il vizio della speranza regia di Edoardo de Angelis Italia 2018
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

il vizio della speranza (2018)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film IL VIZIO DELLA SPERANZA

Titolo Originale: IL VIZIO DELLA SPERANZA

RegiaEdoardo de Angelis

InterpretiPina Turco, Massimiliano Rossi, Cristina Donadio, Marcello Romolo, Marina Confalone

Durata: h 1.36
NazionalitàItalia 2018
Generedrammatico
Al cinema nel Novembre 2018

•  Altri film di Edoardo de Angelis

Trama del film Il vizio della speranza

Lungo il fiume scorre il tempo di Maria, il cappuccio sulla testa e il passo risoluto. Un’esistenza trascorsa un giorno alla volta, senza sogni né desideri, a prendersi cura di sua madre e al servizio di una madame ingioiellata. Insieme al suo pitbull dagli occhi coraggiosi Maria traghetta sul fiume donne incinte, in quello che sembra un purgatorio senza fine. E' proprio a questa donna che la speranza un giorno tornerà a far visita, nella sua forma più ancestrale e potente, miracolosa come la vita stessa.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,75 / 10 (4 voti)7,75Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Il vizio della speranza, 4 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

kafka62  @  25/11/2018 18:34:28
   7 / 10
Il cinema italiano degli ultimi anni sta rinascendo dalle periferie. Registi giovani e meno giovani, autori esordienti oppure già affermati, stanno riscoprendo sempre di più luoghi, ambienti e personaggi marginali e border line, che sembrano lontanissimi da un paese occidentale e (a dir la verità sempre meno) affluente come l'Italia, ma che pure allignano accanto alle nostre città, spesso nascosti come la spazzatura sotto un tappeto di indifferenza, come la cronaca spesso e volentieri insegna. Esempi emblematici di questa tendenza, per limitarci a quelli più recenti, sono film come "Dogman" di Matteo Garrone (girato nel Villaggio Coppola sul litorale domiziano), "La terra dell'abbastanza" dei fratelli D'Innocenzo (che hanno scelto come set Ponte di Nona, un recente quartiere dormitorio di Roma Est) e, naturalmente, "Il vizio della speranza" di Edoardo De Angelis, giunto al quarto lungometraggio a due anni dal promettente "Indivisibili". Ambientato alla foce del Volturno, in un paludoso paesaggio pieno di discariche, di pozzanghere e di sporcizia, dove gli echi della modernità giungono attutiti e il sole non fa mai capolino tra le nuvole, il film è una sorta di sacra rappresentazione che sorge inattesa dal fango, dalla miseria e dalla lordura, fisica e morale. Tra prostitute e mercanti di neonati, Maria (nomen omen!), una sorta di disilluso Caronte che fino ad allora si era guadagnata da vivere traghettando nottetempo donne extra-comunitarie giunte al termine della gravidanza per farle partorire e vendere i loro bambini a una losca mezzana, Maria – dicevo – si scopre a sua volta (misteriosamente) incinta e si ribella a questa ignominiosa tratta, decidendo di tenere il bambino contro tutto e contro tutti. In un mondo rassegnato all'apatia e all'indifferenza, che sopravvive alla disperazione stordendosi con l'eroina o la televisione, Maria sceglie la vita e la libertà (a dispetto di ciò che cinicamente le dice Zi' Marì: «State tutti fissati con la libertà; è così bella la schiavitù, con le sue regole, i premi e le punizioni») e, aiutata da un selvatico ma buono Giuseppe, ex giostraio ferito dalla vita e rinchiuso in se stesso tra vecchi ricordi e fotografie in bianco e nero, e da una ragazza di colore storpia, strappata a uno scontato futuro di prostituzione, darà alla luce il bambino, simbolo di una speranza che, come afferma il bellissimo titolo, è un "vizio" che l'umanità non smetterà mai, per sua fortuna, di praticare. Il film di De Angelis assume così il valore di una parabola religiosa, raccontata però nella forma infima e degradata (forse l'unica possibile al giorno d'oggi per un racconto del genere) di una sottocultura di esclusi ed emarginati. Il regista napoletano gira sequenze dove si percepisce un originalissimo senso del cinema e in cui etica ed estetica convivono felicemente, azzarda simbolismi che non cadono quasi mai nel didascalico (a parte, forse, quel cavallo nero che Maria libera dal recinto in cui è rinchiuso e che vediamo galoppare nel finale sulla spiaggia) e, aiutato dalla meravigliosa colonna sonora etno-partenopea di Enzo Avitabile e da un ottimo cast di attori semi-sconosciuti (a parte una vecchia conoscenza come Marina Confalone), realizza uno dei migliori film italiani degli anni duemila.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1008764 commenti su 44074 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net