il settimo continente regia di Michael Haneke Austria 1989
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

il settimo continente (1989)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film IL SETTIMO CONTINENTE

Titolo Originale: DER SIEBENTE KONTINENT

RegiaMichael Haneke

InterpretiBirgit Doll, Dieter Berner, Leni Tanzer, Udo Samel

Durata: h 1.51
NazionalitàAustria 1989
Generedrammatico
Al cinema nel Gennaio 1989

•  Altri film di Michael Haneke

Trama del film Il settimo continente

Il film narra tre anni della storia di Georg, di sua moglie Anna e della figlia Eva. Essi conducono una vita in apparenza tranquilla, ma quando la piccola Eva finge di non riuscire più a vedere scoppiano tutte le aggressività fino a quel momento rimaste latenti, e qualcosa di strano comincia ad affiorare: il desiderio nostalgico del settimo continente. Un manifesto con il mare e una spiaggia sconfinata promette il paradiso sulla terra. La scritta dice: "Benvenuti in Australia". Anna e Georg ritirano tutto il denaro che hanno e chiudono il conto. Ai propri genitori dicono che hanno l'intenzione di andare in vacanza. Invece si rinchiudono in casa con Eva e...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,25 / 10 (10 voti)8,25Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Il settimo continente, 10 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI SENIOR jack_torrence  @  19/08/2014 14:44:54
   9 / 10
Haneke comincia da dove Bresson ha lasciato. L'argent.
Sei anni dopo "L'argent", ultimo film di Bresson, Haneke inizia la sua opera cinematografica con una maturità impressionante, per quanto estremamente in debito verso lo stile del maestro francese. Minimalismo, frammentazione dei gesti e dei corpi, dettagli stretti su mani e parti del corpo che non siano i volti: così inizia (e in larga parte prosegue) "Il settimo continente".
E' un film-manifesto. I capolavori di Haneke di 20 anni più tardi possiedono una sensibilità umana e una profondità di inquietudine più fine, ma sostanzialmente Haneke (che ha iniziato il suo cinema in piena maturità anche anagrafica) non si è mai mosso da qua.
Turbare il pubblico (occidentale, ricco) mettendolo di fronte a gesti inspiegati e inspiegabili, che proprio per la loro assolutezza e indefinibilità si pongono immediatamente come allegorie angosciose del male di vivere, del nichilismo che ci portiamo dentro.
La frammentazione della messa in scena scaturisce forse dalla frammentazione sociale: la società atomizzata, la noia se non il rifiuto dell'altro, del vicino, sono in ultima essenza schifo di noi, noia, nausea della vita per quello che è.
C'è poco altro ed è pericoloso spiegare ciò cui Haneke non intende e non vuole fornire spiegazione alcuna. Perché spiegare è già rassicurare.
C'è però l'insistenza sui soldi, sull'argent, motore insensato della civilizzazione, la cui distruzione è un tabù (Haneke dichiara che la scena della distruzione dei soldi è stata la più scioccante per il pubblico). Eppure la distruzione dei soldi significa proprio il rifiuto di ciò per cui viviamo e intorno a cui tutto è costruito. Rifiuto di una divinità, dunque.
Poi c'è quell'acquario, claustrofobica metafora ovviamente, la cui distruzione sarà causa di dolore per la bambina: una traccia pre-postuma di spiritualità, di resistenza di qualcos'altro che non sia la materialità, ripetitività, alienazione della vita, e il disgusto che ne è conseguito.
Poi c'è l'autolavaggio. All'interno dell'abitacolo durante il secondo autolavaggio della pellicola, piange la madre/moglie e da lì inzia la fine. L'abitacolo come caustrofobico rifugio a una minaccia esterna, che pure non è altro che nitore e pulizia.
Puliti fuori, abissalmente oscuri dentro: in ciò Haneke denuncia la propria appartenenza alla cultura tedesca. A una cultura in cui si è fuori sepolcri imbiancati, dentro putridi. La menzogna, dunque. Del nitore pubblico.
La prima menzogna che ci raccontiamo è che tutto va bene, che la vita così com'è ci piace.
La menzogna sorregge tutto. La bambina mente a scuola. E quella è la prima spia che si accende nel film.
Il settimo continente è il continente che non c'è: è utopia di un altrove impossibile. Forse è la morte. (Interpretazioni che Haneke non impedisce, ma verso cui nemmeno ci costringe).

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1008420 commenti su 44050 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net