processo a giovanna d'arco regia di Robert Bresson Francia 1962
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

processo a giovanna d'arco (1962)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film PROCESSO A GIOVANNA D'ARCO

Titolo Originale: PROCÉS DE JEANNE D'ARC

RegiaRobert Bresson

InterpretiFlorence Carrez, Jean-Claude Fourneau, Marc Jacquier

Durata: h 1.01
NazionalitàFrancia 1962
Generedrammatico
Al cinema nell'Aprile 1962

•  Altri film di Robert Bresson

Trama del film Processo a giovanna d'arco

Giovanna d'Arco è prigioniera da molti mesi, in una cella del castello di Rouen. Il film ne segue il processo, la condanna a morte e l'esecuzione sulla base dei testi dell'epoca, delle cronache minuziose degli eventi. L'imputata si ritrova progressivamente smarrita in un labirinto fatto di burocrazia e di malevola persecuzione, al termine del quale l'attende la sconfitta ineluttabile.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,07 / 10 (7 voti)8,07Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Processo a giovanna d'arco, 7 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Dick  @  05/02/2015 19:26:26
   8½ / 10
Spoglio, essenziale, teso, coinvolgente!

JOKER1926  @  17/06/2012 16:39:27
   7 / 10
L'icona di una delle più grandi Sante della storia della religione cattolica di sempre, San Giovanna D'arco, è l'epicentro concettuale del film di Robert Bresson.
"Il processo di San Giovanna d' Arco" è una di quelle produzioni idealizzate per colpire il pubblico in modo totale fra freddezza e tanta semplicità.
Perché, detta tutta, Bresson alla regia non vuole enfasi ma solo efficacia, dall'inquadrature e dal montaggio traspare tutto.
Infatti la regia vuole donare un'Icona pulita, incorruttibile e pragmatica, quella di Giovanna d'Arco. Il film si basa quasi sempre su dialoghi serrati, entra in scena l'indispensabile tecnica del campo controcampo. Quest'ultima indispensabile nel rendere veemente e aspro il dialogo fra i giudici e l'Imputata.
Le sequenze di Bresson sono molto simili, si può parlare pienamente di un lavoro alquanto metodico ma, ovviamente, riuscitissimo.

"Il processo di San Giovanna d'Arco" è più di una semplice pellicola, per gli amanti e per i credenti della Santa il tutto assume un qualcosa di eccezionale che travalica dalle cose ordinarie. Film carico di passione con un finale di morte e di speranza, quasi metafisico.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Ciumi  @  09/01/2012 20:36:47
   8½ / 10
L'isolamento imposto da Bresson alla sua Giovanna d'Arco è totale: le linee inflessibili degli ambienti squadrati, i volti magri di pietra dei processanti (isolati a loro volta uno per uno in inquadrature granitiche), le incitazioni lapidarie di morte di una folla invisibile e l'occhio a metà tra inquisitorio e feticista al di là della parete.

La ricostruzione meticolosa e scarna del processo ritrae una Giovanna razionale, impenetrabile, in contrasto con la visionarietà mistica dell'eroina. La porta della cella, che diviene passaggio di un via vai di sordidi interrogatori, rimane socchiusa come a indicare l'impossibilità di una fuga (il pessimismo bressoniano dai tempi del "Condannato").

Il processo è chiuso tra i ferri di una musica martellante e funebre che s'interrompe durante tutto il suo svolgimento, tra le mani (senza volto) sulle spalle degli inquisitori nell'incipit e il silenzio delle fiamme nel finale: le presenze umane scompaiono e il raffronto rimane quello tra la croce avvolta nel fumo e il monito del tronco arso e spoglio con cui il film si chiude.

2 risposte al commento
Ultima risposta 14/01/2012 13.31.30
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento wega  @  15/06/2008 20:27:34
   8 / 10
Inizio ad adorare la regia di Bresson. Una regia asciutta, essenziale. La poetica di Bresson è sempre disegnata da linee pulite ma nette.
Si tratta di una pellicola semplicissima, di poco più di un'ora, fatta di campi e controcampi, come tutti i film giudiziari.
Sono le inquadrature fisse dove a parlare è la sofferenza, la vera forza di questo film, i primi piani, le continue inquadrature delle catene ai piedi, esortano ad un senso di dolore a cui è negato il sollievo.

1 risposta al commento
Ultima risposta 22/01/2009 16.35.34
Visualizza / Rispondi al commento
onda  @  28/04/2008 13:06:08
   7½ / 10
Ricostruzione accurata del processo a Giovanna d'Arco. Un film asciutto, basato principalmente sui dialoghi tratti dagli atti del processo.
Rimane una certa sensazione di freddezza, così come la Giovanna di Bresson, bella e altera, appare molto diversa da quella di Dreyer.
Da confrontare i due film per vedere la differente interpretazione della stessa vicenda e dello stesso personaggio.

Gruppo COLLABORATORI Marco Iafrate  @  08/10/2007 23:45:29
   9 / 10
Aveva appena compiuto 13 anni quando alla povera contadina di Domrémy le apparve un Angelo per nome del Signore che le disse che sarebbero venute a lei Santa Caterina e Santa Margherita per guidarla nel difficile compito di salvare la Francia dall'assedio degli Inglesi in una guerra che durava da quasi 100 anni. La giovane "pulzella" convinta di essere stata scelta da Dio per un nobile scopo, si presentò dal Re Carlo VII e gli chiese, convincendolo, di poter combattere alla testa dell'esercito contro Enrico VI per togliere l'assedio a Orléans. Alla vittoria però non segui' una definitiva conquista e Giovanna fu abbandonata a se stessa, tanto che alcuni mesi dopo, durante un' imboscata, fu catturata e ceduta agli Inglesi sotto lo sguardo indifferente di Carlo VII che non fece nulla per salvarla.
Giovanna D'Arco era un personaggio scomodo, atipico, prima di allora nessuno aveva mai visto una fanciulla cosi' giovane, capelli corti, vestita da uomo guidare un esercito, tanto potere compresso dentro il corpo esile di una fanciulla faceva paura, ancora di più se questo era accompagnato da un alone di stregoneria ed empietà. Venne cosi' incarcerata dando via alla lunga e penosa serie di processi che la portarono al rogo, ed è qui che inizia questo magnifico film di Bresson.
Facendo riferimento agli atti del processo in originale, la sceneggiatura, scritta interamente dal regista, è basata tutta sui dialoghi, freddi, diretti, ellittici, tanto le domande dei giudici quanto le risposte dell'imputata rapiscono per la loro stupenda drammaticità. Di fronte ad una corte austera, incalzante, senza un minimo di compassione (bravissimi gli attori) nei confronti, se vogliamo, di una bambina, troneggia la figura di Giovanna D'Arco che la fede spinge a non capitolare e non finire nella tela tessuta dagli inquisitori che tentano inutilmente di redimerla. Una visione che nonostante rimanga ancorata per quasi tutto il tempo tra l'interno dell'"aula di tribunale" e la cella dell'imputata non opprime ne tantomeno annoia, è dalla soglia di attenzione e partecipazione con la quale lo si guarda che si giudica questo film basato tutto sulla forza delle parole.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  17/04/2007 01:15:18
   8 / 10
Beh ecco un film che consiglio appassionatamente a tutti gli amanti del buon cinema e che considero letteralmente fondamentale riguardo il personaggio della "Santa rivoluzionaria", forse nel cinema è secondo per importanza solo a quello di Dreyer (che non ho ancora visto).
Bresson fa dell'eroina una donna altera e sicura di se stessa, un'eroina che non teme la morte ma sa fronteggiare adeguatamente i suoi oppositori.
Il ritorno ai temi religiosi è più stoico rispetto all'ineguagliabile "Diario di un curato di campagna", forse il capolavoro di bresson.
Un cinema freddo, rigoroso, essenziale, che deve essere amato gradatamente, e che richiede uno sforzo maggiore del solito, ma splendido.

2 risposte al commento
Ultima risposta 17/04/2007 01.48.15
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)after midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghiera
 NEW
antebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandgli anni piu' belligrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnola vita nascosta - hidden lifel'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammerun sweetheart runsaint maudscherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturaspiral - l'eredita' di saw
 HOT
star wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe gentlementhe grudge (2020)the lodgethe new mutantsthe other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo toloun figlio di nome erasmusuna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivivariumvolevo nascondermiwaves

1004777 commenti su 43482 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net