il gusto del sake' regia di Yasujiro Ozu Giappone 1962
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

il gusto del sake' (1962)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film IL GUSTO DEL SAKE'

Titolo Originale: SANMA NO AJI

RegiaYasujiro Ozu

InterpretiChishu Ryu, Shima Iwashita, Keiji Sata, Mariko Okada, Nakaburo Nobuo

Durata: h 1.52
NazionalitàGiappone 1962
Generedrammatico
Al cinema nel Gennaio 1962

•  Altri film di Yasujiro Ozu

Trama del film Il gusto del sake'

Il vecchio Shunei, al momento in cui sua figlia Michiko si sposa, rimane solo.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,38 / 10 (4 voti)8,38Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Il gusto del sake', 4 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Ciaby  @  19/08/2013 14:38:32
   8½ / 10
L'ultimo Ozu, ancora bellissimo. Ancora una variazione di "Tarda Primavera", ma con ritratti di donna moderna in grado di rompere le righe dei grandi film giapponesi anni '50. Perché sono i personaggi e le situazioni che li legano a rendere indimenticabili i film di Ozu. La prova che non è vera l'opinione tristemente comune che è la storia a fare un bel film.

_Hollow_  @  16/02/2012 02:44:49
   9 / 10
Sarebbe bello se Ozu avesse potuto usare il colore per tutti i suoi film ... con lui ha veramente un senso, come ce l'ha avuto con pochi altri.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Tumassa84  @  18/02/2011 02:48:57
   8 / 10
Film "gemello" di Tarda Primavera, quasi una sua versione a colori. La vicenda principale, infatti, è essenzialmente la stessa: un padre di famiglia vedovo, sempre interpretato da Chishu Ryu, vive con la figlia e tenta di farla sposare per fare in modo che ella non sacrifichi la sua vita per lui. E, come in Tarda Primavera, anche se inizialmente la figlia non sembra volersi sposare per amore del padre, alla fine si fa convincere e giunge a nozze. La visione del mondo estremamente pessimistica e malinconica di Ozu non sembra cambiare: i suoi personaggi, soprattutto quelli più anziani, sono soli e tristi; e la loro unica consolazione sembra essere l'ebbrezza dell'alcol. Emblematica è la figura dell'ex-professore, talmente patetico da fungere da monito al protagonista e i suoi amici di come potrebbe essere il loro futuro; e questo è il motivo per cui Shuhei si convince a far sposare la figlia. Ma poi, come capita in Tarda Primavera, l'unica cosa che gli rimane è una triste e profonda solitudine.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Ciumi  @  21/02/2010 13:25:20
   8 / 10
Ozu a colori. Vorrei cominciare commentando proprio questo aspetto, forse non davvero fondamentale.

Sappiamo come, per molti altri grandi registi giapponesi del passato, l'approdo al colore sia stato felice, ed abbia offerto nuovi spunti e suggerito inediti veicoli espressivi.
Se penso a Kurosawa, per esempio, e ai suoi cromatismi forti, incisivi, d'elevata visionarietà, in opere come "Sogni" e soprattutto "Ran"; se penso a Mizoguchi, che si riscoprì pittore raffinatissimo, e alle tinte incantevoli del suo "L’imperatrice Yang-Kwei-Fei"; se penso a "La ballata di Narayama" di Kinoshita, in cui i colori sono protagonisti al pari dei personaggi; constato come in Ozu le tinte non abbiamo aggiunto nulla; ed anzi come meglio s'adattava il bianco e nero alla pacatezza del suo cinema - e al grigiore degli ambienti, e ai suoi personaggi dimessi perché "normali", e alla sua prosa fatta d'inquadrature statiche, essenziali, rasoterra dagli angoli dei locali - allora quella al colore può apparire come un'ulteriore rinuncia. Rinuncia allo spettacolo, rinuncia al movimento, rinuncia alla felicità; e intanto conquista di un'umiltà e di un rigore senza pari.

Per il resto, è il solito grande amaro racconto alla Ozu. Una nuova pagina sui rapporti famigliari, pregna di quella rassegnazione alla quotidianità e alle leggi degli eventi che sta al centro di tutta la sua opera; all'appressarsi della vecchiaia, all'ampliarsi della solitudine, e alle difficili e mutevoli corrispondenze tra genitori e figli nella società moderna.

Bello, sempre profondamente sentimentale e sensibile, ma a mio parere non ai livelli dei suoi capolavori.

2 risposte al commento
Ultima risposta 21/02/2010 13.40.51
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1008604 commenti su 44050 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net