gioventu', amore e rabbia regia di Tony Richardson Gran Bretagna 1962
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

gioventu', amore e rabbia (1962)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film GIOVENTU', AMORE E RABBIA

Titolo Originale: THE LONELINESS OF THE LONG DISTANCE RUNNER

RegiaTony Richardson

InterpretiTom Courtenay, Michael Redgrave, Avis Bunnage, Alec McCowen

Durata: h 1.44
NazionalitàGran Bretagna 1962
Generedrammatico
Al cinema nel Luglio 1962

•  Altri film di Tony Richardson

Trama del film Gioventu', amore e rabbia

Colin Smith, in riformatorio per furto, è un bravissimo corridore. Vincere l'annuale gara campestre vorrebbe dire rimettersi in pace con il mondo, con il direttore del riformatorio e con se stesso…

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,75 / 10 (2 voti)7,75Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Gioventu', amore e rabbia, 2 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

kafka62  @  26/02/2018 16:24:27
   7½ / 10
"Gioventù, amore e rabbia" è, nel bene e nel male, il film forse più emblematico dell'intero free cinema. La ragione del fatto che, a distanza di oltre trent'anni, esso venga ricordato più di altri titoli dello stesso periodo non risiede tanto nella compiuta realizzazione da parte sua delle premesse teoriche e ideologiche del movimento (un approccio anticonvenzionale e quotidiano – oggi si direbbe minimalista – alla realtà, la descrizione di gente e ambienti comuni, uno sguardo socialmente libero e spregiudicato), quanto, probabilmente, nell'abile meccanismo narrativo che lo contraddistingue, il quale, essendo il film ricavato da un testo letterario preesistente (una novella di Sillitoe), appartiene, a dire il vero, più propriamente alla sfera del pro-filmico. Nel film c'è anzitutto un'abile commistione di passato e presente: mentre da una parte la storia di Colin è inframmezzata da una successione via via più rilevante di flashback esplicativi, dall'altra essa tende inesorabilmente verso un epilogo altamente avvincente (riuscirà Colin a vincere la gara di corsa campestre?). Seppur tra loro profondamente diversi (l'arresto di Colin costituisce una linea di demarcazione irreversibile tra un prima e un dopo non più riconciliabili), passato e presente si alternano ma non si contraddicono. Negli ultimi metri della corsa, ad esempio, le immagini degli avvenimenti delle ultime settimane (alcune delle quali, come la visita del padre morto, il regista aveva precedentemente celato) si avvicendano freneticamente nella mente di Colin, subendo un inconscio processo di risemantizzazione e contribuendo a far maturare nel protagonista il clamoroso gesto di ribellione. Del resto, già prima era possibile vedere un parallelismo tra la falsa libertà insita nel permesso di allenarsi fuori del carcere senza sorveglianza e l'euforia per l'improvviso, effimero benessere che fa seguito alla morte del padre; e l'episodio in cui Colin brucia la banconota regalatagli dalla madre prefigura con netto anticipo la conclusione del film.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER L'atteggiamento critico del protagonista verso le istituzioni è tanto più forte in quanto colui che le incarna, vale a dire il direttore del riformatorio, non è apertamente ostile e crudele (come in tanti film anti-establishment), ma adotta nei suoi confronti un atteggiamento lusinghevole, conciliante, paternalistico. E' il vecchissimo metodo del bastone e della carota, che premia coloro che collaborano (al mantenimento dell'ordine, alla conservazione dello status quo, alla perpetuazione del potere) e castiga, emarginandoli, coloro che – come Colin – a tale regola non intendono sottomettersi (lo dimostra l'ultima scena, che vede la retrocessione di Colin al suo vecchio incarico di lavoro, riservato secondo le leggi non scritte del riformatorio alle matricole e agli irrecuperabili).
Nonostante il pessimismo insito in questo unhappy end, e sebbene sulle immagini in flashback incomba la consapevolezza che la strada di Colin porterà inevitabilmente al riformatorio, l'atmosfera del film non è quasi mai grave e cupa. Anzi, la pur sordida e misera vita di Colin ha spesso soprassalti di giovanile spensieratezza, che la musica di Addison accompagna al ritmo di una originale marcetta e che la macchina da presa di Richardson registra per mezzo di accelerazioni dagli effetti quasi comici e di inquadrature liriche o ariose. E' piuttosto il viso perennemente accigliato dello straordinario Tom Courtenay, perfettamente calato nel ruolo del giovane ribelle e antisociale, che non un ipotetico, unidimensionale intento programmatico dell'autore, a rendere lo spettatore presago dell'immodificabilità del destino del protagonista, dell'illusorietà di ogni suo attimo di felicità (come nella scena sulla spiaggia). E', questo, uno dei meriti maggiori da ascrivere alla pellicola, insieme al bianco e nero "realistico" di Lassally, ottimo nel rendere tanto i brumosi scorci della campagna inglese quanto lo squallido grigiore dei dintorni di Nottingham, e allo stile insolitamente mosso e vivace di Richardson, il quale, con l'uso frequente della macchina a mano e di un montaggio veloce, si avvicina sotto molti aspetti a uno sperimentalismo di tipo nouvelle-vaguistico. Per contro, i limiti di Gioventù, amore e rabbia stanno nella già evidenziata origine letteraria del film, che converte in una messinscena tutto sommato classica e tradizionale la spontaneità naïf del regista, e nel fatto che la rivolta polemica nei confronti delle istituzioni e delle classi dominanti viene descritta in una maniera abbastanza tranquillizzante, senza la rabbia di un Ken Loach, per fare un solo nome. Si tratta del rischio perfettamente identificato da Nowell-Smith quando, accomunando tutti i film del free cinema, scriveva: "Ciò che è differente va proposto e difeso nel suo senso alternativo, non trasformato in una normalità differente, più liberal e, alla fine, rassicurante al di là delle stesse intenzioni"; e, quasi a conferma di questa affermazione, lo stesso Lindsay Anderson ammetteva che "la natura del free cinema era, potremmo dire, socialdemocratica: radicale, etica e riformista piuttosto che rivoluzionaria, teoretica e intellettuale", con ciò motivando il suo sostanziale fallimento ideologico.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  02/07/2007 22:18:43
   8 / 10
Un "momenti di gloria" carcerario e sorretto dalla difficile e ottima prova di Courtenay nei panni di Colin Smith. Il tutto quasi vent'anni prima del film di Hudson, in pieno Free Cinema, con la Middle Class Revolt a celebrare i fasti e il fallimento della comunità proletaria inglese.
Un film davvero molto bello, dove alla sete di vittoria si aggiunge la rinuncia o la sconfitta di una ribellione sociale: chissà quante volte lo avrà visto Ken Loach ...

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

a quiet place iia riveder le stelleafter midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandalobunuel - nel labirinto delle tartarughecambio tutto!candymancaterinacats (2019)cattive acquecercando valentina - il mondo di guido crepaxcriminali come noida 5 bloods - come fratellidoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovato
 NEW
famosafantasy island
 NEW
gamberetti per tutti
 NEW
ghostbusters: legacy
 NEW
gli anni piu' belligretel e hansel
 NEW
greyhound: il nemico invisibileil ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil principe dimenticatoil richiamo della foresta (2020)impressionisti segretiin the trap - nella trappolala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la sfida delle moglila vita nascosta - hidden lifel'agnello
 NEW
l'anno che verràl'apprendistatol'hotel degli amori smarritilontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marianne e leonard. parole d'amoremarie curie
 HOT R
memorie di un assassino
 NEW
nel nome della terranon si scherza col fuocooutbackpicciridda - con i piedi nella sabbiaqua la zampa 2 - un amico e' per semprequeen & slimrun sweetheart runsaint maudshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccaspiral - l'eredita' di saw
 NEW
stay stillthe boy - la maledizione di brahmsthe gentlementhe grudge (2020)the new mutants
 NEW
the old guardthe other lambthey shall not grow oldun figlio di nome erasmusvivariumvolevo nascondermi
 NEW
vulnerabiliwaves

1006339 commenti su 43733 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net