop. Peccato.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  19/09/2023 16:19:45
   5 / 10
Barbie è l'omologazione fatta prodotto. I riferimenti cinematografici, dalla creazione della famosissima bambola fino ad oggi, è pieno di riferimenti alla Barbie, oggetto del desiderio maschile e modello per quello femminile. In tempi recenti anche il Don't worry darling ha più di un riferimento, come La fabbrica delle mogli degli anni 70. Ora, vedere il logo Mattel vicino a quello della Warner un campanello d'allarme me lo ha fatto scattare. Tutto questo pippone femminista ed anticapitalista mi è sembrato vero come una moneta di tre euro. Tecnicamente il film presenta delle scenografie grandiose, Margot Robbie fisicamente sembra nata per il ruolo e Ryan Gosling è sicuramente una nota positiva per un film diverso dalle sue corde. Un mondo sgargiante e patinato, ma finto ed artificioso come i suoi propositi. Forse perchè sono diffidente di natura.

maxi82  @  16/09/2023 22:18:40
   5 / 10
Il film parte bene,ma mi aspettavo un altro tipo di svolgimento;e tutto perfetto per la grafica e anche i protagonisti perfetti nella parte,ma l'andamento e veramente insulso,una noia mortale

steocx  @  16/09/2023 20:34:37
   4 / 10
Insulso e banale film classico americano ideato per i lobotomizzati di questo triste, e speriamo passeggero, momento di povertà intellettuale e di ideali.

Jumpy  @  16/09/2023 19:23:32
   3 / 10
1 per le scenografie, davvero belle, curate e ricche di particolari giocattolosi e plasticosi, 1 per Margot Robbie e 1 per Ryan Gosling, attori davvero di alto livello che mi meraviglio si siano prestati a questa imbarazzante baracconata.
Partirebbe anche bene, presentando tutto questo mondo fantastico di colori rosa e fluo...

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
inizia poi una lunga, ma lunga

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Si scivola ancora più in basso...

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Infine...

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Non ho trovato il film brutto in modo assoluto, anzi, magari qualche idea è anche divertente, ma per tematiche che propone l'ho trovato fuori tempo massimo, superficiale, estremamente semplicistico (nonostante non sia, dichiaratamente, un film per bambini (in USA è PG-13...), distaccato dalla società contemporanea che vorrebbe rappresentare.
Avrebbe avuto senso, come già notato da altri, fino a 40-50 anni fa. Ritengo, ad esempio,che la stessa trama, la stessa evoluzione del personaggio, avrebbe avuto tutt'altro risalto se calata nella società americana degli anni '60 (pensate poi a quali spunti se ne sarebbero ricavato per ambientazione ed impatto visivo...).

EerieShadow11  @  16/09/2023 19:19:13
   10 / 10
Capolavoro fantasioso e immacolato, quasi una trasposizione del mito sumero della discesa di Inanna. In messaggio complesso e acuto sulla societa' contemporanea. Interpretazioni fenomenali e coreografie azzeccate. Imperdibile.

Lucone  @  16/09/2023 18:31:59
   2½ / 10
Un atto di propaganda politica e niente di più.
Insopportabile!! Una Margot Robbie mediocre e teleguidata.

BigHatLogan91  @  14/09/2023 17:42:26
   4½ / 10
Si salva la scenografia e qualche parte musical. Tutto il resto è da buttare.

Mauro@Lanari  @  14/09/2023 00:15:57
   4½ / 10
Non lo so e non m'interessa saperlo: forse i primi modelli di Barbie saranno stati progettati secondo ideali maschilisti, poi però la Mattel ha proseguito coi sondaggi di mercato e n'è venuta fuori Barbieland, un matriarcato con Ken quale accessorio. Se nel film lui si ribella importando dalla realtà il patriarcato, una Barbie ormai emancipata propone d'oltrepassare il distopico dualismo con l'autodeterminazione: vale a dire? Come per Pinocchio, dismettere il ruolo di bambole o burattini e decidere da sé il proprio destino? Qualcosa del tipo "diventa ciò che sei dop'averlo scoperto?" Per fortuna Dick non era ingenuo quanto Collodi e ci lascia col dubbio che Deckard sia a sua volta un replicante. La Scolastica distingueva un "ens a se", l'aseità dell'autogenerazione eterna, da un "ens ab alio", l'abalietà di qualunque entità cosmica creata o procreata, comunque sia la cui indole è stata decisa da altro/-i. C'è chi conosce anche un solo esempio di "causa sui", e comunque questo sarebbe sufficiente a garantirne la bontà valoriale? Non hanno provato a realizzarsi pure tutt'i despoti e i tiranni? Gerwig e il compagno pensano di cavarsela con una visita ginecologica: buffonata. Incapaci d'ammettere i loro limiti, non hanno saputo accontentarsi d'una divertente parodia di "2001", "The Matrix" (la scelta fra i due tipi di scarpe), "The Truman Show", "Forrest Gump", "Singin' in the Rain", "Grease", "Orgoglio e pregiudizio". Allora preferisco i Meat Puppets o i circa 5 minuti e 18 secondi d'Howard Greenhalgh quando quasi 3 decenni fa, nel giugno del 1994, diresse il video di "Black Hole Sun" dei Soundgarden (https://www.youtube.com/watch?v=3mbBbFH9fAg) contr'ogni forma d'alienazione.

davmus  @  11/09/2023 12:20:30
   5 / 10
Parte bene, personalmente ho trovato emozionanti i momenti che descrivono l'abbandono delle Barbie da parte delle bimbe che crescono...poi però il film decade in lunghissime scene, che seppur avendo argomenti validi, diventano lunghe, noiose ed eccessivamente ripetitive

Febrisio  @  08/09/2023 20:02:04
   7½ / 10
Mette le basi per un dibattito. Più che mettere le basi, getta un po di benzina sul fuoco e il gioco è fatto. Però Barbieland è fantastica. Da notare come alla fine Barbie per realizzarsi

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Da guardare perchè è divertente e ben realizzato. Non tutto ciò che viene detto merita delle riflessioni, però ha il pregio di alzare una discussione dopo il film con il vicino di poltroncina. Mi ricorda un po' Idiocrazy, ove l'argomento però non divide gli spettatori, ma li mette tutti da una parte. Ecco qui no.

federicoM  @  04/09/2023 21:34:55
   7 / 10
Si tratta di una enorme campagna publicitaria, sulle orme di film come Lego Movie, e si sapeva.
Detto questo mi sono divertito molto nel vederlo. Nel finale si perde un pò troppo con un sacco di tematiche impegnate, oramai diventate parte della sceneggiatura standard di qualsiasi film di intrattenimento.
Lo fa in maniera efficace o è solo marketing?
Una cosa la dice: nel mondo di Barbie, dove vige il matriarcato, i ken lavorando sodo otterranno il 10% dei diritti e dello spazio delle donne del mondo reale.

1 risposta al commento
Ultima risposta 04/09/2023 21.52.00
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento Aliena  @  29/08/2023 20:22:27
   7 / 10
È un film su Barbie la bambola didascalia e carina per antonomasia stessi aggettivi che descrivono il film.
L'incipit citazione di 2001 odissea nello spazio delle bambole è di pregevole fattura, non solo per l'omaggio cinematografico ma proprio per il significato che questa bambola ha avuto nella storia.
Ho apprezzato molto Ken, paradossalmente il meno completo e quindi più umano e perciò relazionabile.

Gruppo STAFF, Moderatore Jellybelly  @  22/08/2023 13:06:24
   7½ / 10
Quando ho letto che due rispettabilissimi autori come Greta Gerwig e Noah Baumbach avrebbero scritto e diretto un film di Barbie pensavo si fossero fumati il cervello, o che la Mattel li avesse ubriacati di soldi al punto da fargli perdere la dignità tipo calciatori in Arabia Saudita.

E invece questo film mi ha incredibilmente sorpreso: Gerwig & Baumbach (entrambi sceneggiatori ma la sola Gerwig in regia) hanno preso un soggetto che potenzialmente poteva essere disastroso e ne hanno fatto una commedia molt divertente (praticamente tutte le scene con Ken sono da antologia, con Gosling all'interpretazione della vita - altro che BR2049) ma che si presta a molteplici layer di lettura.

Per una volta, poi, la riflessione sull'emancipazione femminile, sul patriarcato e sul ruolo dell adonna sono trattati in modo paradossalmente maturo e sincero: niente forzature tipo Biancaneve che nel nuovo live action non deve essere salvata dal principe ma deve diventare "the leader she knows she can be", qualunque cosa significhi, ma semplicemente un raccon to di relazioni in cui Ken a Barbieland viene dato per scontato e trattato con sufficienza e disinteresse, proprio come le donne nel mondo esterno in cui difatti i ruoli si invertono. Ma quando Barbie rimette le cose a posto non crea comunque una società più equa per i Ken: gli dice che se si impegna potrà avere il 10% di ciò che le donne hanno fuori. E' piuttosto amara come constatazione, in un contesto così colorato, ma terribilmente centrato: il continuo ribaltamento di ruoli e l'innata simpatia che suscitano sia Barbie che Ken non ce ne fa accorgere fino in fondo, ma Barbie racconta molto di più delle relazioni uomo-donna di quanto non sembri ad un primo sguardo.

Insomma una commedia intelligentissima, che ovviamente ha qualche difetto e non è un capolavoro ma che si inserisce nel solco autoriale tracciato quasi 10 anni fa da The Lego Movie e che divide le cose originali dalle markette senz'anima. Vedo anche dai commenti qui sotto che ha polarizzato molto e fatto incazzare un sacco di gente (perlopiù uomini, noto, dimostrando di aver in fondo colpito 2 o 3 nervi scoperti), ma proprio per questo ancora più valida e assolutamente meritevole di essere vista senza pregiudizi. Anche solo per farsi 2 risate senza prendersi troppo sul serio.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Enzo001  @  15/08/2023 23:33:48
   1 / 10
Evindenziare le differenze le sottolinea. Inutilmente.

matt_995  @  10/08/2023 19:02:08
   7 / 10
Mi aspettavo di più, non tanto per la campagna marketing spropositata che ci ha assillato negli ultimi mesi, quanto per l'idea di vedere due paladini del cinema indie americano (Gerwig e il compagno e cosceneggiatore Baumbach) che si cimentano in un film così commerciale, trasformandolo di fatto in autoriale.
Tralasciando le ideologie e i poveri maschi che si sentono offesi e intimoriti da un film, Barbie soffre di una seconda parte poco brillante e molto prolissa e verbosa. Da un certo punto in poi il film diventa un susseguirsi indefinito di monologhi (anche abbastanza piatti) sul femminismo e sull'essere donna oggi. Mi stanno bene i film ideologici, per carità, è pur sempre lo sguardo dell'autore a parlare. Ma non mi sta bene veder passare tali concetti in maniera così verbosa e poco cinematografica, con tante parole e poche immagini. La prima parte, in effetti geniale e riuscitissima, riesce a trasporre determinati concetti in immagini, scene, azioni e dialoghi. La seconda parte no... Ed è un vero peccato. La stessa società dei Ken, il Kengdom, appare banale e incapace di graffiare sul serio (viene semplicemente rappresentata con gli uomini intenti a fare baldoria e le Barbie che fanno da cameriere), così come il concetto finale (interessantissimo e che avrebbe potuto mettere a tacere i maschilisti che si sentono offesi) per cui anche le Barbie, inizialmente, avevano una società matriarcale che di fatto opprimeva gli uomini, passa invece inosservato con tante parole dette e pochi fatti rappresentati in scena.
Alzo comunque il voto di mezzo punto per la prima metà davvero ottima e brillante (da Oscar alla sceneggiatura secondo me) ma resta un'occasione sprecata. N.B. ho sempre visto i film della Gerwig a cinema e mi hanno lasciato indifferente. Li ho poi recuperati in TV e li ho adorati entrambi, rivalutandoli parecchio. Succederà anche con Barbie?

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR carsit  @  10/08/2023 17:03:26
   5 / 10
Quando un film deve sottostare a una montagna di compromessi, non può che uscire un risultato come questo.
Robbie e Gosling si impegnano e restano in parte per tutta la durata del film, garantendo professionalità e appoggio alla causa.
Anche la ricostruzione di Barbieland - e in generale i primi 15 minuti a tratteggiare questa dimensione - sono l'aspetto migliore del film, il quale incomincia a perdere quota nel momento in cui subentrano gli spauracchi "patriarcato" e "parità di genere".
Una storia dovrebbe essere costruita ed esposta in maniera autonoma rispetto al messaggio; invece oggi, per paura del fraintendimento, viene posto il messaggio al centro, e tutto il resto a orbitare attorno (un infausto esempio di quanto dico è rappresentato dall'irricevibile monologo della Ferrera, un vero e proprio comizio che mette in pausa il film e costringe lo spettatore all'ascolto).
L'onestà del progetto viene ulteriormente minata dall'incessante martellamento del merchandising di Barbie - nuovi accessori da vendere o revival di oggettistica vecchia - e l'incuria sulla scelta del target, tra soluzioni narrative demenziali (forse potabili da un pubblico minore) e dialoghi/temi non adatti ai bambini.
Progetto vincente dal punto di vista del marketing e del botteghino, quindi un istant-cult dei nostri tempi.
E al contempo, aggiungo io, il vasto apprezzamento di questo film deve essere una spia d'allarme per i tempi che corrono: qua siamo nel marketing camuffato da cinema, con delle tematiche "progressiste" per conferire velleità autoriali.

Gruppo COLLABORATORI atticus  @  07/08/2023 17:17:05
   6 / 10
Torno a commentare dopo tanti anni, non perché il film in questione meriti chissà quale analisi, piuttosto perché il successo di pubblico è tale che due domande tocca farsele, e io me le sono fatte.
Mi sono chiesto perché la Warner Bros e la Mattel abbiano assoldato due nomi cult del cinema indie americano per quella che doveva essere ed è un'operina assolutamente commerciale, e mi sono chiesto fino a che punto i due abbiano avuto libertà espressiva, dal momento che il film è indubbiamente pretenzioso nel porsi come importante ed imponente riflessione culturale e sociologica.
Le risposte sono scontate, probabilmente perché viviamo in un'epoca scontata, così come è scontato il film. Che è colorato, danzerino, buffo, moderatamente divertente e tratta il suo pubblico come un idiota che ha bisogno che ogni cosa gli venga spiegata tre volte, sempre a parole e mai con i fatti.
Corto circuito tra parola e azione che equivale alla morte del cinema a parte, direi anche che l'accostamento tra la bambola più famosa del mondo e l'incubo del patriarcato sia una bella idea di fondo. Peccato che la legge del marketing abbia mozzato quella che poteva essere una bella pagina di cinema indipendente. E, rimanendo all'abc della scrittura, ogni forma di antagonismo è puramente causale (vedasi il pietoso personaggio di Ferrell e compagnia).
Su tutto si staglia la presenza scenica carismatica e radiosa di Margot Robbie, attrice sempre più amabile; Gosling gioca la carta dell'autoironia ma a me è parso come sempre ingessato e mai a suo agio.
Volente o nolente, è un film che segnerà questi anni.

2 risposte al commento
Ultima risposta 10/08/2023 23.25.22
Visualizza / Rispondi al commento
neverhood  @  03/08/2023 23:34:17
   2 / 10
Film godibile per i primi 20 minuti...poi tutto diventa noia e pistolotti espliciti su femminismo e società patriarcale veramente fuori luogo e tempo. Credo uno dei peggiori film degli ultimi anni, inspiegabilmente osannato "anche" da alcuna critica. Imbarazzante.

goophex  @  30/07/2023 23:27:32
   3 / 10
Ricapitolando: Barbie nasce negli anni 60 come la massima espressione della donna stereotipata, bella ed esteticamente perfetta ma rilegata ad un ruolo di donna superficiale, oggetto. Col tempo, sopratutto negli ultimi anni, la Mattel ha dovuto ricalibrare questa figura sfornando una miriade di Barbie non più belle e perfette ma intelligenti, diversamente abili, di varie razze e impegnate in ogni tipo di professione e lavoro. Tutto bello, tutto bene, tutto giusto, ispirare le bambine di oggi ad essere di più che belle e superficiali è un'idea "nobile".
Poi nel 2023 arriva Greta Gerwig che in modo subdolo e forzato ci vuole far credere che il mondo, quantomeno quello occidentale, sia ancora maschilista, governato dal patriarcato e quindi ci sforna questo film pieno di banali stereotipi che non fanno altro che essere la contraddizione continua tra quelli femminili e maschili.
La cosa davvero patetica di questo enorme baraccone commerciale e trovare recensioni e critiche esaltate e commenti di spettatori estasiati come se avessero visto chissà quale capolavoro.
Un film pretenzioso che forse avrebbe potuto avere un senso se proiettato negli anni 70/80 e che oggi risulta ridicolo.
Se si pensa che negli Stati Uniti è vietato ai minori di 12 anni fa capire come il film che si camuffa da commedia in realtà si prenda molto sul serio dando l'inevitabile conferma di che tempi patetici e tristi stiamo vivendo in termini di valori, comunicazione e cultura.
Il cinema purtroppo non è esente da questo becero politically correct che ormai intacca ogni forma d'espressione, anzi, ormai ne è la massima espressione e la regista Greta Gerwig si rivela davvero una degna e pietosa rappresentante di questo pensiero ipocrita e di comodo oltre che una esasperata ed anacronistica femminista.

daaani  @  29/07/2023 23:53:53
   8 / 10
Film molto divertente, attori strepitosi, trama intelligente

Manticora  @  27/07/2023 14:21:54
   6½ / 10
Quasi non male, mezzo punto percentuale in più per la performance di Ryan Gosling che nel finale surclassa tutti, anche come cantante. Per il resto gli aspetti positivi sono gli attori, Margot domina su tutti, Michael Cera ha un piccolo ruolo ma funziona, Will Farrel fà Will Farrell... poi Ryan Gosling è un ottimo Ken, così come Simu Liu è un ottimo Ken. La narrazione per stereotipi, l'idea della vita finta delle bambole che fanno FINTA di lavarsi, bere, mangiare e guidare e si salutano sempre e la Barbie non poggia mai le piante dei piedi, è sempre sorridente, in forma, senza smagliature e non piange ma poi va in crisi ha un suo perchè. La regista Greta centra il bersaglio anche se poi annacqua il tutto quando preme troppo l'accelleratore sul mondo reale versus mondo delle bambole, con il patriarcato, i cavalli e il femminismo finale. Tutto buono e giusto ma un pò troppo costruito, soprattutto perchè al netto della narrazione e del girl power i Ken fanno un pò compassione e soprattutto alla fine la regista americana si rifugia nello stereotipo trito e ovvio che una bambola diventa un essere umano, ovvero la storia di Pinocchio...benedetta gioventù!
La sceneggiatura visto la capreria del pubblico semplifica, anche se ogni tanto fà riflettere sul patriarcato, uguaglianza e ribaltamento dei ruoli. Ovviamente il film è un ode del capitalismo, che fa finta di criticare il capitalismo ma invece ovviamente è diventato prevedibilmente un successo annunciato. La Mattel ringrazia, la Warner ha trovato il prossimo franchise e i bambini sono contenti, benvenuti sul pianeta dell'omologazione più rosa che si può.

Sidda  @  25/07/2023 19:05:15
   10 / 10
Meraviglioso e attualissimo. L'applauso in sala piu' che meritato.

1 risposta al commento
Ultima risposta 14/08/2023 09.15.35
Visualizza / Rispondi al commento
BlueBlaster  @  24/07/2023 14:47:22
   6 / 10
Quanto hype inutile!

Cinema esaurito con ragazzine, ed anche ragazzini, stracarichi tutti vestiti di rosa...un pò di imbarazzo c'è stato ma forse avrebbero dovuto averlo più loro visti i temi trattati tutt'altro che frivoli!
Citazioni sparse un pò a tutto e tutti (si inizia addirittura con "2001 - Odissea nello spazio" e credo che nel cinema sapevamo in pochi riconoscerla purtroppo) ed ovviamente molto fan service.

Fortunatamente nella prima metà il film è gustoso e non fa mancare risate ma poi prende strade addirittura trascendentali e nella sala è calato il silenzio!
Una pellicola molto metaforica, molto moralista e molto femminista...ci può anche stare ma bisogna ricordarsi di non esagerare mentre Greta Gerwig abbonda e dimentica che probabilmente la sala avrà una età media di 15-16 anni.
Il film è ben realizzato ed ha anche una buona colonna sonora (però le parti musical se le potevano risparmiare a mio gusto) mentre i protagonisti svolgono degnamente il loro lavoro.
Barbie nacque con propositi nobili ma finì per esasperare gli stereotipi femminili...questo film cerca di spiegarlo e riportare le cose al proprio posto.

La sufficienza gliela do soprattutto grazie alla bravura e all'ironia di Ryan Gosling che è una spanna sopra a tutti sotto tutti i punti di vista (anche se Will Ferrell non scherza).
Consigliato? NI.....direi che si possono risparmiare i soldi del biglietto ed aspettare l'uscita sulle piattaforme.
Se avete una bambina che vuole andare a vederlo non fatelo.

Wilding  @  23/07/2023 14:29:08
   3½ / 10
Tre Sale su Cinque occupate da "questa cosa" stupidissima, film non programmati e soffocati da "Barbie", spettacolino adatto allo stesso pubblico under cui si rivolge la bambola protagonista. Canzoni e balli, risatine e scemenze varie in un cocktail mescolato alla meglio. Pessimo.

4 risposte al commento
Ultima risposta 06/09/2023 13.10.44
Visualizza / Rispondi al commento
looking-glass  @  23/07/2023 11:43:18
   5 / 10
La grande promozione creata intorno al film era davvero ben fatta, anche i vari trailer facevano sperare bene soprattutto perchè i protagonisti principali, Ryan Gosling e Margot Robbie, sono una garanzia vista la filmografia che hanno alle spalle. La regista invece per ora non mi aveva mai fatto gridare al miracolo con i suoi precedenti film. Purtroppo in Barbie viene messa troppa carne al fuco, troppi generi mescolati: commedia, drammatico-sentimentale, musical e molto altro. Spesso veramente scene tipo quella della svolta musical secondo me inserite cosi senza senso quasi a caso. Bravi gli attori, bellissime le scenografie, super la fotografia patinata ma ne esce fuori davvero un pasticcio. Il film peggiora soprattutto nella seconda parte e alla fine non si capisce neanche davvero a che pubblico sia destinato se per ragazzi o adulti e quale dei tanti messaggi volesse trasmettere. Peccato visto il soggetto pop è stata sprecata un'occasione.

stratoZ  @  21/07/2023 13:18:14
   5 / 10
ATTENZIONE POSSIBILI SPOILER

Greta Gerwig presenta: Barbie didascalismo ridondante.

Lo stato d'animo che più mi si addiceva all'uscita dal cinema: amareggiato. Si parecchio amareggiato perché Barbie aveva delle discrete carte in tavola e tutte le buone intenzioni per essere una valida commedia satirica e invece per colpa di uno stile eccessivamente verboso e appunto didascalico al limite della sopportazione fa perdere totalmente la qualità artistica dell'opera. Il processo è chiaro, Greta Gerwig abbandona lo stile indipendente e sussurrato del buon "Lady bird" sua precedente opera e per lanciare il messaggio ad un pubblico più ampio possibile realizza un film che mette in chiaro ogni singola sequenza con dei dialoghi cinematograficamente superflui. C'è da dire che lo scopo per come concepito è perfettamente riuscito, il messaggio è lanciato, l'opera artistica però ne risente.

Barbie parte subito di quarta, con uno stile postmoderno zeppo di citazionismo, alla ricerca di memorabilità, riferimenti culturali contemporanei, e soprattutto una discreta ironia dissacrante nei confronti sia dei soggetti sia delle istituzioni.
Col suo stile colorato e caricaturale Barbie dipinge un mondo macchiato dal fardello del patriarcato, attenzione non si parla solo di quello reale in quanto anche il mondo delle barbie è già influenzato da un patriarcato che le vuole perfette, felici e senza mezzo difetto.
E la critica funzionerebbe pure, sia l'inizio, sia la parte centrale di avventura nel mondo reale, sia il ritorno nel mondo di Barbie in cui viene attaccato l'ego maschile - la sequenza dei Ken che suonano la chitarra in spiaggia per farsi guardare dalle Barbie è splendida, rovinata soltanto da un voice over di Barbie che dice "Dobbiamo colpirli nel loro ego" - guarda che lo aveva capito chiunque, a che serve sottolinearlo? -

E questo episodio si può applicare per tutto il film, ogni volta che c'è mezza sequenza con un lieve sottotesto deve arrivare il dialogo e lo spiegone a sottolineare, ricalcare e far notare allo spettatore che "hey guarda che questa scena vuol dire questo, hey hey hey nel caso te lo fossi perso stiamo attaccando gli standard di bellezza irrealistici e le aspettative irrealizzabili che la società patriarcale proietta sulle donne" .

Ed è un peccato, un peccato perché concettualmente è un film che condivido, è anche un film che in qualche sequenza mi ha anche fatto sentire dei rimorsi per qualche comportamento simil maschilista - volontario o meno - che ho applicato in passato.

E anche in ambito humor, qualche chicca carina ci sarebbe, soprattutto viene sfruttato bene il conflitto che crea l'ingenuità di Barbie e Ken nei confronti del mondo reale dopo aver vissuto una vita perfetta a Barbieland,

Non mi dilungo molto sugli aspetti visivi perché c'è poco da dire, abbastanza poca roba registicamente - e ce credo che deve dire la regia quando dicono tutto i dialoghi? - poi per il resto: tutto rosa come dovrebbe essere e le canzoni e le coreografie le ho trovate abbastanza meh, accettabili solo in quanto anch'esse sono considerabili nella parodia.

PS: la citazione a 2001 è quella palese, ma in cuor mio mi piace pensare che la Gerwig abbia voluto anche citare "To be or not to be" di Lubitsch pochi momenti dopo. "ciao barbie" "ciao barbie" "ciao barbie" "ciao barbie" "ciao barbie" "ciao barbie" "ciao barbie" "ciao barbie" "ciao barbie"

Infine mi dispiace abbiano eliminato le scene di John Cena dal montaggio finale del film anche se risulta comunque accreditato.

Weamar  @  21/07/2023 09:01:01
   8 / 10
Ieri sera sono andato a vedere "Barbie", e ci sono andato più per curiosità che non per vero interesse, nonostante conoscessi molto bene la regista e lo sceneggiatore (che nella loro carriera in ascesa, non ne hanno sbagliata una).

In una sala stracolma di gente, la cosa divertente è stato assistere a ragazzi e uomini che, trascinati lì dai loro partner, avevano nel loro sguardo un profondo senso di disagio. Prima dell'inizio del film, la sala era ghermita di frasi come: "Guarda che film mi ha portato a vedere!", "Gli amici miei mi prenderanno per il **** a vita!". E ancora: "Lo faccio solo perché ti amo!".

Non me ne stupisco. Siamo tutti vittime di un sistema patriarcalista.

L'intelligenza di Greta Gerwig è stata proprio qui. Anticipare queste reazioni, e nei primi 5 minuti di film smonta e gioca con queste prevedibili reazioni, rimettendo tutti al proprio posto.

Il film è stato una bomba, e ora capisco perché molti preannunciano una sua possibile candidatura agli Oscar.

Barbie gioca con i più drammatici e noti pregiudizi. Analizza tossiche tematiche sociali che, nel nostro retaggio culturale maschilista e patriarcalista, si sono ormai normalizzate. Li mostra e li smonta a suon di cliché e monologhi degni di nota. Il film di Barbie, dietro il suo rosa, è un insegnamento e un tentativo di far guardare oltre la semplice banalità.
Va detto che non tutte le tematiche vengono affrontate con lo stesso spessore, e forse una piccola critica è proprio qui: less is (often) more.

Un film estremamente intelligente, che merita assolutamente la visione.
Vi assicuro che la vostra mascolinità non ne verrà intaccata. Anzi, forse due domande riuscirete pure a farvele.

Dopotutto: "I'm a man without power. Does that make me a woman?"

2 risposte al commento
Ultima risposta 14/08/2023 09.20.45
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

a' la recherchea passo d'uomoamazing - fabio de luigi - stagione 1anatomia di una cadutaancora volano le farfalleappendagearkie e la magia delle luciassassinio a veneziaasteroid cityballerina (2023)bersaglio d'amorecallas - parigi, 1958
 NEW
casanova operapop - il filmcassandroc'e' ancora domanicento domenichecimitero vivente - le originicinque stanzeclub zerocomandante (2023)
 NEW
con la grazia di un diodark harvest
 NEW
diabolik chi sei?do not disturb (2023)doggy styledogman (2023)
 NEW
doppia coppiadoppio passodream scenario - hai mai sognato quest'uomo?enzo jannacci vengo anch'iofair play (2023)felicita'fisherman's friendsfive nights at freddy'sflora and sonfoto di famigliagood vibesgorgonagran turismo - la storia di un sogno impossibileheartless - senza cuoreholiday
 NEW
home education - le regole del malehunger games - la ballata dell'usignolo e del serpente
 NEW
i limoni d'invernoi mercen4ri - expendablesil caftano bluil canto del pavoneil castello invisibile
 NEW
il cielo bruciail confine verdeil convegnoil faraone, il selvaggio e la principessail grande carroil lato oscuro della luz del mundoil libro delle soluzioniil meglio di teil migliore dei mondiil mio amico tempestail mio grosso grasso matrimonio greco 3il paese dei jeans in agosto
 NEW
il paese del melodrammail pi¨ bel secolo della mia vitail terrorista nella testain fila per duein the fireinfinitiio capitanojoika - a un passo dal sognokillers of the flower moonla caduta della casa degli usher - miniseriela chimerala festa del ritornola fortuna e' in un altro biscotto
 NEW
la guerra dei nonnila guerra del tiburtino iiila moglie di tchaikovskyla seconda chancela sediala verita' secondo maureen k.l'altra vial'esorcista: il credentel'imprevedibile viaggio di harold fryl'invenzione della nevelubol'ultima luna di settembrel'ultima volta che siamo stati bambinimafia mammamamma qui comando iomary e lo spirito di mezzanotteme contro te: il film - vacanze in transilvaniami fanno male i capellimimi' - il principe delle tenebremisericordiamurnapoleon (2023)nata per tenessuno ti salvera'non credo in nientenormalenyad - oltre l'oceanoold dadspain hustlers - il business del dolore
 NEW
palazzina lafpasolini. cronologia di un delitto politicopatagoniapaw patrol - il super filmpetites - la vita che vorrei... per tephobiapovere creature!quiz ladyreptileretributionriabbracciare parigirustinsaw xsick of myself
 NEW
silent night - il silenzio della vendettaslotherhouseslysoldato petersorella mortestrange way of lifesuitable fleshtalk to me (2022)thanksgiving (2023)the burial ľ il caso o 'keefethe creator
 NEW
the holdovers - lezioni di vitathe killer (2023)the marvelsthe new toythe nun 2the old oakthe palacethe pigeon tunnel - ritratto di john le carre'
 NEW
the piper (2023)titinatotally killertrenque lauquentrolls 3 - tutti insieme
 NEW
un anno difficileun weekend particolareuna sterminata domenicauomini da marciapiedevolevo un figlio maschioyuku e il fiore dell'himalaya

1044963 commenti su 50075 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

ART SQUAD: GLI ARTISTI DEL FURTOASSASSINEL CUCOIL NUOVO SPIRITO DEL NATALEIN GUARDIA!INFRANTOLA VERITA' INVENTATA - A THOUSAND LINESLA VERITA' SU MIA MADREMIRANDA'S VICTIMNEXT SOHEEOOP SAGASI SALVI CHI PUO'!SINFONIA EROTICASPIN ME ROUND - FAMMI GIRARETHE ESTATETHE WALK - LA STRADA DELLA LIBERTA'THIS IS MY LANDů HEBRONTRA LE BRACCIA SBAGLIATEUN PIANO DIABOLICOUN PRINCIPE INASPETTATO

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net