factotum regia di Bent Hamer USA, Norvegia 2005
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

factotum (2005)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film FACTOTUM

Titolo Originale: FACTOTUM

RegiaBent Hamer

InterpretiMatt Dillon, Lili Taylor, Fisher Stevens, Marisa Tomei, Didier Flamand, Adrienne Shelly, Karen Young, Tony Lyons

Durata: h 1.34
NazionalitàUSA, Norvegia 2005
Generedrammatico
Tratto dal libro "Factotum" di Charles Bukowski
Al cinema nel Marzo 2006

•  Altri film di Bent Hamer

Trama del film Factotum

Henry Chinaski vive a Los Angeles e passa da un lavoro all’altro, da un licenziamento all’altro. Il suo unico sogno sarebbe non dover lavorare per potersi dedicare pienamente alle sole cose che gli interessano: sedurre le donne, bere fino a perdersi, giocare ai cavalli e soprattutto scrivere storie che nessuno si sogna di pubblicare.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   5,90 / 10 (48 voti)5,90Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Factotum, 48 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

danielplainview  @  23/01/2013 10:44:27
   7 / 10
Forse, il miglior Chinaski portato sul grande schermo.

Marbleface  @  08/07/2012 05:09:40
   1 / 10
a me non e piaciuto proprio per niente
come inizio mi a incuriosito ma subito dopo si e rivelato un film noioso e lento per tutta la durata e per tante cose senza senso
e finito il film mi sono chiesto cosa avevo visto ma non mi a lasciato niente
non mi e affatto piaciuto

rinuzeronte  @  14/07/2011 17:33:46
   7 / 10
Ci sono tante cose belle in questo fil..

2 risposte al commento
Ultima risposta 03/09/2011 16.33.14
Visualizza / Rispondi al commento
TeoLoco7  @  10/01/2011 20:04:42
   5½ / 10
sicuramente poteva essere migliore

JOKER1926  @  18/12/2010 15:41:16
   6 / 10
"Factotum" di Bent Hamer prende spunto dall'omonimo lavoro di Charles Bukowski; la regia riproporrà dunque le vicende di uno scrittore "dannato" fra lavori persi e menate con amiche e donne in stati nevrotici.
In tutto questo non emerge niente di spettacolare, insomma la storia di Henry Chinaski potrebbe esser interessante (e pesante) se realmente vissuta, ma portata su pellicola, offre davvero pochissimo, ed è inutile parlare di narrazione visto che la pellicola non offre nessun passaggio di spessore, "Factotum" è una crisi e una discesa personale, dell'individuo fredda e invariata.

Il soggetto Henry Chinaski, è interpretato comunque in buon modo da Matt Dillon, l'attore riesce ad incarnare a dovere l'immagine del personaggio, in linea sommaria, sotto questo aspetto, nulla da rimproverare. Percorrendo la lista dei pregi, sul lato tecnico, da prender in considerazione una buona fotografia.

"Factotum" oltre ad un dignitoso e volenteroso lavoro di tecnica e di colori dona ben poco,si salvano le atmosfere, indubbiamente magnetiche e forse qualche scena delirante, specie quella fra Chinaski e il padre, ma il tutto non è sufficiente per render la pellicola vibrante e totalmente godibile, la durata circoscritta è una manna.

pumbadog  @  09/04/2010 09:34:33
   6 / 10
...sicuramente da vedere,non particolarmente entusiasmante... ma forse non lo era neanche la vita di C.Bukowski...

1 risposta al commento
Ultima risposta 09/04/2010 10.40.38
Visualizza / Rispondi al commento
yonkers86  @  28/02/2010 04:15:21
   5 / 10
Factotum l'ho divorato in pochissimo tempo, come del resto tutte le opere del grande Charles. Alla fine in questo film c'è un pò di tutto ma nessun episodio è sviluppato a dovere, dando alla storia un senso di incompletezza e rendendola troppo frammentaria. Anche l'ego di Bukowski è sviluppato in maniera molto molto superficiale, attenendosi alla pellicola viene descritto come uno smidollato alcoolizzato e fannullone, privo di talento creativo, cosa assolutamente sbagliata.
Matt Dillon secondo me non sfigura in questo film, ma sinceramente da un attore come lui, in un ruolo simile, mi aspettavo molto di più.

Sarà che avevo riposto molte aspettative su questo film, ma dopo la visione la delusione è stata tanta !!

gandyovo  @  04/01/2010 18:21:48
   4½ / 10
beh se uno ha letto bukowski, non guardi questo film

7HateHeaven  @  01/11/2009 21:08:00
   4 / 10
Penso che un film che si permette di usare Henry Chinaski come protagonista, nasca con il dovere di trasportare il personaggio bukowskiano nel cinema, tutti i suoi luoghi comuni, la sua amarezza per la vita, il suo massimo degrado sociale. Questo Ben Hamer non ci ha capito nulla!
Henry Chinaski che timbra il cartellino e poi corre alle corse??? H.C. se vuole andare alle corse non va al lavoro! Ho quasi letto tutto Di Bukowski e garantisco che non ho mai visto un suo protagonista correre! Poi H.C. che vuole fare i soldi, che fa un minimo progetto per il futuro...
Poi le corse dei cavalli e l'alcool non sono vicende attorno a H.C. sono H.C. stesso, la sua essenza!!!
Il "Mosche da bar" di Buscemi non è un grandissimo film, ma almeno riesce a ricordare le atmosfere dei libri di Bukowski, anche nei dialoghi e nei personaggi. Quesot film in confronto è un insulto.

1 risposta al commento
Ultima risposta 01/11/2009 21.43.24
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Gatsu  @  20/02/2009 04:04:54
   6 / 10
Il film non è male, ma i fan di Bukowski credo non ne rimarranno troppo entusiasti visto il modo blando di raccontare la storia e non semplice e diretta come doveva essere. Mi sono divertito a vederlo ma questo regista, Bent Hamer, non mi pare abbia troppo le idee chiare. Buona prova comunque di Matt Dillon.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Requiem  @  25/12/2008 13:36:11
   6 / 10
Bukowski/Chinawski diretto da un regista norvegese, con un ex ribelle come Matt Dillon come protagonista.
Il risultato è un filmetto particolare che lascerà piuttosto delusi i non conoscitori di "Factotum" e piuttosto indifferenti i cultori.
Hamer racconta i vari episodi raccontati nel libro, i vari licenziamenti e le donne, stravolgendo la cronologia del libro, tralasciando alcuni episodi , legati alle sue diverse donne e anche alcuni passi legati al sesso (ad esempio l'episodio dell'uscita in barca che è troncato).

Forse Hamer voleva fare il film bello, pulito e corretto, ma il peggior difetto è un altro.

Il regista non racconta dei viaggi da un paese all'altro dell'America, Da New Orleans a Los Angeles, a San Luis ecc., ignorando totalmente il contesto, ovvero l'America degli anni '40, durante la guerra.
Hamer gioca piuttosto con il solito stereotipo di poeta maledetto. Lo fa bene in fin dei conti, però il risultato è un film piuttosto inutile.

Ci sono diverse belle sequenze, Dillon è bravo, la Tomei (Laura) bellissima, ma la migliore è l'indovinatissima Lili Taylor, che interpreta Jan, strepitosa.

ZazieDeLaFalais  @  11/11/2008 13:51:32
   6 / 10
Questo film mi ha alquanto delusa...me lo aspettavo più scanzonato...come Bukowski; prende la vita cn filosofia senza pensarci troppo su...per la serie prendi il buono quando l'hai...
la fattura è buona...solo che un pò di ironia in più nn avrebbe fatto male!

castelvetro  @  09/10/2008 18:01:59
   6 / 10
Dillon non è l'uomo adatto per interpretare
un personaggio di Bukowski, questo è poco
ma sicuro. Il film scorre lento a tratti soporifero,
ma la penna e la poesia di Charles si sente.

ilMoralizzatore  @  05/06/2008 12:15:04
   4½ / 10
Premesso che i libri sono più belli dei film, leggete Bukowski e poi votate....

Flea85  @  08/03/2008 17:32:29
   5 / 10
Libro 8...Film 5...
1) lento e noioso, al contrario del libro che è molto più dinamico
2) prima Laura poi Jen...non come nel film, ma nel film l'ordine cronologico dato dal libro è messo molto a casaccio
3) il libro è incentrato sul bere ma anche sul fatto che lui viene licenziato continuamente, da questo il nome factotum...nel film il fatto del cabiare lavoro è messo un pò troppo in secondo piano

povero Charles si starà rigirando nella tomba dopo aver visto Matt Dillon interpretare così male il suo alter ego Chinaski

cheguevara  @  24/03/2007 14:07:13
   4½ / 10
Deludente... sia Matt Dillon che la trama... alla fine diventa anche abbastanza noioso

Drugo McQueen  @  27/02/2007 03:22:28
   4½ / 10
Factotum l'ho divorato in pochissimo tempo, come del resto tutte le opere del grande Charles. Alla fine in questo film c'è un pò di tutto ma nessun episodio è sviluppato a dovere, dando alla storia un senso di incompletezza e rendendola troppo frammentaria. Anche l'ego di Bukowski è sviluppato in maniera molto molto superficiale, attenendosi alla pellicola viene descritto come uno smidollato alcoolizzato e fannullone, privo di talento creativo, cosa assolutamente sbagliata.
Matt Dillon secondo me non sfigura in questo film, ma sinceramente da un attore come lui, in un ruolo simile, mi aspettavo molto di più.

Sarà che avevo riposto molte aspettative su questo film, ma dopo la visione la delusione è stata tanta !!

Sig. Chisciano  @  29/01/2007 00:52:39
   7 / 10
Ho letto il libro e questo film a confronto è una porcata!!

Scherzo, il film è molto bello non un capolavoro ma sicuramente ben fatto.
Quando c'è di mezzo Chinasky non ci si annoia mai.

Rusty il Selvag  @  17/11/2006 17:48:27
   7 / 10
Hotel California


Su un'autostrada buia e deserta, vento freddo tra i capelli
caldo odore di colitas si libra nell'aria
In lontananza scorgo una luce scintillante
La mia testa s'era fatta pesante e la mia vista sempre più fioca
Mi dovevo fermare per la notte.

Là lei stava ritta sulla soglia
Sentii il campanello
E pensai tra me e me
'Questo potrebbe essere il paradiso ma potrebbe anche essere l'inferno'
Poi lei accese una candela e mi mostrò la strada
C'erano voci nel corridoio, credo dicessero...

Benvenuto all'Hotel California
Un tale posticino (un tale posticino)
abbondanza di stanze all'Hotel California
puoi trovare in qualsiasi stagione.

La sua mente è piena di Tiffany, ha una Mercedes Benz
Ha avuto molti ragazzi carini, che lei chiama amici
Come danzano nel cortile, dolce sudore estivo
Alcuni ballano per ricordare, altri ballano per dimenticare.

Così chiamai il Capo, 'Per favore, mi porti il mio vino'
Lui disse, 'Non abbiamo quel tipo di vino dal 1969'
E ancora quelle voci chiamavano in lontananza
Ti svegliavi nel mezzo della notte
Solo per sentirle dire...

Benvenuto all'Hotel California
Un tale posticino (dalla faccia talmente incantevole)
Si godono la vita all'Hotel California
Che bella sorpresa, procurano i tuoi alibi.

Specchi sul soffitto, champagne rosa con ghiaccio
E lei disse "Qui noi siamo tutti prigionieri, di nostro capriccio'
E nelle camere del padrone, si sono radunati per la festa
L'hanno pugnalato con i loro coltelli d'acciaio, ma non riuscirono ad uccidere la bestia.

L'ultima cosa che ricordo, stavo cercando la porta
Dovevo trovare un passaggio per tornare dov'ero prima
'Rilassati' disse l'uomo notturno, 'qui siamo programmati per accogliere.
Puoi lasciare la stanza e pagare quando vuoi, ma non potrai mai andartene realmente.


Eagles

1 risposta al commento
Ultima risposta 07/06/2007 03.01.37
Visualizza / Rispondi al commento
benzo24  @  06/10/2006 19:21:02
   6 / 10
una regia non brillante che non da sostegno alla bella interpretazione di Dillon. inoltre il ritmo è troppo lento e manca tutto l'umorismo di bukowsky

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento goat  @  30/09/2006 17:15:41
   7 / 10
buon film sul buk e abbastanza bravo dillon.
però la fisicità esuberante di rourke in barfly è molto lontana.

USELESS  @  25/09/2006 01:43:47
   3 / 10
Grande recitazione di Matt Dillon ...ma stiamo scherzando??
Almeno in Barfly Rourke con un po' di pancia alcolica e gigione al punto giusto entra nella parte o ci prova!
Dillon sembra appena uscito dalla palestra, c' ha un espressione spenta per tutto il film e un' atteggiamento sicuro di se è tronfio da ragazzotto figlio di papà appena uscito dal college!!
Bukowski ti faceva ridere anche quando raccontava la stupidità grottesca e disperante del mondo!...Non c'è invece nemmeno una battuta divertente in tutto il film!
In una parola: INSULSO

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  20/09/2006 10:08:11
   7 / 10
Storia di un uomo che ha voluto vivere seguendo le sue regole senza mai adeguarsi alla societa’ che lo circondava.Storia di un uomo che ha vissuto cercando di non sprecare mai un attimo della sua liberta’…qualche lavoretto saltuario ogni tanto, giusto per racimolare il denaro per sopravvivere e via quindi a scialacquare i pochi dollari tra alcool,donne,scommesse,sigarette…Chinaski è la perfetta incarnazione del border-line,refrattario ad ogni regola costrittiva,unico padrone della propria vita,figlio degenere di un America bigotta.
Matt Dillon è perfetto nella parte,ingrassato,perennemente ubriaco,sporco,riesce a dare grande credibilita’ al personaggio anche grazie ad una recitazione misurata.
Il film è pero’ piuttosto lento e notevolmente edulcorato rispetto alle opere di Bukowsi,probabilmente il regista norvegese Bent Hamer non se l’è sentita di andare fino in fondo,a mio avviso un peccato ,anche se effettivamente potrebbe essere stata una scelta mirata per evitare i tagli della censura.

Smiley  @  05/08/2006 09:28:57
   4½ / 10
Dal punto di vista esclusivamente cinematografico vale ben poco. Il cinema è tutt'altro...

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  21/07/2006 18:57:19
   8½ / 10
Matt Dillon incarna alla perfezione l'alter-ego del mitico scrittore pulp.
E' un film che fa riflettere, è duro nel descrivere delle vite ai margini di una società in apparenza troppo opulenta, ma la sua durezza è attraversata da quel filo di ironia che rende il film una rara perla.

Gruppo COLLABORATORI Mr Black  @  02/07/2006 22:51:46
   7 / 10
Bisogna conoscere l'universo del grande Hank per apprezzare questo film.
Bravo Dillon, ma non è certamente facile tradurre in film l'universo di questo autore.

Invia una mail all'autore del commento piccolastellaf  @  22/06/2006 12:20:29
   5 / 10
Noioso... Alla fine è stato troncato ... troppo alcool e troppo fumo in questo film... il protagonista l'ho trovato volgare...e... monotono..

calista  @  14/05/2006 17:40:51
   8 / 10
chi non si è perso nelle tragiche storie delle decine di racconti su henk chinasky non potrà mai apprezzare bene questo film.
vederlo è stato come leggere un racconto di musica per organi caldi o storie di ordinaria follia.
Bukowsky commuove e la stessa atmosfera di commozione, di rassegnazione, di tristezza nei riguardi della vita si trova nel film.
matt dillon è eccezionale per quel ruolo, tutto il cast è perfetto.
un film che resta dentro a chi ama il vecchio buk, caro, amato, commovente vecchio buk...

solitecose  @  09/05/2006 17:46:56
   6½ / 10
charles bukowski è volgare.

9 risposte al commento
Ultima risposta 09/06/2008 15.34.01
Visualizza / Rispondi al commento
Kobe  @  05/05/2006 16:34:05
   5 / 10
Noioso a parte alcune scene e finisce troncato...se sceneggiato meglio e se qualche attore fosse stato migliore sarebbe FORSE stato un bel film...Bravo a Dillon cmq!!

nives_b  @  01/05/2006 22:57:15
   8½ / 10
Non mi ha per nulla deluso, Matt Dillon è perfetto nella parte di Chinaski/Bukowsi, il film è fedele al libro.

m@rco<79>  @  28/04/2006 19:49:38
   9 / 10
Henry Chinaski (Matt Dillon) è un flatliner perfetto: non vuole nulla, non aspira a nulla, fa quello che gli capita, non ha progetti ed il lavoro gli serve solo per potersi permettere i suoi unici tre lussi - divinità dell’antieroe - alcol, donne e la scrittura. Henry Chinaski è il vero alter ego di Bukowski, un uomo che come lui ha bevuto la vita fino in fondo, non le ha chiesto nulla e nulla ha ottenuto se non una leggera depressione post sbornia e qualche piattola attaccata da una partner infestata. Henry usa l’arma dell’ironia, quell’ironia nata dal non aver nulla da perdere, per mettere in luce i drammi e le contraddizioni del sistema americano, del lavoro, delle donne e - di conseguenza - dell’amore. Factotum è un viaggio nell’inferno contemporaneo e metropolitano della città mostro che tutto ingurgita, compresi i sentimenti e le emozioni, è un inferno mascherato da limbo, dove nell’inutilità dell’azione le cose si ripetono in un lento susseguirsi di passi sordi. Factotum è una vita in fuga, una disperazione personale messa in scena da un regista che si è limitato a spiare ciò che accade nelle camere degli alberghi e nei bagni delle fabbriche senza mai disturbare i protagonisti, assolutamente ispirati dal genio di Bukowski, nelle loro azioni, tanto naturali da far provare odio e fastidio anche a chi li osserva di nascosto nel buio di una sala cinematografica.
Se è questo il Bukowski che amate allora dovete leggere "The days run away like wild horses over the hills", "what matters most is well you walk through the fire, “Il capitano è fuori a pranzo”.

Invia una mail all'autore del commento INAMOTO89  @  23/04/2006 12:45:19
   5 / 10
do 5 a qst film solo x l'ottima recitazione di dillon,x il resto il film è un offesa ad 1 dei + bei libri del grande buk(secondo solo a storie di ordinaria follia). ll film è messo troppo sul ridere ed inoltre mancano le scene essenziali del libro (ad esempio qnd buk crede d aver ucciso 1 uomo all ippodromo ma poi sul giornale non c sn notizie dell accaduto..oppure il difficile rapporto con il padre ke emerge nelle prime pagine del libro) inoltre tutte le varie scene di sesso ke karatterizzano la narrativa di bukoski vengono pesantemente a mancare.....credo ke qst film non rispekki (se non minimamente..) la vera essenza del libro e dello stesso buk, 1 uomo solo spinto alla follia e al delirio da una vita di m-e-r-d-a!!! inoltre il finale e' 1 po diverso da qll originale...concludo dicendo ke qst film oltre alle pecche gia elencate ,''rappresenta'' solo 1 parte dell opera dell opera di bukowski e ke se siete dei veri estimatori del grande Hank troverete qst film 1 pagliacciata

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento Giordano Biagio  @  23/04/2006 12:25:50
   8 / 10
Charles Bukowski. Il film si ispira a un suo romanzo omonimo, di cui Chinaski, alter ego di Bukowski, è il protagonista. Finalmente un racconto stile anni '70-'80: trasgressioni intelligenti perché creative e direttamente collegate all'arte. Alcool, sesso, racconti di vita reale. Il lavoro dipendente viene visto con tutti i suoi limiti senza false considerazioni etiche e comunque viene considerato qualcosa con cui potrebbe essere possibile convivere artisticamente se solo i datori di lavoro fossero più umani.
Grande film che evoca anche il classico anni '50 e '60, Matt Dilon vale da solo mezzo film, è virile come andava negli anni '60.

Invia una mail all'autore del commento balzac20  @  23/04/2006 09:52:07
   7 / 10
Un film delicato con due ottimi protagonisti.

Partiamo da loro: bravo il buon Dillon che all'ingrasso rende il meglio di sè.
Ottima invece Lili Taylor.
Entrambi sono riusciti a comunicarmi in alcuni momenti una forte sensazione di desolazione.

Il film...
il film è molto tranquillo e considerato che dovrebbe parlare di una persona perennemente in bilico sul baratro della follia e del crollo in virtù di questo potrebbe lasciare qualche perplessità.

Ma la scelta di sdrammatizzare molte scene con gradevoli battute allontana la pellicola dal filone "maledetto".
E tutto sommato c'è un netto guadagno in immediatezza.
(chiaro che a questo punto si dovrebbe aprire una digressione sulla fedeltà di un biopic al suo personaggio di origine ma non ho tempo).

Tra poesia, allegria e maledizione tutto sommato ho trovato il film gradevole.

Chiaro che perda, come tutte le biografie in genere, nella trama, nella sua precisione..
Ma è un male minore per un buon film.

Se ne sentiva il bisogno?
Beh questa è un'altra storia.

;-)


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

pardossi  @  21/04/2006 13:02:26
   7 / 10
Henry Charles Bukowski, detto Hank è lo scrittore che ha fatto della sua vita anticonvenzionale il suo cavallo di battaglia, ho letto alcuni suoi libri e devo dire seppur romanzati, il film a lui dedicato ne ritrae perfettamente alcune parti, inoltre Matt è veramente in palla e riesce a trasmettere l'ostinata ripugnanza di Hank verso le regole della società, senza disdegnare momenti di comicità.

Insomma un film non maniacalmente biografico ma sicuramente valido.

simposio  @  18/04/2006 23:33:11
   7 / 10
Premetto di non aver letto il libro.Film girato bene con lampi di scene esilaranti incastonate in una trama cupa e trucida ben interpretata da Dillon.L'interpretazione dell'attore,la fotografia e la regia mi hanno portato quasi a partecipare a quell'atmosfera cupa e sofferente.Questo film mi ha fatto proprio venir voglia di leggere Bukowski.

Federico  @  18/04/2006 18:34:53
   6½ / 10
Buona interpretazione di Dillon.

Ill film si lascia guardare tranquillamente... non ci racconta niente di nuovo ma non l'ho trovato noioso come ha detto qualcuno...

Marmot  @  14/04/2006 15:09:52
   3 / 10
Noioso, senza storia, insopportabile.

Invia una mail all'autore del commento logical  @  14/04/2006 11:05:06
   2 / 10
Un film patetico per chi lo guarda e per chi lo recita. Quando la prevedibilità supera l'imbarazzo dello stereotipo più trito e banale. E poi sentire Chinaski invce di Bukowski ricorda il Fantocci di Fantozzi. Inutile, irritante e deprimente contiene e realizza la forza di un rutto.

3 risposte al commento
Ultima risposta 16/07/2006 12.47.40
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento bouree  @  14/04/2006 09:06:48
   6 / 10
non mi ha esaltato molto, troppo lento e poca trama.... sembra sempre che deva accadere qualcosa di significante e non a ccade mai niente...
la sufficienza solo per l'interpretazione di dillon.

Gruppo COLLABORATORI gerardo  @  13/04/2006 13:10:05
   7 / 10
Factotum non è certamente il genere di film con cui ci si possa esaltare, ma restituisce un'immagine del personaggio Chinaski molto credibile ed essenziale. Chinaski/Bukowky è un uomo ai margini del mondo e il film sa cogliere tutti gli aspetti tragicomici della sua esistenza in un dosaggio ben calibrato dei due elementi, e nel quale giustamente non trova spazio l'esaltazione divistica del personaggio.
Alcune scene molto significative e straordinariamente belle rendono più di qualsiasi parola il senso della vita del protagonista e la sua collocazione nel mondo: un esempio su tutti è la zoomata che riprende un Chinaski perplesso alla finestra di un magazzino e si allarga fino a farci scoprire che quella finestra è l'unica in un muro enorme su un vecchio palazzo di periferia, isolando di fatto la stessa immagine di Chinaski, sempre più piccola, in un contesto dimesso e triste.

MyName  @  05/04/2006 21:42:02
   8 / 10
semplicemente bellissimo

Marenco  @  05/04/2006 00:02:59
   7 / 10
nel trailer si vedono due scene che nel film mancano:

1) la macchina che entra nell'acqua come un motoscafo...
2) chinaski che si "dimette" e fa incazzare il suo padrone...

voi le avete viste?

giumig  @  04/04/2006 22:58:12
   5½ / 10
Ammetto che non conosco bene Bukowsky, avendone letto davvero poco, per questo mi ero avvicinato al film con le migliori intenzioni. Purtroppo pero' devo dire che Factotum mi ha deluso.

Niente da dire sulla fotografia e sulla magistrale prova di Matt Dillon (per me uno dei migliori attori in circolazione...), ma non c'è un filo conduttore per tutta la storia, non c'è una trama, manca davvero di qualcosa.
Magari chi conosce Chinaski amerà questo film. Ma credo che chi come me non ha la fortuna di saperne di piu', trover questo film poco piu che mediocre.

Raff.x  @  03/04/2006 13:26:58
   5½ / 10
Penso che nonostante l'ottima calibrazione della lentezza di alcune scene, la buona scelta delle inquadrature e le buone interpretazioni degli attori, l'inventario di situazioni proposte tenda talvolta ad intrappolare il film in una monocolore carrellata di eventi.
Se questa scelta sia stata fatta per riflettere il grigiore della vita del protagonista, non credo che l'operazione sia riuscita in pieno.

Betelgeuse  @  02/04/2006 21:33:08
   7 / 10
Ecco: io sto in fissa con Bukowski!
(vedi il commento precedente...)

Nonostante ciò, ho trovato il film molto letto rispetto al ritmo narrativo del Vecchio...

Dai: vedere Chinaski sullo schermo, è un piacere per me che ADORO Bukowski...

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

overlook  @  02/04/2006 12:54:26
   4 / 10
l film peggiore su bukowsky
peggio di Barfly o Storie di ordinaria follia,il Dillon più inespressivo della carriera,da vedere solo per chi sta in fissa con Charles.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

1968 gli uccelli45 seconds of laughter5 e' il numero perfettoa herdadea proposito di rosea sona spasso col pandaabout endlessnessad astraadults in the roomall this victoryamerican skinandrey tarkovskji. a cinema prayerangry birds 2 - nemici amici per sempreantropocene - l'epoca umanaapollo 11appena un minutoaquile randagiearab bluesatlantis (2019)attacco al potere 3 - angel has fallen
 NEW
attraverso i miei occhibabyteethballoonbarnbeyond the beach: the hell and the hopeblanco en blancoblinded by the light - travolto dalla musicaboia, maschere, segreti: l'horror italiano degli anni sessantabombay rosebrave ragazzeburning - l'amore bruciaburning cane
 HOT
c'era una volta a... hollywoodcercando valentinacharlie says - charlie dicechiara ferragni - unpostedcitizen kcitizen rosicity hunter - private eyescolectivcorpus christicrawl - intrappolati
 NEW
deep - un'avventura in fondo al maredelphinediego maradonadoctor sleepdora e la citta' perdutadownton abbeydrive me homee poi c'e' katherineeat local - a cena con i vampirieffetto dominoel principeelectric swanemaemilio vedova. dalla parte del naufragioermitage - il potere dell'artefellini fine maifiebre australfigli del setfinche' morte non ci separi (2019)fulci for fakegemini mangenitori quasi perfettigiants being lonelygive up the ghostgli angeli nascosti di luchino visconti
 NEW
gli uomini d'orogloria mundigrazie a diogretaguest of honourhava, maryam, ayeshahole - l'abissohouse of cardini diari di angela - noi due cineasti. capitolo secondoi migliori anni della nostra vita (2019)il bambino e' il maestro - il metodo montessoriil colpo del caneil criminaleil giorno più bello del mondoil mio profilo miglioreil mostro di st. pauliil pianeta in mareil piccolo yetiil prigionieroil re leone (2019)il regnoil segreto della minierail signor diavoloil sindaco del rione sanita' (2019)il varcoio, leonardoit: capitolo 2jesus rolls - quintana e' tornato!
 HOT R
jokerjust 6.5kingdom come
 NEW
la belle epoquela famiglia addams (2019)
 NEW
la famosa invasione degli orsi in siciliala fattoria dei nostri sognila legge degli spazi bianchila lloronala mafia non e' piu' quella di una voltala rivincita delle sfigatela scomparsa di mia madrela verita' (2019)la vita invisibile di euridice gusmaola voce del marel'amour flou - come separarsi e restare amicile coup des larmes
 NEW
le ragazze di wall streetles chevaux voyageursl'eta' giovanelife as a b-movie: piero vivarelli
 NEW
light of my lifelingua francal'ospite - un viaggio sui divani degli altrilou von salome'l'uomo che volle vivere 120 annil'uomo del labirintol'uomo senza gravita'mademoisellemadre (2019)maleficent 2: signora del malemanta raymarriage storymartin edenmes jours de gloiremetallica and san francisco symphony: s&m2mio fratello rincorre i dinosaurimisereremoffiemondo sexymosul
 NEW
motherless brooklyn - i segreti di una citta'nato a xibetnell'erba altanever just a dream: stanley kubrick and eyes wide shutneviano.7 cherry lanenon si puo' morire ballandonon succede, ma se succede...of fathers and sonsoltre la buferaone piece: stampede - il filmpanama papers
 NEW
parasite (2019)parthenonpavarottipelican bloodphotographpop black postapsychosiarambo: last bloodrare beastsrevenirrialtoroger waters us + themroqaiarosa (2019)sabbiasanctorumsaturday fictionscalesscary stories to tell in the darkscherza con i fantise c'e' un aldila' sono fottuto: vita e cinema di claudio caligarise mi vuoi benesearching evasebergselfie di famigliaseules les betessh_t happensshadow of watershaun, vita da pecora - farmageddonsolestate funeralstrange but truestuber - autista d'assaltosubmergencesupereroi senza superpoteriteen spirit - a un passo dal sognoterminator - destino oscurothanks!the burnt orange heresythe diverthe gallows act iithe great green wallthe informer - tre secondi per sopravviverethe irishmanthe kill teamthe king (2019)the kingmakerthe lodgethe long walkthe nest (il nido)the painted birdthe perfect candidatethe rider - il sogno di un cowboythe scarecrowsthey say nothing stays the sametolkientony drivertorino nera (2019)tutta un'altra vitatuttappostotutto il mio folle amoreun monde plus grand
 NEW
una canzone per mio padreverdictvicino all'orizzontevivere (2019)vivere, che rischiovox luxwaiting for the barbarianswake up - il risvegliowasp networkweathering with you - la ragazza del tempowomanyesterday (2019)you will die at 20yuli - danza e liberta'zerozerozero - stagione 1zumiriki

994126 commenti su 42355 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net