chiamami salome' regia di Claudio Sestieri Italia 2005
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

chiamami salome' (2005)

 Trailer Trailer CHIAMAMI SALOME'

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film CHIAMAMI SALOME'

Titolo Originale: CHIAMAMI SALOME'

RegiaClaudio Sestieri

InterpretiErnesto Mahieux, Carolina Felline, Elio Germano, Caterina Vertova, Gilberto Idonea

Durata: h 1.35
NazionalitàItalia 2005
Generedrammatico
Al cinema nel Maggio 2008

•  Altri film di Claudio Sestieri

•  Link al sito di CHIAMAMI SALOME'

Trama del film Chiamami salome'

Un boss napoletano, per impressionare alcuni capi mafia americani, organizza una festa all'interno di una fabbrica abbandonata. Nel corso della serata, la bella figliastra del malvivente chiede in dono la testa di un ragazzo rapito anni prima e a cui il boss si è affezionato come a un figlio.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   4,25 / 10 (2 voti)4,25Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Chiamami salome', 2 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Tuonato  @  07/09/2009 18:26:37
   1½ / 10
Per la struttura del film inutile aggiungere parole all'ottimo commento di gerardo, che dice praticamente tutto.
Cambia in sostanza il voto però. L'impostazione teatrale pretenderebbe un'attenzione maggiore della scenografia e della fotografia. Per non parlare della recitazione, pessima, si salva solo Elio Germano.
Indegno. Uno dei film più brutti che abbia mai visto.

Gruppo COLLABORATORI gerardo  @  28/05/2008 00:27:59
   7 / 10
Il film di Sestieri traspone cinematograficamente, attualizzandola, la Salomè di Oscar Wilde. La scena si sposta dalla Galilea pre-cristiana all’ambiente camorristico contemporaneo, nel quale Erode è un boss malavitoso e Giovanni un giovane rapito tempo prima e prigioniero di Erode.
Questa attualizzazione, che rimanda - per la ricontestualizzazione mafiosa - a quella del Romeo e Giulietta di Baz Luhrman, trasferisce gli elementi anarcoidi, arbitrari e sanguinari del potere (nel caso specifico quello imperiale romano dell’Erode di Wilde) nella figura del boss camorrista, una figura che – considerando il contesto sociale e culturale su cui si fonda l’organizzazione criminale – può meglio riprodurre, in una società attuale, quei codici espressivi caratteristici del fare dispotico.
La struttura del film, però, resta d’impostazione teatrale ed è in questo che, pur evidenziando notevoli pregi scenici, trova i suoi maggiori limiti.

Erode sta dando una festa per alcuni uomini dell’organizzazione criminale giunti dall’America. La scena si svolge all’interno di un vecchio capannone nel quale è stata allestita una sorta di discoteca/night club in cui si esibiscono delle danzatrici (e) prostitute davanti a un pubblico di invitati.
Erodiade, nuova moglie di Erode e sua ex-cognata, vive con la coscienza sporca del sangue del suo primo marito, il fratello di Erode, da cui ha avuto una figlia, Salomè. La sua coscienza è tormentata costantemente dagli strali minacciosi di Giovanni, un ragazzo rapito tempo addietro da Erode e tenuto segregato in un vecchio furgone semidemolito.
Erode è attratto morbosamente dalla giovane figliastra/nipote, che lo disprezza. La ragazza, però, colpita dalle continue invettive del "profeta", si innamora di Giovanni e tenta invano di baciarlo, di possederlo.
Carolina Felline è una moderna Salomè, un’adolescente capricciosa e furba, ancora acerba nel corpo (sì, insomma, Carolina non è più un’adolescente da un bel po’, ma le sue fattezze ne rievocano proprio la non piena maturità), ma pronta a e capace di esaltare tutta la propria sensualità nella danza ("dei sette veli") che Erode le ha insistentemente chiesto di interpretare, così da raggiungere il suo scopo (coincidente, per certi versi, con quello di sua madre Erodiade).

"Era una voce"

Giovanni/Elio Germano, seminudo e con barba e capelli lunghi, un po’ rasta, appare poco, solo nella prima parte, nel confronto con Salomè. Però la sua voce continua lancinante e potente ad attraversare il film, fuori campo, e la coscienza sporca di Erodiade. Erode, suggestionato costantemente dalla luna, che rappresenta la donna e la femminilità, e da un immaginario vento gelido che scaturisce dalle ali del grande uccello nero della morte (ancora una volta eros e thanatos intrecciati), teme le profezie di Giovanni. Il suo timore è tale da non volerlo uccidere, da implorare Salomè di sciogliere il patto col quale la ragazza chiede la testa del giovane prigioniero. Ma un boss che voglia essere rispettabile mantiene sempre la parola.

La componente teatrale è fondamentale e la recitazione ne asseconda i caratteri.
Ernesto Mahieux si conferma grande interprete nel ruolo mitico di Erode: pur essendo un boss camorristico – quindi un personaggio ben delineato storicamente e sociologicamente -, l’Erode di Mahieux, riproducendo canoni e codici espressivi del potere, si situa nello spazio mitico fuori da tempo e storia, mentre Elio Germano è ottimo nella sua apparente oscura follia profetica e accusatoria.

Carolina/Salomè è straordinaria femme fatale, delicata e perfida, innocente e sensuale. La sua recitazione, enfatizzata nell’aspetto teatrale, si stempera con la profondità cangiante dei suoi occhi, coi quali più frequentemente si esprime.
Un po’ più defilata e sotto tono è l’Erodiade di Caterina Vertova, il cui ruolo, semmai, diventa quasi didascalico nello spiegare come il fascino del potere l’abbia inizialmente conquistata e avvinta per poi rivelarsi vacuo e insignificante.

Le belle scenografie kitsch/barocche (per la scena centrale della festa) e fatiscenti/minimaliste (per il “retro” oscuro della prigionia) di Antonello Geleng e Mario Fontana rendono perfettamente il clima orgiastico decadente che avvolge la parabola di Erode e della sua famiglia peccaminosa; scene esaltate anche dall’ottima fotografia di Marco Onorato.

I limiti del film, come detto inizialmente, risiedono proprio nella sua struttura teatrale: da una parte ne risente la recitazione (alcune battute che risulterebbero efficaci a teatro, appaiono un po’ forzate nella trasposizione filmica), dall’altro la scelta di usare, in alcune scene, la macchina a spalla non sembra essere motivata da esigenze narrative “naturalistiche”, tanto più che l’impostazione teatrale del film, enfatizzata dalla scenografia e dalla ristrettezza scenica, richiederebbe probabilmente una maggiore resa estetica e formale, così come in parte è per tutta la durata della scena della festa, in particolare della danza di Salomè o delle coreografie nella piscina.

La distribuzione pressochè inesistente non rende comunque merito al film.

1 risposta al commento
Ultima risposta 04/07/2008 00.34.19
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)after midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghieraantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandgli anni piu' belligrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnola vita nascosta - hidden lifel'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammerun sweetheart runsaint maudscherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturaspiral - l'eredita' di saw
 HOT
star wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe gentlementhe grudge (2020)the lodgethe new mutantsthe other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo toloun figlio di nome erasmusuna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivivariumvolevo nascondermiwaves

1004724 commenti su 43482 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net