Recensione deserto rosso regia di Michelangelo Antonioni Italia 1964
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione deserto rosso (1964)

Voto Visitatori:   8,22 / 10 (29 voti)8,22Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film DESERTO ROSSO

Immagine tratta dal film DESERTO ROSSO

Immagine tratta dal film DESERTO ROSSO

Immagine tratta dal film DESERTO ROSSO

Immagine tratta dal film DESERTO ROSSO

Immagine tratta dal film DESERTO ROSSO
 

Il Deserto Rosso di Antonioni è un film che si rivede volentieri perché rappresenta un'opera riuscita di verismo moderno. Le scene si svolgono a Ravenna nella sua parte più industriale. Siamo agli inizi degli anni '60 in pieno miracolo economico. Il tipo di industrializzazione è selvaggio: basato su numerosi impianti petrolchimici quasi tutti privi di depuratori e una centrale termoelettrica che espelle tonnellate di polveri.
Un'industrializzazione che appare subito allo spettatore come portatrice di traumi profondi. Alcune anguille al ristorante conservano nel sapore tracce di petrolio. Il degrado territoriale è molto avanzato e ne risente anche la vita dei cittadini. Questi ultimi diventano oggetto di disagi nevrotici e depressivi. Disagi fortemente accentuati dalla scomparsa di ogni bellezza naturale. Il funesto complesso petrolchimico ha sostituito sia le pulite e ordinate baracche dei vecchi pescatori che gli impianti artigianali.

Il film si svolge senza alcuna preoccupazione spettacolare prediligendo atmosfere di tipo neorealistico e psicologico. Il regista si sofferma a lungo su diversi particolari sonori e perturbanti degli impianti industriali che rimandano ad aspetti simbolici di un'epoca. Significazioni storiche sul brutale cambiamento tecnologico e di pensiero. Cambiamento avvenuto in tempi troppo veloci per consentire un'adeguata integrazione degli abitanti della zona ai nuovi ritmi di vita. I dialoghi degli operai degli impianti sono diretti. Impostati su una forma espressiva basata sulla spontaneità e l'essenzialità.
I colori del contesto ambientale sono sbiaditi e freddi, sempre privi dell'azzurro del cielo. Invasivi di spettri cenerognoli che richiamano fantasmi di malattie e morte. I colori appaiono sfuocati nel primo piano, scorrono impietosi davanti al movimento regolare della macchina da presa alternando sequenze ossessive di colori giallo e rosso ai colori grigi scuri delle strade e vie della città. Una città ormai priva di una vera identità.

In questo contesto cupo e minaccioso senza speranza viene messa a fuoco la depressione di Giuliana e l'arroganza cinica degli industriali che la circondano. Giuliana ha tentato il suicidio. E' affetta da turbe psichiche che paralizzano la sua normale capacità di lavoro sia in famiglia che fuori. A detta degli psicologi non sa amare. Cerca contatti empatici con sconosciuti che incontra per strada comprando i loro panini già iniziati. Desidera contemporaneamente diversi oggetti d'amore pretendendo poi di dedicare a loro pari attenzioni senza scegliere. Giuliana un giorno inizia una nuova amicizia. Con un amico di suo marito di nome Corrado. Un industriale, come suo marito Ugo.
Corrado però è atipico. Non è del tutto integrato con il suo ruolo. E' animato da qualche astrattezza comportamentale e di pensiero, comunica con i depressi. Si trova a Ravenna per reclutare manodopera da mandare in Argentina. E' attratto da Giuliana e cerca con lei un dialogo comunicativo, penetrante, lontano da forme seduttive immediate.

Corrado capisce le ragioni della depressione di Giuliana. Sono ragioni che intaccano la personalità di molte persone del luogo. Persone immesse brutalmente in un mondo di valori esasperatamente competitivi che assorbono tutto il quotidiano.
Valori stranianti che hanno reciso le radici delle tradizioni locali abituate da tempo a un ritmo di lavoro lento e scorrevole e a rapporti umani più solidali. Antonioni dà un'immagine del mondo industriale di cui si capisce subito anche la sua importanza invasiva. Una struttura aliena dove i ruoli di responsabilità e potere prendono il sopravvento sul privato permeando minacciosamente anche la vita più intima delle persone.
Corrado pur percependo l'importanza degli effetti sociali dell'industrializzazione selvaggia non si ammala di depressione perché è un industriale di successo. Ha un potere reale e simbolico riconosciuto e accettato dalla comunità. Desidera semplicemente vivere, attraverso una donna sensibile e bella come Giuliana, la sua parte inconscia più contenuta e sofferta. Quella che non può manifestare nel suo ambiente abituale perché inopportuna. Giuliana accetta il dialogo fino ad arrivare, ormai preda della passione, a un rapporto completo con Corrado.

Ma subito dopo aver compiuto l'atto d'amore Giuliana si rende conto come anche in questo caso non può scegliere e assumersi responsabilità sull'oggetto d'amore. Sarebbe impossibile per lei portare avanti con l'amante un rapporto comunicativo di un certo valore, senza entrare in conflitto con il figlio e il marito. Corrado quindi parte per Ferrara solo e deluso.
Giuliana rimprovera a Corrado di non essere riuscito a svelargli il senso della sua depressione: "C'è qualcosa di terribile nella realtà e nessuno me lo dice", "neanche tu Corrado", "non mi hai aiutato".
Ma, dopo l'esperienza con Corrado, Giuliana sembra aver capito come si può imparare a convivere con la depressione. Ad esempio, evitando ciò che ci attira ossessivamente e che ci crea una dipendenza senza sbocchi di soddisfazione. Rispondendo ad una domanda sulla scomparsa degli uccelli (domanda postale dal figlio appena uscito da un finto malessere) Giuliana trova conferma del suo cambiamento portando ad esempio il bel colore giallo primavera dei fumi delle ciminiere. Colore che attira inizialmente gli uccelli uccidendoli. In seguito i volatili imparano ad evitare con cura quel colore perché sanno che andrebbero incontro alla morte.

L'inconscio di Giuliana rifiuta ora la dipendenza nevrotica, delirante. Non cerca più un'autonomia assoluta dall'oggetto reale che gli dava il vantaggio illusorio di mantenere un immaginario più simile al sogno ma lungo una catena di dipendenze fantasmagoriche. La terapia che l'inconscio di Giuliana mette in atto, grazie all'esperienza con Corrado, riguarda una ritrovata capacità di riconoscere ed evitare il pericolo, di discernere l'umano in base a come si manifesta nelle sue reali intenzioni.
Corrado inconsapevolmente ha svolto una funzione da analista lasciandole una sua presenza: fantasmatica conscia. Un ricordo d'amore che la induce a reagire nei confronti di alcuni effetti oscuri della realtà. Un segno concreto di cambiamento anche terapeutico.

Commenta la recensione di DESERTO ROSSO sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Giordano Biagio - aggiornata al 26/07/2006

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

adorazionealcarras - l'ultimo raccoltoalla vitaamanti (2020)american nightblack parthenopecasablanca beatscip e ciop: agenti specialicome prima (2021)dashcamdoctor strange nel multiverso della folliadue donne al di la' della leggeelizabeth (2022)elvis (2022)emergencyesterno nottefassbinderfemminile singolarefirestarterfreedom (2021)gagarine - proteggi cio' che amigenerazione low costgli stati uniti contro billie holiday
 NEW
gold (2022)hill of visionhope (2019)hustlei giovani amantii tuttofareil fronte internoil giorno piu' belloil naso o la cospirazione degli anticonformistiil paradiso del pavoneil talento di mr. cil viaggio degli eroiinvito al viaggio. concerto per franco battiatoio e lulu'italia. il fuoco, la cenerejane by charlottejurassic world - il dominiokarate mankoza nostrakurdbun - essere curdola bicicletta e il badile - in viaggio come hermann buhlla doppia vita di madeleine collinsla fortuna di nikukola grande guerra del salento
 NEW
la mia ombra e' tuala ragazza ha volatol'altra lunal'angelo dei muril'arma dell'inganno - operazione mincemeatl'audizionel'eta' dell'innocenza (2022)lettera a francolightyear - la vera storia di buzzliz e l'uccellino azzurromad godmarcel!memoriamemory (2022)mindemic
 NEW
mistero a saint-tropeznavalnynel mio nomenoi duenostalgiaonly the animals - storie di spiriti amantiour fatherpleasurequel che conta e' il pensiero
 NEW
revolution of our timesrise - la vera storia di antetokounmposecret team 355settembre (2022)spiderheadstudio 666tapirulan
 NEW
tenebrathe batmanthe black phone
 NEW
the deer king - il re dei cervithe man from torontothe other side (2020)
 NEW
the princessthe rescue - il salvataggio dei ragazzitop gun: mavericktutankhamon. l'ultima mostraunwelcomevecchie canaglieviaggio a sorpresawild nights with emily dickinson

1030484 commenti su 47846 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

L'OMBRA DELL'ALTROTHE HOUSE I LIVE IN

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net