the devil's doorway regia di Aislinn Clarke Gran Bretagna 2018
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

the devil's doorway (2018Film Novità

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film THE DEVIL'S DOORWAY

Titolo Originale: THE DEVIL'S DOORWAY

RegiaAislinn Clarke

InterpretiLalor Roddy, Ciaran Flynn, Helena Bereen, Dearbhail Lynch, Lauren Coen, Carleen Melaugh

Durata: h 1.16
NazionalitàGran Bretagna 2018
Generehorror
Al cinema prossimamente

•  Altri film di Aislinn Clarke

Trama del film The devil's doorway

Nell'autunno del 1960, padre Thomas Riley e padre John Thornton furono inviati dal Vaticano per indagare su un evento miracoloso in una casa irlandese per "donne perdute", solo per scoprire qualcosa di molto più orribile.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   5,25 / 10 (2 voti)5,25Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su The devil's doorway, 2 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Jolly Roger  @  08/04/2019 10:22:13
   5½ / 10
I film sugli esorcismi hanno sempre un fascino particolare, tanto più quando sono pervasi da quella certa atmosfera arida e pregna di latente disperazione, di mancanza di fede e di speranza, perché è proprio in questo ambiente che ancor di più si avverte la presenza maligna del demonio.
Questo è proprio il caso di The Devil's Doorway.
Due preti sono chiamati ad indagare su un presunto miracolo (una statua delle ******* che lacrima sangue) in un convento "Magdalene", ma scopriranno che, sotto al miracolo, non c'è nulla di buono, anzi...
In questi conventi "Magdalene", in Irlanda, venivano ospitate – per non dire segregate - le donne escluse dalla società: le adultere, le prostitute, le ragazze madri, le diseredate di ogni genere e le malate di mente. Esse venivano poi sfruttate per lavoro e maltrattate nella maniera più becera. In quel convento, poi, si scoprirà che l'orrore oltrepassava ogni limite, non fermandosi nemmeno di fronte alle creature più innocenti.
E' in tale sordido e perverso ambiente che si insinua il Maligno. I due preti scopriranno infatti, loro malgrado, che le statue piangenti, lungi dall'essere propizievoli e benigne, celano invece orribili segreti.

La location è ottima, inquietante e malsana, come ottima è anche la resa del mockumentary "invecchiato". Di alto livello anche le interpretazioni. In particolare, l'attore che interpreta padre Thomas è bravissimo nel rendere emozionante la sua malinconia ed il suo disincanto, come altrettanto bravo è il prete più giovane nel rappresentare la sua voglia così ingenuamente entusiasta di catturare un miracolo con la macchina da presa, per poter avere una prova tangibile della vicinanza di Dio.
Il vero mito, comunque, è la Madre Superiora. La sua faccia, i suoi occhi, il suo ghigno beffardo…raramente ho visto una tale capacità di trasmettere malvagità con uno sguardo.

Nonostante tutti i pregi di questo film, mi tocca non riconoscere la sufficienza. Il film pecca di inesperienza, perché finisce per mischiare troppe cose.

_____________________________Spoileroso da qui in poi _______________________________

All'inizio c'è un ottimo connubio tra gli orrori celati dal convento (il sopruso delle lavoratrici, la prigionia delle donne malate di mente, l'omicidio dei bambini nati in convento, etc.) e le manifestazioni soprannaturali: ad esempio, le lacrime di sangue, quasi ad indicare la sofferenza di Maria Vergine per gli orrori che accadono nel convento, o gli spiriti dei bambini, che vagano nei corridoi e cantano, quasi a volersi riappropriare della felicità che fu loro negata, per poi scendere nei sotterranei, dove i loro scheletri giacciono, per ricongiungersi ad essi. Un luogo spaventoso che, a causa degli orrori di cui è stato testimone, è rimasto, da un lato, infestato dalle giovani vittime e, dall'altro lato, posseduto dalle forze demoniache: come se gli orrori così terribili commessi in quel luogo avessero, in un certo qual modo, spalancato le porte dell'Inferno, congiungendo il male terreno con il male demoniaco. Infatti, i sotterranei sembrano proprio il punto di congiunzione tra due mondi, quello terreno e quello infernale: l'ultima stazione del mondo reale è il bunker – infermeria, in cui sono imprigionate le malate di mente - o forse le possedute? O forse entrambe le cose? Queste persone sono ai confini del nostro mondo perchè grazie alla loro pazzia "vedono" qualcosa che noi non vediamo, hanno lo sguardo proiettato verso l'altro mondo, quello sottostante, ovvero i sotterranei, che in questa visione metaforica rappresentano il primo girone degli Inferi. Un labirinto tenebroso nel quale ci si perde, senza speranza di poter tornare indietro.

Tutto bellissimo e riuscitissimo, finché il film ad un tratto cambia strada, senza sfruttare pienamente le potenzialità del percorso fino a quel momento seguito né degli altri percorsi che intraprende, andandosi a perdere in un dedalo di strade diverse, confuse e non sempre coerenti.
Si svolta infatti verso la possessione demoniaca: argomento che, a ben vedere, poco c'entra con i fatti violenti del convento e con le apparizioni dei bambini fantasma. La manifestazione del maligno è poi resa in maniera poco efficace, breve e scopiazzata dall'Esorcista. A tratti si lascia intendere che il nascituro sia una specie di Anticristo (la mamma è vergine). C'è poi la strada delle sette sataniche, buttata lì ma poco coerente con il resto. Alla fine, si lascia intendere che le suore uccidano i bambini in una specie di rituale satanico, ma anche lì non si capisce se è la realtà, oppure se siano le allucinazioni del prete anziano, la cui mente è ormai distrutta dall'orrore.

Forse, come detto, l'unica spiegazione che davvero può ricomprenderle tutte è che l'orrore commesso nel convento abbia davvero aperto l'ingresso al diavolo, con tutto ciò che comporta: spiriti vaganti, persone possedute, allucinazioni, sette di adepti, nascituri indemoniati…
Il che potrebbe attribuire a questo film un senso più profondo di quello che all'apparenza ha.

Il prete anziano finisce per morire nello stesso luogo in cui è nato, che è una specie di inferno, in cui Dio è assente. E' come se la fede di quest'uomo, che ha lottato per tutta la vita "per essere un uomo buono", fosse stata alla fine corrosa dal suo destino nefasto, che lo ha fatto nascere nell'abbandono, per poi vivere nella costante manifestazione della falsità e malvagità della gente. Anche laddove avrebbe dovuto esserci quel Dio che lui tanto cercava, nei Miracoli, egli non ha trovato altro che frodi, trucchi da parte di gentaglia furba e malvagia per abbindolare la gente credulona.
Egli è nato all'inferno. Ha cercato Dio per tutta la vita. Ma è tornato all'inferno, e vi ci morirà.
Tuttavia, nemmeno di fronte alla morte egli si arrende, e continua a cercare il bambino. Riacquista quella fede che non ha mai perso ino in fondo, prega Dio di poter riuscire fare quell'ultima azione prima di morire: salvare almeno un innocente. Che poi forse innocente manco lo è: perché non si capisce se il bambino è una specie di anticristo oppure se è una creatura innocente…e il film commette un altro errore nel non essere sufficientemente chiaro su questo.
Ma forse non importa: non è l'innocenza reale o presunta del bambino ad avere importanza, e nemmeno la morte del prete. E' il suo sacrificio ad avere importanza ai fini della storia. Egli, da uomo che era ai limiti dal perdere la fede (in ciò, ricorda perfettamente la figura di Damien Karras) si trasforma in un uomo buono che crede, che lotta, all'inferno, per salvare un innocente, anche a costo della propria morte.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  25/10/2018 21:29:03
   5 / 10
La forma è quella strabusata del mockumentary, malgrado bisogna ammettere che non è girato male ed offre una buona ambientazione che i pochi soldi del budget riescono a rendere suggestiva. Interessante è l'idea di situare la storia all'interno di questi collegi Magdalene, istituti dalla triste fama e non solo, come visto nel film omonimo di Peter Mullan. Coniugare il vero orrore quotidiano del Magdalene, con le manifestazioni sinistre che avvengono all'interno dell'istituto. Purtroppo però l'idea rimane tale e solo abbozzata perchè dopo la prima mezzora viene fuori tutto il campionario di clichè tipici dei film horror, con qualche momento interessante ed un cast di buon rendimento, ma comunque troppo poco rispetto alle premesse.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

5 cm al secondoa haunting at silver falls 2a mano disarmataa spasso con willya.n.i.m.a.after (2019)aladdin (2019)alive in franceamerican animalsancora un giorno
 NEW
arrivederci professoreasbury park: lotta, redenzione, rock and rollattacco a mumbai - una vera storia di coraggioattenti a quelle dueavengers: endgamebanglabeautiful boy (2018)bene ma non benissimoblue my mind - il segreto dei miei annibook club - tutto puo' succederebutterfly (2019)cafarnaoche fare quando il mondo e' in fiamme?christo - walking on waterclimax (2018)cyrano, mon amourdagli occhi dell'amoredentro caravaggiodicktatorship - fallo e basta!dilili a parigidolceromadolor y gloriafiore gemelloforse e' solo mal di marego home - a casa lorogodzilla ii - king of the monstersgordon & paddy e il mistero delle nocciolehellboy (2019)i figli del fiume gialloi fratelli sistersi morti non muoionoil campione (2019)il corpo della sposa
 NEW
il flauto magico di piazza vittorioil grande saltoil grande spiritoil museo del prado. la corte delle meraviglieil ragazzo che diventera' reil traditore (2019)il viaggio di yaojohn mcenroe - l'impero della perfezionejohn wick 3 - parabellumjuliet, nakedkarenina & ikursk
 NEW
la bambola assassina (2019)la caduta dell'impero americanola citta' che curala llorona: le lacrime del male
 NEW
la prima vacanza non si scorda mail'alfabeto di peter greenawayl'angelo del criminel'angelo del male - brightburnle grand balle invisibilil'educazione di reylo spietato
 NEW
lucania - terra sangue e magial'uomo che compro' la lunal'uomo fedelema cosa ci dice il cervellomaryam of tsyon - cap 1 escape to ephesusmo' vi mento - lira di achillenoinon ci resta che riderenon sono un assassinonormalnureyev. il mondo, il suo palcooro verde - c'era una volta in colombiapalladio - the power of architecturepallottole in liberta'pet sematarypets 2: vita da animalipokemon detective pikachupolaroidprimula rossaquando eravamo fratelliquel giorno d'estatequello che i social non dicono - the cleaners
 NEW
rapina a stoccolmarapiscimired joanrocketmansarah & saleem - la' dove nulla e' possibileselfiesharon tate: tra incubo e realta'shazam!shelter: addio all'eden
 NEW
sir - cenerentola a mumbaisoledadsolo cose bellestanlio e olliotakara - la notte che ho nuotatoted bundy: fascino criminalethe brink - sull'orlo dell'abisso
 NEW
the elevatorthe intruder (2019)the mirror and the rascaltorna a casa, jimi!tutti pazzi a tel avivtutto lisciouna vita violenta (2019)un'altra vita - mugunfriended: dark webwonder parkx-men: dark phoenix

989050 commenti su 41450 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net