the holdovers - lezioni di vita regia di Alexander Payne USA 2023
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

the holdovers - lezioni di vita (2023)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

Dove puoi vederlo?

locandina del film THE HOLDOVERS - LEZIONI DI VITA

Titolo Originale: THE HOLDOVERS

RegiaAlexander Payne

InterpretiPaul Giamatti, Dominic Sessa, Da'Vine Joy Randolph, Carrie Preston, Brady Hepner, Ian Dolley, Jim Kaplan, Michael Provost, Andrew Garman, Naheem Garcia, Stephen Thorne, Gillian Vigman, Tate Donovan, Bill Mootos, Dustin Tucker, Darby Lee-Stack, Juanita Pearl, Alexander Cook, Liz Bishop, Cole Tristan Murphy, Will Sussbauer, Carter Shimp, Michael Malvesti, Dakota Lustick, Melissa McMeekin, Jonathan von Mering, Rena Maliszewski, Osmani Rodriguez, Oscar Wahlberg, Dan Aid, Mike Kaz, Kelly AuCoin

Durata: h 2.13
NazionalitàUSA 2023
Generecommedia
Al cinema nel Gennaio 2024

•  Altri film di Alexander Payne

Trama del film The holdovers - lezioni di vita

Un istruttore bisbetico di una scuola privata del New England è costretto a rimanere nel campus durante le vacanze di Natale per fare da babysitter a una manciata di studenti che non hanno un posto dove andare. Alla fine, stringe un improbabile legame con uno di loro - un problematico cervellone danneggiato - e con il capo cuoco della scuola, che ha appena perso un figlio in Vietnam.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,42 / 10 (12 voti)7,42Grafico
Miglior attore in un film commedia o musicale (Paul Giamatti)Miglior attrice non protagonista (Da'Vine Joy Randolph)
VINCITORE DI 2 PREMI GOLDEN GLOBE:
Miglior attore in un film commedia o musicale (Paul Giamatti), Miglior attrice non protagonista (Da'Vine Joy Randolph)
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su The holdovers - lezioni di vita, 12 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Febrisio  @  11/02/2024 20:06:07
   7 / 10
Vidi un simpatico brillante trailer al cinema. Le aspettative quindi erano ben diverse rispetto alla visione ben più sottotono del reale svolgimento della vicenda. The holdovers riesce a trasmettere delle sì lezioni di vita in un modo più intimista di quanto non ci si aspetta. Carino.

Tempest78  @  10/02/2024 15:55:22
   8½ / 10
fantastico giamatti, toccante storia davvero ben girata. apprezzato tantissimo

Gruppo STAFF, Moderatore Jellybelly  @  05/02/2024 22:53:22
   7½ / 10
Classico film di Payne, che ormai riesce ad imprimere la sua inequivocabile firma anche su quei film che non scrive lui. La trama in realtà non è per niente originale: c'è il ragazzo ribelle ma di buon cuore, il professore solitario e poco apprezzato, l'ambiente ipocrita del liceo americano, la storia di formazione, ecc ecc, ma la mano di Payne è così esperta da trasformare la più classica delle storie in un bel film, che scorre via placidamente fino allo scontato ma commovente finale.

Ah, ovviamente Giamatti è essenziale per la buona riuscita del film: attore maiuscolo da sempre, anche in questo caso si prende il film sulle spalle e crea un personaggio memorabile.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  05/02/2024 21:31:28
   8 / 10
Non è un vero e proprio omaggio alla New Hollywood anni 70, però Payne riprende esteticamente gli stilemi di quel periodo con un semplice racconto di formazioni fra individui che rappresentano un qualcosa che il mondo tende a mettere da parte o perlomeno una parte di questo mondo. C'è un professore detestato da corpo docente e studenti proprio per la sua inflessibilità a quei valori "arcaici" che la scuola dovrebbe insegnare ma ormai solo una facciata per gli interessi di una classe ricca che ne vuole usare il prestigio. C'è il ragazzo problematico lasciato solo dalla famiglia e tendenzialmente ribelle. C'è una capocuoca che trattiene sommessamente il dolore per la morte del figlio in Vietnam. Sono personaggi chiusi nei loro gusci, che rimangono sostanzialmente dentro di essi, con la differenza che cominciano a guardare le cose con uno sguardo diverso, più sottotraccia che mostrato in maniera palese. I personaggi si sviluppano e cambiano, ma non in maniera eccessiva e comunque percepibile. Un buon film che non raggiunge i livelli di Nebraska, che ho apprezzato di più, tuttavia un film degno di nota con un Giamatti straordinario.

pak7  @  04/02/2024 19:21:30
   6½ / 10
Un pelo sotto le aspettative personali, non ho empatizzato a pieno con i due protagonisti, anche se bisogna riconoscere che l'interpretazione di Giamatti è notevole.
Bella la fotografia, due ore e un quarto sono forse un po' troppe.

VincVega  @  03/02/2024 20:51:22
   7½ / 10
Payne si conferma fra i più interessanti registi di Hollywood con "The Holdovers". Uno dei pochi a portare avanti un cinema ormai relegato ai margini, che non cerca lo spettacolo, ma storie semplici con personaggi che rimangono impressi. "The Holdovers" è il classico "slow burn", che parte lentamente, quasi a non voler immergere immediatamente lo spettatore, ma portarlo pian piano nella storia. Infatti la narrazione è progressivamente sempre più coinvolgente, con un'ambientazione natalizia non banale e una colonna sonora azzeccata, fino ad una parte finale amara di alto impatto emotivo (il "sacrificio" è piuttosto inaspettato). A livello attoriale siamo a livelli altissimi, Giamatti superlativo e ottima anche Da'Vine Joy Randolph, ma la vera rivelazione è Dominic Sessa, che offre una performance grandiosa al primo ruolo in assoluto (raramente ho visto interpretazioni così belle alla prima prova).

The bitter end  @  31/01/2024 17:55:05
   8 / 10
Film tremendamente nostalgico in grado di catturare l'atmosfera, l'essenza e l'estetica degli anni '70 negli Stati Uniti nel periodo delle vacanze di natale e le conseguenti sensazioni sia di malinconia sia d'intimità che l'arrivo dell'inverno era, ed è tutt'ora, capace di portare.

Di un autenticità e un realismo raro, una cura dei dettagli fenomenale nei dialoghi, i costumi e la granulosa fotografia tanto che pare veramente essere tornati indietro di 50 anni ed assistere ad un classico senza tempo, uno di quei film che al giorno d'oggi si producono sempre più raramente.

Sentito e commovente, spero possa diventare un classico natalizio nei prossimi anni al pari di Willy Wonka, Una Poltrona Per Due e tutti gli altri.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  29/01/2024 01:28:58
   7 / 10
Con un'esilarante citazione (quasi) del mitico "Cinque pezzi facili" di Rafelson, il film di Payne è delizioso e, sì, diciamo pure bellissimo, ma la sceneggiatura è fin troppo tradizionale per essere come dovrebbe anche vagamente (vacuamente?) graffiante, ironico, dissacrante. Diciamo che si poggia tutto sulla recitazione, attori tutti bravissimi, il consueto gigionismo di Giamatti affiancato a una promessa (Sessa) che sembra il figlio o il nipote di Steve Winwood (proprio lui, il cantante degli inglesi Traffic). Le "lezioni di vita" basate sui referenti dell'Antica Grecia sono efficaci ma troppo spocchiose, e alla fine il film - un Will Hunting miscelato con L'attimo fuggente - diventa a tutti gli effetti un carinissimo Christmas Movie. Ci sono momenti ispirati che ti prendono per mano e altri che, per quanto godibili, non sembrano evitare certi schemi prefissi, certi cliché (il libro da scrivere, poi, per ritrovare la ragione di vita non è tollerabile!!!). La parte migliore è quella centrale del viaggio a Boston, peccato che nella "vacanza" tra studente e professore manchi la cosa basilare, un bel concerto rock, magari. In ogni caso è un film che soddisfa i fans del regista, sempre bravo a soffermarsi sull'inadeguatezza e la solitudine dei suoi personaggi, Giamatti è un altro Schmidt dei giorni nostri, anche se "risale", come certi film di Altman o Mazursky, ai primi anni 70", quelli del Vietnam e dei diritti di cronaca

topsecret  @  28/01/2024 14:42:15
   7 / 10
Un film discreto, ben diretto e abilmente interpretato, con un Giamatti sugli scudi in una sorta di racconto di formazione piuttosto ben tratteggiato tra dramma, sentimento e speranza.
Un prodotto godibile, 5 candidature ai prossimi oscar, forse un po' retorico nei dialoghi e un po' eccessivo nella durata ma, comunque, discretamente interessante e coinvolgente.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento williamdollace  @  22/01/2024 01:47:13
   9 / 10
I residuati, gli oppressi di Camus, i rimasti, che brillano nelle loro esistenze quotidiane dis/graziate, con le toppe sulle giacche sulle ginocchia o con il cuore rammendato da un filo ordinario, con un occhio solo o troppi ricordi, con le sabotate pareti delle nostre menti, le cicatrici argentate che le compongono, ed è ciò che fa alexander payne, mettere insieme tutto questo e consegnarci l'ennesimo bicchiere di vino d'annata da versare in un bicchiere di carta per le sere solitarie, centro nevralgico della cura della bellezza negli "oppressi", oh miei capitani, che sanno sempre cosa significa essere se stessi a proprie spese, che vediamo, solo se nella sottrazione miope delicata, che non contraddistingue il nostro tempo.

Thorondir  @  03/01/2024 12:13:23
   5½ / 10
Altro filmettino statunitense che ammanta tutto di dolore e difficoltà della vita e che poi fa di nuovo il pelo alla retorica dei figli caduta per la patria, dei nomi che campeggiano nelle scuole perché morti nelle guerre mondiali, della "seconda chance" e del cambiamento, elemento tipico della retorica statunitense, in un polpettone natalizio di facili sentimentalismi e stantio buonismo (però "dark humor" signori) che racconta di nuovo il mondo dei ricchi agiati (però ehi, non tutto è così bello come sembra). Il tutto incorniciato da uno stile totalmente privo di guizzi, tutto mostrativo, semanticamente nullo e che quindi riprende lo stile classico hollywoodiano esplicitando anche la metafora dei tre personaggi che sono soli nella scuola perché tutti soli nella vita (chi perché abbandonato dalla famiglia, chi perché la famiglia non ce l'ha più, chi perché rintanato in se stesso). Anche basta.

stratoZ  @  25/12/2023 17:08:38
   7½ / 10
ATTENZIONE POSSIBILI SPOILER

The Holdovers è una tipica pellicola di Payne, che come al suo solito mischia elegantemente ironia e dramma, questa volta in un clima natalizio che sa di festa troncata o comunque non goduta a pieno. La messa in scena minimale in interni, con la scuola diventata ormai vuota, fredda, depredata dei suoi addobbi non è altro che il riflesso della condizione dei personaggi, specialmente se si mette in rapporto al gioioso e festivo mondo esterno.
Ciò che colpisce è l'approfondimento psicologico ben strutturato dei tre personaggi principali, che seppur profondo riesce a lasciare delle sfumature e dei margini che permettono allo spettatore ancora di supporre e presupporre.

Gli argomenti che emergono nelle due ore di durata sono molteplici, il film presenta uno schema abbastanza convenzionale per questo tipo di pellicole, caratterizzato da alti e bassi, momenti che alternano una dura incomunicabilità ad una forte empatia, l'affresco che ne esce fuori è quello di tre anime fondamentalmente sole a combattere con i loro traumi, prestando comunque un grosso spazio all'evoluzione dei personaggi che per voglia o necessità che sia iniziano a venirsi incontro.
Dal professor Hunham interpretato da Giamatti, non esattamente il più popolare e simpatico della scuola, molto dedito al suo lavoro ed estremamente appassionato di storia antica, solo e con quella sfumatura macchiettistica che potrebbe ricordare il/la prof che abbiamo avuto un po' tutti al liceo per cui non esiste nulla all'infuori del lavoro, il classico blocco di ghiaccio a cui però basta una carezza per sciogliersi del tutto, come appunto mostra l'evoluzione del personaggio, dall'iniziale scontro con Angus arriverà gradualmente ad aprirsi, anche grazie ad alcuni gesti altruistici del ragazzo - come la deresponsabilizzazione in ospedale - fino ad abbattere le barriere formali tra studente e professore, è un personaggio che fa tanta tenerezza perché costretto costantemente ad indossare una maschera di autorità, è poco comprensivo con gli studenti ma sarebbe il primo ad aver bisogno di comprensione, la scena quando vede la signorina Crane baciarsi col suo fidanzato è di una tenerezza incredibile, e Giamatti è abilissimo nel far trasparire le emozioni del personaggio, così bloccato, così solo.

Dall'altro lato Angus è un ragazzo intelligente ma ribelle, probabilmente a causa di problemi con la figura genitoriale, anch'esso come Hunham inizialmente tende a nascondere le sue debolezze, ma a differenza del professore riesce ad essere più maturo ed è il primo che prova a stabilire un legame di collaborazione ed empatia, con una madre negligente nei suoi confronti e un padre che vuol tenere nascosto, per vergogna o per paura di diventare come lui un giorno è l'emblema del ragazzo anticomunicativo, un po' egoista per istinto di sopravvivenza ma in fondo dal cuore tenero.

E poi c'è la cuoca, questa signora che ha perso recentemente il figlio in Vietnam, che affronta l'elaborazione del lutto in queste festività natalizie terribili per lei, personaggio di grande umanità, dal forte istinto materno, come si vede nella cura che ha degli ospiti, il suo pianto dilaniante alla festa di natale è come una sirena di disperazione nel clima gioioso delle feste, perché durante le feste la tristezza non passa, viene solo messa da parte.

Dallo stile un po' vintage, leggermente sgranato e una componente visiva che può ricordare gli anni in cui è ambientato "The Holdovers" è un bel film dal taglio indipendente, col quale Payne continua coerentemente il suo discorso tra un po' di ironia e un forte dramma di fondo, con quei personaggi sfumati e quelle situazioni tipiche del suo cinema che fanno fermare un attimo a pensare, che fanno riemergere sentimenti contrastanti, dalla nostalgia all'apprezzamento dei piccoli momenti, di certo non è un autore che lascia indifferenti e questo film ne è una delle conferme.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

20.000 specie di api50 km all'oraa dire il veroadagioall soulsamerican fictionappuntamento a land’s endaquaman e il regno perdutoarfargylle - la super spiabang bank
 NEW
bob marley: one lovebuon natale da candy cane lanechi ha rapito jerry cala’?chi segna vincecity hunter: the movie - angel dustcolpo di fortunacome puo' uno scogliocover story - vent'anni di vanity fairdeserto particulardieci minutidivinitydobbiamo stare vicinielf me
 NEW
emma e il giaguaro neroeneaferrarifinalmente l'albafinestkindfoglie al ventogenoa. comunque e ovunquegiorni felicigodzilla minus onehazbin hotel - stagione 1how to have sexi soliti idioti 3 - il ritornoi tre moschettieri - miladyil colore viola (2023)il confine verdeil fantasma di canterville (2024)il faraone, il selvaggio e la principessail maestro giardiniereil male non esiste (2023)il migliore dei mondiil mondo dietro di teil punto di rugiadail ragazzo e l’aironeimprovvisamente a natale mi sposo
 NEW
in the land of saints and sinnerskriptonla chiocciolala natura dell'amorela petitela quercia e i suoi abitanti
 NEW
la zona d'interessel'anima in pacele avventure del piccolo nicolas
 NEW
le seduzionimadame web
 NEW
martedi' e venerdi'maschile pluralemay decembermean girls (2024)mr. & mrs. smith - stagione 1napoleon (2023)
 NEW
night swimno activity - niente da segnalareno way up (2024)one lifepare parecchio parigipast livesperfect daysperipheric lovepigiama party! carolina e nunù alla grande festa dello zecchino d'oro
 R
povere creature!prendi il voloprima danza, poi pensa - alla ricerca di beckettpuffin rock - il filmrebel moon - parte 1: figlia del fuocored roomsrenaissance: a film by beyoncericomincio da me (2023)robot dreamsromeo e' giulietta (2024)runnersansone e margot - due cuccioli all'operasantocielosilver e il libro dei sognisound of freedom - il canto della liberta'succede anche nelle migliori famigliesuncoastte l'avevo dettothe beekeeper
 NEW
the cage - nella gabbiathe family planthe holdovers - lezioni di vitathe miracle clubthe piper (2023)the warrior - the iron clawtrue detective - stagione 4tutti a parte mio marito - it's raining mentutti tranne teuna bugia per dueupon entry - l'arrivoviaggio in giappone
 NEW
volarewishwonder: white birdwonkayannick - la rivincita dello spettatore

1047976 commenti su 50425 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

ALIENATEAMERICAN NIGHTMARE - MINISERIE TVAPOCALISSE DI GHIACCIOBADLAND HUNTERSCALIFANOCAUSA DI DIVORZIOERADICATIONFREE FALL - CADUTA LIBERAGLI AMICI DELLE VACANZEGLI AMICI DELLE VACANZE 2IL DEMONE NEROIL SENTIERO DELLA VENDETTAIL TESORO DELLE 4 CORONEJUJUTSU KAISEN 0 - IL FILMLA BATTAGLIA DI HANSANLA FESSURALA LEGGENDA DI LONE RANGERLA ROSA DELL'ISTRIAL'AMORE ARRIVA DOLCEMENTEMALIZIOSAMENTENAGAOCCHIO NERO OCCHIO BIONDO OCCHIO FELINO…ONCE UPON A CRIMEPOUPELLE DELLA CITTA' DEI CAMINISEGUI IL TUO CUORESHERLOCK HOLMES - SCANDALO IN BOEMIASHUT IN (2022)SUFFERING BIBLETAURUSTERRA BRUCIATA (1953)UNA RETE DI BUGIE (2023)ZOMBIE 100 - CENTO COSE DA FARE PRIMA DI NON-MORIRE

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net