Recensione che fine ha fatto baby jane? regia di Robert Aldrich USA 1962
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione che fine ha fatto baby jane? (1962)

Voto Visitatori:   8,81 / 10 (103 voti)8,81Grafico
Voto Recensore:   8,00 / 10  8,00
Migliori costumi
VINCITORE DI 1 PREMIO OSCAR:
Migliori costumi
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film CHE FINE HA FATTO BABY JANE?

Immagine tratta dal film CHE FINE HA FATTO BABY JANE?

Immagine tratta dal film CHE FINE HA FATTO BABY JANE?

Immagine tratta dal film CHE FINE HA FATTO BABY JANE?

Immagine tratta dal film CHE FINE HA FATTO BABY JANE?

Immagine tratta dal film CHE FINE HA FATTO BABY JANE?
 

E' vero: gli amici si scelgono, i parenti no e ancor meno i fratelli. La famiglia spesso nasconde al suo interno torti imperdonabili e oppressioni crudeli. Per questo, da sempre, la creativitÓ di drammaturghi, romanzieri e registi si Ŕ ispirata alle sadiche dinamiche famigliari. Anche Henry Farrell scrive un racconto sul tema, da cui Aldrich trae l'omonimo film, "Whatever happened to Baby Jane?", un cult del genere.

Il regista ci narra il difficile rapporto delle anziane sorelle Hudson, indissolubilmente legate a filo doppio da rancori, invidie e sensi di colpa. Jane (Bette Davis) e Blanche (Joan Crawford), carnefice la prima, vittima la seconda (ma non sempre la veritÓ Ŕ come appare), convivono rendendosi vicendevolmente l'esistenza un inferno, in un diuturno gioco sadomasochistico, fino al colpo di scena finale che rimescola le carte e rimette ogni cosa in discussione (compreso l'incipit della storia).
GiÓ dai primi fotogrammi, infatti, si respira l'aria del thriller, grazie ad un breve, fondamentale flashback; poi immediatamente il regista ci cala nel melodramma della relazione parentale, fulcro della storia. Ne rimaniamo coinvolti fino all'apice della follia, quando rancori e segreti, a lungo trattenuti, si rivelano, liberandoci dalla tensione.

Il racconto scorre in un ambiente tetro e claustrofobico: una villa, anch'essa decadente, risaltata dalla splendida fotografia in bianco e nero; l'angoscia per il sinistro torpore che avvolge la casa ci spinge, fin dall'inizio, a tifare affinchÚ Blanche riesca a liberarsi. Ma tutto si svolge all'interno dell'oscura dimora: solo qualche sporadica interruzione esterna o la saltuaria apparizione di personaggi secondari (la cameriera, la vicina, il giovane pianista) sembrano interrompere l'isolamento delle sorelle.
Sono loro al centro del dramma, accomunate da un destino beffardo e prigioniere di sentimenti contrastanti. Fin da bambine in competizione per ottenere fama e successo nel mondo dorato ma spietato di Hollywood, soccombono entrambe ad una serie di circostanze infauste, entrambe perdono la notorietÓ: Jane sprofonda lentamente nella follia; Blanche rimane paralizzata in seguito ad un equivoco incidente.

Aldrich dirige la storia con eccezionale bravura, senza risparmiarci momenti d'autentico sadismo. Costruisce le scene con abilitÓ sorprendente e il montaggio sa dosare i momenti di suspence, elargendo tensione per l'intera durata del film (da brivido la sequenza del ratto nel piatto, pianificata con sublime maestria). E la paura di Blanche Ŕ per noi palpabile, quanto l'alienazione di Jane.

Con l'immagine di Jane, maschera di se stessa, Aldrich sfiora l'horror. La vecchia signora, vestita e pettinata come Shirly Temple, risulta patetica e insieme terrificante.
Spaventa per i crudeli eccessi e nel frattempo intenerisce per la fragilitÓ sottesa, propria di chi rifiuta una realtÓ insostenibile, aggrappandosi con forza al suo passato glorioso. Sullo sfondo, una bambola (altro elemento horror), perfetto clone di Jane-bambina, cristallizza per sempre questo passato di piccola diva, per il quale Jane vive, lotta e uccide.

Bette Davis vinse l'Oscar come migliore attrice protagonista per questa sua straordinaria interpretazione, oscurando la non meno meritevole Joan Crawford, ugualmente magnifica nella parte ambigua della dolce e paziente Blanche. Le due attrici, realmente rivali, ci offrono un duello interpretativo eccezionale, sul quale il regista dirige il macabro gioco, realizzando in tal modo un must del trhiller, dal quale altri autori hanno sicuramente attinto (il vecchio volto di donna, pesantemente truccato, Ŕ ripreso da Argento per il suo "Profondo rosso", ad esempio).
A sua volta Aldrich nello studio psicologico dei personaggi si Ŕ sicuramente ispirato al grande Hitchcock. Come lui, concentra l'attenzione su poche figure, ma, ben caratterizzate in ogni loro sfaccettatura, sia palese, sia inconscia. Riesce inoltre ad acuire l'angoscia dello spettatore con punte di sadismo sopraffino e a divertirlo con altre di sottile ironia; lo sorprende, infine, con l'ultima scena sulla spiaggia, inopinata sintesi dell'intera storia. La tragedia si compie al momento della confessione di un lontano peccato, e la duplicitÓ si svela.

In una sequenza memorabile riappare Baby Jane: la vediamo danzare felice per il suo pubblico.
L'interrogativo originario ha finalmente la sua macabra risposta.

Commenta la recensione di CHE FINE HA FATTO BABY JANE? sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Pasionaria - aggiornata al 23/01/2006

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1014630 commenti su 44948 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net