Recensione accattone regia di Pier Paolo Pasolini Italia 1961
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione accattone (1961)

Voto Visitatori:   8,47 / 10 (51 voti)8,47Grafico
Voto Recensore:   9,00 / 10  9,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film ACCATTONE

Immagine tratta dal film ACCATTONE

Immagine tratta dal film ACCATTONE

Immagine tratta dal film ACCATTONE

Immagine tratta dal film ACCATTONE

Immagine tratta dal film ACCATTONE
 

"Accattone" è il primo film scritto e realizzato da Pier Paolo Pasolini; produttore della pellicola in un primo momento sarebbe dovuto essere Federico Fellini, ma il regista, dopo la visione di alcune scene, ritirò la sua candidatura in favore di Alfredo Bini, che rimarrà finanziatore dei film di Pasolini fino a "Edipo re".
Il 31 agosto 1961 il film viene presentato alla Mostra del Cinema di Venezia.

L'opera racconta la storia di Vittorio (Franco Citti), detto Accattone, un personaggio che per tirare a campare sfrutta la prostituta Maddalena (una convincente Silvana Corsini). Questa viene abbandonata da Accattone nel momento in cui un gruppo di delinquenti provenienti da Napoli la picchia e conseguentemente viene arrestata dalla polizia.
Accattone sembra dunque invaghirsi di una giovanissima ragazza dallo sguardo innocente, Stella (Franca Pasut), che a causa della sua ingenuità verrà anch'essa indotta alla prostituzione. Accattone successivamente, dopo un inconcludente tentativo di cercare un lavoro regolare, sogna la propria morte; scena questa decisamente suggestiva e molto importante all'interno della poetica visionaria di Pasolini.
Quindi il giorno seguente il nostro protagonista si rimette sulla cattiva strada, partecipando ad un furto che segnerà la conclusione del suo iter di vita e anche quella del film siglato con la frase indimenticabile "Mo' sto bbene".

Il regista poggia il proprio sguardo sul mondo delle borgate romane, cosa che continuerà a fare in opere successive sia letterarie che cinematografiche.
Il suo è un ritratto di una realtà violenta, che appare senza via d'uscita.
L'attenzione ai dati concreti e realistici del racconto, così come l'adozione del dialetto romano o comunque dell'intercalare dialettale, sono cifre stilistiche a cui l'autore non può rinunciare, proprio per la sua volontà di far entrare lo spettatore a contatto con quel tipo di ambiente nella maniera più semplice e naturale possibile.

Pasolini attraverso l'analisi psicologica del protagonista arriva a una diagnosi storica; si ritrova a raccontare uno spaccato storico e sociale della marginalità, della povertà e della lingua.
Il film, fotografato in bianco e nero, colpisce l'occhio dello spettatore sin dalle prime immagini perché lo scenario sembra realmente bruciato da un sole talmente forte da far socchiudere gli occhi, creando forti contrasti cromatici. Questa preponderante presenza della luce sottolinea il paesaggio di macerie in cui vivono i protagonisti del film.
Indimenticabili le lente panoramiche che incorniciano le strade e i quartieri fra cui si aggira come uno zombie Accattone, così come impressi nella memoria rimarranno i primi piani dei numerosi personaggi. La parola zombie non è casuale, in quanto il tema della morte è uno dei tratti di interesse del film: Accattone si dimostra disincantato di fronte alla morte sia a quella appartenente al mondo dei sogni sia a quella reale. Nella già citata scena del sogno, l'atteggiamento del protagonista è quasi lirico nel chiedere al becchino di venire sepolto in una zona d'ombra, non bruciata da quel caldo sole che sempre ha segnato la sua vita.

La scena finale, in cui fuggendo dalla polizia in sella ad una motocicletta Accattone troverà la propria fine, sembra indicare allo spettatore che non c'è altra via al di là della morte per personaggi talmente disperati. Quella di Accattone è una tragedia senza speranza.
Per quanto riguarda la musica Pasolini sottolinea una storia di miseria con una musica aulica e colta come quella di Bach; un elemento che contrasta fortemente con le immagini e funziona a tratti: la contaminazione non è infatti perfetta in ogni scena.

Una piccola curiosità, per concludere: il giovane aiuto regista in "Accattone" è Bernardo Bertolucci.

Commenta la recensione di ACCATTONE sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di foxycleo - aggiornata al 10/12/2008

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghierabad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospetto
 NEW
easy living - la vita facile
 NEW
era mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandfigli (2020)gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvatiche
 NEW
il meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnol'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'immortale (2019)l'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodge
 NEW
the new mutants
 NEW
the other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo tolouna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivolevo nascondermi

1001441 commenti su 43095 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net