the red shoes regia di Yong-gyun Kim Corea del Sud 2005
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

the red shoes (2005)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film THE RED SHOES

Titolo Originale: BUNHONGSIN

RegiaYong-gyun Kim

InterpretiHye-su Kim, Seong-su Kim, Yeon-ah Park, Su-hee Go, Eol Lee

Durata: h 1.43
NazionalitàCorea del Sud 2005
Generehorror
Al cinema nel Gennaio 2006

•  Altri film di Yong-gyun Kim

•  Link al sito di THE RED SHOES

Trama del film The red shoes

Dopo aver scoperto che il marito la tradisce, Sun-jae, prende con se la figlia e si trasferisce in un appartamento di periferia, in realtà ad uso ufficio, a Seoul. Un giorno mentre si trova nella metropolitana, rimane attratta da un paio di scarpe rosse lasciate lì da qualcuno. Purtroppo per lei, quelle scarpe le riserveranno una brutta sorte...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,12 / 10 (39 voti)6,12Grafico
Voto Recensore:   7,00 / 10  7,00
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su The red shoes, 39 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

BenRichard  @  08/05/2018 02:16:11
   7 / 10
Porca miseria mi ha sorpreso non poco questo film! Mi aspettavo un pò la solita roba horror orientale e in effetti è un pò la solita roba horror orientale :D ma il pregio che ha è che è veramente molto ben curato sull'aspetto tecnico e visivo. Ottima la regia, ottima la fotografia, molto ben gestiti i giochi di luce e colori, e anche il livello di recitazione è davvero notevole. Soprattutto bravissima la protagonista. La sceneggiatura (che prende spunto dalla fiaba di Hans Christian Andersen "Le scarpette rosse" ma adattata in chiave horror) potrebbe non convincere pienamente il pubblico più esigente in quanto presenti comunque qualche piccolo buco dovuto più che altro da un finale con il colpo di scena che andrebbe a chiarire gli avvenimenti più salienti del film. La vera conclusione anche, prima dei titoli di coda, rimane in qualche modo ambigua non capendo bene quindi una certa cosa che riporto nello spoiler

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Mi sento di premiarlo trovandomi pienamente d'accordo col voto del recensore dando un bel 7 del tutto meritato a questo prodotto che arriva dalla Corea del Sud.
Non mi ci ero mai avvicinato per colpa del mio scetticismo in quanto credevo fosse una sorta di copia incolla dei vari The ring, The grudge ecc...nonostante la somiglianza nell'aspetto narrativo e nelle atmosfere, ha la capacità comunque di diversificarsi in qualche modo rispetto ad altri del suo genere.
Inoltre mi sembra di capire che non abbia un sequel, cosa a mio parere molto positiva. Il film in sè in questo modo acquisisce maggiore importanza.
Altra nota che ho apprezzato parecchio, c'è una scena che cita alla grande una delle scene più memorabili del primo Nightmare di Wes Craven. Potrebbe essere visto come una scopiazzatura ma a me piace pensare che il regista abbia voluto citare appositamente in un lavoro ben fatto uno dei più rinomati maestri dell'horror.

alex94  @  24/09/2016 09:36:53
   6 / 10
Un horror orientale che presenta un aspetto tecnico eccezionale,sicuramente superiore alla media, grazie ad una fotografia che da vita a degli stupendi giochi di colore e alla grande attenzione della regia per i dettagli....insomma via, dal punto di vista estetico siamo davanti ad una pellicola assai potente.
Quello che convince meno invece è la trama,certo il soggetto e il suo tentativo d'allaccio con la celebre favola di Andersen "Le scarpette rosse" non sono niente male,peccato però che la storia non convinca più di tanto nel suo svolgimento,
per alcuni aspetti risulta frettolosa mentre per altri inutilmente tirata per le lunghe......inoltre la pellicola non spaventa ed anche il finale che dovrebbe rappresentare il picco dell'intero film in questo caso non è veramente nulla di che....
Presente invece una dose di violenza superiore alla media ed un cast abbastanza in forma.
Un film così e così, presenta degli indubbi pregi ma anche altrettanti difetti,se vi capita a tiro potete vederlo tranquillamente,se lo evitate però non vi perdete nulla d'eccezionale.

ferzbox  @  10/09/2015 18:48:24
   5½ / 10
Questo horror coreano è riuscito a colpirmi per la fotografia, la regia ed il montaggio studiati in modo certosino....per il resto si tratta di una storia abbastanza semplice che cerca di valorizzarsi con scene oniriche ed una narrazione volutamente confusionaria(come a volergli dare uno spessore da film impegnato che non ci stava proprio).....
Le scene horror sono sempre le stesse, quindi sotto questo profilo non si assiste a nulla di nuovo, ragion per cui non sono riuscito ad apprezzare questa pellicola fino in fondo.
Come se non bastasse l'ho sentito anche un pizzico prolisso, tant'è vero che gli ultimi 20 minuti stavo cominciando ad annoiarmi un poco, senza escludere la rivelazione finale che non mostra nulla di così sconvolgente, anzi, era una delle ipotesi che mi erano venute in mente....
Così così....non è una visione obbligata ma se capita non è nemmeno peccato...
...poi bisogna vedere quanto si amano gli horror orientali....ovvio....in caso di poco gradimento per tale genere lo sconsiglio vivamente....non offre nulla di più, anche se vuol far credere il contrario....

Sbrillo  @  12/09/2014 03:41:40
   7 / 10
Regia, fotografia e colonna sonora degni di nota....
il film ha una buona trama e tra deliri e morbosità, riesce a farsi seguire nonostante le quasi 2 ore di film....
non sono appassionato di horror, ma una visione gliela si può dare!

(belli e apprezzabili gli stacchi tra scene horror e balletto classico)

horror83  @  01/08/2013 13:49:54
   6½ / 10
carino, si lascia guardare. magari per una sola visione!

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

sossio92  @  30/07/2013 00:27:26
   7 / 10
Buon horror dedicato alle famose scarpette ''rosse'', incarna tanta morbosità e delirio , si lascia guardare , consigliato ...

Gruppo COLLABORATORI SENIOR dubitas  @  05/07/2013 18:06:27
   7 / 10
CyberDave  @  12/05/2013 11:14:11
   6½ / 10
Tra i tanti ottimi horror Koreani questo film sembra avere una marcia in meno.
Dopo un inizio caratteristicamente lento, dove si conoscono i protagonisti ecco che inizia a delinearsi la storia, una ghost story classica con tutti i canoni del genere.
Dopo però una buona partenza il film si perde un po a mio avviso non riuscendo sempre a risultare godibile ma diventando a tratti un pò noiosetto.
Gli spaventi non mancano, alcuni davvero ben fatti e riescono a tenere alta la tensione nei giusti punti e poi arriva il "doppio" finale, uno che chiude la ghost story e l'altro che sistema l'altra storia parallela del film, un finale ben fatto che, coe sempre accade negli horror orientali, sistema le cose e riesce a chiarire l'intera vicenda.
A mio avviso non del tutto a sorpresa, abbastanza telefonato infatti

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Resta comunque un buon horror anche se da quelle parti se ne sono visti di molto più belli!!!!

deliver  @  11/04/2013 09:28:03
   7½ / 10
Non sono d'accordo con i detrattori di questo film. Thriller/horror uscito da noi nel 2005, The red shoes anzitutto si avvale di una regia e di una fotografia degni sicuramente di nota - ottimo plauso per il cinema coreano che dimostra di poter competere internazionalmente.
La storia, rivisitazione metropolitana della fiaba di Andersen, è accattivante, cupa, tetra: una lenta catabasi attende chi irresistibilmente voglia indossare le fantasmatiche scarpine, metafora di un ostinata ossessione del possesso e della necessità di farsi valere nella scala sociale (in Korea è un privilegio di indubbia bellezza per una donna potersi permettere un paio di scarpine appariscenti) a tutti i costi. Ma il desiderio di essere si trasforma poi in cupio dissolvi, fino al finale coronato da un bel colpo di scena.
Le sequenze di suspance non mancano, così come un ottimo montaggio riesce a trasmettere allo spettatore la giusta dose di disagio e angoscia.
L'ambientazione metropolitana e gli interni di suburbie desertiche rendono lo sfondo della pellicola parecchio suggestivo, ma anche riflesso di un'umanità sospesa in un limbo di incomunicabilità e schiava dei drammi perversi della psiche.
Ribadisco, lo considero un ottimo prodotto, ingiustamente passato in sordina e poco ricordato.

Invia una mail all'autore del commento Gondrano  @  03/12/2012 16:29:17
   6 / 10
Non molto originale rispetto alla media coreana; l'inizio è fulminante, poi si ammoscia un po'. Comunque sufficiente.

gemellino86  @  18/09/2012 07:51:30
   7 / 10
Un buon film tutto sommato. Non rimarrà certo nella storia però ci sono buoni momenti di tensione. L'ho trovato anche molto inquietante.

speXia  @  15/08/2011 18:49:41
   8 / 10
Consigliato! :D

pinhead88  @  20/03/2011 16:55:08
   8 / 10
A me è piaciuto. L'incipit è straordinario, così come la rivisitazione in chiave horror/grandguignolesca della favoletta di Andersen. A differenza delle noiosissime miriadi di pellicole coreane a base di spettri malevoli dai capelli corvini, In Red Shoes c'è una componente misteriosa e affascinante che trova gli agganci giusti proprio nello spunto favolistico creando interesse, tensione e suspense al punto giusto. Il tutto coronato da un'atmosfera macabra davvero grandiosa (le scene in metropolitana su tutte). Fotografia e scenografia ottime. Il finale non mi ha convinto moltissimo, anche perchè finali del genere non sono certo una novità, ma nel complesso rimane un ottimo prodotto.

dibinho  @  29/08/2010 15:50:52
   5½ / 10
Trama poco originale ad eccezione delle scarpe..
Nel complesso risulta abbastanza lento e noioso sopratutto la prima parte. Le interpretazioni non sono il massimo, piu' che buona invece fotografia e colori.
Tra il 5 e il 6

76eric  @  17/08/2010 18:12:02
   6½ / 10
Si può dire che neanche questo coreano Red shoes, una specie di trasposizione horror della favoletta di Andersen, faccia molto per distinguersi dalla massa di pellicole provenienti dall' est asiatico.
La contrapposizione madre-figlia per un motivo così futile (un paio di scarpe rosse, pardon fucsia trovate per caso in una metrò....., ma che bello script, dal quale la vicenda si evolve.....) è veramente ben fatto, anche se alcuni momenti lasciano basiti; pensiamo all' amica cicciona che parla da vera amica, ma che quando vede quelle cazz* di scarpe ( avrebbero potuto comprarsele no?) perde il lume della ragione pur di indossarle.
I collegamenti con The Ring ci sono tutti, con la madre della piccola che cerca una spiegazione plausibile agli inquietanti avvenimenti legati al "glamourous" paio di scarpe, come nella presenza malefica del fantasma.
Però, anche se inflazionate, alcune scene fanno paura e questo anche grazie alle ottime scenografie ed al "classico" effetto sonoro.
L' ultima sequenza nella metropolitana, con l'andirivieni della luce ha un epilogo di tutto rispetto e passato lo "spago" ti fà venire in mente lo strano modo di scendere le scale di Linda Blair.......
Dal lato tecnico è veramente ineccepibile, le immagini sono nitidissime e curatissime, per cui un plauso alla regia ed alla fotografia, anche se la sceneggiatura soprattutto per i motivi di cui sopra, ma anche per altro, fa buchi. Comunque nonostante tutto a me è piaciuto.

2 risposte al commento
Ultima risposta 17/08/2011 13.01.32
Visualizza / Rispondi al commento
Xavier666  @  04/08/2009 02:38:58
   6½ / 10
Carino ma niente di che, la storia in effetti è abbastanza interessante e la fotografia malsana sarebbero dei punti di forza se non fosse che ogni tanto mi annoiavo e facevo fatica a seguirlo... Mancava di quel quid fondamentale per essere un bel film...

**Caramellina**  @  09/04/2009 16:28:23
   5½ / 10
Il voto del film in se x se non arriva al 4 ma la fotografia e quei colori così curati fanno alzare 1 pò la media.. Anche perchè la storia è già risentita e gli attori sono a dir poco mediocri.. Perciò 5.5 è già troppo!


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

1 risposta al commento
Ultima risposta 21/04/2009 14.53.00
Visualizza / Rispondi al commento
lolloso22  @  29/03/2009 17:16:54
   8½ / 10
per me e' un film molto inquietante

VikCrow  @  04/03/2009 19:13:20
   10 / 10
Questo film va visto! Grandioso!!

Ciaby  @  23/12/2008 20:37:21
   10 / 10
bellissimo! fatto da Dio! con attori fantastici, una fotografia da urlo e una regia da sballo :D e non manca la paura!

Invia una mail all'autore del commento Jason XI  @  16/12/2008 20:20:08
   6½ / 10
Non è male anche se gli ingredienti degli horror orientali ormai sono sempre gli stessi + discreta metafora... ma chi mi spiega qual'è la maledizione delle scarpe?



Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

topsecret  @  07/10/2008 19:06:31
   3 / 10
Sinceramente l'ho trovato insignificante. E' il classico film per cui bisognava prendere a calci in c..o il regista,possibilmente con delle scarpe rosse, solo per avuto l'idea di girarlo.

v4kl4  @  14/09/2008 00:34:13
   3½ / 10
sinceramante....ci penso e ci ripenso ma non capisco cosa ci sia di ROSSO in quelle cavolo di scarpe...oltre il fatto che erano oscene non capisco perchè, nonostante siano ROSA tutti continuino a insistere sul rosso...e poi non ne capisco il legame con la danza

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER...per carità...poi tutti che sclerano per queste scarpe...in tutta sincerità mi è piaciuto poco e niente

dido the best  @  04/06/2008 19:33:42
   6½ / 10
in effetti se si fosse fermato nella scena che ho messo in spoiler avrei capito il film... ma invece no va avanti e alla fine non ho capito un c***o cmq non è male

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

2 risposte al commento
Ultima risposta 15/08/2011 18.47.37
Visualizza / Rispondi al commento
marfsime  @  25/05/2008 19:37:27
   6½ / 10
Per essere un film di matrice orientale non è affatto male rispetto ai suoi colleghi..risente solo un po' dei soliti clichè horror abusati da altre pellicole provenienti dal medio oriente ma tutto sommato si lascia guardare. Unico appunto:le scarpette sono rosa nel film..non rosse! Una stranezza e contraddizione non indifferente.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  07/05/2008 09:44:00
   4½ / 10
un film abbastanza lento nel suo svolgimento...tarda ad arrivare al dunque e per piu di un'ora non fa altro che far vedere i soliti flash...poi arrivano le solite donne con i capelli davanti agli occhi(per favore basta)e scene prese da tanti film horror Asiatici usciti in questi ultimi dieci anni...
poco originale e lento

antonellina  @  24/08/2007 00:05:22
   6 / 10
film decisamente curioso con finale al quanto interpretativo!

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento goat  @  20/12/2006 10:49:14
   5½ / 10
pellicola pesantemente condizionata dal j-horror di nuova generazione, quello che miete remake in occidente e che infila un fantasma coi capelli lunghi in ogni sua produzione.
essendo un prodotto di derivazione, ha tutte le pecche e i meriti di quel che lo origina.
fra le prime una debole e confusa sceneggiatura, attori (anzi attrici) poco espressive per i canoni occidentali e un vago sentore di deja vu che ci avvolge per tutta la visione.
fra i pro una fotografia bellissima, contrasti cromatici ricercati e sfumature di colore molto curate. e poi, inflazionate o meno, le bordate sonore prima della scena 'de paura' a me fanno sempre strizzare.
concludendo, se la/il vostra/o ragazza/o arriva a casa col dvd non insultatela/o, ma, se doveste volerlo noleggiare voi, potreste evitare senza grossi rimpianti di sorta.

Lory_noir  @  15/12/2006 11:12:50
   4 / 10
Non mi è piaciuto. Mentre i film oerientali quasi sempre mi affascinano ho capito subito che questo nn l'avrebbe fatto. Interpretazioni scarse e tramma altrettanto!

stelligia  @  12/08/2006 20:32:42
   5 / 10
Lo considero mediocre...se non altro per il fatto che la fine non è molto chiara e

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
le scarpe equivalgono alla cassetta di the ring e la ragazza coi lunghi capelli neri in ascensore è un'ennesima ripetizione...mi aspettavo più suspance, una storia +accattivante ed un colpo di scena finale che non è mai arrivato.
Mneo male chel'ho preso a noleggio.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Freddy Krueger  @  10/08/2006 13:45:14
   4½ / 10
Non molto bello. Il film non è per niente accattivante. Le scene splatter ci sono ma non contribuiscono x niente alla riuscita del film. La parte finale è la migliore ma non perfetta xkè le spiegazioni non sono del tutto chiare (bisogna stare attenti durante tutto il film…è stato difficile anke x me!) e, in un certo senso, vuota. Gli occidentali insomma non hanno fantasia. Nei loro film horror bisogna vedere x forza delle facce bianche malvagie con lunghi capelli neri. Insomma, per farla breve…bagattella!!!
Un punto in + xkè cmq hanno cercato di cambiare un po’ la storia… cercando delle scarpe rosse…bah!!!

Gruppo REDAZIONE Cagliostro  @  28/07/2006 15:58:06
   7 / 10
Curiosa rivisitazione in chiave moderna della fiaba di Andersen "Le scarepette rosse", The red shoes è un film di buona qualità e di discreta fattura, che merita di essere visto. La storia, a mio giudizio e contrariamente a quanto ho letto nei precedenti commenti, è ben dosata e alterna efficaciemente sequenze veloci con qualche c.d. "immagine shock" e momenti d'introspezione e di caratterizzazione dei personaggi che consentono al film di restare sempre in bilico fra la pellicola horror ed il thriller psicologico. La trama presenta indubbiamente alcuni buchi narrativi e il ricorso a vari cliché del cinema di genere, che tuttavia non disturbano e che vengono sanati dalla buona qualità della regia, della scenografia e delle musiche. Queste tre componenti sono state capaci di creare atmosfere più che discrete.
Ma, al di là del plot narrativo, quello che mi è piaciuto è il contenuto metaforico della storia, ben simboleggiata da questo paio di scarpe che, essendo oggetto di desideri, di vanità, di superbia e di gelosia, diventano il sibolo di una piaga insita nella natura umana e capace di manifestarsi in una qualsiasi epoca e in una qualsiasi società. Non a caso il film si articola su due differenti verità: quella del presente relativa alla vita privata e sociale della protagonista che vive in una Seul ormai libera dal regime, e quella del passato relativa alla storia delle scarpe rosse (che poi rosse non sono per niente, ma è proprio nella scelta del titolo che si manifesta il più elsplicito riferimento alla fiaba di Andersen) più che alla storia delle donne che le hanno possedute e che se le sono contese. Quindi non si tratta di un mero film horror né di un semplice thriller psicologico, quanto piuttosto di una bella metafora di un male umano e sociale che può essere circoscritto con due parole: invidia e gelosia. Emozioni e degenerazioni che il regista ha saputo ben manifestate attraverso immagini a volte truculente, ma mai splatter, oscure e tetre, a volte persino rovesciate, così come è "alla rovescia" la psiche di alcuni personaggi.
A tutto ciò si aggiunga che la regia è assai elegante e raffinata. Le scene di danza sono una accurata ricerca di bellezza e di armonia che si trasforma in un piacere e in una festa per gli occhi dello spettatore. Così come è elegante ed intelligente, oltre che bella, l'immagine della protagonista che, scoperto il tradimento del marito, indossa le scarpe di colore blu elettrico, che erano indossate dall'amante dell'uomo durante il tradimento: la protagonista le indossa e si mette di fronte alla specchiera, composta da un vetro centrale e due ali laterali, si guarda e si avvicina al vetro dello specchio centrale fino ad appoggiarvi contro la fronte; in quel momento il suo volto, tanto tormentato quanto lo è la sua anima, è ripreso da tre diverse angolazioni.
The red shoes è un film che consiglio caldamente a chi cerca qualcosa che vada al di là di un semplice film d'intrattenimento. E' in assoluto il migliore fra i quattro film horror che ho visto nell'ultima settimana (Fragile, Hostel, Saint Ange).

Invia una mail all'autore del commento Noirsenzacielo  @  03/07/2006 13:31:40
   4 / 10
Lo trovo inutile! A me piacciono in linea di massina i film horror orientali ma questo non mi ha colpito per niente!

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  15/05/2006 09:34:09
   6 / 10
La pecca maggiore di questo film è la mancanza di originalita'...la sensazione è quella che il regista si sia divertito a mescolare diversi film horror di matrice orientale passati recentemente nelle sale.
Ritroviamo infatti molto richiami verso pellicole come Dark Water,The Ring o The Call.La storia di madre e figlia che si traferiscono in un appartamento tenebroso è pari pari a quella di Dark Water,mentre il fatto che la morte arrivi per mezzo di un oggetto maledetto,si era gia' visto con videocassette e telefonini vari,tra l'altro anche il finale(come svolgimento)è molto simile a The Ring...altro problema è che anche le motivazioni di fondo per gli omicidi sono sempre le stesse e cioe' siamo di fronte al solito fantasma incavolato nero causa tradimenti vari.
Detto cio' il film risulta guardabile,complice una bella fotografia piuttosto oscura e qualche scena sanguinolenta ben realizzata,la sceneggiatura pur presentando qualche buco è scorrevole ed ansiogena,inoltre il fatto di voler mettere in mostra l'avidita' umana con le sue conseguenze è un fatto importante.
Un prodotto di medio livello,a mio avviso c'è molto di peggio in giro.
P.S. La bimba protagonista del film è bruttissima oltre che odiosa,ma dove l'hanno trovata?Certo che chi si occupava del casting poteva far di meglio!

davidplanet  @  19/02/2006 22:38:53
   4 / 10
Classico film horror orientale, vale a dire lento e noioso, ma anche inguardabile a lunghi tratti!
La trama è assurda, così come lo sviluppo del film. Il finale non l'ho nemmno visto quindi mi astengo dal giudicarlo.
Qualche scena horror decente qua e là non possono rendere accettabile un lavoro simile, a cui tolgo un ulteriore mezzo punto per il titolo che sarebbe forse dovuto essere "The pink shoes" (!!).

3 risposte al commento
Ultima risposta 10/06/2006 17.42.54
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento Andre82  @  27/01/2006 14:48:44
   3½ / 10
Siamo alle solite: solito film con la solita trama vista e rivista, con la sola aggiunta delle scarpe. Quando punti tutto su un finale ad effetto e questo non riesce, il risultato è un flop. Il finale lo si capisce quasi subito, solo che una volta che viene svelato ci rimani un pò male perchè in realtà non si ricollega niente (insomma, è proprio buttato lì). Poi alcune scene sono incomprensibili e messe li solo per far paura; purtroppo, se il fine era questo, il regista non lo ha per neinte raggiunto. Vado un pò controcorrente rispetto ai giudizi precedenti: ultima mezz'ora da buittare, prima ora che si lascia seguire e non più di tanto lenta.

Gra'75  @  26/01/2006 23:05:26
   5 / 10
Concordo con vivaHOMER. 40 minuti abbondanti di sbadigli (o quasi) per poi "ripigliarsi" un po' nell'ultima mezz'oretta scarsa.
Se l'intento del regista era quello di creare tensione intervallando i dialoghi da luuuuunghe pause, bhè, per me ha fatto cilecca...

vivaHOMER  @  24/01/2006 18:13:24
   7 / 10
Devo dire che il film nn è uno dei + paurosi che abbia mai visto, cmq, detto questo , se si vuole veramente capire il film bisona arrivare alla fine , e nn addomentarsi a metà dell'opera. Infatti, ho dovuto vedere prima 30-40 min. "normali", cioè , che fino ad allora sembrava tutto tranne che un horror.
Gli dò sette, quindi, solo per il resto del film (20-30 minuti scarsi), e sinceramente mi è piaciuto.

tizius  @  22/01/2006 17:52:09
   5 / 10
Speravo di vedere qualcosa almeno da confondere con un film. Inceve. Pura noia. E fastidio. Si, perche' gli attori fanno venire i nervi. Non parlano mai. Non rispondono alle domande. Guardano fissi il vuoto, come inebetiti dal regista che chissa cosa aveva in mente. Paura ovviamente zero. Manierismi soliti di certe produzioni asiatiche (che adoro cmq), per fare qualche (sparuto) sobbalzo. Scene canoniche copiate qua e la (l'onnipresente terrificante ascensore), dura considerevole (per me), e al solito, non si capisce una mazza. Se almeno fosse stato un po' de paura, invece nulla. Classico filmetto da noleggio.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917adoration (2019)
 NEW
alla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghierabirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbotero
 NEW
caterinacena con delitto - knives out
 NEW
cercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacediamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittle
 NEW
fabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovato
 NEW
fantasy islandfigli (2020)
 NEW
gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicihammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorni
 NEW
il lago delle oche selvaticheil mistero henri pickil primo nataleil terzo omicidioimpressionisti segretijojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala ragazza d'autunnolast christmasleonardo. le operel'immortale (2019)l'inganno perfetto
 NEW
lunar citymarco polo - un anno tra i banchi di scuolame contro te: il film - la vendetta del signor s
 NEW HOT R
memorie di un assassinonancyodio l'estatepiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarerichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshall
 NEW
sonic - il filmsorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodge
 HOT
tolo tolouna storia d’arteunderwatervilletta con ospiti

998589 commenti su 42900 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net