Recensione c'era una volta in messico regia di Robert Rodriguez Messico, USA 2003
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione c'era una volta in messico (2003)

Voto Visitatori:   5,52 / 10 (152 voti)5,52Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film C'ERA UNA VOLTA IN MESSICO

Immagine tratta dal film C'ERA UNA VOLTA IN MESSICO

Immagine tratta dal film C'ERA UNA VOLTA IN MESSICO

Immagine tratta dal film C'ERA UNA VOLTA IN MESSICO

Immagine tratta dal film C'ERA UNA VOLTA IN MESSICO
 

Terzo capitolo della trilogia di Robert Rodriguez sulle gesta di El Mariachi, suonatore di chitarra e pistolero, ambientate in un Messico dai sapori fortemente western. Dopo il primo capitolo "El Mariachi" ed il suo remake hollywoodiano "Desperado", forte della presenza della star latina Antonio Banderas, attore caro ad Almodovar, Rodriguez ci riprova con un ideale seguito del precedente, utilizzando attori del calibro di Antonio Banderas e Salma Hayek (un fantasma in tutto il film, nonostante sia presente nei titoli di testa in primo piano), già presenti in Desperado, Willem Dafoe, Mickey Rourke (ogni tanto riappare!), il cantante Enrique Iglesias e la star del momento, Johnny Depp.

La trama, piuttosto complicata e confusa in alcuni punti del film, è incentrata completamente sul fascino dei due attori protagonisti: Banderas e Depp. Il primo si presenta come il solito abile ed invincibile pistolero, orfano stavolta dell'ironia che lo caratterizzava nel precedente capitolo, sostituita da un'eterna aria di malinconia dovuta alla morte dell'amata; il secondo è un agente della CIA con deliri di onnipotenza, corrotto ed allo stesso tempo scorretto, convinto di poter gestire una situazione più grande di lui che andrà a cambiare l'intera faccia politica del Messico. Lo scontro tra i due personaggi si conclude, artisticamente parlando, a favore del secondo, complice un ruolo molto più interessante e ricco di sfaccettature rispetto a quello dell'eroe leggendario. Ancora una volta Depp riesce ad entrare nel personaggio e riesce a caratterizzarlo in maniera brillante, un po' come aveva fatto per il suo pirata cialtrone nel recente "La maledizione della terza luna". Da parte sua, invece, Banderas non riesce a catturare la simpatia dello spettatore come aveva già fatto in Desperado, film non perfetto nel suo genere ma molto godibile dal punto di vista delle scene di azione a colpi di pistola. Qui invece il giocattolo di Rodriguez sembra essersi rotto ed il Mariachi, pur essendo pieno di fascino e magnetismo animale, non trasmette con la sua pistola le stesse sensazioni che riesce invece a suscitare la stessa arma nelle mani di Depp. Gli altri attori poi, compreso uno sprecato Dafoe, sono solo ridotti a delle comparsate, anche se talvolta piuttosto lunghe.

La regia di Rodriguez è piuttosto indecisa, colpevole del fatto di non sapere se dare un'impronta personale al proprio film o compiacere a Tarantino, di cui il film presenta alcune atmosfere pulp tipiche del regista in questione. Ma la verità è un'altra: Rodriguez non è Tarantino e non riesco a capire come possa essere considerato da alcuni un regista di culto, visto che questi manca dell'originalità e della personalità del creatore di Pulp Fiction, oltre al fatto di non aver ancora diretto un film degno di grandi emozioni (ci era andato solo vicino con "Dal tramonto all'alba"). Per quanto riguarda la presunta ispirazione al cinema di Sergio Leone... beh, rimane "presunta", visto che non si riesce a capire come i film del "maestro" abbiano potuto influenzare, se non per il titolo, la realizzazione di questo film.
Le ambientazioni messicane sono comunque molto affascinanti, con un utilizzo del colore molto particolare ed una fotografia davvero impressionante.

"C'era una volta in Messico" si rivela dunque un film dalle troppe pretese ed incapace di dare un buon sequel a Desperado con attori, escluso Depp, al di sotto delle loro potenzialità.

Commenta la recensione di C'ERA UNA VOLTA IN MESSICO sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Mr Black - aggiornata al 22/01/2004

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1008792 commenti su 44074 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net