nato il 4 luglio regia di Oliver Stone USA 1989
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

nato il 4 luglio (1989)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film NATO IL 4 LUGLIO

Titolo Originale: BORN ON THE FOURTH OF JULY

RegiaOliver Stone

InterpretiTom Cruise, Bryan Larkin, Raymond J. Barry, Caroline Kava, Josh Evans, Samantha Larkin, Willem Dafoe, Tom Berenger, Oliver Stone

Durata: h 2.18
NazionalitàUSA 1989
Generedrammatico
Al cinema nell'Agosto 1989

•  Altri film di Oliver Stone

Trama del film Nato il 4 luglio

Ron Kovic dopo aver combattuto nella guerra del Vietnam, rimasto paralizzato, diventa un attivista pacifista.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,55 / 10 (57 voti)7,55Grafico
Miglior RegiaMiglior montaggio
VINCITORE DI 2 PREMI OSCAR:
Miglior Regia, Miglior montaggio
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Nato il 4 luglio, 57 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

wicker  @  31/03/2020 20:16:57
   6½ / 10
Stone continua dopo Platoon con questa storia antimilitarista carica di patriottismo prima e disullosione dopo .
Purtroppo rispetto al precedente manca la componente dell'originalità e il risultato di un film veramente troppo lungo con troppe pause nella prima parte e troppo avvenimenti in seguito nella seconda non è male ma poteva essere gestito sicuramente meglio .
Peccato perchè Cruise offre una grandissima prova . Bene anche Dafoe nel finale

gemellino86  @  01/11/2019 15:51:03
   7½ / 10
Non è un semplice film di propaganda ma una storia di vita su un personaggio che ha dato molto alla lotta di indipendenza americana. Da notare un giovane Tom Cruise. Consigliato.

Paolo70  @  13/07/2019 19:13:38
   7½ / 10
Film drammatico che evidenzia in modo crudo come sia brutta la guerra. Ottima interpretazione di Tom Cruise che impersona un soldato che combatte in Vietnam ma tornato in patria e mutilato, mostra segni di pazzia e non riesce a rassegnarsi al fatto che il suo sacrificio per il suo paese in guerra non sia abbastanza riconosciuto. Infine si convince che la guerra in Vietnam sia sbagliata e giunge a manifestare il suo pacifismo di fronte ai media e ai rappresentanti politici del paese. Ottima regia. Non adatto assolutamente per i bambini.

Thorondir  @  25/03/2019 10:36:30
   8 / 10
Uno dei più devastanti film sul Vietnam e sulle conseguenze che quella guerra ha lasciato nel cuore, nella mente e sul corpo di molti americani. Fa il paio con "Vittime di guerra" di De Palma dello stesso anno: titoli crudi e profondamente critici contro una certa retorica bellicista e patriottica americana.
Un Tom Cruise ai massimi livelli della sua carriera che da voce e corpo ad un reduce semi-paralizzato che muta la sua prospettiva, da fervente cattolico bianco, il tipico wasp americano nazionalista, che vive su se stesso il dramma e la falsità della guerra: Stone non si fa problemi a costruire un film provocatorio, diretto, acuto, politico e di denuncia che in molte scene ha una forza visiva e drammatica che rappresenta una delle vette della sua filmografia. Difficil restare indifferenti, anche grazie alla grandissima interpretazione di Cruise e alle splendide musiche di Williams.

Filman  @  28/08/2017 23:00:45
   8½ / 10
Il Vietnam è un campo ben noto per Oliver Stone, un campo dove i valori novecenteschi vengono messi in discussione fino al loro decadimento. Non esiste patria in una guerra e non esistono ideali in un reclutamento voluto da altri per benefici non comuni. La presa di coscienza è quello che rende BORN ON THE FOURTH OF JULY uno dei migliori, in termini assoluti, film sui reduci di guerra ed un gioiello filmico sulla guerra in generale, per il modo che ha di veicolare la retorica fino alla critica della stessa, sentenziando ogni buon proposito di manicheismo con lo strazio del dramma puro e crudo, terribile da immaginare e aspro da vedere, privo di antagonisti o nemici ma colmo di autocritica nei confronti di chi la guerra l'ha capita non trovandone il senso. Il regista americano percorre un sentiero sterrato da altri prima di lui, dimostrando però di essere capace di costruire storie originali e personaggi profondi, con l'aiuto di esperienze reali o meno, attraverso una regia tanto pulita e perfetta quanto ricercata e dalla presenza autoritaria.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  17/06/2017 20:59:46
   7½ / 10
Nato il quattro luglio è la fine di un percorso nato con Salvador e proseguito con Platoon. La fine di un'ideale trilogia in cui si stabilisce l'identificazione totale tra Ron Kovic e Oliver Stone stesso. Il percorso morale, politico e spirituale di Kovic e lo stesso compiuto da Oliver Stone. L'idealismo di Kovic, il suo profondo amore per l'America ed i suoi valori, sono spazzati via dal Vietnam sia nel fisico e soprattutto nelle profonde lacerazioni che si sono create una volta tornato a casa. L'idealista quando viene tradito così profondamente diventa un'avversario implacabile, non ha più nulla da perdere se non difendere fino in fondo la propria dignità. Un manifesto molto più intimista rispetto alla grandiosità della confezione e secondo me il film più importante della filmografia di Stone.

Goldust  @  31/05/2016 15:10:02
   6 / 10
Un nuovo punto di vista, dopo l'ottimo Platoon ( del quale ripropone in piccole parti Berenger e Dafoe ), sull'inutilità della guerra, osservata questa volta con gli occhi del reduce Ron Kovic. Pomposo, sanguigno, didascalico a tratti fino all'eccesso, ha pregi e difetti che a conti fatti si annullano ed è molto meno compatto del film precedente. Il suo messaggio antimilitarista arriva in ogni caso forte e chiaro ed alcune sequenze - come il ritorno a casa di Ron salutato da famiglia e vicinato - restano scolpite nella memoria. Grande performance di Cruise in un ruolo non proprio semplice.

mainoz  @  02/12/2015 08:10:14
   7½ / 10
Buon film sulla guerra, di denuncia e decisamente schierato contro la guerra.Nella prima parte sembra che sia tutto a favore della guerra, emblematica la frase della madre "uccidiamo i comunisti". Ottima secondo me l interpretazione di Tom Cruise, inizialmente pro-guerra parte per il Vietnam, spavaldo, euforico e pieno di se' per poi tornare paraplegico e pieno di odio verso una guerra ingiusta voluta all epoca per disintegrare il demone comunista. Molto toccante, eccessivo e troppo sopra le righe in alcuni punti.Alcune scene molto azzeccate e d'effetto, la migliore e' quella in cui vediamo un Cruise paraplegico che alla parata sorride ma nel contempo scatta impaurito ogni volta che sente esplodere un petardo confondendolo con uno sparo.. Il suo corpo e' in America, ma la sua mente rimarra' per sempre intrappolata in Vietnam. I suoi fantasmi del passato lo tormentano nel presente, spesso ha incubi che lo rimandano alla guerra. Molto commovente la scena in cui si reca dalla famiglia del soldato ucciso per confessare la sua colpevolezza, liberandosi cosi' da un grosso peso della coscienza e cercando in qualche modo di riparare al suo sbaglio. Nel complesso lo valuto di poco inferiore ad altri film di guerra.. Platoon, Vittime di guerra, Il Cacciatore. Non capisco l accanimento verso Tom Cruise, non sara' un Sean Penn o un Di Caprio ma resta un ottimo attore.

WonderLeo  @  19/08/2015 23:31:09
   10 / 10
Un film di 2 ore che sembra lungo uno spot televisivo...
Tom, la storia, la regia e la fotografia collaborano per ricevere il massimo dei voti

DogDayAfternoon  @  12/10/2014 20:43:57
   7½ / 10
Vista la storia raccontata un po' di retorica va messa in preventivo, e credo che Stone non abbia esagerato in tal senso (mi aspettavo molto di peggio). Molto bella la fotografia, soprattutto per le scene di combattimento in Vietnam, e incredibilmente ottima l'interpretazione di Tom Cruise: in genere non lo apprezzo ma devo ammettere che qui è veramente bravo, uno dei suoi migliori film sicuramente.

Interessante seguire lo sviluppo del cambiamento nelle idee del protagonista da convinto sostenitore dell'intervento militare in Vietnam a pacifista antimilitarista: le scene di scontro con la madre sono tra le migliori del film.

Matteoxr6  @  24/06/2013 01:37:58
   7 / 10
Mezzo voto in più perché è tratto da una storia vera e per l'interpretazione di un giovane Cruise. È raro che lo dica, ma in questo caso il film poteva essere un po' più corto senza perdere di efficacia.

cervo  @  09/05/2013 00:08:28
   6½ / 10
Film di stampo hollywoodiano, con regia, fotografia e colonna sonora veramnte ottime. Nonostante sia uno dei film sul vietnam fuori tempo massimo, si ricrea perfettamente quell'atmosfera, nostalgica prima della guerra, e di disordine post vietnam. L'interpretazione di cruise è veramente notevole e il film sicuramente riesce a prendere lo spettatore per la disperazione del protagonista. A proposito di ciò, va detto che tra i film sul vietnam è quello in cui si vede il risvolto piu NUDO E CRUDO da parte di chi lo vive. In film come apocalypse now e full metal jacket, la follia si mischia con l'arte creando un incastro perfetto, mentre qui Stone ci porta nell'abisso piu profondo, senza nessuno scampo (fortissima la scena in cui il protagonista piange mentre cerca di avere un rapporto con la prostituta). Anche se questo punto può giocare a favore del film, penso che sia anche la sua piu grande debolezza. Questo perchè il film, dopo un'ora a mio avviso molto promettente, è pieno zeppo fino al midollo di quel dolore sentito dal protagonista, che alla lunga diventa stancante per lo spettatore che non vede l'ora di trovarsi davanti il prevedibile lieto fine (per quello che si può dato l'argomento). Il mio pensiero è che cinema e realtà, pur dovendo intersecarsi tra loro, devono comunque viaggiare su piani separati, perchè nel momento in cui tutto diventa come in questo film si perde il senso del cinema, e si entra in quella che è la spudoratissima (e fastidiosa) retorica di questo film

Invia una mail all'autore del commento camifilm  @  28/01/2013 17:22:05
   6 / 10
Il film non merita l'attore!

il film è buono e sarebbe stato ottimo con un attore che sapesse cosa sia interpretare un personaggio. Anche se giovane, qui non si possono non notare delle imperfezioni nel personaggio protagonista portate sullo schermo da uno degli attori al tempo, ed ora, più incapaci di recitare in un ampio contesto di attori, se non grazie ad esclusivi effetti scenici ed all'unica cosa che lo ha reso famoso a suo tempo... un bel ragazzotto con un sorriso perfetto.

OTTIMO FILM, reso al limite della sopportazione dall'attore protagonista.

Invia una mail all'autore del commento diderot  @  19/12/2012 12:28:56
   7 / 10
Una storia molto toccante interpretata degnamente da Tom Cruise. Anche se non annoia mai è un film a cui manca qualcosa, forse il finale poteva essere più curato. Non male la regia!

Invia una mail all'autore del commento DjAlan78  @  19/10/2012 11:06:45
   7 / 10
Mi tocca dire cio' che in molti già hanno detto: troppo troppo retorico.
Pero' onore al vero, l'intepretazione di Cruise mi è piaciuta ed in taluni momenti il film risulta toccante e disperato.
Non sono esattamente un estimatore di Oliver Stone, che qui comunque fa un lavoro discreto.

guidox  @  05/06/2011 13:50:42
   6 / 10
non indimenticabile e soprattutto infarcito di retorica fino all'impossibile.
la bella prova di Cruise non riesce ad elevarlo da una sufficienza e niente più.
per me sopravvalutato.

Invia una mail all'autore del commento Suskis  @  28/05/2011 01:05:45
   7 / 10
Un po'meglio di Platoon, anche se ne condivide alcuni difetti. Molto retorico, molto enfatico (soprattutto Cruise che, sì, è bravo, ma passa un po'di là) e troppo lungo per quel che deve dire. Nonostante il diritto di dire la sua sul Vietnam Stone se lo sia guadagnato sul campo, è forse il suo coinvolgimento che lo porta un po'a strafare.

giraldiro  @  20/03/2011 22:44:33
   7½ / 10
Buona pellicola di propaganda contro la guerra che narra la storia di un ex marine che dopo aver subìto su di sé le conseguenze della guerra diventa un pacifista.

Film a mio parere onesto.

Nudols85  @  11/03/2011 18:02:29
   8½ / 10
Stone in questa pellicola si supera, l'argomento non era facile e poteva cadere in un polpettone strappa lacrime sui reduci del Vietnam con un esclusivo messagio pacifista!!...invece no fa vedere passo dopo passo ( più di 2 ore di film!!)...cm con il passare del tempo in lui nasca dopo una serie di disavventure un pensiero Indipente..un suo pensiero..anche se questo gli è costato caro!!! Il film in alcune parti è realmente forte..ma solo così si poteva dipingere un quadro totale e realitiero della situazione di fronte la quale si trovava il protagonista!!..Il personaggio di Dafoe è uno spasso... Tom Cruise IMMENSO!!!

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Eratostene  @  15/02/2011 05:34:18
   7 / 10
Immaginavo che Stone avesse fatto meglio con questo film, che, seppur molto apprezzabile, si perde un po' troppo in discorsi ridondanti. La prova di Cruise è stratosferica.

Invia una mail all'autore del commento s0usuke  @  01/07/2010 21:40:47
   6 / 10
Stone "ritorna" sul Vietnam; critica l'intervento militaristico statunitense e si scaglia contro il suo fanatismo nazionalista. Peccato che in più di un occasione quasi sembra perdersi fin troppo in chiacchiere che rasentano "l'inconcludente". Di ottimo rimane sicuramente l'interpretazione di Cruise e la regia fin troppo coinvolta.

Clint Eastwood  @  03/05/2010 11:24:54
   7½ / 10
Gli anni d'oro per Oliver Stone (fine '80 inizi '90). Nato il Quattro Luglio sul piano estetico è davvero notevole, magnifica la fotografia di un'epoca (girato una decina d'anni dopo il vero Vietnam) mantiene i colori necessari e i costumi giusti. La nota di gran merito va a Tom Cruise nella parte del giovane soldato arruolato volontariamente per combattere i valori della sua nazione e diventare un eroe, un eroe illuso come presto se ne accorgerà. Tratto da una storia vera, scritta in un libro dello stesso Ron Kovic è senz'altro un film di denuncia contro la guerra in primo piano, il trattamento ricevuto negli ospedali e una politica sbagliata degli americani.

Da vedere.

7.5/8

JOKER1926  @  06/07/2009 17:29:43
   7½ / 10
La concezione sciovinistica, le convulse idee politiche, il senso di servire la patria (in ogni senso) spinge Ron Kovic nel lontano e ruvido Vietnam in una guerra pressoché infinita e amarissima…
Dopo la trasferta in Asia Ron Kovic si ritrova paralizzato, la vita formalmente prosegue ma l'essenza dell'uomo si spegne oggettivamente…

"Nato il 4 Luglio" di Oliver Stone è senza dubbio una sostanziosa denuncia alla guerra del Vietnam, il regista americano prepara con cura questo buon prodotto, da notare gli attori (soprattutto Tom Cruise), le musiche e la fotografia.

Il film si basa su una sceneggiatura davvero discreta; la prima parte della pellicola è incentrata soprattutto in Vietnam, seppur brevemente Oliver Stone riesce a tracciare nel suo film i terrificanti scenari della guerra, le sparatorie, la morte…
Nella seconda parte il film narra il post guerra del giovane ragazzo, (ovviamente da segnalare scene importanti come quella in cui Kovic sul palco udendo grida di bambini ed elicotteri si blocca e ripensa alla guerra…) in questo blocco i dialoghi deliranti e quasi ossessivi creano un alone di estrema drammaticità; il film dunque risulta essere abbastanza coinvolgente, forse a volte sprofonda nella ripetitività e sotto alcuni aspetti diventa stancante (ma questo forse non è un difetto).
Il finale abbastanza rocambolesco e struggente regala altre emozioni, i flashback inoltre in questa ultimissima parte risultano essere veramente impeccabili.

Oliver Stone dunque riesce a riportare su pellicola la tormentosa storia di un ragazzo (o forse, metaforicamente, di una intera nazione) con enormi dosi di crudeltà e di drammaticità, in pratica film sempre molto efficace e quasi mai banale.
Lo spettatore è trasportato sulla maledetta sedia del protagonista, le sequenze in Messico con le prostitute inoltre regalano al pubblico stralci del senso della vita… Una vita Unica purtroppo amaramente compromessa (in modo prematuro) dalla guerra, migliaia di ragazzi persero definitivamente (soprattutto mentalmente) la loro esistenza; le parole (nel finale) del protagonista… "Hanno ucciso una intera generazione!" svolgono pesanti funzioni in chiave sociale/politica.

Nascere in America (simbolicamente) il 4 Luglio è metaforicamente l'essenza, l'etichetta dell'ideale americano che dal remoto Giorno dell'Indipendenza ad oggi ha portato confusione, guerra e morte in tutto il mondo…

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento Enzo001  @  06/07/2009 12:13:36
   6 / 10
Un po' retorico per i miei gusti... ah, vabe'.
Giusto carino, ma gli oscar mi sembrano esagerati.
Bravino invece cruise, davvero.

inferiore  @  10/06/2009 15:49:20
   5½ / 10
Film autobiografico su Ron Kovic, attivista del movimento pacifista, a cui Oliver Stone rende omaggio.
Tom Cruise nel periodo della sua maturazione personale si concede una ottima interpretazione. Candidato all'oscar come miglior attore nel '90.
Regia buona nelle scene corali ad alto impatto emotivo, però il film è forse un po' troppo retorico per i miei gusti. Abbastanza stereotipato anche nel raccontare un antiamericanismo logoro ed ideologico.
Non malissimo ma Stone ha fatto di meglio (Platoon ad esempio).

topsecret  @  14/05/2009 18:48:35
   7 / 10
Coltivare e vivere orgogliosamente l'amore per la patria. Arruolarsi nell'esercito e rispondere presente quando il tuo paese ti manda a combattere una guerra stupida. Soffrire, sangue, uccidere e morire. Tornare a casa e scoprire che il vero inferno è tra le mura della tua camera, nel paese che tanto hai amato e al quale hai sacrificato gambe, vita e futuro.
Buona la regia di Oliver Stone e intensa interpretazione di Tom Cruise.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Gatsu  @  16/02/2009 03:58:41
   6½ / 10
Un pasticcio di retorica ma Tom Cruise qui è molto incisivo. Toccanti alcune scene, da ridere invece altre che non servivano affatto. Oliver stone ha fatto di meglio.

popoviasproni  @  24/12/2008 12:06:17
   8 / 10
Film di denuncia confezionato ad arte, buonista e appassionato, con un vigoroso Cruise.
Da recuperare.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR kubrickforever  @  23/11/2008 13:05:08
   6½ / 10
Ne avevo un ricordo abbastanza vago e rivedendolo non è che mi abbia convinto del tutto. E' l'ennesimo film denuncia sul Vietnam che però non racconta nulla di nuovo rispetto ad altri grandi lavori che lo hanno preceduto (Il Cacciatore, Full Metal Jacket, Apocalipse Now). Intendiamoci, il film è ben diretto ed interpretato, ma manca quel qualcosa che lo caratterizzi al punto tale da essere ricordato. Quell'eccesso di retorica e di falso buonismo poi, mi ha fatto venire quasi la nausea. Appena sufficiente.

elmoro87  @  03/11/2008 10:56:29
   5½ / 10
il maggior film di denuncia contro la guerra del vietnam: insipido, noioso... Non è la migliore interpretazione di Cruise, e di questo ce ne siamo accorti... in compenso però grandissima regia di Stone, che dal punto di vista fotografico è impeccabile, la trama mostra qualche piccola falla e spesso cade nel noioso... 2,10h sono troppe per un film cosi...

1 risposta al commento
Ultima risposta 14/11/2008 00.10.53
Visualizza / Rispondi al commento
FraRob  @  07/10/2008 16:31:54
   10 / 10
Film struggente, che tocca direttamente il cuore.
Tom Cruise fantastico e una pellicola eccellente a denuncia di uno dei tanti errori commessi e che si stanno svolgendo. Unico.

Gruppo COLLABORATORI Terry Malloy  @  10/08/2008 16:01:07
   7½ / 10
Un bel film che non mi ha convinto del tutto.
La riflessione apportata da Stone tramite questa potente filippica contro il Vietnam sa di già sentito o comunque di poco originale. Il personaggio di Kovic è interessante, ma arriva fino a lì: non ha nulla della cinica impertubabilità esistenziale di Joker (non ha caso il nome...), della follia shakesperiana di Kurtz, dellla calma esasperata del Cacciatore. Personaggi, questi tre, che sono coralmente diverse sfaccettature di una generazione, di un popolo e della sua cultura.
Kovic mi sembra il solito, ennesimo pacifista. Ma guardando complessivamente il film è godibile e intenso, pienamente sufficiente.

Wally  @  09/04/2008 00:26:28
   6½ / 10
Ok è una storia toccante! però è una palla di film! Bravo Tom ma il film è soporifero...

everyray  @  22/03/2008 12:04:56
   10 / 10
Eccolo quà,uno di quei Capolavori che non avevo ancora commentato..
Ricostruisce uno dei momenti più dolorosi e veri della storia Americana,a tutt'oggi uno tra i migliori film di Oliver Stone unita ad una performance superba di Tom Cruise!
Doloroso come un pugno nello stomaco esprime sentimenti profondi difficili da non assimilare!

Nudols  @  22/03/2008 03:09:13
   8 / 10
..ecco un grande film...dalle interpretazioni fino ad una regia (Stone e ho detto tutto) più ke superlativi. Un film contro tendenza, ke apre il cuore la testa e soprattutto gli occhi, di un impatto emotivo non indifferente...e certamente non per il fatto che è paralizzato, ma per l'assurdità della società che ci circonda come una biglia di vetro...oltre il quale c'è la Realtà, dura e vera...e stai lì aspettando il giorno che qualcosa ti apri gli occhi...svalandoti la reltà qual'è (in questo caso quella Americana)
Finalmente un film ke inlustra il "Sogno Americano"...come nasce e in cosa svanisce...in tutte le sue tappe.

NandoMericoni  @  16/03/2008 17:23:07
   8½ / 10
assolutamente un grandissimo film, avendo letto il libro di R. Kovic non posso far altro che elogiare l'interpretazione di Cruise...

Invia una mail all'autore del commento wega  @  11/03/2008 20:30:17
   7½ / 10
Che buffo deve essere celebrare il proprio impedimento, fisico e morale, nel giorno nazionale della libertà.
Ovviamente buffo non lo è per niente ma Oliver Stone è probabilmente il regista più adatto per trattare un tema dell'incoerenza ideologica e politica degli U.S.A. La retorica c'è ma non mi ha dato fastidio, credo sia quasi indispensabile, impossibile non rimanere colpiti dai veterani impauriti dallo scoppiare dei petardi, è difficile rimanere impassibili da questa per me, ottima, interpretazione di Tom Cruise, insomma ogni tanto è stato bravo, qui un attore senz'altro.
Esagerato però in alcuni punti, una delle manifestazioni finali sopratutto, talmente confusionaria da mettere in confusione lo spettatore stesso.

roy rogers  @  29/02/2008 20:17:38
   7½ / 10
Bello! Grande Tom Cruise! una trama che ti prende! Mi è piaciuto soprattutto il finale!

Bye Bye miss american pie...........

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  18/02/2008 18:28:37
   7½ / 10
film intenso ma forse un po troppo retorico...la battagglia lascia troppo presto la strada alla vicenda di uno dei tanti disperati usciti distrutti nel fisico da questa maledetta guerra!
la scena cult penso sia quando Cruise incontra la famiglia del compagno ucciso...la piu forte e significativa del film...

Predator  @  07/02/2008 20:06:33
   8 / 10
Bellissimo film, molto commovente!

Invia una mail all'autore del commento BIONDO  @  24/08/2007 18:14:54
   8 / 10
un ottimo film..a tratti un po' noiosetto c'è pero'..

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  08/08/2007 00:58:48
   6½ / 10
Beh. di retorica ne è ammantato a dovere (compresa quella sui reducisti che non risolve il dilemma dell'ambiguità ideologica di Stone, uno strano "progressista") tuttavia è come se vedessimo lo stesso K. recitare la sua storia, tanta è l'immedesimazione con il personaggio.
Nel bene e nel male, uno dei film che hanno segnato il cinema contemporaneo, nonostante le sue pecche: incisiva ma sopra le righe la performance di Cruise. cfr. sembra disperatamente colto nell'urgenza (e lo zelo) di dimostrare a tutti che è anche un bravo attore

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento thohà  @  04/05/2007 10:57:25
   8 / 10
Ma che giorno fortunato essere nato proprio il 4 luglio!
Fin da piccolo infarcito di stereotipi eroici, di nazionalismo e patriottico amor patrio, Ronny vuol far parte, come i nonni dei nonni, della storia del suo Paese e parte volontario per il Vientnam.
La guerra non è mai come la si immagina. E' spietata, per una sciocchezza involontaria o uno scherzo ci può scappare l'uccisione di poveri civili innocenti, come donne o bambini.
Oppure ci può lasciare la pelle un compagno, al quale hai sparato per errore, e non te lo perdoni più... o di rimanere gravemente feriti.
Si può addirittura scoprire che l'ospedale può, per qualche verso, essere ancora peggiore del campo di battaglia.
Ronny ha un carattere forte, uno spirito indomito, ma le difficoltà sono oggettivamente immani. Persino la sua fisionomia cambia.
Ronny, dopo una pensosa evoluzione interiore, incomincia a combattere la "propria" guerra.
E' avvilente capire di avere sbagliato. Incubi e ricordi tormentosi non lo abbandonano mai.

Non tra i migliori, ma un buon film con un egregio Tom Cruise.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Giordano Biagio  @  24/12/2006 12:52:57
   8 / 10
Film che abbandona ogni forma di spettacolo per coinvolgere gli spettatori esclusivamente con l'intensità umana del la propria storia.
Ricco di senso riesce a dare un'idea della guerra che fa riflettere con profitto sulle conseguenze che essa si trascina spesso dietro. Stone sottolinea come le guerre producano effetti devastanti soprattutto verso i più deboli.
Conflitti bellici che, come dimostrano molti film, appaiono sempre più dettati da interessi non di nazione o di patria ma di ristretti e potenti gruppi economici che vedono nel conflitto armato il rilancio dell'industria bellica a dimensione internazionale cioè sovranazionale.
Stone riesce a dare un'idea filosofica ed etica di pace straordinaria, attraverso un sapiente uso delle immagini simbolo vicine alla sensibilità popolare allora più reattiva alla guerra.

The Monia 84  @  16/12/2006 16:48:05
   8½ / 10
La guerra nel Vietnam vista da una prospettiva molto umana nelle sue conseguenze sulla vita di un reduce (e di chi lo circonda). Il tema dei reduci mutilati affrontato con classe e crudezza , con un Cruise mai cosi grande (forse in Collateral e in Magnolia).

dgarofalo  @  14/12/2006 23:04:01
   8½ / 10
Invia una mail all'autore del commento domeXna79  @  25/10/2006 20:45:31
   8½ / 10
Uno dei più intensi film di denuncia contro la guerra del Vietnam.
Una storia capace di svelare le nefandezze di un governo che mina le coscienze ed i valori di giovani ragazzi, e con la stessa velocità con la quale li spedisce al fronte così li dimentica ..in questo modo, attraverso gli occhi di Ron, ci viene svelata una società che vive di ipocrisie, che si ostina a vedere qualcosa di giusto in un conflitto tanto lontano da casa propria, ma tanto vicino nelle conseguenze sociali.
Tutto ci viene svelato per quello che è, senza alcun filtro, ponendoci dinnanzi una realtà drammatica, di uomini che hanno smarrito la coscienza, la voglia di vivere (il viaggio in Messico), solo perché hanno creduto in un sogno, diventando prigionieri di quella bandiera tanto amata ..ma l’America non è solo il suo governo, è fatta di uomini che avranno la forza di cambiare le cose, così il reduce sposerà la tesi pacifista, ed il racconto ci condurrà in quei lunghi anni in qui il Paese è stato insanabilmente diviso in due.
Magnifiche le ambientazioni e le scenografie, così realistiche, con inquadrature che hanno il pregio di riuscire a lanciare un messaggio chiaro, senza l’eccessivo uso a scene di cruenti combattimenti, ma solo per trarre lo spunto al fine di approfondire le delicate tematiche sociali conseguenti il conflitto ..la narrazione fila via liscia, senza particolari sussulti fino al suo epilogo.
Davvero ottima l’interpretazione del protagonista, un giovane ma già bravissimo, Tom Cruise, così come menzionabile la se pur breve apparizione di William Defoe ..indiscutibile la magistrale direzione del regista Oliver Stone, che, oltre alla perfezione tecnica, riesce a coinvolgere ed emozionare.
Certamente uno dei miglio film che hanno raccontato cosa sia davvero la guerra, e quali conseguenze generi sulla società civile ..un vero piccolo capolavoro!

Lara°  @  06/09/2006 18:15:03
   7½ / 10
bello e commovente..

Invia una mail all'autore del commento Tempesta  @  05/09/2006 11:31:31
   9 / 10
questo film tocca veramente il cuore !! grande tom ottima interpretazione da vedere assolutamente !!

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR matteo200486  @  11/08/2006 12:41:47
   8½ / 10
...molto bello, un buon Tom Cruise e una grande regia di Stone... Consigliato....

franx  @  03/06/2006 11:02:59
   7½ / 10
Solo sei commenti?
Beh questo è il film in cui si vede come la propaganda politica mandi al macello giovani con sani principi di cui però non frega nulla a nessuno salvo che a loro.
Giovani di bigotte periferie senza troppa cultura, che quindi non si fanno troppe domande proprio perchè profondamente motivati, ma senza autocritica e, per tale motivo, sfruttati carne sangue e ossa a fini politico/propagandistici.
Tutto ciò che si vede nel film non fa che confermare quanto sopra: la propaganda prima della guerra sia in famiglia che fuori, l'abbandono dello stato dopo la guerra senza neanche un grazie, il disagio dei genitori nel trovarsi a casa figli ridotti a tronchi umani, le parate politiche e le feste paesane dei reduci, ipocrite, adatte a reclutare nuovi giovani per altrettanta carne da macello.
Tutto torna nel film.
Molto realistiche le scene di guerra, molto meglio di Platoon.
"...I'd give back everything i believe in, to be a whole again, to have my dick and my balls back.".

1 risposta al commento
Ultima risposta 03/06/2006 11.04.45
Visualizza / Rispondi al commento
muSe  @  13/12/2005 09:36:49
   10 / 10
E' probabilmente il film che identifica meglio il dramma e il disagio dei reduci dall'inferno Vietnam. L'introspezione è analitica e profonda in ogni singola situazione della vita sociale, la famiglia, gli amici, i mass media. Davvero straordinario. Da rivedere più volte e da imparare, c'è tanto da imparare. Si trova in DVD a 5 euro

la mia opinione  @  15/08/2005 20:48:40
   9 / 10
Secondo me il miglior film realizzato da Oliver Stone. Un film ricco e struggente Cruise in grande forma.

Heyitsmeuthere  @  24/06/2005 16:13:20
   9 / 10
Bellissimo, reale e crudo. Cruise alla sua migliore interpretazione

Moderator  @  04/06/2005 19:03:00
   9 / 10
pietra miliare storica

Crimson  @  02/05/2005 20:22:47
   4 / 10
Premetto che mi piace tantissimo il genere, per questo voto il film. Bruttissimo, irritante, spudoratamente (falso) moralista. Uno dei pochi film sulla guerra del Vietnam che non mi ha lasciato nulla..ci sarà un motivo. Non lo rivedrei neanche sotto tortura :D

2 risposte al commento
Ultima risposta 18/01/2008 16.30.20
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo STAFF, Moderatore Invia una mail all'autore del commento Lot  @  13/09/2004 16:35:45
   8 / 10
Splendido film di Stone con un Cruise in una delle sue prove migliori, duro e convincente. Un gradino sotto altri film sul Vietnam ma comunque da vedere.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghierabad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinn
 NEW
bombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandfigli (2020)gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segreti
 NEW
in the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnol'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'immortale (2019)l'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodgethey shall not grow old
 HOT
tolo tolouna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivolevo nascondermi

1001083 commenti su 43095 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net