cut (2011) regia di Amir Naderi Giappone 2011
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

cut (2011Film Novità

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli! Condividi su Facebook

Seleziona un'opzione

locandina del film CUT (2011)

Titolo Originale: CUT

RegiaAmir Naderi

InterpretiHidetoshi Nishijima, Takako Tokiwa, Takashi Sasano, Shun Sugata, Sei Ashina, Denden, Takuji Suzuki, Ikuji Nakamura, Satoshi Nikaido, Jun'ichi Hayakawa

Durata: h 2.11
NazionalitàGiappone 2011
Generedrammatico
Al cinema prossimamente

•  Altri film di Amir Naderi

Trama del film Cut (2011)

Shuji, giovane professore di cinema e regista di film indipendenti dal poco appeal commerciale, trova i fondi per la realizzazione delle sue opere grazie ai prestiti concessi dal fratello. Ignora, però, che questi per recuperare i soldi ricorra ai favori di una banda di membri della yakuza, la pericolosa associazione criminale giapponese, che non esitano a farlo fuori nel momento in cui è incapace di estinguere l'ultimo debito contratto. Come forma di risarcimento, al regista i criminali chiedono di disputare incontri di boxe clandestini, trasformandosi in una specie di sacco umano. Non avendo altra scelta, Shuji accetta e si ritrova presto a dover cercare di sopravvivere ai pugni sferrati da teppisti ubriachi, che trovano soddisfazione solo nella più cieca e immotivata violenza.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,50 / 10 (4 voti)8,50Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Cut (2011), 4 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Ciaby  @  04/02/2015 12:50:12
   8 / 10
Probabilmente è un film per soli cinefili, ma l'ultima mezz'ora con i 100 pugni per 100 film, con tanto di countdown che passa attraverso Béla Tarr ad Apichatpong Weerasethakul, Pasolini, Ozu, Lino Brocka, Welles, Jean Vigo, Godard, Kurosawa, Olmi, Lee Chang-Dong, Terayama, Fellini, Antonioni, Dziga Vertov, Bergman, Tarkovsky, Lynch, Teshigahara... è da brividi. Commovente, violentissimo.

_Hollow_  @  13/10/2014 05:27:21
   10 / 10
Con 3 commenti compreso il mio, il messaggio "andate a vedere i veri film" non penso sia passato ...

Inizialmente il film sembra "ingenuo" proprio per questo motivo. Sembra un'esaltazione nostalgica di un qualche tipo di vecchio cinema che ormai non esisterebbe più.
Poi andando avanti corregge il tiro, parlando di vero cinema e di veri registi tutt'ora presenti nel mondo che andrebbero supportati a discapito dei film dal budget spropositato, dei multisala ecc.
Così già si ragiona, perché chi è appassionato di cinema (ma magari anche di altre forme d'arte inglobate dal mercato come la musica, i fumetti ecc.) sa benissimo che per trovare i veri capolavori basta cercare, basta nuotare contro la mainstream e magari immergersi nell'underground. Ed è lì che si può trovare, ad esempio, Amir Naderi.

Premettendo che adoro tutto ciò che sia "meta", ogni forma di espressione artistica capace di parlare di sé stessa, non posso che parlar benissimo di "Cut".

La regia è ottima (i due momenti che mi hanno più impressionato sono lui seduto illuminato dalla proiezione e la momentanea sordità nel finale); le riprese in digitale (che io solitamente odio), con la loro risoluzione/definizione e grazie ad un tocco piuttosto minimalista, aiutano molto a creare ad un'aurea di realismo, dando l'idea quasi del documentario e di quel cinema "vero, di carne e sangue" di cui si parla nella pellicola. E in merito proprio a carne e sangue, alla violenza sul proprio corpo, mi meraviglia che Naderi non abbia mai citato espressamente Tsukamoto (soprattutto quello di Tokyo Fist).

Comunque l'ultimo giorno, con l'escalation dei 100 film, è impressionante e quasi da storia del cinema. Un grido d'amore verso la settima arte. Grido che, per messaggio e per quella fissazione quasi patologica nel ripeterlo continuamente durante tutta la visione, m'ha ricordato molto quel "Wake Up" dei Rage Against The Machine.

In quanto a metacinematografia lo affiancherei a "Why don't you play in hell?" di Sion Sono, per una combo definitiva. Film che può essere stato benissimo ispirato da Cut, dichiarando un messaggio estremamente simile: "I soldi stanno uccidendo il cinema giapponese".

Badu D. Lynch  @  03/01/2014 16:22:30
   8½ / 10
Filosofia cinefila

"Il Cinema in quanto arte sta morendo. Chi fa film ad altissimo budget, chi fa film superficiali, sta ammazzando il Cinema! Le Multisale hanno preso il sopravvento. Riprendiamoci il Cinema, togliamolo a quegli assetati di denaro. Dobbiamo riportare in vita il vero Cinema! Perché ciò accada, dovete guardare dei veri film. In passato il Cinema era sia arte che intrattenimento. Prima eravamo capaci di fare Cinema di qualità, non ve lo dimenticate. Diamoci da fare! Oggi i cinema multisala soddisfano solo l'intrattenimento più triviale. E' giusto che ci siano anche film d'intrattenimento, ma non dobbiamo perdere l'occasione di guardare film di qualità. Non dobbiamo dimenticarli. Il vero Cinema non si basa sul denaro. Il vero cinema è fatto di carne e ossa e mostra immagini vere, non false. Ci sono ancora registi che sanno fare il loro lavoro, che sanno bene cosa sia il cinema di qualità, esistono in tutto il mondo. Andate al cinema a vedere i loro film. Vi prego! Troverete verità, arte e persino vero intrattenimento. Sostenete i registi andando a vedere i veri film! Vi prego, guardate di nuovo i vecchi film. Aiutateci a riportare in vita il vero cinema! Ill cinema, così come noi, dev'essere libero di girare per il mondo! Il vero cinema dovrebbe essere libero. Così dovrebbe essere."
- Shinji/Naderi -

The Passion of Amir Naderi. Cut è un atto di fede verso la settima arte; una coraggiosa e fluviale dichiarazione d'amore per il Cinema. Shiju è ossessionato da tutto ciò che concerne l'universo cinematografico, tanto che questa viscerale fissazione non risulta solo una passione o un tormento, ma si palesa come la sua unica e vera ragione di vita: è disposto a tutto pur di mantenere "in piedi" il suo obiettivo, pur di proteggere ciò per cui si (fa) (ab)batte(re). Il Cinema, per il protagonista (e per Naderi), diventa il tramite pulsante e tangibile per sentirsi ancora vivo - Shiju per resistere alla botte prese, pronuncia vari titoli di film, come se questi in qualche modo lo ricaricassero, quasi come esorcizzassero le sue paure e le sue debolezze, e riuscisse ad andare oltre, a trascendersi; straordinarie le sequenze in cui, tumefatto e lacerato per via dei colpi subiti, le pellicole vengono proiettate sulla sua pelle, o meglio, nella sua carne, come fossero l'unica e vera cura possibile, una sorta di panacea filmica - e, soprattutto, per oltrepassare i propri limiti e infrangere ogni tipo di barriera vitale e sociale; un modo quindi per superare se stesso, per mettersi alla prova, così da potersi elevare e non lasciarsi bloccare e intrappolare da qualsivoglia confine - si potrebbe fare un parallelismo forzato con la poetica tsukamotiana -. Cut è l'urlo speranzoso e rabbioso di Naderi verso il pubblico, i registi, i produttori e il Cinema: il filmmaker iraniano, tramite il personaggio del film, non si fa solo portavoce di un'idea ben precisa su cosa sia veramente la settima arte, ma si trasforma in un Cristo moderno che con il suo martirio cinefilo è destinato a smuovere le coscienze e i sentimenti dello spettatore, di chi guarda. Shuji/Amir è incrollabile, non si vende, percorre la sua strada senza accettare compromessi, senza mai vendersi, pur di mantenere incorrotti i propri ideali: ed è proprio grazie alla sua inesorabile passione che arriverà a saldare ogni debito senza mai "prostituirsi", senza mai corrompere la sua persona, la sua arte. Cut non è una spavalda e ostentata manifestazione cinefila, ma è un originale e commosso modo di elargire il proprio amore verso il Cinema: un gesto potente e puro che mira a comunicare in maniera diretta con il pubblico, che cerca di spalancare gli eyes wide wide shut (della mente) dello spettatore, e ridare onore e rispettabilità al Cinema. Un film che vuole imporsi, che spera di essere un punto di svolta e di rottura: Cut è sia un film "ultimo" e definitivo - che vorrebbe chiudere le porte di quella cinematografia scadente, relativa ai blockbuster, alle pellicole da multisala -, che un lungometraggio "primo" ed insorgente - che rinasce dalle proprie ceneri cinematografiche, sotto forma di inesorabile e disarmante discorso introduttivo e nostalgico che auspica di spronare l'interesse addormentato di tutti i cinefili, cosicché si possa tornare alla meraviglia del Cinema di qualità, dando ad esso la dignità andata perduta -. Lo spettatore, verso la fine, viene preso a pugni affinché possa sentire sulla propria pelle il dolore e il peso di 100 film e del loro valore inestimabile, sperando che questi non vengano dimenticati e sepolti nella memoria passata, ma piuttosto riscoperti e rievocati per cercare di infondere una nuova luce a questo superficiale ed anestetizzante presente cinematografico. Queste opere sono la totale e totalizzante dimostrazione d'amore che il regista iraniano riserva e riversa verso la settima arte. 100 pugni diretti:

#100
- "Welfare" (1975), di Frederick Wiseman
- "The Burmese Harp" (1956), di Kon Ichikawa
- "Knife in the Water" (1962), di Roman Polanski
- "Raise the Red Lantern" (1991), di Zhang Yimou
- "The Wind" (1928), di Victor Sjostrom
- "Pixote" (1981), di Hector Babenco
- "Fat City" (1972), di John Huston
- "Closely Observed Trains" (1966), di Jiri Menzel
- "La Terra Trema" (1948), di Luchino Visconti
- "Hoop Dreams" (1994), di Steve James

#90
- "Peeping Tom" (1960), di Michael Powell
- "Dekalog" (1989 - 1990), di Krzysztof Kie?lowski
- "Kwaidan" (1964) , di Masaki Kobayashi
- "The Up Documentaries" (1985), di Michael Apted
- "Fireworks" (1997), di Takeshi Kitano
- "The Conversation" (1974), di Francis Ford Coppola
- "Oya" (1929), di Hiroshi Shimizu
- "The Night of the Hunter" (1955), di Charles Laughton
- "Stranger Than Paradise" (1984), di Jim Jarmusch
- "Quince Tree of the Sun" (1992), di Victor Erice

#80
- "Eraserhead" (1977), di David Lynch
- "Le Quai des Brumes" (1938), di Marcel Carné
- "Salvatore Giuliano" (1962), di Francesco Rosi
- "Time of the Gypsies" (1988), di Emir Kusturica
- "The Bohemian Life" (1992), di Aki Kaurismaki
- "The Round-Up" (1966), di Miclos Jancso
- "Der Stand der Dinge" (1982), di Wim Wenders
- "La Strada" (1954), di Federico Fellini
- "The Hole" (1998), di Tsai Ming-liang
- "Nashville" (1975), di Robert Altman

#70
- "Vivre Sa Vie" (1962), di Jean-Luc Godard
- "Manila in the Claws of Neon" (1975), di Lino Brocka
- "Fitzcarraldo" (1982), di Werner Herzog
- "Peppermint Candy" (1999), di Lee Chang-dong
- "Xala" (1975), di Ousmane Sembène
- "Blissfully Yours" (2002), di Apichatpong Weerasethakul
- "Sur" (1988), di Fernando Solanas
- "Antonio das Mortes" (1969), di Clauber Rocha
- "La Belle Noiseuse" (1991), di Jacques Rivette
- "Vertigo" (1958), di Alfred Hitchcock

#60
- "Man with a Movie Camera" (1929), di Dziga Vertov
- "Shock Corridor" (1963), di Samuel Fuller
- "One Flew Over the Cuckoo's Nest" (1975), di Milos Forman
- "Red River" (1948), di Howard Hawks
- "Van Gogh" (1991), di Maurice Pialat
- "The Travelling Players" (1975), di Theo Angelopoulos
- "The Battle of Algiers" (1966), di Gillo Pontecorvo
- "Lola Montes" (1955), di Max Ophuls
- "Throw Away Your Books, Rally in the Streets" (1971), di Shuji Terayama
- "Satantango" (1994), di Béla Tarr

#50
- "A Time to Live and a Time to Die" (1986), di Hou Hsiao-hsien
- "Boy" (1969), di Nagisa Oshima
- "Floating Clouds" (1955), di Mikio Naruse
- "Ali: Fear Eats the Soul" (1974), di Rainer Werner Fassbinder
- "Briganti" (1996), di Otar Iossellani
- "Accattone" (1961), di Pier Paolo Pasolini
- "The Ballad of Narayama" (1983), di Shohei Imamura
- "Bicycle Thieves" (1948), di Vittorio De Sica
- "Johnny Guitar" (1954), di Nicholas Ray
- "The Naked Island" (1960), di Kaneto Shindo

#40
- "The Killing of a Chinese Bookie" (1976), di John Cassavetes
- "L'eclisse" (1962), di Michelangelo Antonioni
- "Paths of Glory" (1957), di Stanley Kubrick
- "Woman in the Dunes" (1964), di Hiroshi Teshigawara
- "Close Up" (1990), di Abbas Kiarostami
- "Sunset Boulevard" (1950), di Billy Wilder
- "L'albero Degli Zoccoli" (1978), di Ermanno Olmi
- "The Catch" (1983), di Shinji Somai
- "Le Samourai" (1967), di Jean-Pierre Melville
- "Kes" (1969), di Ken Loach
- "A Simple Event" (1973), di Sohrab Shahid-Saless
- "L'enfant Sauvage" (1970), di François Truffaut
- "Raging Bull" (1980), di Martin Scorsese

#30
- "Rashomon" (1950), di Akira Kurosawa
- "M" (1931), di Fritz Lang
- "Wild Strawberries" (1957), di Ingmar Bergman
- "La Grande Illusion" (1937), di Jean Renoir
- "Virdinia" (1961), di Luis Bunuel
- "The Third Man" (1949), di Carol Reed
- "Detour" (1945), di Edgar G. Ulmer

#20
- "Play Time" (1967), di Jacques Tati
- "Intolerance" (1916), di D.W. Griffith
- "Greed" (1924), di Eric von Stroheim
- "Paisà" (1946), di Roberto Rossellini
- "Tokyo Story" (1953), di Yasujiro Ozu
- "Nanook of the North" (1922), di Robert Flaherty
- "Andrej Rublev" (1966), di Andrej Tarkovskij
- "City Lights" (1931), di Charles Chaplin
- "Mouchette" (1967), di Robert Bresson
- "The General" (1926), di Buster Keaton
- "The Passion of Joan of Arc" (1928), di Carl Dreyer

#12
- "The Apu Trilogy" (1955, 56, 58), di Satyajit Ray

#11
- "Batlleship Potemkin" (1925), di Sergei Eisenstein


Il Cinema non è una *******. Il Cinema è arte.


#10
- "2001: A Space Odissey" (1968), di Stanley Kubrick

#9
- "Late Spring" (1949), di Yasujiro Ozu

#8
- "The Searchers" (1956), di John Ford

#7
- "Sunrise" (1927), di F.W. Murnau

#6
- "Throne of Blood" (1957), di Akira Kurosawa

#5
- "A Trip to the Moon" (1902), di George Méliès

#4
- "L'atalante" (1934), di Jean Vigo

#3
- "Ugetsu Monogatari" (1953), di Kenji Mizoguchi

#2
- "8½" (1963), di Federico Fellini

#1
- "CITIZEN KANE" (1941), di Orson Welles
[Rosebud scene: http://www.youtube.com/watch?v=LZOzk7T93wE]


Motore... Azione!

9 risposte al commento
Ultima risposta 30/06/2014 04.21.03
Visualizza / Rispondi al commento
Jumpy  @  19/02/2012 20:13:16
   7½ / 10
Il film , dietro la violenza estrema al limite del sopportabile, offre un vero e proprio omaggio al grande cinema d'autore.
Si sommano citazioni su citazioni che creano un forte impatto visivo ed emotivo mescolandosi alle s*****ttate del protagonista. Anche se la trama non è originalissima è, a mio parere, da vedere anche se, chi lo sa se lo si vedrà mai in italiano.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

17 anni (e come uscirne vivi)
 NEW
a casa nostra (2017)a good americanacqua di marzoaeffetto dominoaldabra: c'era una volta un'isola
 NEW
altin in citta'assalto al cielobaby bossbleed - piu' forte del destinoboston - caccia all'uomochi salvera' le rose?ciao amore, vado a combattereclasse zdall'altra parteellefalchifamiglia all'improvviso - istruzioni non inclusefast and furious 8ghost in the shell (2017)god's not dead 2 - dio non e' morto 2gomorroide
 NEW
guardiani della galassia vol. 2i am not your negroi called him morgani puffi: viaggio nella foresta segretail diritto di contareil padre d'italiail permesso - 48 ore fuoriil pugile del duceil segreto (2016)il viaggio (2017)in viaggio con jacquelinejohn wick capitolo 2
 HOT
kong: skull islandla bella e la bestia (2017)la cura dal benessere
 NEW
la guerra dei cafonila legge della nottela luce sugli oceanila meccanica delle ombrela mia famiglia a soqquadrola parrucchiera
 NEW
la ragazza dei miei sognila tartaruga rossa
 NEW
la tenerezzala vendetta di un uomo tranquillola verita', vi spiego, sull'amorel'accabadoral'altro volto della speranza
 NEW
l'amore criminalelasciami per semprelasciati andarele cose che verranno
 NEW
le donne e il desiderio
 NEW
le verita'
 NEW
l'eccezione alla regolaliberelibere, disobbedienti, innamoratelife - non oltrepassare il limitelogan - the wolverineloving - l'amore deve nascere liberomal di pietremister universomma love never diesmoda miamoglie e maritomothers (2017)
 NEW
mystic gamenon e' un paese per giovaniomicidio all'italianaovunque tu saraiozzy - cucciolo coraggiosopasseriper un figliopersonal shopperphantom boypiani parallelipiccoli crimini coniugalipiena di graziapino daniele - il tempo restera'planetariumpower rangersquestione di karmarosso istanbulsfashionslam - tutto per una ragazzastrane straniere
 NEW
tannathe belko experiment
 NEW
the circlethe most beautiful day - il giorno piu' bellothe ring 3the rolling stones ole', ole', ole'! - viaggio in america latinathe startup
 NEW
tutti a casa - inside movimento 5 stelleun altro meun tirchio quasi perfettounderworld - blood warsvedete, sono uno di voivi presento toni erdmannvictoriavieni a vivere a napoli!virgin mountain
 NEW
whitney (2017)wilson (2017)

954314 commenti su 37081 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net