nick's movie - lampi sull'acqua regia di Wim Wenders USA, Germania 1980
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

nick's movie - lampi sull'acqua (1980)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film NICK'S MOVIE - LAMPI SULL'ACQUA

Titolo Originale: NICK'S MOVIE - LIGHTHING OVER WATER

RegiaWim Wenders

InterpretiNicholas Ray, Wim Wenders, Susan Ray, Tim Ray

Durata: h 1.25
NazionalitàUSA, Germania 1980
Generedrammatico
Al cinema nel Novembre 1980

•  Altri film di Wim Wenders

Trama del film Nick's movie - lampi sull'acqua

Nell'aprile del 1979 il regista tedesco Wim Wenders fa visita al collega americano che considera il proprio maestro: Nicholas Ray. Costui Ŕ ormai vecchio, malato di cancro in fase terminale e da tempo inattivo. Wenders filma gli ultimi giorni di vita di Ray che sono anche una lezione sul cinema e di cinema. Alla fine una giunca cinese lascia il porto di New York con a bordo l'urna con le ceneri di Ray.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,36 / 10 (7 voti)8,36Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Nick's movie - lampi sull'acqua, 7 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Invia una mail all'autore del commento NotoriousNiki  @  15/08/2014 18:51:15
   8 / 10
Via crucis filmata tappa per tappa da Wenders, in nome del cinema o in nome di un'amicizia? Probabilmente la prima e Wenders non lo nasconde in un ouverture che fa da indice, un confronto iniziale con Ray, un patto cinico ma onesto col regista che sacrifica la sua intimità a Wenders e contemporaneamente il tedesco la testimonia in celluloide al pubblico.
Alla fine poteva esserci Ray o qualsiasi altra persona su quel lettino, a Wenders interessava filmare gradualmente gli ultimi barlumi di vita dell'essere umano, in Ray trova un uomo di cinema, un uomo che non ha perso il piacere della cinepresa ma a 67 anni è prosciugato dal cancro di ogni residuo di energia, è uno scambio reciproco quello con Wenders. 67 ma è come sentirsene 90, Ray per anni ha fatto le spese con la dipendenza da droghe e dall'alcool, una vera e propria condanna che lo bandì da Hollywood dopo i 2 kolossal (persino cacciato dal set nell'ultimo dei 2). Un po come Lowry che firmò il suo capolavoro autobiografico, la divina commedia ubriaca, prima di spirare, o la dissoluzione etilica di Edgar Allan Poe, Ray trova nella regia rapsodica -perchè no, narcisa- di Wenders gli stessi effetti angosciosi da trasmettere al pubblico, senza veli, l'espressione artistica dopotutto è il luogo dove le stimmate deviate testimoniano senza costrizioni l'altra faccia della normalità, il passaporto per la gloria artistica. Suggestivi i richiami musicali, i Police che si insinuano, 'Lightning Over Water' che dà il nome all'opera cantata dalla Blakley.
Nell'aria c'è un'atmosfera d'attesa, gli sguardi pazienti di Wenders, la voce stritolata in gola di Ray, la troupe con cui ha familiarizzato e che negli ultimi 6 minuti si pentono di non aver cannibalizzato gli istanti della cremazione. Ray sperimenta sulla propria pelle l'inevitabilità del confronto tra cinema e morte.

jimdellacanapa  @  27/12/2013 21:38:17
   10 / 10
Ti precedono.
Lampi di vita mentre l'altra svanisce invano rimanendo col rimorso.
Giorni interi perduti senza parlarti inseguendo l'uomo che eri cercandoti fra le pagine del libro dei ricordi.
Nei sogni ancora adesso…
Film senza pellicola impressa nella coscienza riavvolgendo il tempo che avevi voltandoti di continuo respirando fumo di sigaretta che come nebbia celava il volto della paura.
LEI ha avuto il suo tributo.
Tu rabbioso dubitavi che il sole stesse veramente sorgendo un'altra volta portandoti in dono lacrime, sudore e ossa che marcivano lentamente non concedendoti in dote una morte rapida forse chissà per espiare la colpa del padre che in passato marchiandoti ha voluto maledirti per sempre plasmandoti a sua immagine e somiglianza.
Ora capisco
Avrei dovuto essere l'approdo dei tuoi pensieri invece sono stato in mezzo alla tempesta un faro senza luce.
Ti ho lasciato affondare
Stupidamente ho perso l'occasione di dirti addio pensando così di tagliare i ponti col passato.
Non ci poteva essere lieto fine.
L'unica cosa che posso dirti è che adesso vivi dentro di me.
Non ti lascerò andare via un'altra volta.
Te lo prometto.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  23/08/2012 12:25:38
   8 / 10
La presenza di quel corpo corroso dalla malattia, anche osservando il giusto distacco, ti mette veramente a disagio perchè il film di Wenders è estremo nel raccontare la Realtà senza filtri di una Morte che sta avanzando nel corpo di Nicholas Ray. Oltre alla sincera amicizia che lega i due registi, intercorre una strana mutualità nel loro rapporto. Da una parte è il testamento filmato di Ray, offrire se stesso nel suo disagio reale e dall'altra abbiamo Wenders che gradualmente perde il distacco iniziale e in un certo modo non può fare a meno di seguire Ray, quasi "vampirizzando" i suoi ultimi momenti di vita. E' un film che mi ha suscitato emozioni molto contrastanti, durissimo ma anche estremamente toccante.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  01/03/2010 21:30:42
   7½ / 10
Questo non è un film,non è un documentario,non si può catalogarlo.
Questo progetto di Wenders è il testamento del regista Nicholas Ray ma è un'esperienza veramente unica,in molti punti dilaniante.
Il voto è sette e mezzo ma è uno di quei film (o non film) a cui è quasi impossibile dare un voto.
Straziante e vero.

dobel  @  05/10/2009 15:45:22
   8½ / 10
Ciò che sconcerta maggiormente è il fatto che non ci sconcerti più di tanto. Siamo così talmente anestetizzati dallo schermo da non riuscire a capacitarci sino in fondo che la persona che osserviamo non è un attore bensì un uomo che sta morendo veramente? Si tratta di un film sul progetto di un film che, guarda caso, è il film stesso che stiamo vedendo. Il grande Ray trova forse un modo per esorcizzare la propria morte rendendola parte di uno spettacolo. Mi torna alla mente quella ragazza inglese che qualche mese fa ha acconsentito di essere filmata nella sua fatale malattia in modo da guadagnare molti soldi da lasciare al proprio bambino. Qui non si cela nulla di simile, ma si spettacolarizza un evento tremendo forse per aiutare un amico a morire con più coraggio. Questa operazione richiederebbe un commento molto ampio, non solo cinematografico bensì etico. Ray non si è potuto lasciare andare ( e forse è stata la sua fortuna), non ha potuto (voluto) morire come tutti gli altri, ma ha cercato di trasformare la propria fine in un momento artistico. Ha stilizzato la propria morte facendola diventare un'opera d'arte.
C'è riuscito? Ahimè, si.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  14/08/2006 11:50:00
   8½ / 10
Un capolavoro assoluto, poco da dire... un film che ribalta le convenzioni del cinema tradizionale, raccontando, con uno stile documentaristico ma non troppo, la "morte in diretta" o quasi...
Le fasi della lunga malattia di Nicholas Ray, nel letto d'ospedale o nelle sue confessioni "private" non sono atti coercitivi, ma frutto del rapporto epistolare tra Wenders e Ray, dove l'"artista" Ray - mettendosi a nudo fino a descrivere cinematograficamente la propria malattia . si consegna al pubblico nella veste disperata di un'essere umano come tanti, corroso dalla carne e dal dolore.
Nonostante le molteplici polemiche che l'hanno accompagnato, il film ci appare ancora oggi come un tentativo (forse involontario, ma non credo) di esprimere la capacità perfida dello schermo e dei media di poter affrontare con una telecamera la realtà piu' scomoda e privata.
Se lo guardassimo con un certo distacco, capiremmo che il film è soprattutto un'affettuoso omaggio alla figura cinematografica e umana di Ray, e non ha certo pretese pasionarie à la Winterbotton (tanto per citare un contemporaneo).
Per altri versi, l'"Allievo" si affida al "Maestro", che fu il primo a comprendere l'importanza della macchina da presa in un'ottica voyeuristica.
Che io sappia solo un altro regista, Derek Jarman, col suo "Blue", è riuscito a fare un film-verità altrettanto disturbante e doloroso.
In effetti è tremendamente doloroso, al capezzale di Ray ci siamo anche noi, in fondo

Gruppo COLLABORATORI bungle77  @  10/01/2006 12:43:14
   8 / 10
Un film documentario, sulla morte del regista Nick Ray. Film sconvolgente, che trasuda però amore per il cinema e tutto il rispetto di Wenders verso la persona Nicholas Ray.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

adorazionealcarras - l'ultimo raccoltoalla vitaamanti (2020)american nightblack parthenopecasablanca beatscip e ciop: agenti specialicome prima (2021)dashcamdoctor strange nel multiverso della folliadue donne al di la' della leggeelizabeth (2022)elvis (2022)emergencyesterno nottefassbinderfemminile singolarefirestarterfreedom (2021)gagarine - proteggi cio' che amigenerazione low costgli stati uniti contro billie holiday
 NEW
gold (2022)hill of visionhope (2019)hustlei giovani amantii tuttofareil fronte internoil giorno piu' belloil naso o la cospirazione degli anticonformistiil paradiso del pavoneil talento di mr. cil viaggio degli eroiinvito al viaggio. concerto per franco battiatoio e lulu'italia. il fuoco, la cenerejane by charlottejurassic world - il dominiokarate mankoza nostrakurdbun - essere curdola bicicletta e il badile - in viaggio come hermann buhlla doppia vita di madeleine collinsla fortuna di nikukola grande guerra del salento
 NEW
la mia ombra e' tuala ragazza ha volatol'altra lunal'angelo dei muril'arma dell'inganno - operazione mincemeatl'audizionel'eta' dell'innocenza (2022)lettera a francolightyear - la vera storia di buzzliz e l'uccellino azzurromad godmarcel!memoriamemory (2022)mindemic
 NEW
mistero a saint-tropeznavalnynel mio nomenoi duenostalgiaonly the animals - storie di spiriti amantiour fatherpleasurequel che conta e' il pensiero
 NEW
revolution of our timesrise - la vera storia di antetokounmposecret team 355settembre (2022)spiderheadstudio 666tapirulan
 NEW
tenebrathe batmanthe black phone
 NEW
the deer king - il re dei cervithe man from torontothe other side (2020)
 NEW
the princessthe rescue - il salvataggio dei ragazzitop gun: mavericktutankhamon. l'ultima mostraunwelcomevecchie canaglieviaggio a sorpresawild nights with emily dickinson

1030484 commenti su 47846 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

L'OMBRA DELL'ALTROTHE HOUSE I LIVE IN

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net