la dea del '67 regia di Clara Law Australia 2000
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

la dea del '67 (2000)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film LA DEA DEL '67

Titolo Originale: THE GODDESS OF 1967

RegiaClara Law

InterpretiRose Byrne, Rikiya Kurokawa, Nicholas Hope, Elise McCredie

Durata: h 1.58
NazionalitàAustralia 2000
Generedrammatico
Al cinema nel Febbraio 2001

•  Altri film di Clara Law

Trama del film La dea del '67

Giovane giapponese sogna di possedere la mitica Citroen DS. Un giorno tramite Internet trova un venditore australiano e immediatamente prende l'aereo per concludere l'affare. Al suo arrivo il proprietario è morto...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,75 / 10 (4 voti)7,75Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su La dea del '67, 4 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

steven23  @  02/12/2015 20:51:52
   8 / 10
C'è un solo motivo alla base della mia scelta di vedere questo film praticamente mezzo sconosciuto, un motivo che ha un nome e un cognome: Rose Byrne. La ricerca di una pellicola che riuscisse a mostrare appieno le reali doti dell'attrice australiana mi ha portato appunto fino alla terra dei canguri... e indietro di 15 anni.
Prima di parlare del film in sé ci sarebbe una piccola premessa da fare, si tratta di un lavoro molto particolare, senza dubbio originale e che potrebbe non piacere ai più. Detto questo posso dire la mia, il film mi è piaciuto eccome.

La storia è quella di due giovani provenienti da due terre estremamente diverse, Giappone e Australia. Il desiderio del primo di possedere un'autentica Citroen DS (da qui il titolo del film) lo porterà, a seguito di un prologo dal taglio quasi documentaristico, a incrociare la strada con la seconda, una ragazza cieca e dal passato alquanto oscuro.
Clara Law realizza il suo lavoro sfruttando questa trama per nulla elaborata ma efficace nella sua semplicità. E tutto ciò che riesce a metterci di suo è davvero stupefacente. La regia è molto particolare e attenta nel mantenere ben distanti quei due mondi che i protagonisti cercando di unire attraverso il loro legame: il Giappone è rappresentato perlopiù da ricordi, immagini intermittenti e visualizzate con quell'effetto tipico della telecamera termica; l'Australia lascia invece spazio a un paesaggio quasi stilizzato, a colori dalle tinte forti e a un senso di artificialità che, paradossalmente, riesce a creare un effetto migliore di quanto avrebbe potuto fare uno scorcio paesaggistico reale.
In mezzo a tutto ciò, tra strade deserte e qualche villaggio, tra presente e flashback che scavano sempre di più nel passato si muovono appunto i due personaggi principali... e la DS, quella stessa auto che ruba la scena in più di un passaggio della storia e che viene descritta e osannata da una voce fuori campo: malgrado il tutto centri relativamente con lo sviluppo del film questo taglio quasi pubblicitario voluto dalla Law non stona nel complesso anzi, appare di una naturalezza tale che a malapena ci si fa caso.
C'è poi questa scelta dei flashback. Personalmente li ho sempre apprezzati, e anche qui completano un quadro altrimenti incompleto. Unico appunto che mi sentirei di fare riguarda la loro durata piuttosto dilatata, con l'aggiunta che un paio di questioni rimangono all'apparenza in sospeso, ma forse anche qui è una scelta voluta dalla regia.
Già, quella regia che si guarda bene dal mischiare presente e passato. Al pari di Giappone e Australia anche i due archi temporali rimangono ben lontani tra loro, catturati da movimenti di macchina a tratti splendidi nella loro stranezza, a tratti semplici ma di terrificante intensità. Spesso viene da chiedersi se l'intento della Law fosse quello di realizzare un semplice esercizio di stile, un prodotto dalla forte componente narcisistica ma fine a se stesso. Beh, sono proprio i flashback a chiarirci che non è affatto così, quei ricordi colmi di paure e dolori che aprono gli occhi su quello che stiamo guardando nel presente.
Infine ci sono appunto i personaggi, una coppia vittima di un analisi psicologica dalla profondità quasi insondabile: in particolare è lei a subirla, il suo passato viene letteralmente aperto a mostrare tutto ciò che contiene e sì, anche a giustificare in parte il motivo della sua cecità. E man mano che le vicende personali si snodano e si ritorcono a mostrare il passato scopriamo che la coppia è priva di una propria identità. Entrambi la cercano e nessuno la trova, solamente quella forza celata nei rispettivi disagi riuscirà a indirizzarli verso primo, importante passo da fare nella giusta direzione. Una direzione che, forse, li vedrà insieme a dividersi gioie e dolori, speranze e paure.
Il finale che poi è tutto via che un finale è perfetto malgrado arrivi dopo un passaggio altamente prevedibile in anticipo.

Ottimo anche il lavoro dei due interpreti, nettamente superiore però risulta proprio la Byrne: interpretazione fantastica. La sua cecità è tangibile, le movenze ideali a esternarla, lo sguardo a tratti talmente intenso e malinconico da spiazzarti...
... il medesimo senso di spiazzamento che ti ritrovi addosso all'avvento dei titoli di coda. Sempre un bene parlando di film, se poi, come nel mio caso, deriva da stupore piuttosto che delusione ancora meglio!

2 risposte al commento
Ultima risposta 03/12/2015 11.57.33
Visualizza / Rispondi al commento
baskettaro00  @  09/04/2012 22:34:58
   7½ / 10
visionato solo perchè la byrne la apprezzo moltissimo come attrice,si è rivelato un gran film,con un ottima fotografia(avvantaggiata dal fatto di aver dalla sua gli incantevoli paesaggi australiani) e numerosi flashback,tecnica che ammiro,come detto sotto dagli altri utenti è una storia lenta e cruda,ma appassionante e non banale.

Bob Marley  @  08/02/2009 00:47:56
   7 / 10
Buon film, la storia scorre molto lenta ma non è male.
Fotografia eccezionale, paesaggi e colori meravigliosi.

gei§t  @  19/02/2006 10:41:27
   8½ / 10
film australiano con una storia fatta di molti flash-back, ma che una volta ricomposta lascia scioccati

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

a quiet place iia riveder le stelleafter midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandalobunuel - nel labirinto delle tartarughecambio tutto!candymancaterinacats (2019)cattive acquecercando valentina - il mondo di guido crepaxcharlie's angels (2019)criminali come noida 5 bloods - come fratellidoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofamosafantasy islandgamberetti per tuttighostbusters: legacygli anni piu' belligretel e hanselgreyhound: il nemico invisibileil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil principe dimenticatoil re di staten islandil richiamo della foresta (2020)impressionisti segretiin the trap - nella trappolala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la sfida delle moglila vita nascosta - hidden lifel'agnellol'anno che verràl'apprendistatol'hotel degli amori smarritilontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marianne e leonard. parole d'amoremarie curie
 HOT R
memorie di un assassinomorbiusnel nome della terranon si scherza col fuocoonward - oltre la magiaoutbackpicciridda - con i piedi nella sabbiaqua la zampa 2 - un amico e' per semprequeen & slimrun sweetheart runsaint maudshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccaspiral - l'eredita' di sawstar lightstay stillthe boy - la maledizione di brahmsthe gentlementhe grudge (2020)the new mutantsthe old guardthe other lambthey shall not grow oldun figlio di nome erasmusun lungo viaggio nella notteuna intima convinzionevivariumvolevo nascondermivulnerabiliwaves

1007191 commenti su 43880 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net