un uomo chiamato cavallo regia di Elliot Silverstein USA 1970
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

un uomo chiamato cavallo (1970)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film UN UOMO CHIAMATO CAVALLO

Titolo Originale: A MAN CALLED HORSE

RegiaElliot Silverstein

InterpretiRichard Harris, Judith Anderson, Jean Gascon, Manu Tupou, Corinna Tsopei

Durata: h 1.54
NazionalitàUSA 1970
Generewestern
Al cinema nel Settembre 1970

•  Altri film di Elliot Silverstein

Trama del film Un uomo chiamato cavallo

Una trib¨ di indiani Sioux cattura un aristocratico inglese. Trattato come un cavallo da soma all'inizio, dopo qualche tempo acquista una dignitÓ umana, sino a divenire il capo della trib¨ e a sposare una donna indiana.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,86 / 10 (11 voti)7,86Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Un uomo chiamato cavallo, 11 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

topsecret  @  24/12/2014 20:53:20
   7 / 10
Buon film interpretato in maniera apprezzabilissima da Richard Harris, una sorta di precursore della sindrome di Stoccolma, capace di rendersi gradevole e fluida nel ritmo e di saper instillare nel pubblico coinvolgimento ed interesse non disdegnando grandi dosi di drammaticità, senza essere però troppo enfatico.
Si segue bene e si fa apprezzare senza fatica.

clint 85  @  24/11/2014 00:13:15
   6 / 10
Storia che sicuramente rappresentò un' innovazione per l'epoca ma che ad oggi risulta tutto sommato semplice.
La fotografia è buona, i costumi non sono il massimo.
Il film dopo una prima parte abbastanza noiosa, si riscatta in parte nella seconda parte.
Personalmente non mi ha coinvolto abbastanza e pur riconoscendolo come un prodotto di discreta qualità non lo riguarderei.

2 risposte al commento
Ultima risposta 08/12/2014 00.46.11
Visualizza / Rispondi al commento
Neurotico  @  04/09/2014 14:00:32
   7 / 10
Un borioso aristocratico inglese con a seguito servi e scagnozzi arriva in america nel territorio dei Sioux, che uccidono la sua compagnia e lo prendono come prigioniero trattandolo come un animale da soma. Lui si ribella, viene accolto e trattato come un pellerossa e si innamora di una bellissima indiana. Il film ha un buon ritmo, sufficientemente crudo da destar più di un sussulto e coinvolge grazie ad un Harris che nonostante non goda della mia simpatia è bravo a tenere in piedi il film con la sua recitazione. Un uomo chiamato cavallo rientra nel filone dei film western che si mettono dalla parte delle popolazioni indigene d'america (ma ho preferito di gran lunga Piccolo Grande Uomo e Soldato Blu), criticando le gesta dell'uomo bianco invasore.



Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

1 risposta al commento
Ultima risposta 24/11/2014 00.18.24
Visualizza / Rispondi al commento
Manticora  @  17/02/2013 16:11:29
   8 / 10
Rimane un film che ha segnato la mia infanzia, con un Richard Harris in grande spolvero, in cui la trama è al servizio dei personaggi. Mi è sempre piaciuto il mostrare la societa dei Lakota, pellerossa delle pianure, il contesto culturaòe in cui si muovono, anche la crudelta, nei confronti del bianco prigioniero, trattato come un cavallo. La "scalata" sociale dell'uomo coincide con una presa di coscienza che lo portera ad apprezzare la tribù fino a quando non si integrerà completamente con loro. Ma giustamente le difficoltà non mancano, e quando

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Richard Harris e il resto del cast sono perfetti, ottime location, un classico del western proindiani.

THE_FEX84  @  26/02/2008 22:57:43
   8 / 10
Uno dei primi film western dalla parte degli indiani,qui descritti come un popolo meditativo e dalle ampie risorse umane.Con uno stile classico e quasi documentaristico,il film di Silverstein si distingue dalla media del genere per l'efficacia delle riprese degli squarci paesaggistici(visivamente affascinanti),per le scene di battaglia crude ma sostenute(almeno rispetto al film dalle simili tematiche"Soldato blu",che va famoso per l'eccidio sanguinolento subìto dagli indiani nel finale)e per una morale che invita al rispetto di questo indimenticabile popolo,che in qualche modo ha contribuito a fare grande la storia.Rimarrà epocale per la sequenza in cui il prigioniero inglese,per entrare a far parte della tribù,accetterà di sottoporsi a ogni tipo di tortura fisica(come quella in cui rimane appeso in aria con dei ganci che gli trapassano il corpo):un grande momento forte di un cinema che iniziava a farsi sempre più coraggioso.Uno dei più importanti e famosi ruoli di Harris(dotato di un grande autolesionismo),che grazie a questo film,divenne una celebrità.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  07/08/2007 21:05:44
   8 / 10
Primo di una lunga (ma nemmeno poi tanto...) serie, forma - insieme a "Il piccolo grande uomo" e al maestoso e più recente "Balla coi lupi" di Costner una perfetta Triade sulla Storia degli Indiani d'America, fuori dagli stereotipi e dall'enfatizzazione (razzista) hollywoodiana.
La sequenza dello sterminio ricorda in modo impressionante quella, ben più efferata, del fin troppo celebrato "Soldato blu" di Nielsen.
E Harris straordinario: non sarà stato l'attore più carismatico del mondo ma la sua performance è notevole.
Un film splendido che a distanza di decenni commuove e affascina, stimolando magari una ricerca sulla storia affascinante degli Indiani e sulle ragioni e i torti subìti nella loro storia

Gruppo COLLABORATORI Marco Iafrate  @  23/01/2007 17:41:15
   8 / 10
Un nobile inglese viene catturato da un gruppo di indiani della tribù dei Sioux che lo adibiscono a cavallo da lavoro per la madre del capo.
Mano a mano il testardo ed orgoglioso inglese si conquista il rispetto di tutti, diventa uno di loro, sposa una donna indiana e dimentica le sue origini.
E' un western senza eserciti, senza generali e Forti da difendere, non ci sono battaglie ma esplora la problematica indiana in un ottica più etnica.

1 risposta al commento
Ultima risposta 03/06/2014 16.41.38
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo STAFF, Moderatore priss  @  22/03/2006 15:13:29
   9 / 10
per me questo film ha tutto ciò che manca al filmone di kostner: la compenetrazione nell'animo "indiano".

difficilmente riuscirò a dimenticare l'intensità emotiva del suo finale: un uomo che rinuncia ad ogni retaggio della propria cultura yankee per farsi carico di un fardello.
Un atto d'amore non verso una bella donna che ci porta ad accettare la propria cultura grazie all'affeto, ma un atto dovuto verso una dignità, un popolo e un destino.

peccato solo che oggi sia davvero inevitabile sorridere vedendo le facce da wasp mascherate dal fondotinta...

1 risposta al commento
Ultima risposta 06/11/2013 18.04.49
Visualizza / Rispondi al commento
pastapasta2  @  17/01/2006 15:56:57
   8½ / 10
uno dei piu bei western della storia del cinema. lo definirei "NATURALE". è UN FILM SEMPLICEMENTE FAVOLOSO PUR NN AMANDO IL GENERE. come nn notare la somiglianza con ultimo mondo cannibale di deodato?

super zik  @  16/06/2005 23:40:27
   8 / 10
Un voto così basso solo perchè sono giovane: questo film dev'essere stato un gran film ai tempi in cui uscì, infatti mio padre mi ha obbligato a vederlo!!!
Anzi: in onore di mio padre alzo il voto facendo una media tra il suo voto (nove) e il mio (sette)... un bell'otto quindi!

Gruppo REDAZIONE maremare  @  04/12/2004 14:00:27
   9 / 10
Bel film, sarebbe piaciuto a Levy Strauss

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1013465 commenti su 44801 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net