Recensione a 30 secondi dalla fine regia di Andrej Koncalovskij USA 1985
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione a 30 secondi dalla fine (1985)

Voto Visitatori:   7,91 / 10 (79 voti)7,91Grafico
Voto Recensore:   10,00 / 10  10,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film A 30 SECONDI DALLA FINE

Immagine tratta dal film A 30 SECONDI DALLA FINE

Immagine tratta dal film A 30 SECONDI DALLA FINE

Immagine tratta dal film A 30 SECONDI DALLA FINE

Immagine tratta dal film A 30 SECONDI DALLA FINE

Immagine tratta dal film A 30 SECONDI DALLA FINE
 

Al suo secondo film americano Andrej Konchalovsky (fratello del pi¨ accreditato Nikita Michalkov), usando una sceneggiatura inutilizzata di Akira Kurosawa, realizza un film di inconsueta perfezione.

"A 30 secondi dalla fine" Ŕ la storia di un'evasione dal duro carcere di Stonehaven (Alaska).
L'anziano Manny (Voight) evade insieme a Buck (Roberts), un giovanotto che Ŕ in galera per scontare un reato di violenza carnale, inseguito dal direttore del carcere Danken, invasato da un odio furibondo per Manny. Con trenta gradi sotto zero ed a malapena coperti di stracci, i due riescono a salire su di un treno che, a causa della morte per infarto del macchinista, comincia a correre privo di controllo fino ad essere deviato per andare a schiantarsi in una zona desolata. Danken riesce in extremis a salire sul convoglio impazzito, dando luogo ad uno scontro finale con l'evaso e dirigendosi insieme a lui fieramente incontro ad una tragica fine, dopo che Manny riesce a metter in salvo il suo compagno di evasione ed una giovane donna impiegata della compagnia ferroviaria (De Mornay), sganciando il vagone di coda.

Ingiustamente bollato come film d'azione e penalizzato dall'orrenda traduzione del titolo originale ("Runaway train"), la pellicola si dipana secca ed essenziale in una allucinante ambientazione artica glaciale (scelta con furbizia da Konchalovsky negli States per richiamare paesaggi invernali russi).

Il duello animalesco tra l'evaso ed il direttore del carcere, alimentato da un rancore profondo che resta misterioso e inspiegato, annulla ogni distinzione tra bene e male, capovolgendo ed estinguendo l'iniziale impressione che l'evaso sia il buono e il direttore il cattivo. L'uomo Ŕ una bestia feroce, Ŕ capace di infliggere e sopportare crudeltÓ spaventose; la sua inclinazione alla ferocia Ŕ in grado di superare anche il limite entro cui siamo abituati a tollerarla. Nel film questa escalation si manifesta in un contesto naturale candido e silenzioso, come pu˛ esserlo solo un inverno artico, sottolineando ancora di pi¨ come l'esercizio di questo istinto animalesco primordiale allontani l'uomo e lo ponga al di fuori della dimensione naturale, richiamando per alcuni versi la riflessione tripartita uomo-natura-ferocia evidenziata da Boorman in "Un tranquillo week-end di paura".

L'epilogo, con il treno ineluttabilmente diretto verso lo schianto, Ŕ commentato musicalmente dall'"In Terra Pax" di Vivaldi (estratto dal "Gloria"), con i due contendenti con il volto trasfigurato da un ghigno belluino che non esprime follia, ma il desiderio di porre fine ad un confronto disumano ed in quanto tale insopportabile. Lo schianto finale non Ŕ solo la conclusione della storia, Ŕ la metafora della fine... Di tutto. Solo la natura matrigna prevale prepotentemente sulla ferocia dei suoi figli.

Un'attenzione speciale la meritano infine i titoli di coda, che prima di scorrere regalano una citazione finale, riportando un sillogismo tratto dal Riccardo III di Shakespeare che getta una luce sinistra e inaspettata sull'intera storia e agghiaccia pi¨ di quanto le immagini siano state in grado di fare: "Dicono che anche la belva pi¨ feroce Ŕ in grado di provare pietÓ. Io non ne provo alcuna, quindi non sono una belva."

Commenta la recensione di A 30 SECONDI DALLA FINE sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Gardner - aggiornata al 30/01/2008

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

addio fottuti musi verdiagadahamerican assassinamori che non sanno stare al mondoassassinio sull'orient express (2017)auguri per la tua mortebad moms 2 - mamme molto pi¨ cattiveborg mcenroecaccia al tesorocapitan mutanda: il filmcento annichiamami col tuo nomecold grounddaddy's home 2death ward 13detroitdirectionsdue sotto il burqaearth - one amazing dayegon schielefinche' c'e' prosecco c'e' speranzaflatliners - linea mortalefree firegeostormgifted - il dono del talentogli asteroidigli eroi del natalegli sdraiatihappy end (2017)housewifei love... marco ferreriil culto di chuckyil domani tra di noiil figlio sospesoil libro di henryil mio godardil premio - non basta vincerlo devi anche ritirarloil senso della bellezzai'm - infinita come lo spaziojohnny gruesome
 HOT
justice leaguekeep watchingla botta grossala casa di famiglia
 NEW
la poltrona del padre
 NEW
la ruota delle meravigliela signora dello zoo di varsavia
 NEW
l'arte viva di julian schnabel
 NEW
l'assoluto presentelbjl'esodol'eta' imperfettalezione di pittural'insultolovelessl'ultimo sole della nottel'uomo dal cuore di ferromalarazzamazinga z - infinitymistero a crooked housemr. ovemusemy little pony - il filmmy name is emily
 NEW
natale da chefnever ending man - hayao miyazakinon c'e' camponut job - tutto molto divertenteogni tuo respiro
 NEW
once upon a time at christmaspaddington 2patti cake$pipý, pup¨ e rosmarina in il mistero delle note rapitepokemon: scelgo te!
 NEW
poveri ma ricchissimiprince- sign o' the timesriccardo va all'infernosami bloodsaw: legacyseven sisterssingularityslumber - il demone del sonnosmetto quando voglio: ad honorem
 NEW
star wars: gli ultimi jedisuburbicon
 NEW
super vacanze di natalethe big sickthe broken keythe night watchmenthe paris operathe placethe square (2017)the void - il vuotothe wicked giftthor: ragnarokuna questione privata (2017)una scomoda verita' 2vasco modena park - il filmwe are x

965414 commenti su 38488 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net