song to song regia di Terrence Malick USA 2017
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

song to song (2017)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film SONG TO SONG

Titolo Originale: SONG TO SONG

RegiaTerrence Malick

InterpretiMichael Fassbender, Ryan Gosling, Rooney Mara, Natalie Portman, Cate Blanchett, Holly Hunter, Val Kilmer, Bérénice Marlohe, Heather Kafka, Austin Amelio, Tom Sturridge, Dora Madison, Angela Bettis, Callie Hernandez, Linda Emond, Patti Smith, Lykke Li, Florence Welch, Savannah Welch, Brady Coleman, Camille Natta, Natalie Makenna, Johnny Walter, Vanessa Amaya, Olivia Grace Applegate, Chase Joliet, Savanah Montalvo, Sergine Dumais, Richard Dillard, Gareth Maguire, Nina Varano, Peggy Schott

Durata: h 2.09
NazionalitàUSA 2017
Generedrammatico
Al cinema nel Maggio 2017

•  Altri film di Terrence Malick

Trama del film Song to song

BV (Ryan Gosling) è un musicista che cerca il successo con l'aiuto della compagna (Rooney Mara) e del suo produttore Cook (Michael Fassbender). Tra i tre si stabilisce un legame che va oltre il semplice rapporto professionale e che coinvolge presto anche la giovane cameriera Rhonda (Natalie Portman). Nasce così una relazione intima e passionale in continuo bilico tra amore e tradimento.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   5,73 / 10 (13 voti)5,73Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Song to song, 13 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Thorondir  @  14/09/2018 18:39:27
   8 / 10
Approcciarsi ad un film di Malick non è mai semplice e non solo perchè Malick è uno dei pochi che può dire di essere unico in ciò che fa, ma perchè ciò che fa non è facilmente digeribile da tutti. Non lo era il suo cinema più canonico come "La rabbia giovane" e "I giorni del cielo", tanto più non lo è la sua ultima produzione, in particolare da "The tree of life" in poi. "Song to song" non sfugge: Malick torna a raccontarci dei personaggi facendoli parlare 4 volte e utilizzando moltissimo (come da carriera) la voce fuori campo come "stream of consciousness": perchè i suoi personaggi sono spigolosi e pieni di cose non dette, come se Malick volesse farci entrare nella loro coscienza per raccontarci quello che è paradossalmente un film sull'angoscia, la paura e la difficoltà di amare con tutto se stesso. In tale altissima visione del cinema, le immagini svolgono un ruolo fondamentale e se anche posso capire che ritiene l'ultimo Malick ammorbante (io ho detestato "To the wonder"), nessuno può mettere in dubbio l'unicità poetica della immagini di Malick, che ha una capacità veramente unica di ricerca dell'immagine, coaudiuvato da un maestro della fotografia come Lubezki. Più di "Knight of cups", l'ultimo film di Malick ci porta in un mondo interno a personaggi che non vogliono essere raccondati, ma eviscerati dei loro pensieri. Un mondo ostico, ma straordinario.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  03/06/2018 14:10:27
   5 / 10
Malick ormai da tempo sta girando intorno al suo piu' grande successo "The tree of life" girando film a raffica (cosa che non faceva prima) piu' o meno nello stesso modo. Ma almeno fino ad'ora aveva raccontato storie diverse...
Adesso invece ci propone un film che per tematiche e personaggi risulta molto simile al precedente "Knight of cups", che guarda caso ha girato insieme a questo.
Abbiamo gia' sparato addosso alla Hollywood bene, il mondo della discografia non è tanto distante.
Sicuramente molto stile, ma che stavolta annoia a dismisura.

LaCalamita  @  09/05/2018 01:05:23
   10 / 10
Farà strano a molti, ma personalmente ho avuto uno "scatto" verso Malick quando vidi Knight of Cups.
Venuto a conoscenza di un nuovo film da parte di questo eccezionale regista non potevo che sperare assomigliasse il più possibile al film con Christian Bale.
Ebbene è così! Per me si è trattato ancora una volta di una goduria lunga 2 ore. Malick regala un altro spettacolo audio-visivo...ha certe invenzioni visive/di movimento davvero geniali (il personaggio in scena si muove in un certo modo, fa certe espressioni, etc).

Gli attori sono tutti in forma, a partire dallo straordinario trio Rooney Mara, Cate Blanchett e Natalie Portman. Per non parlare di uno scatenato Michael Fassbender.
Malick permette agli attori di esprimersi e recitare come non è possibile in nessun altro film, "imprigionati" in personaggi e sceneggiature bloccate. Non è possibile vedere Fassbender in queste vesti in nessun film, neanche in un Bastardi Senza Gloria di Tarantino.

Tutti gli elementi che ho apprezzato in Knight of Cups sono presenti anche in Song to Song: i personaggi si guardano, si toccano, passeggiano insieme, stanno in silenzio, scherzano, si muovono nei vari ambienti e interagiscono con esso e con le persone. Insomma tutta quella serie di caratteristiche con cui nascono gli esseri umani (socialità, curiosità, espressione di sè per mezzo di comunicazioni verbali e ancora prima NON verbali) che sono magnificamente riportate nei film di Malick, a partire da un neonato (Tree of Life) fino agli adulti.

wicker  @  22/11/2017 18:14:28
   3 / 10
Molto spezzato , frammentato , pieno di silenzi e con dialoghi assurdi .
Malick è troppo introspettivo per me , nonostante il grande cast gira una pellicola rindondante per due ore e il prodotto è pesante e non appassiona . Si salva solo qualche piano sequenza

Filman  @  10/10/2017 00:18:00
   5 / 10
Dando per buoni i motivi per cui un film che parla di storie d'amore altalenanti con ragioni e conseguenze sentimentali particolarmente insipide vada raccontata attraverso le sensazioni non verbali dei protagonisti, la forma rimane ancora una volta l'unica cosa concreta di un Terrence Malick banalmente interessato alla fragilità o alla soddisfazione amorosa di una coppia, e basta. Viene immediato chiedersi cosa possa lasciare la visione di una pellicola come SONG TO SONG, del quale va considerato un moralismo fastidioso, monolaterale e ricco di conati emotivi, e la risposta dà poca soddisfazione.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  22/09/2017 21:21:48
   6 / 10
Il percorso di Malick dopo The Tree of life sembra essersi apparentemente appiattito. I suoi film sono quasi delle varizioni di uno stesso film ed anche questo Song to Song sembra farne parte. La scena musicale di Austin è lo sfondo per le storie di tre personaggi alla ricerca della loro dimensione, di uomo e di musicista. Al cospetto di un mondo tanto agognato quanto respingente nei suoi meccanismi, i personaggi si allontanano e si riavvcinano in maniera graduale. Un distacco formativo che li porta a nuove esperienze, nuovi o vecchi errori e maturità. Sicuramente il modo di girare di Malick piace molto agli attori. I momenti catturati dal regista sembrano più improvvisati che studiati, quasi che il regista voglia cercare quel momento particolare. Mi è piaciuto a tratti, ma non è Malick di una volta. Vorrei tanto sbagliarmi.

EddieVedder70  @  17/09/2017 22:08:49
   5 / 10
Frammenti, micro piani sequenza, montati, smontati, inquadrature ravvicinate, grandangoli estremi, pance, mani, gesti, sguardi e paesaggi, architetture eleganti, lusso, euforia (immotivata) e dramma, la vita che avanza, le storie procedono, si sviluppano, a volte si interrompono, a volte bruscamente, a volte ritrovano la strada (lungo il fiume). La natura sempre presente, questa volta il sonoro lascia spazio alla musica, ma lo stile di Malick è riconoscibilissimo (troppo). Non riesco ad apprezzare il messaggio (trito e ritrito), non reggo la lunghezza (con questi ritmi), ma riconosco l'arte, la poesia, l'originalità ...; oddio, originale poteva essere "Tree of life", ma già "To the wonder" ....qui siamo alla riproduzione seriale dello stesso stile (Fontana tagliando la tela fece un capolavoro, poi solo mercato).
Credibili i 2 belli, meno credibile la musa Rooney Mara. Cast all'altezza.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  17/09/2017 12:29:51
   4½ / 10
Film troppo lento, troppo concettuale, troppo presuntuoso, troppo.
Bravi gli attori, bella la fotografia, ma davvero una visione pesante ed esageratamente introspettiva.

SWEET VIRGINIA  @  09/09/2017 14:00:24
   4½ / 10
MA COSA VUOI DIRE DI MALICK?????.....PER UN REGISTA (SE COSI' LO VOGLIAMO DEFINIRE) DEL GENERE SI ADATTA PERFETTAMENTE LA FRASE DI WANNA MARCHI....NOTA IMBONITRICE DELLE TELEVENDITE FINITA COME SAPPIAMO......"IL MONDO E' PIENO DI QUAGLIE"!!!!!!
E CON QUESTO HO DETTO TUTTO

jason13  @  07/09/2017 20:10:04
   1 / 10
Un esperienza terribile...ovviamente conosco bene il cinema di Terrence Malick e quindi non e' che sia sorpreso, ma qui si e' superato trasformando un film in un qualcosa di indefinibile e sinceramente di inguardabile. Sono arrivato alla fine con un senso di disgusto per tutta l'inutilita' che ho visto in quasi 125 minuti di cose nonsense. Lo sconsiglio a tutti pure agli amanti dei primi film di Konchalovsky.

3 risposte al commento
Ultima risposta 19/09/2017 20.41.15
Visualizza / Rispondi al commento
TheLegend  @  11/07/2017 00:54:03
   7½ / 10
MI inserisco nel mezzo rispetto ai commenti precedenti.
Diciamo che è un film tecnicamente valido,come tutti i film di Malick,con ottimi attori e una buona regia.Per riuscire ad apprezzarlo pienamente deve però piacervi lo stile di questo regista,dilatato,lento e introspettivo.

Invia una mail all'autore del commento Jason XI  @  23/05/2017 21:08:32
   5½ / 10
Film ambiziosoe e alienato, concettualmente intricante, esistenziale... tutto quello che volete.. ma troppo, troppo lento e faticoso da seguire fino alla fine... due ore che sembrano tre..... sono uscito col mal di testa......non riesco a dare la sufficienza.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento williamdollace  @  13/05/2017 21:02:13
   9½ / 10
Song to Song, una delle opere più belle degli ultimi anni al cinema, elogio del vivere, del voler vivere, qualunque esperienza meglio di nessuna esperienza. È un circo inferno di dubbi e auto-manipolazioni della mente segregata fuor dall'anima, del come voler vivere liberi un'idea di libertà, del sesso, mezzo di degrado lirico per s\familiarizzarsi dalla prigione natale, e sesso, dicevo, poetrificato da Malick a forza di rintocchi di mani dietro le vetrate e pance accarezzate e schiene e colli svelati dietro capelli multicolori e lenzuola e capezzoli accennati e questo capolavoro è tutto un vivere di ammucchiata poetica, di canzone in canzone, di treccia in intreccio e tacchi e di neon umidi e pantaloni slacciati, e poi c'è la piscina, a pelo d'erba, e loro due, la scimmia malvagia posseduta da un dolore sordo e irragionevole di dollari e lacrime, e l'altro, e davanti un palcoscenico acqueo, quello del tutto in vendita, del tutto in caduta libera, del tutto, del dammi e avrai, dell'orgiastico capitalismo genitale dello spettacolo. E invece ami il dolore, tu, meraviglia errante senza pace, perché ti fa sentire viva, e allora sì, è strano sapere fino a cosa riesci ad abituarti, velocemente, che è la chiave dei passaggi di coppia, velocemente chiavi e velocemente mostri case chiavi in mano, scomparsa e comparsa e passeggera veloce, sintassi di funerali, le urla contorte dai parcheggi, la sintesi di pogarsi l'anima addosso in ogni rappresaglia del corpo (la scena iniziale, una magia polverosa di polpacci), e una meravigliosa Patti, santa guerrigliera dal cuore sdentato, e Iggy, capolavoro umano di nervi rock, e poi divani e letti sfatti e cuscinate e sorrisi e fiori strappati e Chiese e Texas, e la morte, quella dell'approssimarsi, la più venduta, la più temuta, quella di un genitore, il lungo perdono in prova che ha il suono muto dell'addio e del - ehi, è tutto diverso da come ce lo aspettavamo - e poi miracoli sull'intonaco e nell'erba, solletico, nocche che accarezzano porte, lacrime scendere sulle finestre, e redenzione, e qui Malick rallenta, sommo, l'ho capito meglio alla seconda missione cinematografica, giunto ad Ovest capovolge il nastro, ci ricorda che la fine è scritta nel principio, ci rammenta la violenza della poesia quando ti apre gli occhi, la necessità del tornare indietro (il Kaspar Hauser e tutto il resto di Herzog, Synecdoche NY di Kaufman e ancora Ratatouille della Pixar), e quindi rallenta Terry, nelle mani che si sporcano primordiali e sui pozzi e nel fango e accanto a torri che si stagliano nel cielo accecandoci di bellezza come bagliori metallurgici e poi, travalicando ogni oltre d'immagine - l'erba (autocitandosi), un inizio, un nuovo inizio sul finire del giorno al tramonto, sul finire dell'impero del male ecco il nuovo mondo: tornano le cose semplici e il film rallenta ancora, perché lei dice, finalmente - "più lenta - è una storia d'amore". E allora lo abbiamo capito lì Terrence, quel punto fermo, quel tornare a piedi, o a remi, sul fiume, senza più cadaveri al neon di nemici che abbiamo semplicemente dimenticato, quel calmarsi del realizzare e della misericordia e del suo averne bisogno, quel tornare al ritornare e al ricominciare daccapo, come un bambino, e del perdono di se stessi quando non fa più paura perdonarsi, con la lentezza dell'amore, perché se gli innamoramenti riempiono i posacenere del mondo, l'amore conosce il perdono, il nonostante tutto, il nonostante te, il nonostante me.

4 risposte al commento
Ultima risposta 14/09/2018 00.15.53
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

45 seconds of laughter47 meters down: uncaged5 e' il numero perfettoa herdadea mano disarmataa sonabout endlessnessadults in the roomall this victoryalla corte di ruth - rgbamerican animalsamerican skinandrey tarkovskji. a cinema prayerannabelle 3aquaslasharab bluesarrivederci professoreatlantis (2019)attacco al potere 3 - angel has fallenbaby gang (2019)babyteethballoonbarnbeautiful boy (2018)beyond the beach: the hell and the hopebirba - micio combinaguaiblanco en blancoblinded by the light - travolto dalla musicablue my mind - il segreto dei miei anniboia, maschere, segreti: l'horror italiano degli anni sessantabombay rosebring the soul: the movieburning canecarmen y lolacercando valentinacharlie says - charlie dicechiara ferragni - unpostedchristo - walking on watercitizen kcitizen rosicity hunter - private eyesclimax (2018)colectivcorpus christicrawl - intrappolatidaitonadelphinedi tutti i coloridiamantino - il calciatore piu' forte del mondodicktatorship - fallo e basta!dolcissimedomino (2019)due amici (2019)edison - l'uomo che illumino' il mondoeffetto dominoel principeelectric swanemaemilio vedova. dalla parte del naufragioescape plan 3 - l'ultima sfidafast & furious - hobbs & shawfellini fine maifiebre australfiore gemellofulci for fakegenitori quasi perfettigiants being lonelygive up the ghostgloria mundigodzilla ii - king of the monstersgoldstonegretaguest of honourhava, maryam, ayeshahotel artemishouse of cardini diari di angela - noi due cineasti. capitolo secondoi morti non muoionoil criminaleil flauto magico di piazza vittorioil grande saltoil mostro di st. pauliil pianeta in mareil prigionieroil re leone (2019)il regnoil signor diavoloil sindaco del rione sanitàil varcoin fabricit: capitolo 2juliet, nakedjust 6.5kinkingdom comela bambola assassina (2019)la fattoria dei nostri sognila legge degli spazi bianchila lloronala mafia non e' piu' quella di una voltala mia vita con john f. donovanla piccola bossla prima vacanza non si scorda maila rivincita delle sfigatel'amour flou - come separarsi e restare amicil'angelo del criminele coup des larmesles chevaux voyageurslife as a b-movie: piero vivarellilingua francal'ospite - un viaggio sui divani degli altrilucania - terra sangue e magial'ultima orama (2019)mademoisellemadre (2019)marriage storymartin edenmaryam of tsyon - cap 1 escape to ephesusmen in black: internationalmes jours de gloiremidsommar - il villaggio dei dannatimio fratello rincorre i dinosaurimoffiemondo sexymosulnever just a dream: stanley kubrick and eyes wide shutnevermindneviano.7 cherry lanepallottole in liberta'parthenonpasspartu': operazione doppiozeropelican bloodpets 2: vita da animaliphotographpolaroidpop black postapowidoki - il ritratto negatoprimula rossapsychosiaquel giorno d'estateraccolto amarorapina a stoccolmarare beastsrealmsred sea divingrestiamo amicirevenirrialtorocketmanroqaiasabbiasanctorumsaturday fictionscalesscherza con i fantise c'e' un aldila' sono fottuto: vita e cinema di claudio caligarisebergselfieserenity (2019)seules les betessh_t happensshadow of watershelter: addio all'edensir - cenerentola a mumbaiskate kitchensolesoledadspider-man: far from homestate funeralstuber - autista d'assaltosubmergencesupereroi senza superpoteriteen spirit - a un passo dal sognotesnotathe boy 2the burnt orange heresythe deepthe diverthe elevatorthe great green wallthe king (2019)the kingmakerthe laundromatthe lodgethe long walkthe mirror and the rascalthe nest (il nido)the painted birdthe perfect candidatethe quake - il terremoto del secolothe rider - il sogno di un cowboythe scarecrowsthe truththey say nothing stays the sameti presento patricktony drivertoy story 4un monde plus granduna famiglia al tappetoverdictvita segreta di maria capassowaiting for the barbarianswake up - il risvegliowasp networkwelcome home (2019)wolf call - minaccia in alto marewomanx-men: dark phoenixyou will die at 20zerozerozero - stagione 1zumiriki

991694 commenti su 41956 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net