tre donne regia di Robert Altman USA 1977
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

tre donne (1977)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

Dove puoi vederlo?

locandina del film TRE DONNE

Titolo Originale: THREE WOMEN

RegiaRobert Altman

InterpretiRobert Fortier, Janice Rule, Shelley Duvall, Sissy Spacek

Durata: h 2.10
NazionalitàUSA 1977
Generedrammatico
Al cinema nel Gennaio 1977

•  Altri film di Robert Altman

Trama del film Tre donne

Millie (Duvall) e Pinky (Spacek) lavorano come infermiere in un centro per anziani in California. Willie (Rule) Ŕ la moglie di Edgar, il padrone del saloon, e non ha altro da fare se non dilettarsi in decorazioni d'interni e di fondi di piscine. Pinky adora Millie, ma quando scopre che questa ha una relazione con Edgar, l'incanto finisce. Dopo capovolgimenti, liti e, soprattutto, dopo la morte misteriosa di Edgar, le tre donne vanno a vivere insieme.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,00 / 10 (8 voti)8,00Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Tre donne, 8 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Invia una mail all'autore del commento Suskis  @  31/07/2019 16:58:43
   7½ / 10
Duro e difficile questo film di Altman, dove la bravura delle due protagoniste principali ci getta in uno sconfortante mondo di solitudine ed alienazione. Il gioco del desiderio di una vita diversa, o anche di una qualsiasi, si realizza prima in parte, e poi, in maniera abbastanza allucinatoria, diventa uno sconvolgimento di tutte le parti in causa. Colonna sonora al limite del sopportabile. Da vedere ma "mah!"

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  14/05/2017 23:13:52
   7½ / 10
Tre donne è un film dai toni funerei, insieme a Quintet probabilmente il più pessimista della filmografia di Altman. Riprende le suggestioni di Images e di conseguenza tiene sempre a modello il Bergman di Persona, per contestualizzarlo in un ambiente ai margini del deserto della Califonia. Tre donne, tre sfumature dell'universo femminile, in una ridefinizione dei ruoli che vuole sviluppare un processo di emancipazione nei confronti dell'universo maschile che le soggioga in maniera più o meno sottile. Un finale quasi apocalittico in cui però tale distacco anche nei confronti stessi della maternità, comporta una ridefinizione simile proprio a quell'universo da cui si sono affrancate, con una definzione di ruoli in cui la gerarchia ed il dominio, tipicamente maschile, costituisce i suoi tratti essenziali. Personalmente lo ritengo uno dei film più ostici di Altman.

Filman  @  10/04/2015 20:19:54
   7 / 10
Interfaccia con un Altman più analitico e psicologico, glaciale nella messa in scena ed attento ad una continua introspezione dell'immagine, THREE WOMEN è una pellicola anticonvenzionale nel suo complesso filmico ma ricolma di un già esplorato stile per quanto riguarda il regista, che elabora un thriller singolare e a modo suo tagliente, come altri all'interno della sua filmografia, di una destrezza tecnica classica ed elegante che compone la vera narrazione del film.
Con una storia di ristretto respiro e tema centralizzato, l'autore riesce così a parlare a modo suo dell'essere femminile e del suo rapporto con la femminilità stessa, in modo eccentrico, con un ritmo granitico ed una visione cromatica di rimando, parafrasando probabilmente sulla pubertà e sulla sessualità in generale, creando una quadro in movimento fatto di zoom avanti e indietro che vuole mantenere accesi più interrogativi con un ermetismo metaforico ma essenziale.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR pier91  @  05/04/2014 19:10:28
   9 / 10
Innanzitutto c'è un' umanità spaventosa, che per qualche ragione mi ha ricordato i pennuti ammaestrati de La ballata di Stroszek. Creature del deserto californiano, affondate in una primitività lorda, abbrutite dalle livree del pudore anziché elevate dalla libera nudità delle origini. I genitori di Pinky somigliano alla coppia di "American Gothic", o ad alcuni miei parenti mostruosi, che mi guardano, quando mi guardano, senza vedermi, con una terribile fissità da galliformi (appunto). Pinky, Millie e Willie vivono in questo pantano prosciugato, nolenti o volenti vi si nutrono. Tentano di declinare il proprio essere femminile alla giurisdizione non scritta del luogo. Ma in assenza di amore i loro grembi sono celle vuote o mortifere. Si ritirano quindi nella stessa fortezza-gineceo, creando una famiglia senza velleità affettive.
In realtà fin troppi indizi conducono ad una lettura meno letterale. Il titolo stesso è probabilmente solo un astuto giochetto, magari ispirato dalla tradizione pittorica. Tre donne, proprio tre, né meno né più? Suonerà sospetto persino alle menti meno peregrine. Non mi spiace definire il film di Altman, decisamente più astratto che narrativo, un horror sull' essere donne (e almeno l' angoscia delle note musicali pare darmi ragione). Oscillante tra la beffa e il dolore, tra il rosso americano del ketchup e quello universale del sangue.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  06/10/2013 19:18:41
   9 / 10
Film francamente stupendo, un Altman (almeno per me) di inaspettata e altissima qualità che lascia da parte le vicende corali per cui è largamente conosciuto e si insinua in un'atmosfera onirica e nella testa delle 3 donne del titolo.
Opera profonda e sfaccettata, che avanza in modo sfumato e a tratti inquietante, con due interpretazioni di grandissimo carattere da parte della Spacek e della Duvall.
3 Donne si potrebbe definire il "Persona" di Altman e non sbaglieremmo: il modo in cui i rapporti quasi morbosi tra due persone l'una dipendente dall'altra cambiano bruscamente, a metà film, per poi sovvertirli ed assistere a uno scambio di personalità è lo stesso che Bergman, in modo molto più sperimentale ma allo stesso modo inquietante e "inspiegabile" ha fatto con uno dei suoi film più famosi.
Altman non si prende la briga di rendere il suo lavoro più complesso di com'è già, si limita a dirigere con efficienza e una certa raffinatezza di fondo senza mai perdere di vista l'obiettivo, alternando scene minimaliste e dai sentimenti sotterranei ad altre che sembrano provenire da un liquido amniotico e ancestrale, non solo l'acqua della piscina con tutti i dipinti disegnati da Willie, l'unica donna in ombra della (santa?) trinità fino alla fine.
E lodo ancora una volta il modo in cui il regista, badandosi su un suo sogno, ha messo in scena qualcosa che non comprendeva fino in fondo nemmeno lui stesso come ha candidamente ammesso.
Quindi grandiosa regia, sceneggiatura, interpretazioni, musica inquietante, e bellissimo il finale.
Credo sia un capolavoro, uno dei più belli di Robert Altman. Indeciso tra il 9 e un voto più basso gli piazzo il massimo dei voti. Non c'è altro da dire, o forse sarebbe troppo.

trillina  @  17/10/2011 21:09:35
   8 / 10
Film quasi psicoanalitico, intrigante, misterioso...onirico a tratti e perchè non ammetterlo: film dalle strepitose interpretazioni.
Non chi di più; se la Spacek(camaleontica e bella) o la Duvall. Entrambe sono bravissime e francamente credo che il film non avrebbe potuto avere protagoniste migliori. E' uno di quei film che ti godi completamente, che si lascia seguire senza fatica e ti porta in fondo senza che tu te ne sia neppure accorta. Fantastici i vestiti delle interpreti! :)

Gruppo REDAZIONE amterme63  @  01/10/2009 22:26:04
   7½ / 10
L’universo femminile è un mondo misterioso, profondo, affascinante. Molti registi cinematografici, soprattutto uomini, hanno cercato di penetrarci dentro e di raccontarlo. Altman ci ha provato con “Tre Donne” in cui ha cercato di scoprire i sentimenti che governano i rapporti fra le donne. Si tratta di rapporti fatti di complicità, di avversione, di amore, di solitudine e mistero. E’ un’universo pieno di sorprese e che potenzialmente può fare a meno dell’uomo. In questo film Altman si avvicina moltissimo allo spirito di molte opere di Almodovar.
Altmaniano al 100% è invece lo stile: la presa diretta e non filtrata del reale. Fin dai primi fotogrammi assistiamo allo svolgersi normale e banale di fatti assolutamente quotidiani, come le cure fisioterapiche in un centro termale geriatrico. Facciamo la conoscenza di Pinky al primo giorno di lavoro, coadiuvata da Millie ormai veterana. Pinky è giovane, timida, introversa, un po’ imbranata e strana; Millie invece è chiaccherona, estroversa, piena di vita ma sostanzialmente ignorata e sola. Il fascino del film sta nel fornire pezzettini di realtà che suggeriscono i caratteri, li svelano, li svolgono, li legano e creano curiosità e affezione nello spettatore che partecipa così della vita delle due donne.
Pinky sostanzialmente si innamora di Millie ma lei troppo presa in se stessa non se ne accorge e addirittura rifiuta le attenzioni affettive della sua amica. Lo strappo drammatico centrale (unica concessione alla forma classica hollywoodiana) determina un rovesciamento dei ruoli con tanto di contrappasso nei confronti di Millie, la quale si accorge (ma troppo tardi) del valore dell’amicizia di Pinky nei suoi confronti.
La presa in diretta a pezzetti del reale è però solo un aspetto del film. Oltre al percepibile, c’è l’imponderabile, c’è l’aspetto misterioso e spirituale del mondo umano. Tanta parte del film si svolge con un sottofondo musicale classico di violoncello che crea un’atmosfera sospesa, un po’ inquietante. Questa parte del mondo umano è rappresentata nel film dalla terza donna, la misteriosissima pittrice di scene un po’ orride di esseri umani animaleschi con un’espressione che ricorda i guerrieri maya. E’ l’irrazionale che è sempre in agguato nella vita “normale” di ognuno. Il film si avvia alla fine proprio su questa strada, simbolica e astratta, e il finale ermetico lascia il campo aperto a tutte le interpretazioni. Sembra si voglia suggerire che l’universo femminile è qualcosa di misterioso e inspiegabile, un mondo tutto suo in cui gli uomini non hanno in pratica parte.
La parte finale del film rischia però di sconcertare lo spettatore, di disorientarlo e tutto sommato stride un po’ con lo spirito che aveva alimentato i primi tre quarti del film. Inutile dire che il film è consigliato a chi misura i tempi scenici non con la velocità delle azioni, ma con il sottile svisceramento dei fatti umani. E’ un film ricco di scoperte, non di azioni.
Un ultima parola per fare le lodi di Sissy Spacek e della Duvall: brave, bravissime, strepitose. Questo film dimostra che si riesce ad affascinare e a colpire anche senza essere belle e appariscenti.

1 risposta al commento
Ultima risposta 17/10/2011 21.12.33
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  19/01/2007 00:58:47
   8½ / 10
Altman e la psicanalisi: con questo film (e 10 anni prima di "terapia di gruppo") si chiude una sorta di trilogia che comprendeva già "quel freddo giorno nel parco" (che non ho mai visto) e il curioso "Images".
Come in "Images" è inopportuno a mio avviso inserire "tre donne" in un genere specifico, in una tematica: non è un film sulla psicanalisi, non è un film sul femminismo, non è un melodramma, ma qualcosa che unisce tutte questo in maniera quasi astratta, o simbolica.

E' soprattutto un film sulla "mancanza" o, come disse lo stesso A., sulla "rimozione di un duplice omicidio consumato sui figli e sui padri" ovviamente tutto questo viene emblemizzato dalla visione stessa del film-

"tre donne" è a mio avviso uno dei punti piu' alti di Altman, e uno dei suoi film piu' struggenti e complessi: un'opera che diventa metafora di assenza della storia e, come nel finale, bisogno impellente di colmare il vuoto attraverso un'organizzazione post-familiare.

E' anche un bellissimo film sulla complicità della solitudine, a cui le tre protagoniste rispondono ognuna con le proprie ragioni mentali: l'inquieta e fragile Pinky, la sognatrice Millie, e l'afasica Willie, l'unica donna sposata, che colma il suo silenzio attraverso una serie di inquietanti dipinti di stampo Junghiano (il tema dominante è il potere e la prevaricazione maschile).

La regia di Altman, al di là di qualche referente simbolico di troppo (un'errore contestabile già a "images") sfocia in allucinati momenti visionari degni dell'ultimo Lynch, l'ambientazione nitida e al tempo stesso torbida con la piscina dove l'acqua si plasma nel suo vago movimento ricorda proprio Shyamalan e il suo controverso "lady in the water".

Ma sono parametri che scopriamo oggi, che colgo solo ora che rivedo questo film dopo molti anni: ancora mi sfuggivano certe analogie e parallelismi... mi chiedevo perchè Pinky, in ospedale, non riconosce i genitori, e mi affidavo inconscientemente al tentativo psicanalitico di raffigurare i bonari padre e madre come il prototipo di un'incubo che non c'è

Cio' che è irrisolto, è il nostro atteggiamento verso questo film quando tentiamo inutilmente di catalogarlo: sarebbe superfluo e limitativo.

Cio' che il film esprime, oltretutto, è quella sorta di complicità effettiva, dopo i tradimenti gli inganni e (forse) l'omicidio, per cui il cinema di Altman dà vita a una sorta di continuità corriva.

"Tre donne" non è un film facile e immediato, ma colpisce per la sua minuziosità temporale: e ho l'impressione che in un certo modo abbia segnato una sorta di negazione divistica e personale di Altman con il cinema "tradizionale".


(spoiler)




Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 NEW
abigail (2024)accattaromaancora un'estateanother endanselmarcadianaugure - ritorno alle originiautobiography - il ragazzo e il generaleback to blackbrigitte bardot forevercattiverie a domicilioc'era una volta in bhutanchallengerscivil warcoincidenze d'amorecome fratelli - abang e adikconfidenzadamseldicono di tedrive-away dollsdune - parte duee la festa continua!ennio doris - c'e' anche domanieravamo bambinifantastic machinefino alla fine della musicaflaminiaforce of nature - oltre l'ingannogarfield - una missione gustosaghostbusters - minaccia glacialegli agnelli possono pascolare in pacegodzilla e kong - il nuovo impero
 NEW
i dannatii delinquentii misteri del bar etoile
 NEW
if - gli amici immaginariil caso josetteil cassetto segretoil coraggio di blancheil diavolo e' dragan cyganil gusto delle coseil mio amico robotil mio posto e' quiil posto (2024)il regno del pianeta delle scimmieil segreto di liberatoil teorema di margheritaimaginaryinshallah a boykina e yuk alla scoperta del mondokung fu panda 4la moglie del presidentela profezia del malela seconda vitala terra promessala zona d'interessel'estate di cleolos colonosmay decembermemory (2023)
 NEW
metamorphosis (2024)monkey manmothers' instinctneve (2024)
 NEW
niente da perdere (2024)non volere volareomen - l'origine del presagio
 HOT R
povere creature!priscillarace for glory - audi vs lanciarebel moon - parte 2: la sfregiatricered (2022)ricky stanicky - l'amico immaginario
 NEW
ritratto di un amoreroad house (2024)samadsaro' con tese solo fossi un orsosei fratellishirley: in corsa per la casa biancasolo per mesopravvissuti (2022)spy x family code: whitesull'adamant - dove l'impossibile diventa possibile
 NEW
superlunatatami - una donna in lotta per la liberta'the animal kingdomthe fall guythe rapture - le ravissementtito e vinni - a tutto ritmototem - il mio soletroppo azzurroun altro ferragostoun mondo a parte (2024)una spiegazione per tutto
 NEW
una storia neravita da gattovite vendute (2024)zafira, l'ultima reginazamora

1050658 commenti su 50771 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

BLACKOUT (2023)BURNING DAYSCABRINICURSE OF HUMPTY DUMPTY 3GORATHHUMANEIL CLAN DEL QUARTIERE LATINOIL MOSTRUOSO DOTTOR CRIMENIL PRINCIPE DEL MIO CUOREIL SENSO DELLA VERTIGINELA NOTTE DEGLI AMANTILEDALISA FRANKENSTEINMAGGIE MOORE(S) - UN OMICIDIO DI TROPPOMORBOSITA'ONCE WITHIN A TIMEPENSIVEQUESTA VOLTA PARLIAMO DI UOMINISONG OF THE FLYTERRORE SULL'ISOLA DELL'AMORETHE AFTERTHE CURSE OF THE CLOWN MOTELTHE DEEP DARKTHE JACK IN THE BOX RISESTHE PHANTOM FROM 10.000 LEAGUES

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net