midsommar - il villaggio dei dannati regia di Ari Aster Usa 2019
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

midsommar - il villaggio dei dannati (2019)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film MIDSOMMAR - IL VILLAGGIO DEI DANNATI

Titolo Originale: MIDSOMMAR

RegiaAri Aster

InterpretiFlorence Pugh, Jack Reynor, William Jackson Harper, Will Poulter, Vilhelm Blomgran, Archie Madekwe, Ellora Torchia

Durata: h 2.20
NazionalitàUsa 2019
Generehorror
Al cinema nel Luglio 2019

•  Altri film di Ari Aster

Trama del film Midsommar - il villaggio dei dannati

il film racconta di una coppia che arriva in Svezia per far visita a un amico che abita in un villaggio di campagna per festeggiare con lui la tradizionale festa di mezza estate. La festa dove capitano i due Ŕ speciale: dura nove giorni e si svolge una volta ogni novant'anni. Ed Ŕ speciale anche perchÚ assumerÓ presto dei contorni disturbanti e inquietanti, legati al culto pagano praticato in quelle zone.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,77 / 10 (13 voti)6,77Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Midsommar - il villaggio dei dannati, 13 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

AMERICANFREE  @  04/10/2019 19:17:09
   7 / 10
Ottima conferma dopo hereditary, la trama non e' particolarmente originale ma si lascia seguire con molto interesse nonostante la lunga durata. Ottima regia e buon livello di recitazione. Nel complesso un ottimo film, ho apprezzato il finale

Light-Alex  @  01/10/2019 22:22:47
   6½ / 10
Arrivo, come molti, a questo Midsommar dopo la visione dell'ottimo Hereditary dello stesso regista. Questo film non ha la stessa potenza ansiogena e disturbante di quel film, ma è comunque un bel film. Più artistico, più cinematografico, più evocativo, ma allo stesso tempo perde potenza dal punto di vista delle note horror, poche, pochissime e talmente diluite in un film lunghissimo (Ari Aster pare voler battere tutte i limiti tradizionali di durata di un horror) che piuttosto che parlare di horror parlerei di un film folk con una forte atmosfera inquietante.
La trama è molto semplice: un gruppo di ragazzi viene invitato ad un festival folkloristico di mezza estate nell'estremo nord della Svezia presso una comunità locale, e lentamente scopre che il festival è un insieme di rituali malati da cui non riescono più a sfuggire.
L'horror viene girato tutto alla luce del sole, nei colori rassicuranti del bianco delle vesti della popolazioni e del verde e giallo acceso della natura rigogliosa. Poi i bellissimi colori dei dipinti, che vengono inquadrati per tutto il film anticipando di volta in volta i rituali.
Ottimo l'uso dei suoni, dei canti inquietanti, degli strani sbuffi e frizzi degli abitanti locali.
I riti sono estremamente lenti (da lì derivano le 2h e mezza) l'intero film ha un ritmo lento, ma è funzionale alla lenta immersione dello spettatore in questa realtà parallela, fatta di luce, di colori e di suoni nuovi, fatta di usanze nuove, che avvolgono lo spettatore in un clima di inquietudine e di ineluttabilità. E' questa la sensazione che porta la visione di Midsommar. Certo se si cerca quella tensione palpabile e quella innovazione nel genere puramente horror che c'era stata in Hereditary si potrebbe restare un pochino delusi, ma questo resta comunque un ottimo film.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Macs  @  30/09/2019 12:11:31
   7 / 10
Sono prevenuto perché questo è il genere di film che mi piace: claustrofobico e angosciante, trama poco complessa e tempi lunghi, eccellente fotografia e ambientazioni, belle intepretazioni e scavo psicologico. E quel senso di ineluttabile tragedia incombente, di un destino segnato a cui è impossible sfuggire. Intrigante l'atmosfera determinista che pervade il tutto, i richiami e simboli artistico-visivi, l'effetto specchio tra realtà e finzione artistica (gli arazzi e i quadri che presagiscono gli sviluppi dlela storia). Quello che vediamo pois i presta a molteplici interpretazioni, dalla più letterale a quella metaforica a quella del trip allucinogeno in cui ogni cosa che vediamo non sarebbe reale. Uno spettacolo gli effetti visivi nel finale, con piante e cibo che si animano perché parte dell'effetto trip, che fa anche dubitare della effettiva realtà di tutto quanto visto fino a quel momento. Ben resa anche l'evoluzione dei personaggi principali (i due protagonisti, perché gli altri sono abbastanza piatti); certi movimenti della macchinada presa sono poi superlativi, su tutti quello che ribalta di 180 gradi la visuale mentre i ragazzi sono in auto e stanno arrivando al villaggio: francamente geniale, anche a stare ad indicare il mondo sotto-sopra a cui stanno andando incontro. Insomma un ottimo lavoro, senz'altro apprezzabile e per me (ma è gusto personale) una spanna sopra "Hereditary". Non mi sento di dare un voto più alto per via di un paio di difetti di trama piuttosto grossini, o cose che non ho capito pur avendolo visto due volte - vedi Spoiler.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

1 risposta al commento
Ultima risposta 30/09/2019 12.12.13
Visualizza / Rispondi al commento
VincVega  @  27/09/2019 21:52:53
   6½ / 10
Dopo il buon "Hereditary", Ari Aster omaggia il cult horror "The Wicher Man" e anche qui dimostra la sua grande abilità registica, in particolare cambia registro e passa da un ambiente più claustrofobico e cupo del film precedente ad un campo più largo con questo "Midsommer", fatto di luoghi aperti e di una fotografia vivida e luminosa. Ed è proprio quest'ultimo aspetto a saltare agli occhi, ambientare un horror con la luce onnipresente. In realtà di horror si vede poco e nonostante qualche momento disturbante e angosciante, mi aspettavo molto di più, leggendo e vedendo le recensioni in rete. E' proprio la sceneggiatura è il punto meno forte del piatto, in quanto l'inventiva è moderatamente accattivante, ma quando si arriva al momento clou non riesce a convincere pienamente. Sembra che Aster sia partito da buoni spunti, ma poi sul più bello non abbia reso quanto avrebbe dovuto. Rimane un discreto film, che vale la visione, ma forse un po' troppo lungo.

1 risposta al commento
Ultima risposta 27/09/2019 22.26.47
Visualizza / Rispondi al commento
The bitter end  @  23/08/2019 14:01:09
   5 / 10
Film visivamente sbalorditivo e confezionato molto bene: regia di alto livello, bene recitazione, colonna sonora, scenografia, costumi etc. Tutti gli "artigiani" hanno svolto ottimamente il loro lavoro.


Questo film ha però troppi difetti:
Innanzitutto è eccessivamente lungo, lento (specie nella seconda parte), prevedibile, noioso e anacronistico

Inoltre c'è un problema ben più grosso: la produzione l'ha classificato come horror ma tutta questa parte è troppo debole per permettere al film di essere degno di appartenere a questo genere. Non solo non fa paura, qui manca anche tensione, suspense, mystery e atmosfera.
Ari Aster ha voluto realizzare un horror alla luce del sole ma per me ha fallito, per me non è riuscito a sollecitare tutte quelle emozioni che un film horror di qualità dovrebbe (e che spesso riesce anche, ma non solo, grazie a spazi chiusi e angusti, oscurità, isolamento, zone d'ombra, alienazione ecc.).

Mi spiace dover assegnare un'insufficienza ma se io pago per una carbonara e poi mi porti spaghetti con uova, grana, bacon, panna e cipolla, per me può anche essere il piatto più buono del mondo ma non è ciò che mi dovevi fare.

1 risposta al commento
Ultima risposta 30/08/2019 16.02.18
Visualizza / Rispondi al commento
LucaT  @  15/08/2019 18:26:49
   2 / 10
un film che a me non è proprio piaciuto
ma che come un instancabile masochista ho visionato
dalla premessa iniziale parecchio sottotono
al the end con sorrisetto
-sorrisetto da psicopatici fatti con le droghette casareccie e senza nulla da perdere
se non gioire per chi soffre peggio di loro proprio facendoglielo
previa scusa di antichi riti ancestrali protetti da una comunita chiusa e isolata-
in breve la storia di una setta a suo modo particolare e consolidata
e dei suoi riti e raggiri sacrificali sulla pelle degli altri
un gruppo di amici raggirati del solito infiltrato che fanno da agnelli
al fine di far accettare dalla setta
una di loro che dopo sofferenze varie va fuori di testa
proprio nel verso che la setta si propone
un assaggino alla trama dell anime Bersek magari
-Griffit e soci qua ci manca veramente poco-

ogniuno è libero di trovarci quello che gli pare
ma a me questo film non è per nulla piaciuto
c'e chi adora mangiare il fegato con contorno di cipolle e pistacchi
per me possono cucinarlo in mille modi che ha sempre il sapore del fegato
quindi a mio personale gusto è un film fine a se stesso
nessun capolavoro horror ne artistico ne del genere
e attenzione all albero del tasso

1 risposta al commento
Ultima risposta 16/08/2019 03.24.01
Visualizza / Rispondi al commento
addicted  @  12/08/2019 17:37:12
   9 / 10
Mi è piaciuto da morire questo film, che non teme il confronto con la già ottima opera prima di Aster, ma anzi alza ancora di più l'asticella, dimostrando lo straordinario talento del giovanotto.
Bello da morire dal punto di vista estetico, è un lento trip lisergico nella piena luce della campagna d'estate. Imperdibile per la strepitosa suggestione antropologica: riesce a portare sullo schermo una religiosità autenticamente pagana e ancestrale. Sembra uscito dalle pagine del Ramo d'oro di Frazer, con i suoi cruenti sacrifici umani e i rituali per garantire il ciclico rinnovo della natura. Meraviglioso. E nello stesso tempo è di una durezza che fa male, a partire dal prologo, che spezza davvero il cuore e inquieta. La crisi fra i protagonisti è messa in scena con pochi ma efficaci passaggi, con una crudezza che fa davvero male. Il finale ha la giusta dose di ambiguità. Viene da chiedersi chi sono i veri mostri! Conturbante, colto, elegantissimo. Un film da non perdere.

Manticora  @  04/08/2019 11:30:02
   8 / 10
Ottimo horror, aspettando it è attualmente il migliore della stagioe. Ari Aster ha fatto solo 2 film fino ad ora, Hereditary e questo midsommar e devo dire che come nuovo talento sta venendo sù bene, a soli 33 anni omaggia in modo non convenzionale il cult introvabile degli anni 70, the Wicher man, costruendo un atmosfera malata, cupa e poco rassicurante in cui l'orrore colpisce in pieno sole i protagonisti, giovani americani che si cacciano da soli in trappola, partendo dalla fascinazione che il giovane Pelle, amico svedese usa per farli andare in svezia e partecipare al midsommar. Partendo da un antefatto brutale

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
il film porta il gruppo di amici, che sembra affiatato ma alla fine ognuno svela i propri egoismi e difetti alla festa di mezza estate, dove gli abitanti del villaggio cominceranno mano a mano a prendere il controllo

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Estremamente brutale e con un finale che non promette redenzione, midsommar è un horror non certo per un pubblico variegato, alla fine

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Sicuramente da vedere senza aspettarsi facili situazioni e soprattutto l'happy end.

marlin  @  04/08/2019 10:43:12
   9 / 10
film particolare...non si dimentica facilmente...
non per tutti.

Wilding  @  01/08/2019 21:10:13
   6 / 10
Una pellicola "strana", originale e con un'ottima fotografia e regia. Ma pian piano scivola nello "sciocco" fino all'ilarità che si scatena in alcune sequenze sul finale.

venetoplus  @  01/08/2019 13:26:31
   7½ / 10
Allora.. diciamolo subito.. Ari Aster ha avuto un'infanzia difficile, e nemmeno nella prima adolescenza deve essersela vista poi tanto bene. Basti pensare che le prime immagini del suo primo film ritraggono un adolescente che viene sgamato mentre, sottocoperte, si masturba. Che c'e' di male direte.. a chi non e' mai capitato? Ovvio.. Se pensiamo pero' che l'immagine che scatena le fantasie erotiche del giovane sia proprio quella del papa'.. beh.. qualche pensierino fossi in voi me lo farei! Che dire poi del rapporto con le droghe? Tra i "bonghi" di Hereditary e il vasto campionario di Midsommar mi vien da pensare che il ragazzo conosca bene la..materia! Detto cio' che dire.. film non per tutti.. assolutamente da vietare ai minorenni in primis.. non certo x le scene di cui sopra e men che meno per la "scopata del decennio" (cosi' qualcuno l'ha definita..) ma perché troppo inclini alla risata (Chi vedra' il film mi dira' se ci son scene che meritano un atteggiamento cosi' ilare). Il ragazzo dimostra innato talento, ineccepibili fotografia e montaggio (primi 5 minuti davvero un pugno sullo stomaco). Sulla trama e' stato detto e scritto di tutto.. innumerevoli spiegazioni e significati piu' o meno reconditi. Unica pecca negativa a mio modesto avviso una sorta di..

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Sopranik  @  01/08/2019 11:53:29
   7 / 10
Horror non convenzionale, capace di percorrere nuove strade. Sceneggiatura, a tratti lenta, ma utile per comprendere il mondo in cui si muovono i protagonisti. Scenografia curata e montaggio audace. Ari Aster, dopo Hereditary (2018), si riconferma in bravura e originalità.

Invia una mail all'autore del commento marlamarlad  @  27/07/2019 22:14:23
   7½ / 10
Il richiamo a "The wicker man" è molto forte. Buon horror, oltre 2 ore di emozioni disturbanti. Confesso che ho provato simpatia per la vita idilliaca della comunità nel villaggio.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

1968 gli uccelli45 seconds of laughter5 e' il numero perfettoa herdadea son
 NEW
a spasso col pandaabout endlessnessad astraadults in the roomall this victoryamerican skinandrey tarkovskji. a cinema prayerangry birds 2 - nemici amici per sempreantropocene - l'epoca umanaapollo 11appena un minutoaquile randagiearab bluesatlantis (2019)attacco al potere 3 - angel has fallenbabyteethballoonbarnbeyond the beach: the hell and the hopeblanco en blancoblinded by the light - travolto dalla musicaboia, maschere, segreti: l'horror italiano degli anni sessantabombay rose
 NEW
brave ragazzeburning - l'amore bruciaburning cane
 HOT
c'era una volta a... hollywoodcercando valentinacharlie says - charlie dicechiara ferragni - unpostedcitizen kcitizen rosicity hunter - private eyescolectivcorpus christicrawl - intrappolatidelphinediego maradonadora e la citta' perdutadrive me homee poi c'e' katherineeat local - a cena con i vampirieffetto dominoel principeelectric swanemaemilio vedova. dalla parte del naufragiofellini fine maifiebre australfulci for fake
 NEW
gemini mangenitori quasi perfettigiants being lonelygive up the ghost
 NEW
gli angeli nascosti di luchino viscontigloria mundigretaguest of honourhava, maryam, ayesha
 NEW
hole - l'abissohouse of cardini diari di angela - noi due cineasti. capitolo secondoi migliori anni della nostra vita (2019)il colpo del caneil criminaleil mostro di st. pauliil pianeta in mareil piccolo yetiil prigionieroil re leone (2019)il regnoil signor diavoloil sindaco del rione sanita' (2019)
 NEW
il varcoio, leonardoit: capitolo 2
 R
jokerjust 6.5kingdom comela fattoria dei nostri sognila legge degli spazi bianchila lloronala mafia non e' piu' quella di una voltala rivincita delle sfigate
 NEW
la scomparsa di mia madre
 NEW
la verita' (2019)la vita invisibile di euridice gusmao
 NEW
la voce del marel'amour flou - come separarsi e restare amicile coup des larmesles chevaux voyageurslife as a b-movie: piero vivarellilingua francal'ospite - un viaggio sui divani degli altrilou von salome'
 NEW
l'uomo che volle vivere 120 annimademoisellemadre (2019)
 NEW
manta raymarriage storymartin edenmes jours de gloiremio fratello rincorre i dinosaurimoffiemondo sexymosulnato a xibetnever just a dream: stanley kubrick and eyes wide shutneviano.7 cherry lanenon si puo' morire ballando
 NEW
non succede, ma se succede...of fathers and sons
 NEW
oltre la buferaparthenonpelican bloodphotographpop black postapsychosiarambo: last bloodrare beastsrevenirrialtoroger waters us + themroqaiarosa (2019)sabbiasanctorumsaturday fictionscalesscherza con i fantise c'e' un aldila' sono fottuto: vita e cinema di claudio caligari
 NEW
searching evasebergselfie di famigliaseules les betessh_t happensshadow of watershaun, vita da pecora - farmageddonsolestate funeralstrange but truestuber - autista d'assaltosubmergencesupereroi senza superpoteriteen spirit - a un passo dal sognothanks!the burnt orange heresythe diverthe great green wallthe king (2019)the kingmakerthe laundromatthe lodgethe long walkthe nest (il nido)the painted birdthe perfect candidatethe rider - il sogno di un cowboythe scarecrowsthey say nothing stays the sametolkientony drivertorino nera (2019)tutta un'altra vitatuttappostoun monde plus grandverdictvivere (2019)vox luxwaiting for the barbarianswake up - il risvegliowasp networkwomanyesterday (2019)you will die at 20zerozerozero - stagione 1zumiriki

992908 commenti su 42181 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net