tiger boy regia di Gabriele Mainetti Italia 2012
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

tiger boy (2012)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film TIGER BOY

Titolo Originale: TIGER BOY

RegiaGabriele Mainetti

InterpretiFrancesco Foti, Simone Santini, Lidia Vitale

Durata: h 0.23
NazionalitàItalia 2012
Generecorto
Al cinema nel Giugno 2012

•  Altri film di Gabriele Mainetti

Trama del film Tiger boy

Tiger Boy Ŕ la storia di Matteo, un bambino di nove anni, che armato di ago e filo decide di riprodurre la maschera del suo mito "Il Tigre", un wrestler romano di Corviale. Per il piccolo questa maschera diventa una seconda pelle e non vuole togliersela per nessuna ragione.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,67 / 10 (3 voti)7,67Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Tiger boy, 3 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

ferzbox  @  21/05/2016 10:10:43
   8 / 10
Il secondo cortometraggio di Mainetti è forse riuscito a farmi capire meglio cosa potrebbe avere di interessante "Lo chiamavano Jeeg robot"(che vedrò in seguito); non tanto per lo spirito dell'opera, convintissimo che sia diversa, ma più che altro per la qualità della sceneggiatura e il modo di lavorare di questo regista.
Come era successo per "Basette" anche "Tiger boy" chiama in causa un famoso personaggio dei cartoni giapponesi; questa volta la citazione è dedicata al mitico "Tiger mask", meglio conosciuto da noi come "Uomo tigre".....
La differenza dal lavoro precedente è che "Tiger boy" non è un omaggio palese come lo fu per Lupin III, ma bensì un semplicissimo richiamo velato per raccontare in realtà la storia drammatica di Matteo, un bambino di 9 anni disadattato ed introverso, poco complice con i suoi coetanei e custode di un terribile segreto che rappresenterà il fulcro di tutto il cortometraggio.
Matteo, come molti bambini solitari,si appoggia ad un personaggio popolare per avere un punto di riferimento, una guida, in questo caso rappresentata dal "Tigre", un lottatore di Wrestling che combatte nei sottoclub della provincia romana, conosciuto per la sua maschera tigrata e con un certo numero di sostenitori e ammiratori.
L'incredibile passione di Matteo, lo porterà a nascondersi costantemente(notte e giorno) dietro alla maschera del suo eroe, facendola diventare una sorta di protezione contro le avversità, uno scudo psicologico in grado di infondere al bambino una certa dose di coraggio e sicurezza.
Ma se per Matteo la maschera rappresenta una forma di sostenimento e determinazione, per tutti gli altri diventa sinonimo di stranezza, un campanello di allarme che preoccupa sia la madre del bimbo che gli insegnanti, i compagni di classe .....ed il preside.....quest'ultimo vera nemesi del ragazzo.
Il tutto è girato con un certo velo autoriale, senza alcuna intenzione di far divertire lo spettatore con scene comiche o brillanti; il tutto è in realtà concepito con lo scopo di raccontare un dramma tremendo dal quale il bambino riuscirà ad uscirne grazie all'aiuto del suo lottatore preferito, creando di fatto un fortissimo racconto dalla grande intensità emotiva.
Mainetti mi ha dimostrato che i personaggi giapponesi che ama omaggiare o citare non sono assolutamente chiamati in causa con banalità o motivi futili, anzi tutto l'opposto.....ed era ora che qualcuno producesse dei lavori validi dimostrando l'incredibile valore che avevano questi cartoni sui ragazzini, a differenza di quello che molti genitori sostenevano anni fa quando la critica verso di essi era assidua e continua perchè portatori di comportamenti violenti e diseducativi....
L'ironia non manca, anche se solo accennata, ma Mainetti la utilizza inserendola soltanto in alcuni dialoghi dove l'accento romano e la reazione spontanea di alcuni personaggi diventa inevitabilmente divertente.
Un lavoro che mi ha lasciato davvero di stucco, sopratutto nel bellissimo finale capace di dimostrare quanto questo regista sia capace di creare qualcosa di davvero stilistico e profondo......questo è uno che ci sa fare di brutto.....e non stento a credere all'ottima qualità de "Lo chiamavano Jeeg robot".....qui non parliamo di un cazzòne, ma di uno che sa MOLTO BENE quello che fa......

marcogiannelli  @  20/05/2016 12:55:44
   7½ / 10
nella Roma che Mainetti tanto ama, un bambino fatica a denunciare gli abusi che subisce per conto del preside
il bambino prende come esempio il suo mito del wrestling, il tigre, non separandosi mai dalla sua maschera e spingendosi ad andare a vederlo combattere..lì troverà spunto per uscire dalla sua situazione difficile
è forse la prima volta che il wrestling in Italia non viene fatto passare come un mondo pieno solo di violenza e messaggi negativi, ma come spunto per reagire
e qui il bambino è l'unica vittima, a cui sono stati negati, dalla madre e dal preside due fattori importantissimi della sua infanzia, ovvero vivere le sue passioni e la vera e propria purezza del bambino viene abbandonata per fare spazio alla mente malata dell'uomo che approfitta sessualmente di lui

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  13/05/2016 00:23:08
   7½ / 10
Prima di Lo chiamavano Jeeg Robot e dopo il primo cortometraggio Basette, Tiger Boy è l'ennesima dimostrazione del percorso coerente che ha intrapreso Mainetti. Sicuramente è evidente il suo amore per le anime giapponesi e se Lupin III era la chiave di Basette, L'uomo Tigre lo è per Tiger Boy. Una storia dove l'eroe è un ragazzino patito di wrestling che porta, senza mai togliersela, una maschera sul volto, emblema del proprio eroe e della propria vergogna degli abusi subiti da parte del preside della propria scuola. Mainetti riesce ad affondare come una lama nel sociale partendo da una base di genere con una semplicità ed un efficacia disarmante. Un eroe in miniatura che si ribella, ispirato dal suo mito.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#unfit - la psicologia di donald trump10 giorni con babbo nataleabout endlessnessaddio al nubilatoalessandra - un grande amore e niente piu'all my friends are deadamore al quadratobaby yaga: incubo nella foresta oscurabastardi a mano armatabliss (2021)burraco fatalecentigradecherry - innocenza perdutacome truecosa sarÓcreators: the pastcrisiselegia americanafino all'ultimo indiziogirl power - la rivoluzione comincia a scuolagodzilla vs. konggreenlandhoneylandi am greta - una forza della naturai predatoriil cammino di xicoil caso pantani - l'omicidio di un campioneil mio corpo vi seppellira'il principe cerca figlioil talento del calabroneimprevisti digitalijudas and the black messiahla nave sepoltala prima donnala ruota del khadi - l'ordito e la trama dell'indiala stanzala vita straordinaria di david copperfieldl'amico del cuore (2021)lasciami andarel'incredibile storia dell'isola delle roselockdown all'italianal'ultimo paradiso (2021)ma rainey's black bottommadame claudemankminarimurdershownomad: in cammino con bruce chatwinnotizie dal mondooperazione celestinaoperazione varsity blues: scandalo al collegepalazzo di giustiziapalm springs - vivi come se non ci fosse un domaniparadise - una nuova vitaparadise hillspele' - il re del calcioqualcuno salvi il natale 2quello che non ti ucciderange runnersrebeccaroubaix, una lucesacrifice (2020)sola al mio matrimoniosonsotto lo zerosoul (2020)sul piu' belloten minutes to midnight
 HOT
tenetthe fatherthe mauritanianthe midnight skythe nights before christmasthe secret - le verita' nascostethe unholythe united states vs. billie holidaytrash - la leggenda della piramide magicatua per sempretutto il mondo e' palesetutto normale il prossimo nataleun divano a tunisiuna classe per i ribelliuna donna promettentewe are the thousand - l'incredibile storia di rockin'1000we can be heroeswonder woman 1984wrong turnyes dayzack snyder's justice league

1016352 commenti su 45275 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net