gianni e le donne regia di Gianni Di Gregorio Italia 2011
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

gianni e le donne (2011)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film GIANNI E LE DONNE

Titolo Originale: GIANNI E LE DONNE

RegiaGianni Di Gregorio

InterpretiGianni Di Gregorio, Valeria Bendoni, Alfonso Santagata, Elisabetta Piccolomini, Valeria Cavalli, Aylin Prandi, Kristina Cepraga, Michelangelo Ciminale, Teresa Di Gregorio, Lilia Silvi, Gabriella Sborgi

Durata: h 1.30
NazionalitàItalia 2011
Generecommedia
Al cinema nel Febbraio 2011

•  Altri film di Gianni Di Gregorio

Trama del film Gianni e le donne

Di Gregorio è un baby-pensionato, una sorta di nullafacente-massaio che vive in un appartamento insieme a moglie e figlia. La madre, sempre difficile da gestire, invece vive sola in una ricca villa alla passeggiata archeologica di Roma.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,33 / 10 (23 voti)6,33Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Gianni e le donne, 23 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

fabio57  @  14/12/2015 14:22:07
   7½ / 10
Divertente questa piccola, ma piacevole storia del registai Di Gregori, che disegna con tono scanzonato, autoironico e forse autobiografico,un gradevole e realistico personaggio,un sessantenne dei nostri tempi, simpatico, contenuto, garbato, avulso dalla realtà che non riesce a comprendere e che lo tiene alla larga, in cerca di fortuna con l'altro sesso, che lo ignora sistematicamente.
La scena finale poi è veramente esilarante.
da vedere

TonyStark  @  04/03/2015 15:15:18
   4 / 10
Lento, noioso, non è una commedia, non fa riflettere... ma che razza di film è?

Gruppo COLLABORATORI paul  @  22/01/2014 13:18:24
   6½ / 10
Il film non ha nulla di originale ed è forse meno frizzante rispetto a "Pranzo di Ferragosto", ma è carino e si lascia vedere.

topsecret  @  27/12/2012 12:36:47
   6½ / 10
La naturalezza e la spontaneità interpretativa di Gianni Di Gregorio è talmente apprezzabile e coinvolgente da rendere gradevole una storia che non ha particolari spunti interessanti.
Si partecipa con un certo trasporto alle continue sollecitazioni che il protagonista subisce e si rimane soddisfatti fino alla fine per una visione senza pretese.

Chemako  @  24/05/2012 19:48:48
   4½ / 10
Mi aspettavo di meglio....

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  18/05/2012 20:10:24
   6 / 10
Dopo il felice debutto di "Pranzo di Ferragosto" , De gregorio riporta in scena quella familiarita' che ci aveva colpito piu' o meno con gli stessi ingredienti e soprattutto con l'onnipresente madre opprimente e possessiva!
Una storia semplice che sembra cosi reale da poterla toccare con mano...certo lo stile è fin troppo simile al lavoro precedente ma la pellicola si segue in maniera piacevole e con la curiosita' di vedere come finiscono le vicissitudini del povero Gianni...

clubdelmariachi  @  02/05/2012 16:02:00
   7 / 10
un bel filmetto, non è comico, ma strappa più di qualche risata qua e la!
inoltre un punto in più perchè si distacca dalle solite commedie d'amore di oggi.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

marcodinamo  @  22/11/2011 19:20:46
   7 / 10
Sempre delizioso Di gregorio, nulla di trascendentale ma discreto

Regista Ricky  @  25/10/2011 10:41:37
   1 / 10
come è possibile che una tale ciofeca abbia più di 6 di media?

un film noioso, prevedibile, stupido ecc ecc

è la replica del film precedente ( che durava solo 75 minuti ma mi sembrava di essere stato a guardarlo gratis per fortuna per giorni interi)

speriamo che a questo coso non gli diano più soldi per fare ste ca...

1 risposta al commento
Ultima risposta 25/10/2011 11.09.52
Visualizza / Rispondi al commento
addicted  @  08/09/2011 22:42:12
   5½ / 10
Non è per niente facile realizzare un bel film. Si tratta di creare un'alchimia, di tenere le redini di tante cose complesse. Non è per niente facile e ci vuole tecnica, cuore, classe, cultura.
Al suo esordio Di Gregorio aveva colpito nel segno, con equilibrio ironia e gusto.
Non riesce a fare il bis. La seconda prova è slegata, prevedibile, talvolta stonata. E' una stecca. Peccato.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  27/08/2011 00:34:54
   7 / 10
Lo stile è pressochè identico a Pranzo di Ferragosto, come molto simili i caratteri dei personaggi. Di Gregorio è sempre lo stesso, però risulta efficace nel suo voler "rimettersi in gioco" con il genere femminile, tanto agognato quanto popolato da figure castranti come la madre. Risate a denti stretti tra comico e patetico, con una buona caratterizzazione delle figure di contorno.

charles  @  17/07/2011 23:00:53
   5 / 10
Dopo il "Pranzo di Ferragosto", un film deludente.
Non basta parlare di temi interessanti (meno male che qualcuno ancora lo fa) per fare un buon film.
Peccato perché le atmosfere del "Pranzo" a tratti rivivono e De Gregorio è sempre bravo e simpatico; ma stavolta non basta.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  28/06/2011 12:50:55
   7 / 10
Gianni Di Gregorio dopo "Pranzo di ferragosto" firma un'altra commedia italiana agrodolce. La sincerità della pellicola si evince sia dalle interpretazioni dell'intero cast sia dalla quotidianeità raccontata in maniera sobria e a tratti malinconica.
Un film che racconta l'avanzare della vecchiaia, la solitudine, la voglia di continuare a divertirsi ma le perplessità e le difficoltà nel farlo.
Molti i dettagli che legano quest'ultima fatica di Di Gregorio col film precedente: il legame inossidabile con la madre, i problemi economici, il vizietto del vinello fresco...

Burdie  @  27/06/2011 20:55:54
   7 / 10
...sincero e piacevole

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  24/06/2011 14:19:01
   7 / 10
Frustrato,represso e alla soglia dei sessant'anni Gianni vorrebbe cambiare qualcosa della sua vita contrassegnata da una grande disponibilità nei confronti degli altri,ma nel carattere mite e flemmatico è racchiuso l'ostacolo più grande alle sue ambizioni.
Una Roma assolata recepisce come in "Pranzo di Ferragosto" le inquietudini di Gianni,apparentemente inadeguato a ciò che lo circonda o forse più semplicemente a ciò che vorrebbe fare.L'amico avvocato lo sprona a "divertirsi",la madre lo tormenta con i suoi piccoli e grandi problemi mentre ostinatamente dilapida il capitale di famiglia,con moglie e figlia ha un rapporto poco entusiasta e sembra autobandirsi in un quotidiano tran-tran piuttosto che regalarsi quella botta di vita che lo assilla con le sue sirene dai seni prosperosi.
I collegamenti con il personaggio del suo primo film sono palesi,la dipendenza dalla madre e la passione per il vino bianco sono dettagli non da poco,come se l'autore volesse continuare a parlare di vecchiaia dopo averla vissuta da esterno.Questa volta dolente,ironico e malinconico racconta dell'avanzare dell'età sulla propria pelle,garbato e mai fuori posto come il personaggio che interpreta con bravura.Di Gregorio riempie il suo operato di modi signorili e quasi desueti,ad accentuare il suo distacco da un ambito dal quale si sente escluso.
Commedia agrodolce "Gianni e le donne" definisce un disagio molto umano con sensibilità,a conferma dell'attitudine da parte dell'autore di osservare e riferire con amara leggerezza la realtà circostante.

Peters  @  05/04/2011 20:13:17
   7 / 10
polbot  @  26/02/2011 18:47:12
   7 / 10
un po' inferiore rispetto al precedente ma comunque godibile e soprattutto delicato

Invia una mail all'autore del commento albatros70  @  24/02/2011 21:21:09
   6½ / 10
Davvero piacevole e ben recitato da un ottimo Gianni Di Gregorio, curioso vedere l'argomento del sesso affrontato dal punto di vista degli anziani.
Consigliato per una serata rilassante...

dils  @  24/02/2011 12:14:24
   7 / 10
Gianni e le donne è un film molto carino non agli stessi livelli di Pranzo di ferragosto, ma comunque un buon prodotto.
Apprezzo notevolmente il lavoro di Gianni di Gregorio, il suo stile realistico, descrive con una pura semplicità , uno spaccato di vita quotidiana rendendo i personaggi e l'atmosfera quasi familiare, e molto vicina allo spettatore.
Il tutto dipinto con sfumature ironiche e divertenti.
Consigliato per un pò di leggerezza.

forzalube  @  23/02/2011 06:29:45
   6½ / 10
Direi un passo indietro rispetto a "Pranzo di ferragosto". I personaggi di Gianni e di sua madre sembrano un calco dall'altro film, mentre cambiano quelli di contorno.
Nel complesso è simpatico e strappa qualche risata qua e là, ma non è un film che lascia il segno.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento LukeMC67  @  19/02/2011 01:46:36
   7½ / 10
Delizioso e leggero, di quell'insostenibile leggerezza che caratterizza chi sta entrando nella vecchiaia e sta prendendo consapevolezza del suo inevitabile (e, grazie alla modernità, pure indefinitamente lungo) declino anzitutto esteriore.
Il film ha tanti meriti, a cominciare da quello di aver finalmente sdoganato un tema tabù: la sessualità degli anziani. E' incredibile come nel Paese più vecchio del mondo i vecchi siano i meno rappresentati, in una sorta di rimozione collettiva che corrisponde a quella sociale quando ci si congeda dal lavoro per entrare in quel limbo infinito che è la pensione. Ed è proprio la vicenda di un pensionato "giovane" (una volta si sarebbe detto "baby") alla spasmodica ricerca di una "botta di vita" che inonda lo schermo riempiendolo di sguardi attoniti, di considerazioni quasi infantili (o fiabesche), di sogni erotici che sembrano adolescenziali, di sogni da ecstasy in una Roma "upper class" che più realistica di così si muore. Dall'ossessione di riempire la giornata che inizia fatalmente all'ora in cui iniziava quando c'era il lavoro fino al duro rapporto con lo specchio ogni giorno, per non parlare degli altri simili -il peggior specchio che ci sia in una Roma, o Italia, affollata di anziani in cui la rara gioventù sembra venire solo dall'estero-, Gianni Di Gregorio tratteggia i suoi personaggi con una profonda umanità velata di disincanto e tanta autoironia. Si sorride o si ride apertamente di fronte alle manie di questi anziani che somigliano tanto ai nostri genitori o ai nostri vicini di casa; si ride un po' meno quando si vedono giovani con manie e comportamenti se possibile peggiori dei loro padri/nonni. Ma la cinepresa di Di Gregorio non giudica: ritrae e basta senza infierire ma senza neanche risparmiare nessun dettaglio a noi spettatori.
Messa in scena limpida e lineare, grandissimo gioco di attori (tutti perfetti!), buon ritmo, splendida colonna sonora in cui campeggiano orchestrazioni che privilegiano i pizzicati d'archi o la conduzione di clarini e oboe, sonoro di grandissima pulizia che permette la perfetta intelleggibilità dei frizzanti dialoghi.
Al disincanto di chi può solo accettare la propria parabola discendente godendone fino alla fine (la madre, splendido personaggio magnificamente rappresentato) o tormentandosi (Gianni), si associa il disincanto dei nostri giovani che sembrano essere condannati a non avere un futuro qualsiasi. Ne esce fuori una strana nemesi che unisce nonni e nipoti in una rassegnata disperazione leggera. Il sogno finale, che mi ha richiamato alla mente quello dell'Alex kubrickiano, rimane l'ultima chimera cui aggrapparsi per trovare la forza di svegliarsi affrontando le lunghe giornate calde della Capitale e di tutte le città e i paesi di questo Paese.

3 risposte al commento
Ultima risposta 24/02/2011 00.05.13
Visualizza / Rispondi al commento
annibalo  @  15/02/2011 11:34:32
   8 / 10
il precedente lo preferivo ma anche questo film ha spunti interessanti e interpretazione ottima, l'8 è per la completezza di forma e contenuto

1 risposta al commento
Ultima risposta 21/10/2011 16.45.36
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR strange_river  @  14/02/2011 19:58:39
   7½ / 10
Di nuovo estate, di nuovo Roma e di nuovo Gianni, stavolta non più alle prese con il delizioso pranzo ferragostiano, bensì addirittura con l'intero e misterioso universo femminile, la cui punta di diamante (e che punta!) rimane la mamma.
L'aria dimessa non lo ha abbandonato e questa di certo non gli giova nell'ardua impresa di conquistarsi uno scampolo di passione tardiva, soprattutto quando ci si trova a che fare con donne almeno apparentemente autosufficienti, sicuramente molto più impegnate del passare la mattina sulla panchina da pensionato nel parco.
Donne quasi felliniane che Gianni può solo sfiorare, ma che, come nei sogni, rimangono irraggiungibili.
Piccolo squarcio dolce-amaro impreziosito dall'autoironia, marchio di fabbrica di De Gregorio.



  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghierabad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospetto
 NEW
easy living - la vita facile
 NEW
era mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandfigli (2020)gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvatiche
 NEW
il meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnol'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'immortale (2019)l'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodge
 NEW
the new mutants
 NEW
the other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo tolouna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivolevo nascondermi

1001415 commenti su 43095 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net