la ragazza dal pigiama giallo regia di Flavio Mogherini Italia 1977
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

la ragazza dal pigiama giallo (1977)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film LA RAGAZZA DAL PIGIAMA GIALLO

Titolo Originale: LA RAGAZZA DAL PIGIAMA GIALLO

RegiaFlavio Mogherini

InterpretiRay Milland, Dalida Di Lazzaro, Michele Placido, Mel Ferrer

Durata: h 1.43
NazionalitàItalia 1977
Generethriller
Al cinema nel Novembre 1977

•  Altri film di Flavio Mogherini

Trama del film La ragazza dal pigiama giallo

Una donna sposata (Di Lazzaro) si divide tra due amanti: un medico e un operaio. Decisa a lasciare il marito, viene respinta dal medico e picchiata dal coniuge. Ripiega allora sull'operaio, dal quale viene alla fine uccisa. ToccherÓ alla polizia fare luce sul caso.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   4,75 / 10 (2 voti)4,75Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su La ragazza dal pigiama giallo, 2 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Alpagueur  @  30/11/2020 18:41:55
   6½ / 10
Ho deciso di (ri)vedere questo film, dopo tanto tempo, per tre motivi: avendolo visto da bambino, mi era rimasto impresso il ritornello di Amanda Lear "because you're a woman...", l'ambientazione singolare australiana (Sidney), la partecipazione nel cast di un giovanissimo Michele Placido (non ha bisogno di presentazioni), di Eugene F. Walter jr. (la famosa "sorella" della casa dalle finestre che ridono) e di Ray Milland, questi ultimi due attori (che ho sempre apprezzato) in una delle loro ultime apparizioni cinematografiche. Soprattutto la canzone di Amanda Lear, dal titolo 'Your yellow pyjama' è una di quelle che l'ascolti una volta e non te la dimentichi più, sotto questo aspetto mi ha ricordato molto quella di Athina Cenci in "Caramelle da uno sconosciuto" di Franco Ferrini, composta da Umberto Smaila ("'Donne così"). Insomma questi tre motivi mi hanno dato il coraggio di rinfrescarmi la memoria e rispolverare questo 'giallo' italiano dimenticato dal tempo. Per la cronaca ci sono altre 11 tracce, sempre di Amanda Lear, nella OST di questo film, ma quella è sicuramente la più interessante (il titolo parla chiaro), ma vi consiglio di gettare un orecchio anche su 'Fashion pack' ed 'Enigma' (che hanno anche loro delle sonorità apprezzabili). Spesso definito giallo, "La ragazza dal pigiama giallo" (alias "The pajama girl case" o "The girl in the yellow pyjamas") è una delle voci più uniche nel sottogenere. Francamente, ai miei occhi non è proprio un giallo. Lo considero più come un drammatico mistero di omicidio con alcune macchie sottostanti di vernice gialla. A Sydney, una giovane ragazza scopre i resti carbonizzati di una donna in una vecchia macchina sulla spiaggia. La faccia della donna è bruciata troppo gravemente perché la polizia possa effettuare una corretta identificazione. Il caso è affidato a un ispettore di nome Ramsey, anche se l'ispettore in pensione Thompson insiste per essere coinvolto anche lui con grande sgomento di Ramsey. Mentre guardiamo lo svolgersi della loro indagine, veniamo anche distratti con una storia alternativa che coinvolge una giovane donna sessualmente disturbata che si è lasciata sedurre da tre uomini diversi. Qual è il collegamento fra le due storie? Ray Milland è solido nei panni del Thompson in pensione, e per cominciare fa qualche risata. Ha disgusto per i metodi che la polizia ha iniziato a usare dopo il suo pensionamento, ed è piuttosto divertente osservare il suo senso di gioia ogni volta che affolla lo spazio di Ramsey. Anche Ramsey è un ragazzo piuttosto antipatico. Si rifiuta di ascoltare il ragionamento logico di Thompson e fa del suo meglio per trovare un capro espiatorio il più rapidamente possibile (che sarà individuato nel povero Quint, un balordo guardone del posto, interpretato da Giacomo Assandri). Preoccupandosi di più per ottenere crediti per le elezioni e partire per una bella vacanza a Bangkok il prima possibile, Ramsey è dietro a Thompson in ogni fase del processo. All'estremità alternativa dello spettro, Dalila Di Lazzaro cattura con successo la natura molto travagliata e lacerata del suo personaggio, Glenda Blythe. Trascorre il suo tempo tra un ricco chirurgo di Halbury, il prof. Henry Douglas (Mel Ferrer) e un impiegato di fabbrica danese, Roy Conner (Howard Ross), usando entrambi per fare sesso senza troppo coinvolgimento. Tramite Roy, incontra Antonio Attolini, un cameriere italiano dall'indole apparentemente tenera e sensibile. Si innamorano e si sposano, ma il matrimonio è molto travagliato poiché Glenda, affamata sia di intimità che di connessione emotiva, si annoia molto con il timido Antonio. Questo a sua volta scatena le sue tendenze gelose. Nella parte di Antonio, penso che Michele Placido dia quella che forse è la migliore interpretazione del film. È turbato quanto sua moglie e le sue esplosioni emotive sembrano sincere e motivate. La narrativa unica del film è costruita in modo efficace mentre rimbalziamo avanti e indietro non solo tra le storie, ma anche nel tempo. Il regista/sceneggiatore Flavio Mogherini inserisce anche alcuni meravigliosi pezzi di deviazione attraverso le trame alternate. La fotografia di Carlo Carlini è splendida. Sydney è una città incantevole e Carlini la munge per tutto ciò che vale, offrendo alcuni scatti e immagini sorprendenti, come le scene di Glenda e Antonio che si abbracciano e si baciano con la celebre Opera House sullo sfondo (in assoluto l'attrazione più visitata non solo della città di Sidney, ma di tutta l'Australia! Simbolo inconfondibile di questo paese, con le sue vele bianche che si stagliano contro l'azzurro del cielo e il blu del mare, questo capolavoro d'architettura ben merita la fama di cui gode) e quei 4 minuti sempre di Glenda che serve ai tavoli sul battello fluviale ristorante con Antonio che osserva i commenti degli uomini sulla sua bellissima futura moglie (sulle note di "Look at her dancing" della Lear). Ci sono anche un paio di sequenze col famoso Sydney Harbour Bridge che si staglia fuori dalla finestra dell'ufficio di Ramsey e l'inseguimento finale al cimitero di Double Bay. Il film di Mogherini è ulteriormente complimentato da alcuni svolazzi registici piuttosto artistici. Una delle mie sequenze preferite è quella dove tonnellate di persone in stati di trance si trascinano intorno alla teca trasparente contenente il corpo nudo della donna (trattato appositamente col 'composto Keyserling', formalina e iposolfito), con la polizia che spera che qualcuno sia in grado di identificarla. La scena balla sulla colonna sonora meravigliosamente inquietante di Riz Ortolani e ha un'atmosfera molto surreale e distaccata. È una piccola sequenza magistralmente realizzata. Nel complesso, sebbene sia un film elegante, "La ragazza dal pigiama giallo" riguarda principalmente i personaggi. È una storia molto guidata dai personaggi con un vero impatto emotivo, qualcosa che non mi aspettavo la prima volta che l'ho visto. Un mistero italiano in Australia, non ho riserve a consigliarlo ai fan dei gialli e degli Eurohorror in generale. Basta non aspettarsi il solito tipico 'giallo'. Merita, soprattutto se vi piacciono le musiche di Ortolani, molto strazianti specie nel finale.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Gruppo REDAZIONE Cagliostro  @  04/12/2007 14:41:46
   3 / 10
Filmetto insulso e stupido. In realtà il classico melodramma proletario mascherato da film giallo, per giunta pacchiano e prevedibile. Da evitare l'esibizione in vetrina del cadavere nudo della Ragazza dal Pigiama Giallo. il poco su cui si regge il film è il corpo di Dalila Di Lazzaro. per il resto è un lungo collage di volgarità, di banalità e di moralismi, travestiti da pretese di analisi socio-culturale.
lo sconsiglio vivamente.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1013203 commenti su 44759 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net