milano odia: la polizia non puo' sparare regia di Umberto Lenzi Italia 1974
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

milano odia: la polizia non puo' sparare (1974)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film MILANO ODIA: LA POLIZIA NON PUO' SPARARE

Titolo Originale: MILANO ODIA: LA POLIZIA NON PUO' SPARARE

RegiaUmberto Lenzi

InterpretiTomas Milian, Henry Silva, Ray Lovelock, Gino Santercole, Laura Belli

Durata: h 1.36
NazionalitàItalia 1974
Generepoliziesco
Al cinema nel Gennaio 1974

•  Altri film di Umberto Lenzi

Trama del film Milano odia: la polizia non puo' sparare

Giulio Sacchi, feroce balordo di periferia, organizza il rapimento di una ragazza, figlia di un ricco imprenditore. Sulle sue tracce il commissario Grassi, che ha capito tutto, anche l'epilogo tragico della vicenda. Dovrà farsi giustizia da solo.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,16 / 10 (72 voti)8,16Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Milano odia: la polizia non puo' sparare, 72 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Angel Heart  @  09/03/2013 16:32:20
   8 / 10
Senza dubbio uno dei migliori polizieschi italiani mai girati nella storia.
Violento, spietato, sporco, cinico, nichilista: Lenzi tocca con coraggio e semplicità tutte le corde giuste sia dal lato dell'azione che dell'analisi sociale, senza risparmiarsi sequenze di una cattiveria inaudita e feroci critiche verso l'intero sistema.
Già il film in sè avrebbe funzionato più che bene, ma con l'apporto fondamentale di Tomas Milian, straordinario più del solito, l'opera di Lenzi si eleva a livelli quasi da capolavoro; infatti è proprio Milian con il suo Giulio Sacchi (e il contributo indispensabile della grande voce di Ferruccio Amendola) a fare la differenza. Credo siano veramente rare le volte in cui si sia visto un solo attore mettere in ombra tutto e tutti ed attirare al 100% l'attenzione dello spettatore su di lui dal primo all'ultimo minuto. Questo riesce a fare Milian (che ha un che sia di Al Pacino che di Mickey Rourke), tenere chi guarda calamitato allo schermo quando parla e si atteggia, e poi, quando questi non è più in campo, gettare lo spettatore temporaneamente nell'impazienza in attesa che costui venga di nuovo inquadrato e il film possa riprendere con tranquillità.
Ecco cosa può fare un grande attore quando fa completamente suo un personaggio e lo rende interessante e verosimile in tutti i suoi aspetti: di fatto Giulio Sacchi rimane uno degli individui più squallidi, schifosi, repellenti, patetici e brutali che il cinema ricordi. Una nullità capace di fare il duro solo con i più deboli di lui che lo temono, un emarginato rifiutato dai suoi stessi pari che lo trattano come monnezza, un reietto che si rifugia dietro al sistema e se ne fa beffa come e quando gli pare (rimane impressa in memoria la frase "Per condannare qualcuno all' ergastolo ci vogliono prove alte come il grattacielo Pirelli"), un perdente consapevole di ciò che è e di ciò che rappresenta, e quindi proprio per questo sempre pronto a sfogare la sua rabbia e la sua frustrazione compiendo i gesti più sadici ed efferati possibili, a volte anche per i motivi più insignificanti.
La caratterizzazione perfetta di un personaggio che non si può non odiare con tutto il cuore ma, al tempo stesso, amare per il suo carisma e compatire per ciò che egli rappresenta agli occhi della società. Anche perchè, alla fine, tutto quello che esce dalla bocca (non dalle azioni) di Giulio Sacchi è quasi sempre la verità.

Insomma, un noir/poliziesco coinvolgente, ricco di tensione e duro da digerire, ancora oggi intatto nel suo fascino, al quale si può perdonare la presenza quasi inutile, fuori parte e poco incisiva di Henry Silva, unica vera nota dolente di tutto il film.
Guardacaso, tanto per riallacciarmi al concetto espresso all'inizio, le parti in cui non si vede il volto di Milian sono quelle dove compare il monotono Silva...


Il top di Lenzi come regista e quello di Milian come attore (di questi seguono subito prima l'ispettore Giraldi della serie "Squadra/Delitti" e poi il Chaco de "I Quattro dell'Apocalisse" di Fulci). Però importante specificare che il top del primo, in questo caso, dipende molto dall'eccellente lavoro fatto dal secondo...

In ogni caso, da vedere assolutamente. Un pezzo di storia del cinema italiano.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)after midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghiera
 NEW
antebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandgli anni piu' belligrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnola vita nascosta - hidden lifel'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammerun sweetheart runsaint maudscherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturaspiral - l'eredita' di saw
 HOT
star wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe gentlementhe grudge (2020)the lodgethe new mutantsthe other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo toloun figlio di nome erasmusuna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivivariumvolevo nascondermiwaves

1004819 commenti su 43502 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net