lo spietato regia di Renato De Maria Italia 2019
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

lo spietato (2019)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film LO SPIETATO

Titolo Originale: LO SPIETATO

RegiaRenato De Maria

InterpretiRiccardo Scamarcio, Sara Serraiocco, Marie-Ange Casta, Alessandro Tedeschi, Alessio Pratic˛, Ignazio Oliva, Valentine Payen, Giovanni Storti

Durata: h 1.47
NazionalitàItalia 2019
Generedrammatico
Al cinema nell'Aprile 2019

•  Altri film di Renato De Maria

Trama del film Lo spietato

Il film Ŕ ambientato nel periodo del boom, in una metropoli - Milano - destinata a una crescita economica e criminale vertiginosa. Santo Russo (Riccardo Scamarcio), calabrese cresciuto nell'hinterland, dopo i primi furti in periferia e il carcere minorile, decide di seguire le sue aspirazioni e di intraprendere definitivamente la vita del criminale. Nel giro di pochi anni diventa la mente e il braccio armato di una potente e temuta gang, lanciandosi in affari sempre pi¨ sporchi e redditizi: rapine, sequestri, traffici di droga, riciclaggio di denaro sporco, e non ultimi i miracoli, esecuzioni a sangue freddo...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,12 / 10 (13 voti)6,12Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Lo spietato, 13 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  24/11/2020 17:25:01
   6½ / 10
Solamente per la scelta idonea della colonna sonora il film è promosso.
La prima parte meglio della seconda.
Attori sufficienti.
Epoca ben rappresentata.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Gabe 182  @  10/04/2020 00:55:05
   6½ / 10
Una piacevole sorpresa questo film di De Maria, non ci avrei mai scommesso un'euro, non stiamo parlando di un capolavoro, ma di un film dignitoso e accettabile.
Ispirato dal romanzo del pentito di 'ndrangheta Saverio Morabito, Renato De Maria completa la sua trilogia del mondo della mala con una pellicola che arriva dopo La prima linea, basata sulle memorie dell'ex terrorista Sergio Segio, e il documentario Italian Gangsters, dedicato alla parabola dei malviventi di casa nostra.
Se la prima parte scorre alla grande con un ottimo ritmo, è quando il film deve raccontare il passaggio di Santo ormai arricchito dalla strada alla malavita degli affari che è meno coeso, perde di solidità, ma seppur questa imperfezione, riesce a convincere abbastanza.
Quello che funziona benissimo nello Spietato è la messa in scena, la ricostruzione perfetta della Milano del boom economico, le citazioni che omaggiano il noir-poliziottesco anni Settanta e Ottanta (soprattutto Milano Calibro 9 diretto da Fernando Di Leo nel 1972).
Molto bella anche la colonna sonora, capace di farci viaggiare indietro nel tempo di almeno tre decadi, una perfetta ricostruzione temporale e di costume.
La prova degli attori lascia leggermente a desiderare, Scamarcio come attore proprio non lo sopporto, qui si dirige abbastanza bene, ma poteva convincere un pò di più, il resto del cast non mi è piaciuto, sono nomi a me totalmente sconosciuti, ho riconosciuto solo Alessio Praticò, già visto nel capolavoro di Bellocchio Il traditore.
Un 6 e mezzo meritato e di stima per un film che può essere visto, ma senza l'illusione di essere al cospetto di una nuova epopea degna di Gomorra, Suburra o di Romanzo Criminale.

Jokerizzo  @  12/03/2020 12:59:01
   7½ / 10
C'è molto di peggio in giro! Si lascia guardare!

JOKER1926  @  12/06/2019 16:18:42
   6½ / 10
L'ultima fatica della regia di Renato De Maria, Ŕ una pregevole e gradita sorpresa, "Lo spietato", Ŕ un film uscito nelle sale in questi mesi.

Personaggio principale, scelto da De Maria, Ŕ Riccardo Scamarcio, nelle vesti di un gangster nella Milano da bere (termine giornalistico molto azzeccato dell'epoca).

"Lo spietato" non pu˛ non essere, quindi, una intelligente operazione , lo scopo della regia Ŕ di illustrare una storia di sangue, droga e malaffare, nel pieno del boom della delinquenza italiana. In maniera del tutto "fisiologica", il film Ŕ anche un rifacimento (voluto o non voluto) ad un vecchio modus operandi registico degli anni 80, in questo periodo molte regie si destreggiavano con film polizieschi del genere. "Lo spietato", diciamo cosý, cade a destra e a sinistra : Ŕ un poliziesco ma anche un deciso gangster.

La miscellanea di De Maria ci appare corretta, "Lo spietato" ha il tempo, nelle quasi due ore, di potersi sbizzarrire nella narrazione di episodi , di ascese , uccisioni e declini. Non manca il ritmo e specialmente una meticolosa e riuscitissima messinscena. Caratteristica anche la colonna sonora. Scamarcio in una bellissima parte, performance di livello.
Il film non dovrebbe deludere in linea di massima. Si tratta di una storia di uno dei tanti uomini del crimine degli anni ottanta, nulla di nuovo sotto al sole, ma non sempre la sceneggiatura originale decreta la riuscita di un film. Una buona regia e un buon attore (Scamarcio Ŕ all'altezza di alcune parti) possono trasmettere qualcosa di molto positivo. "Lo spietato" non ha nulla di indimenticabile, ma non Ŕ privo di una propria identitÓ e dignitÓ.

Wilding  @  03/06/2019 21:08:38
   6½ / 10
Accettabile ma nulla più questa pellicola con uno Scamarcio in versione "sacco di patate" che appena appena si muove.

Invia una mail all'autore del commento Phelps  @  23/05/2019 17:05:52
   4½ / 10
Trama che si dispiega in modo lento e stanco nonostante un avvio in parte convincente. Diciamo pure che se uno volesse approfondire le vicissitudini di tale Santo Russo con questo film rimarrebbe deluso.
e cmq Scamarcio si impegna come puo' non è di certo colpa sua la mal riuscita del film.

wicker  @  18/05/2019 19:57:28
   6½ / 10
molto simile ad altri del genere tipo "Fine pena mai".
Tuttavia dopo un buon inizio si scende nella classica retorica criminale fatta di brevi accordi ,un pò di sparatorie, successo e caduta .
Bravo Scamarcio , penalizzato da una sceneggiatura che poteva osare di più

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  07/05/2019 21:22:28
   6½ / 10
Le strizzatine d'occhio a Quei Bravi Ragazzi ci sono, ma strizztine rimangono perchè l'impianto narrativo de LO Spietato guarda più al Di Leo di Milano Calibro 9, non per niente lo stesso romanzo da cui è tratto si chiama appunto Manager calibro 9. Il fascino della città meneghina esercita sul giovane immigrato calabrese un'attrazione irresistibile, una terra piena d'opportunità che mette in parallelo l'ascesa della metropoli milanese dagli anni di sangue alla Milano da bere, dove gravita Santo, imprenditore criminale, quasi a celebrare la doppia anima della città stessa, legale ed illegale. De Maria è un regista che pur con le sue rovinose cadute (La vita oscena) è uno dei pochi registi in Italia a leggere la storia tragica del nostro paese attraverso il genere (La Prima Linea), anche attraverso ibridi interessanti (Italian Gangster). La prima pare di questo film funziona molto bene: ha ritmo, una certa dose di ironia molto nera a volte spiazzante. Peccato che nella seconda la storia si sfaldi in molti rivoli, perde solidità e rimane, in alcuni di questi, irrisolta. Sia pure nelle sue imperfezioni, il film ha una buona confezione e riesce comunque a portare a casa un discreto risultato.

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  30/04/2019 19:54:40
   5½ / 10
Riuscito a metà. Parte bene, poi rallenta troppo. Ricorda altre pellicole del genere, come Vallanzasca, per esempio, ma sembra perdersi per strada, delineandosi come dramma dalle venature quasi comiche. Trascurabile.

Sestri Potente  @  26/04/2019 18:55:08
   5½ / 10
Concordo col commento sotto: occasione persa.
Poteva essere il ritorno del grande thriller all'italiana, e invece manca quel tipico mordente che avevano i capolavori nostrani degli anni '70.
È tutto sommato un film gradevole, ma non lo rivedrei.

Invia una mail all'autore del commento cupido78  @  25/04/2019 12:59:37
   5 / 10
Occasione sprecata. La storia romanzata di Simone Morabito il primo vero pentito della inespugnabile ndrangheta calabrese. Ok, De Maria ha voluto costruire un film leggero con la storia di un reale pentito. Questo è il punto. Il film svolazza alla guida di un protagonista che tutto è tranne che feroce e spietato come indica il titolo. Scamy gigioneggia ormai da svariate pellicole e, salvando la scena di corteggiamento con l'amante francese, non regge. I personaggi secondari sono macchiette e il riferimento esplicito a goodfellas fa veramente tanta tenerezza....

Chemako  @  23/04/2019 04:55:06
   6½ / 10
Scamarcio non lo sopporto, ma il film si fa guardare...

VincVega  @  20/04/2019 12:51:55
   6 / 10
Guardabile pellicola di ascesa criminale, elevata da una buona regia e dall'interpretazione di un bravo Scamarcio. Mi aspettavo di più dalla sceneggiatura che poteva essere sicuramente migliore, così come la rappresentazione della Milano degli anni '70/'80, poteva essere più rappresentativa.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1013518 commenti su 44801 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net