Recensione benvenuti al nord regia di Luca Miniero Italia 2012
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione benvenuti al nord (2012)

Voto Visitatori:   5,06 / 10 (156 voti)5,06Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film BENVENUTI AL NORD

Immagine tratta dal film BENVENUTI AL NORD

Immagine tratta dal film BENVENUTI AL NORD

Immagine tratta dal film BENVENUTI AL NORD

Immagine tratta dal film BENVENUTI AL NORD

Immagine tratta dal film BENVENUTI AL NORD
 

Il 2012 si apre con due sequels di film di successo e così dopo "Immaturi" arriva anche la parte seconda del fortunatissimo "Benvenuti al sud" remake del transalpino "Giù al nord".

Stavolta l'azione si sposta dal mare di Castellabate a Milano e vede come protagonisti in gran forma Claudio Bisio e Alessandro Siani, coadiuvati da un "marchionnano" Paolo Rossi (il neologismo non si riferisce alla non elevata statura dell'attore ma al suo personaggio, un manager dai modi un po' troppo rigidi stile Marchionne).
Ottima performance della Finocchiaro che si sdoppia per dar vita a Silvia, moglie insoddisfatta e un po' nevrotizzata del direttore postale Colombo (Bisio) e sua madre, una vecchietta tutto pepe che parla solo in meneghino stretto.

Gli stereotipi  e i pregiudizi sul nord sono al centro della storia: il povero Mattia (Siani) trasferito suo malgrado a Milano e abituato a ritmi più rilassati e amichevoli, all'inizio subisce il contraccolpo, ma poi si rende conto che tutto il mondo è paese e che siamo tutti fratelli.

Divertente, ma scontato il film deve molto ai suoi attori che spesso recitano un po' alla Totò e Peppino: la scena in camera da letto tra Colombo e Mattia ricorda abbastanza  una analoga in "Letto a tre piazze" e anche l'arrivo della delegazione di Castellabate a Milano in stazione attinge a piene mani dal mitico "Totò, Peppino e la malafemmena".

La scelta della fraternizzazione tra nordisti e sudisti e il finale buonista e ad alto tasso di glucosio danno un tono quasi favolistico e surreale. Manca un vero approfondimento sociale poiché l'obiettivo è solo quello di mettere alla berlina (esagerando a volte nel tono) i luoghi comuni e persino la presa in giro ai manager, che pretendono eccessiva efficienza dai dipendenti finisce in burletta.

Nando Paone e Giacomo Rizzo, caratteristi onnipresenti nel primo film sono un po' in ombra, mentre si evidenzia il gruppetto di impiegati meneghini ,adeguatamente scelti per il loro physique du rôle. Buon ritmo, simpatico, all'altezza del primo episodio, ottimo per passare due ore spensierate.

Commenta la recensione di BENVENUTI AL NORD sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di peucezia - aggiornata al 06/02/2012 16.25.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1008514 commenti su 44050 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net