il sogno della farfalla regia di Marco Bellocchio Francia,Italia,Svizzera 1994
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

il sogno della farfalla (1994)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film IL SOGNO DELLA FARFALLA

Titolo Originale: IL SOGNO DELLA FARFALLA

RegiaMarco Bellocchio

InterpretiSimona Cavallari, Henry Arnold, Bibi Andersson, Roberto Herlitzka, Thierry Blanc, Nathalie Boutefeu

Durata: h 1.40
NazionalitàFrancia,Italia,Svizzera 1994
Generedrammatico
Al cinema nel Settembre 1994

•  Altri film di Marco Bellocchio

Trama del film Il sogno della farfalla

Da sei anni il ventenne Massimo ha scelto il silenzio come rifiuto del mondo e dei suoi compromessi. Parla soltanto quando recita per comunicare con il prossimo attraverso il linguaggio dei classici. Il padre archeologo Ŕ furente, la madre poetessa lo capisce, il fratello scienziato lo ignora, la sua ragazza l'accetta com'Ŕ. Massimo vuole vivere nel presente: Ŕ il sogno della farfalla che compie il suo volo e il suo destino in un solo giorno.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   4,50 / 10 (3 voti)4,50Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Il sogno della farfalla, 3 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Invia una mail all'autore del commento Elly=)  @  18/03/2012 15:25:05
   8½ / 10
Vorrei iniziare, questa volta, dal finale. Un finale che racchiude tutto quello che Belloccio con IL SOGNO DELLA FARFALLA voleva esprimere. Vediamo sola la madre con lo sguardo perso nel vuoto e sentiamo pronunciare dalla sua bocca un soliloquio teatrale-letterario, e mentre la macchina da presa va all'indietro scopriamo gli altri personaggi e il suo soliloquio diventa un monologo, li troviamo lì, chi seduto chi disteso, immobili, fermi, in silenzio, in sottofondo solo il rumore delle onde del mare, intorno a loro, mimetizzati grazie al colore dei costumi, una distesa e una collina di sassi e di sabbia bianca.

Il regista sembra rifarsi al cinema russo di Tarkovskij o Dovzenko: il ritmo lento, i pochi dialoghi, le inquadrature eccessivamente lunghe, i silenzi, le pause o le soffermazioni filosofiche dalla durata prolungata più del necessario, la colonna sonora praticamente inesistente, rara, ci sono più sincronizzazioni di suoni che inserimenti di melodie, con l'aggiunta di una scelta stilistica richiamante il cinema degli anni '10 dove la mdp rimane ferma in campo totale e non c'è l'uso dei primi piani. Un peccato visto l'eccellente cast che poteva solo regalare emozioni più forti se guardate con la lente d'ingrandimento. Ma forse la mia è solo malinconia per una cosa che non esiste più: quando gli attori italiani ti davano scosse febbrili grazie alle loro realistiche interpretazioni, quando non recitavano con volti da fiction, ma quando ci mettevano il cuore e l'anima per essere fino in fondo il proprio personaggio, ma in fondo chi poteva sapere che 10 anni più tardi, neanche, l'Italia, il cinema italiano si sarebbe rovinato con le sue stesse mani e invece di attori ci saremmo ritrovati un branco di incompetenti raccomandati.

Una cosa interessante di questo film mai vista prima nella storia del cinema è l'entrata in scena dei personaggi e di come il regista in modo paterno si prenda gioco dello spettatore. La maggior parte delle scene inizia con un campo totale che riprende il gesto (si pensa quotidiano) di uno dei personaggi inquadrati mentre è in atto una discussione su un qualcosa che si ricollega cmq al tema principale, discussioni che sembrano essere uscite da un qualche romanzo, o da una piéce teatrale, poi tramite l'uso di un montaggio accurato fa vedere a chi guarda che in realtà attorno a loro c'è la presenza di altri personaggi che finora erano stati zitti, non s'erano visti, nascosti nel buio. Un buio che al contrario si fa sentire e che va a consolidare l'effetto di claustrofobia che si ha con questo film. Una fotografia buia che usa solo luci naturali, interne al film e che non rovina affatto la composizione scenica. Gli ambienti contrariamente ci appaiono famigliari, non solo grazie alla marcata rappresentazione di gesti quotidiani che vengono rappresentati all'interno di essi, ma il ruolo di archetipo che essi assumono, come l'ambiente della cucina che diventa il luogo del ritorno dopo il viaggio o il sito archeologico che è il luogo dove si scava e che si ricollega direttamente alla ricerca interna del protagonista e non per niente il viaggio si conclude proprio li. Per non dimenticare che l'immagine della quotidianità rispecchia la difficoltà dei genitori di affrontare la diversità.
Il rapporto tra genitore e figlio è un tema molto caro a Bellocchio, ma il tema principale non è la situazione familiare di conflitto ma bensì dedica particolare attenzione al raccontare una storia che tramite la forza visiva regala un lungo pensiero sul silenzio psicanalitico e sull'attenzione che dobbiamo porre all'ascolto.
Qui i genitori non capiscono la scelta del figlio di rimanere in silenzio, muto, ed egli, incompreso, non risponde al dibattito genitoriale e lo scontro sembra perdersi nel vuoto. Un figlio che, come descrive il titolo del film, è una farfalla, che durante la metamorfosi da bruco in essa ha elaborato una diversa concezione di vita che lo ha travolto emotivamente tanto da fargli decidere che il silenzio, ora come ora, è la strada giusta da percorrere. Ma la farfalla non è veramente libera di volare, e decide di strapparsi con tutte le sue forze le catene di dosso, scappando in una fuga d'amore che a momenti pare stabile e in altri sembra essere solo un impiego temporaneo. L'unica che sembra veramente capirlo è la vecchietta solitaria che contrariamente a tutti gli altri, lei è la sola a non volerlo far parlare. Una vecchietta che diventa anche la chiave che va a contrapporsi con il personaggio simbolo della nonna che rappresenta il mondo passato delle favole e della incombente realtà che spezza il mondo magico delle storielle che lei stessa raccontava..Con la vecchietta avviene l'incontro decisivo che farà ritornare il nostro protagonista a casa, chiudendo il cerchio della ricerca dell'affermazione esistenziale. Il negativismo, il cinismo, il surrealismo sono l'insieme di un discorso razionale che sottolinea la contrapposizione emotiva.

ds1hm  @  31/08/2006 14:45:35
   4 / 10
che delusione...ricordo l'attesa per questo film, forse il film che mi ha più profondamente deluso.
la trama poteva essere carina, il cast era di tutto rispetto... ma quando ti ritrovi davanti allo schermo pensi solo ad una cosa: il regista si compiace talmente di se ed in se stesso si ingarbuglia a tal punto da rendere il film non dico incomprensibile ma terribilmente insostenibile....quest'idea ti perseguita, le aspettative per il film sono ormai scomparse così come il film è destinato a non lasciare alcun segno nei ricordi e nella mente di chi lo guarda. BRUTTO. ma veramente brutto.

Gruppo REDAZIONE maremare  @  25/09/2004 21:06:01
   1 / 10
Con questo pastrocchio noioso e presuntuoso Bellocchio tocca il fondo; è il suo periodo buio, probabilmente funzionale e necessario a sbarazzarsi della presenza 'influente' e ingombrante di Fagioli.
Da allora in poi una lenta e inesorabile risalita, fino al capolavoro rappresentato da 'L'ora di religione'.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1010913 commenti su 44482 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net