il caso paradine regia di Alfred Hitchcock USA 1947
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

il caso paradine (1947)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film IL CASO PARADINE

Titolo Originale: THE PARADINE CASE

RegiaAlfred Hitchcock

InterpretiGregory Peck, Alida Valli, Charles Laughton, Ann Todd, Charles Coburn, Ethel Barrymore, Louis Jourdain, Leo G. Carroll, Joan Terzel

Durata: h 1.56
NazionalitàUSA 1947
Generegiallo
Al cinema nel Maggio 1947

•  Altri film di Alfred Hitchcock

Trama del film Il caso paradine

Il colonnello Paradine, valoroso e facoltoso ufficiale, viene trovato morto nel suo letto. La vedova è la prima a essere accusata. Nel corso dei ripetuti colloqui con l'imputata, l'avvocato difensore si innamora di lei trascurando la giovane moglie. Studiando il caso, il legale si imbatte in uno strano personaggio, il cameriere del colonnello, rimasto fino allora nell'ombra...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,43 / 10 (28 voti)7,43Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Il caso paradine, 28 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento thohà  @  23/03/2016 01:25:51
   7½ / 10
Molto buono. Mi sono anche divertita ad aspettare la comparsa/cameo del buon maestro Hitch. Naturalmente c'è, col sigaro in bocca.
Ottima fotografia, buone recitazioni e quei tagli di luce che hanno fatto la storia del cinema che è seguìto.
Non mi è tanto piaciuto il personaggio della moglie, ma questo è un rifiuto del tutto personale. Come attrice la trovo un po' squalliduccia.
Perfetta l'interpretazione della bellissima Alida Valli, alias la Sig. Paradine.
E poi Gregory mi piace troppo. Insomma, tutto valido.

Il processo in tribunale avvincente e non mancante di frequenti battute ilari ed ironiche da parte di un pacioso giudice, interpretato dall'ineffabile Charles Laughton.
Sicuramente consigliato.

1 risposta al commento
Ultima risposta 23/03/2016 01.35.53
Visualizza / Rispondi al commento
Pink Floyd  @  20/11/2007 17:22:56
   9 / 10
Alida Valli.

Il film è lei.

Una pellicola incentrata sulla volontà di un individuo.
Un prodotto particolare, avulso dall'abituale thriller di stampo Hitch, che partorisce il suo personaggio più complesso e maledetto (forse alla stregua di La donna che visse due volte).
Alida Valli è la donna in grado di soggiogare a se chi desidera; Hitch ci dipinge il volto di una donna che, a modo suo ama con passione travolgente, eppure resta impassibile, conscia del suo peccato dinanzi alla legge.
Il giudizio è l'altro elemento, rappresentato da un lato dai volti della gente e dell'altro dal cinismo del magistrato -un biblico C.Laughton -

Non va ricercata la suspence, ne tantomeno l'azione.
Le scene sono lente, ma poco importa con un'analisi sulla protagonista così interiore e un sibolismo talmente fitto.

Da rilevare la passionale prova di Gregory Peck ma va resa giustizia: quanto di suo abbia messo in questa pellicola Alida Valli è un atto d'amore per l'arte.
Quanto poco sia stata considerata questa attrice nello scenario cinematografico internazionale lascia dubbi e perplessità.

2 risposte al commento
Ultima risposta 29/05/2008 22.23.33
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  06/01/2007 16:15:13
   7 / 10
ci sono molte cose che mi sono piaciute,altre un po meno...comincio da quello che mi è piaciuto:
l'effetto "gabbia"...non so se avete notato le sbarre che caratterizzano alcune sequenze,in gabbia è il protagonista che ama una donna che non puo amare anche perche è ingabbiato dal suo lavoro e dal fatto che è una persona sposata...due scene su tutte:la prima dove peck parla in maniera morbosa della sua assistita e la moglie ascolta il discorso(proprio dietro alcune "sbarre")
poi quando il protagonista entra nella camera della donna abbiamo una sequenza in prima persona dove gli occhi di peck guardano il letto della donna assistita ma questa visione viene in parte ostacolata dalla presenza di queste sbarre!solo un sogno impossibile(sopra il letto abbiamo proprio un ritratto della donna desiderata)...
tutto il suo modo di fare durante il processo per salvare la donna anche quando tutto sembra compromesso è davvero enigmatico...
non per forza il maestro deve fare dei film thriller,perche da altri commenti vedo come tutti cercano la tensione...questo è un giallo ed è quasi perfetto...
dico quasi perche come finisce la storia mi ha un po deluso...

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

1 risposta al commento
Ultima risposta 05/03/2008 13.24.51
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento Andre82  @  10/05/2006 18:47:37
   6 / 10
Probabilmente il peggiore di Hitchcock, con la tensione che rimane bassa per quasi tutto il film. Lo salva parzialmente la morale. Ho qualcosa da ridire anche sull'attore protagonista, non all'altezza (di solito gli attori dei film di Hitchcock sono bravissimi nei loro ruoli).

4 risposte al commento
Ultima risposta 05/03/2008 13.26.41
Visualizza / Rispondi al commento
Crimson  @  26/03/2006 11:11:02
   6½ / 10
"Il caso paradine" è uno dei film che apprezzo di meno di Hitchcock. Non è un film brutto, e sicuramente ha una morale di fondo interessante, ma non è proprio il massimo. Le scene in tribunale sono anche belle, ma ci sono parti poco coinvolgenti, su tutte la lunga visita alla casa del defunto, in cui l'avvocato conosce il misterioso cameriere.
Insomma è un Hitchcock un pò diverso. Oltretutto i film giudiziari di per sè mi attirano poco.
L'elemento migliore del film è Alida Valli: bellissima, e conferisce al proprio personaggio un fascino esemplare.

3 risposte al commento
Ultima risposta 05/03/2008 13.30.46
Visualizza / Rispondi al commento
Ch.Chaplin  @  21/03/2006 21:00:07
   7 / 10
tante belle parole ma secondo me resta il film meno riuscito del maestro della suspense, e - a parte i primissimi - li ho visti quasi tutti. le cs ke dici kowalsky sn assolutamente assodate, ma sn cs ke + o meno ci si aspetta qnd c si accinge a vedere una pellicola del grande genio del thriller..nn c'è nulla ke mi faccia dire note d alto gradimento, tt abbastanza nella norma..e, diciamola tutta, è anke parekkio noioso in alcuni punti, nn a caso si tratta d un dramma/giallo giudiziario..se nn c fosse gregory peck kissà ke dormite ke c sarebbero sate nelle parti del tribunale

4 risposte al commento
Ultima risposta 05/03/2008 13.32.38
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  06/05/2005 19:34:04
   8 / 10
(Londra... non molto tempo fa)
Uno dei film più incompresi di Hitchcock. E invece è un'opera di grande interesse visivo teologico psicologico e persino "spirituale". Con un sarcasmo senza precedenti, Hitch si beffa dell'alta società, mostrano - nell'arco di pochi minuti - prima la ricca protagonista nella sua fastosa dimora, e poco dopo consegnata alle maglie della giustizia mentre si aprono porte e serrature di un lugubre carcere. Hitch e il suo personalissimo
"giudizio universale" : tutto nel lasso di un breve tempo, fra l'altro filtrato da un prologo che sembra già aver sondato il tempo in precedenza. Ha un respiro classico, il film, da pamphlet giudiziario, ma in realta' è davvero ben poco tradizionale. Il tempo sonda un crimine già in atto, e Lady Paradine osserva il ritratto del marito scomparso come se tutto fosse già scritto. Hitch ha creato un dipinto apparentemente incompiuto, ma ha preteso di farlo così. La storia, dunque, inizia abbastanza insolitamente come se esistesse già un primo, inesistente film. Poi, è un film di donne (e mariti), anche contro chi lo accusa da sempre di misoginia. Donne che esibiscono gioielli, che parlano dei rispettivi consorti, lo status che ingloba l'eterea e dolce Ann Todd nella Grande Famiglia della Giustizia. Di cui fanno parte un giudice abbietto e laido come Laughton - magistrale emblema dell'assolutismo giuridico e della più indomita crudeltà - e la moglie tuttavia idealista ("sì ho pietà. E chi se lo merita più di una donna che ha peccato?") o delusa ("intelligente...anche mio marito lo è ma non è che mi diverta"). Ma presto il film prende una piega ben diversa: la requisitoria da trail-movie è un pretesto, fin quando che si racconta l'esplorazione di un moderno Adamo tentato dalla "sua" Eva. Frutto proibito di una femminilità altera e raggelante, un'Alida Valli d'oltreoceano nel suo breve esilio hollywoodiano (non infelice come si disse allora), che finalmente si prende la sua bella rivincita davanti alle tante lacrimose vittime designate dei film precedenti girati in Italia (quelli che "parlano al vostro cuore" coniava uno slogan). A modo suo è perfetta, non filtra altra emozione che l'abuso del fascino di sè come strumento tentatore. Ma non c'è moralismo in Hitch, ma la consapevolezza di un dramma comune a molti uomini tentati dalla bellezza altrui: l'imputata diventa ossessione e immagine perenne, davanti a cui l'integrità morale del brillante avvocato Peck subisce- per sua stessa ammissione -una discesa negli inferi e la caduta definitiva dei vivi sui morti, la fine ineluttabile del finto "paradiso terrestre" dell'innocenza presunta. Nonostante la vischiosa relazione del personaggio Lefevre - personaggio infelice del film di cui Hitch sembra volersi liberare - lo spettatore finisce per parteggiare per entrambi i "contendenti", strumenti di diverso ceto sociale e natura della stessa tentazione carnale (è abilissimo e spietato il modo in cui Hitch sa quanto le donne abbiano il potere di mettere l'uno contro l'altro soprattutto nei contesti previsti dalla storia) Insolito del resto è anche l'epilogo: Eva svanisce nel nulla e il suo destino è segnato, mentre Adamo è condannato a vivere e redimere quanto puo' la sua debolezza. Uno dei temi prediletti di Hitch: la colpa non è soltanto quella dei presunti rei ma anche di chi - presunibilmente - offende la sua dignità.
Forse solo Hugo nella letteratura è riuscito a dar vita a una giustizia implacabile e repellente quanto quella del giudice impersonato da un Laughton tanto inquietante quanto indimenticabile

3 risposte al commento
Ultima risposta 06/03/2008 09.37.39
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 HOT
1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)after midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghieraantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecambio tutto!candymancaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noida 5 bloods - come fratellidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandgli anni piu' belligrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnola vita nascosta - hidden lifel'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estateoutbackpicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)promarequa la zampa 2 - un amico e' per semprequeen & slimrichard jewellrun sweetheart runsaint maudscherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccaspie sotto coperturaspiral - l'eredita' di saw
 HOT
star wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe gentlementhe grudge (2020)the lodgethe new mutantsthe other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo toloun figlio di nome erasmusuna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivivariumvolevo nascondermiwaves

1006152 commenti su 43641 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net