crimes of the future (2022) regia di David Cronenberg Canada 2022
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

crimes of the future (2022)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film CRIMES OF THE FUTURE (2022)

Titolo Originale: CRIMES OF THE FUTURE

RegiaDavid Cronenberg

InterpretiViggo Mortensen, LÚa Seydoux, Kristen Stewart, Scott Speedman, Welket BunguÚ, Don McKellar, Tanaya Beatty, Denise Capezza, Lihi Kornowski, Nadia Litz, Yorgos Pirpassopoulos, Yorgos Karamihos, Jason Bitter, Ephie Kantza, Sozos Sotiris, Penelope Tsilika, Tassos Karahalios

Durata: h 1.47
NazionalitàCanada 2022
Generefantascienza
Al cinema nell'Agosto 2022

•  Altri film di David Cronenberg

Trama del film Crimes of the future (2022)

In un futuro non troppo distante, l'umanitÓ sta imparando ad adattarsi ad ambienti sintetici. L'evoluzione porta gli umani oltre il loro stato naturale e produce una metamorfosi, alterando il loro corredo biologico. Mentre alcuni accolgono le illimitate possibilitÓ del "transumanesimo", altri tentano di fermarlo. Ma la "sindrome da evoluzione accelerata" si diffonde rapidamente.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,06 / 10 (17 voti)7,06Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Crimes of the future (2022), 17 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Mauro@Lanari  @  24/11/2022 01:21:15
   5 / 10
Qualcosa non funziona nel rapporto mente-corpo, ma cosa? L'anatomia naturale ingabbierebbe l'identità psichica che ci attribuiamo oppure è l'idea mentale che abbiamo di noi stessi a essere angusta già di per sé? Rispondendo "ambedue l'ipotesi" s'ottiene forse la risposta maggiormente esaustiva del cinema di Cronenberg. E poi? È giusto o no provare a modificarsi sperimentando, tifare per la Metamorfosi e l'Ibrido ultimativi? La fusione uomo-macchina di Brundlefly era un'hybris ch'andav'abortita per compassione, stavolta invece il transumanesimo ecologista (i plasticofagi adattati all'inquinamento ambientale), che passa attraverso la chirurgia della body art o per la bellezza interiore in senso letterale, dà l'impressione d'essere una rivoluzione desiderata e augurabile, un'auspicata anarchia psicofisicamente politica e in quanto tale punita da una legge foucaultiana e kafkiana, un contrasto fra cosmetica ed estetica, fra chi rigetta le neoplasie asportandole e chi vuole conservarle per raggiungere una trasformazione organica definitiva, il "monstrum" come prodigiosa meraviglia e non com'orrore ripugnante. Sarà pure Giger, però non si capisce più se distopia o utopia, degenerazione o creatività, traguardo tremend'o afffascinante, disgustos'o attrattivo, repellente o salvifico. Non giovano alla fruizione l'algido distacco del regista, che s'autodefinisce sempre più afferente all'arte concettuale, Burroughs o Ballard che sia, e un'opera più interessata al manifesto che alla sua manifestazione. "Last but non least", forse sarebbe stato più appropriato intitotolare il film "Crimes of the Past". "Le avanguardie si trovano spesso ad essere superate dal grosso dell'esercito" (Flaiano): durante questi decenni trascorsi ci sono state le performance d'ORLAN, piercing e tatuaggi di massa, l'interminabile saga dei cinecomic sui mutanti, la virtualizzazione dei rapporti sociali. Se il cineasta di Toronto se n'è accorto, qui che fine fanno?

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  09/10/2022 01:17:36
   7 / 10
L'inizio è folgorante, l'epilogo ancora meglio, non si discute il grandissimo impatto visivo, eppure qualcosa non mi torna. Forse davvero come direbbe qualcuno la Summa delle tematiche del cinema di Cronenberg è satura, o avrebbe urgente bisogno di Aggiornamento. Visto che gli stessi temi di decenni fa non sono però passati di moda, mi ha fatto venire in mente più la letteratura di Houllenbecq, che su un mondo informe incapace di coltivare il "piacere" ha scritto alcuni dei suoi migliori romanzi. E quindi cosa non mi torna? Non so, una truculenza troppo esposta, esibita, malgrado questo Dominio Scientifico del dolore sia tra le grandi tematiche su cui riflettere ma la tossicodipenza cyber era già in Existenz e, per altri versi, nel Pasto Nudo. Non mi sento di aggiungere altro, massimo rispetto a questo cinema e a Cronenberg, ma non credo che questo sia un capitolo determinante della sua carriera, malgrado il ritorno fin troppo celere alle sue antiche tematiche

Boromir  @  28/09/2022 01:09:57
   8 / 10
Fatti i dovuti complimenti ai responsabili del marketing, che ovviamente non hanno tardato a spingere sui lati più malati del film, vendendolo per ciò che non è (uno spargimento di sangue e mutazioni corporee lungo due ore), cosa resta di quest'ultimo lavoro di Cronenberg? Sono ormai dieci anni che il "barone del sangue" ci ha abituati alla provocazione intellettuale, più che fisica (infatti l'elemento body horror è saggiamente trattenuto), e comunque il risultato finale rimane sempre pungente. Le piccole critiche che gli si possono muovere a livello formale, causa budget ridotto, svaniscono davanti alla mood fatiscente dell'intero progetto e alla sua ricchezza di contenuti.
Un titolo astratto e concettuale, perfettamente in linea con tutto l'ultimo Cronenberg, che colpisce duro con la rappresentazione della zombificazione umana, della metastasi dell'arte, e del tentativo di recuperare l'idea di dolore quale simulacro del senso della vita. Ovviamente i mugugnii indignati non potevano che arrivare da chi si è lasciato trarre in inganno dalle manipolazioni pubblicitarie (quanto è attuale l'eco di Videodrome in tutto ciò?), aspettandosi qualcosa senza sapere cosa. Anche fosse stato un film minore, sarebbe bastato il ritorno di un genio al suo ambiente naturale.

Gruppo STAFF, Moderatore Jellybelly  @  27/09/2022 17:52:22
   5 / 10
Mi dispiace moltissimo distanziarmi dal plauso unanime ma a me questo film non è piaciuto affatto: sembra quello che farebbe uno studente dell'ultimo anno del centro sperimentale se l'insegnante gli chiedesse di girare un film alla Cronenberg.

Quello sicuramente vorrebbe strafare, e ci metterebbe dentro tutto: corpi squartati, estetica sporca e decadente, tecnologia che si fonde con la carne (tecnologia che però somiglia a giganteschi bozzoli, scheletri e vermi), metamorfosi, Viggo Mortensen e catch phrase (laddove un tempo c'era "Gloria e vita alla nuova carne" oggi c'è "La chirurgia è il nuovo sesso").

Solo che, appunto, trattandosi di lavoro cerebrale e non di cuore, rimarrebbe del tutto vuoto, stucchevole, didascalico e (auto)celebrativo senza aggiungere assolutamente nulla alla filmografia ed all'immaginario di un grande regista come Cronenberg.

Che poi vabbe', Cronenberg resta un gigante e quindi la regia del film è pazzesca, così come la fotografia e le scenografie. Strepitoso anche Viggo Mortensen, sempre incappucciato ed accucciato, mentre tutti gli altri attori sono fastidiosamente sopra le righe, Kirsten Stewart in testa. La sceneggiatura poi boh, sembra avvitata attorno alle prerogative di Cronenberg e non va davvero da nessuna parte - o non le importa, perché l'unica cosa che veramente interessa Cronenberg è fare un bignamino del suo cinema. Solito tasto dolente poi nei dialoghi, che ormai sono tutti appiattiti allo stesso modo in tutti i film un po' più pretenziosi, da Tenet in giù: una serie di frasi ad effetto che non comunicano nulla, e che messi assieme non formano un dialogo ma una serie di aforismi o espressioni slegate le une dalle altre. Spero caldamente che questa moda finisca al più presto e il cinema torni dagli sceneggiatori in grado di ricreare dialoghi credibili tra i personaggi (ridateci Aaron Sorkin e Taylor Sheridan, per favore).

Gruppo COLLABORATORI SENIOR ferro84  @  22/09/2022 09:22:58
   7½ / 10
Film potente, un ritorno di Cronenberg al grande cinema dopo alcune cadute di stile quasi inquietanti per quanto stridenti con altri film.
Visivamente fortissimo, lento ma che poi segue un percorso estremamente riflessivo provocatorio ricordando Crash.

Forse non sempre piacevolissimo o facile ma che comunque vale la pena vedere

Gruppo COLLABORATORI Harpo  @  18/09/2022 18:04:54
   8 / 10
Indubbiamente il peggior difetto di "Crimes of the future" è un didascalismo a tratti fastidioso e (forse) il mancato approfondimento di tanti temi che vengono accennati e poi lasciati perdere. Ma se il didascalismo è oggettivamente eccessivo, tutta quella carne al fuoco buttata lì da Cronenberg è probabilmente un tratto distintivo di questo piccolo miracolo. COFTF è un film che va rivisto e più che comprenderlo credo sia necessario "assorbirlo". Quel senso di vuoto che ti lascia non penso sia un difetto, quanto piuttosto una precisa scelta autoriale. Più che una nuova frontiera del cinema cronenberghiano, a me è parso un piccolo sunto di tutto ciò che lui ha proposto in oltre 50 anni di attività.
Inoltre, considerazione in calce: il fatto che un lavoro come questo riesca ad uscire nel 2022, in sala, in quello che è forse il peggior momento nella storia del cinema dalla sua nascita sarebbe già di per sé un buon motivo per festeggiare

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Evarg Nori  @  17/09/2022 18:00:06
   6½ / 10
Dopo quasi un decennio di pausa Cronenberg torna alla regia scegliendo il titolo di uno dei suoi primissimi lavori del '70,riprendendo un progetto che risaliva al 2003 dal titolo "Painkillers" e tornando a certe atmosfere dei suoi film negli anni'90("Crash" ed "Existenz" con un pizzico di "Il pasto nudo"),dal quale riprende le ambientazioni e certi effetti vecchia scuola.Le tematiche non sono nuove sia per le ossessioni del regista che per la critica sul vuoto odierno in cui anche la spettacolarizzazione cannibalica è pura routine.La storia è affascinante ma non sempre sfruttata a dovere dando al film un che di irrisolto nel suo sterminato potenziale,e se il digitale è utilizzato con parsimonia gli effetti protesici per la tecnologia visivamente non sono granchè.Sempre impeccabile la confezione ed efficaci le performance di Mortensen(quasi un Nosferatu del futuro)e della Ledoux,come di consueto di ammaliante freddezza ma non totalmente fredda.La Stewart invece per me funziona solo in parte.Adeguati i toni sempre freddi ed impassibili anche nei momenti più estremi,con la sequenza dell'autopsia del bambino trattata con una certa pudicizia che però non esclude del tuttol'orrore.Non aggiunge nulla di nuovo rispetto ai precedenti film di Cronenberg(anche sceneggiatore)che erano di ben'altro livello,e forse lo sarebbe stato anche questo se lo avessero girato a inizio '2000 ma è comunque piacevole ed apprezzabile.Il finale è degno di nota.Musiche del fedele Howard Shore.Originariamente il ruolo di Tenser era di Raplh Fiennes,dopo che Nicholas Cage si era ritirato dal progetto.

mrmassori  @  15/09/2022 20:00:59
   8½ / 10
Che dire, Cronemberg è come sempre e da sempre un genio, uno dei registi icona riconoscibili per un'etica ed un'estetica ben delineata e originale.
Questo ultimo lavoro è un'opera d'arte che fonde le proprie tematiche con intrispezioni di vario tipo e sottili prese per il **** alla pseudo "arte" performativa e concettuale spinta fino all'esasperazione. Una fusione che è resa perfetta anche dall'atmosfera retro futuristica e dagli attori pienamente calati nei propri ruoli. Mi è piaciuto tantissimo perché è come se fosse un sunto perfetto del visionario regista.

Signor Wolf  @  10/09/2022 15:54:04
   7½ / 10
un compendio di tutto cio che ha fatto Cronenberg
concettualmente disturbante ma un po' confusionario

Gruppo COLLABORATORI Mr Black  @  02/09/2022 13:54:58
   8 / 10
Film incredibile. Mi ha ricordato il mio amato Crash. Inizia lento, piano piano sviluppa tutto il suo significato.
Non per tutti, ma solo per i cultori e gli appassionati di Cronenberg.

lucasssss  @  01/09/2022 09:47:08
   4 / 10
a me non è piaciuto affatto

visti i voti mi sono tenuto largo, avrei dato a anche meno.....



Lucasssss

neverhood  @  30/08/2022 11:35:31
   8½ / 10
Cronenberg si conferma grande visionario.
Suggestioni a profusione, un'orgia di innesti di carne e tecnologia, interni ed esterni di corpi trasformati, mutilati, con un filo conduttore sempre presente sul dolore quale chiave d'accesso primaria al piacere sessuale e all'orgasmo fisico e cerebrale.
Gli effetti speciali non mi hanno particolarmente entusiasmato; un po' troppo "plasticosi", con una cgi poco convincente...ma sono dettagli a mio parere irrilevanti.

TheLegend  @  27/08/2022 23:25:35
   5½ / 10
Film in perfetto stile Cronenberg.
Non mi è arrivato.

Manticora  @  26/08/2022 16:26:26
   8 / 10
A livello concettuale quindi di oggetti il cinema alla Cronenberg verrà ricordato nella sua interezza secondo me soprattutto per la costruzione e uso degli oggetti che si ritrovano in buona parte dei suoi film, dalla pistola organica di Videodrome, alla macchina da scrivere senziente del pasto nudo, ai particolari bisturi di inseparabili, alle capsule di teletrasporto della mosca e alla pistola fatta di ossa in existenz. In crimes of the future praticamente assistiamo ad un compendio degli oggetti e dei temi del cinema del regista canadese. Potrebbe quasi essere il suo testamento legato al cinema del body horror, sicuramente non è un film banale, semplice o ripetitivo. Ancora una volta Cronenberg lascia il finale volutamente aperto, lo ha fatto anche con la promessa di un assassino e cosmopolis. Qui assistiamo ad un radicale mutamento della società e della specie umana, che vive in un mondo degradato, quasi privo di acqua potabile, cibo e beni tecnologici. Ottime le location greche, che si prestano bene a dare quel senso di desolazione e abbandono. Ma è l'evoluzione umana che ha stravolto tutto, un umanità che si è adattata a nutrirsi di plastica, che non sente più dolore, immune alle infezioni anzi oramai quasi immune perfino ai sentimenti a cosa può portare? Quale è il limite che non bisogna raggiungere e superare? Perchè superata anche l'ultima barriera cosa ci definisce ancora umani? Cronenberg fa un film di fantascienza che però parla di umanità non di robot o androidi, avvalendosi del "solito" cast all star tra cui oltre a Lea Seydoux spicca anche Kristen Stewart ed entrambi si confrontano con il suo attore simil feticcio, un Viggo Mortensen che perfino nei panni dell'artista concettuale di body art riesce ad essere credibile. Sontuosa come sempre la colonna del sempre fedele Howard Shore, insomma è Cronenberg e credo che nonostante oramai citi sempre più spesso se stesso c'è bisogno di questo cinema non scontato e banale.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  07/08/2022 11:53:30
   8 / 10
Cronenberg è un regista in continua evoluzione, non si ferma mai, anche in Crimes of the future, a mio parere sottovalutato. Un cordone ombelicale continuo nella sua filmografia, coerente nella su a potetica perchè in questo suo ultimo lavoro, ambientato in un futuro imprecisato c'è tutto il suo cinema, ricco di riferimenti al suo passato, senza essere citazioni fini a se stesse. Sono naturali evoluzione del suo stesso cineasta. Un mondo senza dolore o sofferenza fisica, involucro da aprire, sezionare e rimuovere continue escrescenze tumorali o nuovi organi dalle funzioni sconosciute, mostrate in delle performance art. Il corpo e la mente sono ormai una cosa sola e sintetizzata dalla figura stessa di Saul Tenser. La mente che concepisce ed il corpo che ne mette in moto i meccanismi. Un contesto estremamente cupo fra remiscenze di Burroughs e Ballard, fari della poetica del regista canadese. Ed una nuova carne che si evolve anch'essa, che si nutre di plastica e la digerisce. In un mondo ormai ad alto tasso tecnologico, mangiare i nostri stessi rifiuti sono parte di una nuova evoluzione della razza umana.

sottopressione  @  06/08/2022 12:59:49
   7½ / 10
Cronenberg è sempre affascinante.
Quest'ultimo film tocca tutte le tematiche care al buon David, con un ammiccamento particolare a Crash ed Existenz.

Jumpy  @  09/07/2022 23:41:54
   7½ / 10
Cronenberg sembra voler raccogliere, rimaneggiare e sintetizzare tutto il suo modo di fare cinema, a partire dal titolo (che richiama il suo stesso film di sperimentazione del '70). C'è la tecnologia "organica" come in Existenz, c'è la manipolazione attraverso la tecnologia come in Videdrome, la sensualità morbosa delle ferite, del dolore che si trova in Crash, Molto forte e disturbante fin dai primi minuti

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
La spettacolarizzazione dei corpi in vere e proprie performance artistiche

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Imperdibile per gli appassionati di Cronenberg, forse eccessivo per qualcuno.
Finale che lascia un senso di angoscia.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

1899 - stagione 1a spasso col panda - missione bebe'acqua e aniceamanda (2022)amsterdamanna frank e il diario segretoargentina, 1985astolfobelle & sebastien - next generationbentublack adamblack panther: wakanda forever
 R
blondeboiling point - il disastro e' servitobones and allboris - stagione 4bradobroscoldplay: music of the spheres - live broadcast from buenos airesconfess fletchcut! zombi contro zombidampyrdantedeinfluencerdiabolik - ginko all'attacco!do revengedon't worry darlingdragon ball super: super heroen los margenesevangelion: 3.0+1.01 thrice upon a timeeverything everywhere all at oncefallfalla girarefortuna grandafranco zeffirelli, conformista ribelleglass onion - knives outgli occhi del diavologli orsi non esistonogoodnight mommy (2022)halloween endshatching - la forma del malehellholehocus pocus 2house of darknessi racconti della domenicail colibri'il mio vicino adolfil mondo in camerail piacere e' tutto mioil principe di romail prodigioil signore delle formicheil talento di mr. crocodilein viaggioincroci sentimentaliio sono l'abissola californiala notte del 12la pantera delle nevila ragazza della paludela ragazza piu' fortunata del mondola signora harris va a parigila stranezzala timidezza delle chiomela vita e' una danzalas leonasle buone stellele favoloseleaveliam gallagher: knebworth 22licantropusl'immensita'lo schiaccianoci e il flauto magicol'ombra di caravaggioluminamahmoodmaigretmarcia su romamarginimaria e l'amoremasking thresoldmemory (2022)miracle - storia di destini incrociatimona lisa and the blood moonmoonage daydreammr bachmann e la sua classemr. harrigan's phonemunch - amori, fantasmi e donne vampiromy soul summernel nostro cielo un rombo di tuononido di vipereniente di nuovo sul fronte occidentale (2022)notte fantasmaomicidio nel west end
 R
pearl (2022)per niente al mondopiovepoker faceprincess (2022)quasi orfanoqueensquesta notte parlami dell'africaragazzacciorapiniamo il duceritratto di reginasanta luciascare package ii: rad chad's revengesergio leone - l'italiano che invento' l'americasiccita'significant othersmilespaccaossaspirit halloweenstrange world - un mondo misteriosotango con putinthe christmas showthe fearwaythe good nursethe great busterthe hanging sun - sole di mezzanottethe land of dreamsthe menuthe munstersthe retaliatorsticket to paradisetiziano. l'impero del coloretori e lokitatriangle of sadnesstutti a bordoun anno, una notteun mondo sotto socialuna birra al fronteuna mamma contro g. w. bushuna voce fuori dal coroutama - le terre dimenticate
 NEW
violent nightwar - la guerra desideratawild men - fuga dalla civilta'

1034713 commenti su 48559 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

BRING IT ON: CHEER OR DIECHAIN OF EVENTSCHRISTMAS BLOODY CHRISTMASCROC!DEBRIS DOCUMENTARDEMONIC CHRISTMAS TREEFEED MEGIRL AT THE WINDOWHIGH SCHOOL SPIRITSHOLLYBLOODHOUSE OF CLOWNSI DIAVOLI N░ 2IL NATALE DI CHRISIL SEGRETO DEI SOLDATI DI ARGILLALA BATTAGLIA DELLE MIDWAYLOTTA PER LA SOPRAVVIVENZALUCIFERINAMIAMI COPSMOONCHILDMOONCHILD, IL FIGLIO DELLA LUNANIGHTMARE COUNTRYNIXPICCOLO VAMPIROSATANIC HISPANICSSINPHONYTARTU, LO STREGONE MALEDETTOTHE ACCURSED (2022)THE LAIRTHE LOST KINGTHE MORNING MANWOLF DEVIL WOMENZONA PERICOLO

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net