Recensione espiazione regia di Joe Wright Gran Bretagna 2007
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione espiazione (2007)

Voto Visitatori:   7,52 / 10 (126 voti)7,52Grafico
Voto Recensore:   6,50 / 10  6,50
Miglior colonna sonora
VINCITORE DI 1 PREMIO OSCAR:
Miglior colonna sonora
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film ESPIAZIONE

Immagine tratta dal film ESPIAZIONE

Immagine tratta dal film ESPIAZIONE

Immagine tratta dal film ESPIAZIONE

Immagine tratta dal film ESPIAZIONE

Immagine tratta dal film ESPIAZIONE
 

In una caldissima estate Inglese del 1935, nella tenuta estiva di famiglia, la giovanissima Briony Tallis vive i suoi tredici anni con la fervida immaginazione che Ŕ data dal suo precoce talento letterario: un'aspirante scrittrice in erba, innamorata della letteratura e delle storie romantiche.
Un giorno dalla sua finestra assiste alla seduzione tra la sorella Cecilia e l'amante segreto Robbie Turner (James McAvoy), figlio della governante, e fraintende la loro relazione. La stessa notte, testimone involontaria di un tentativo di violenza, accusa l'uomo di essere il colpevole dello stupro. La deposizione della ragazzina comporta l'arresto dell'uomo e la separazione tra le due sorelle, fino all'avvento della guerra. Uscito dal carcere come volontario al Fronte, Turner vivrÓ nel ricordo della donna che ha amato, mentre Briony, ormai maggiorenne, diventa crocerossina,cercando invano di recuperare il rapporto perduto con la sorella. DiventerÓ una scrittrice affermata ma vivrÓ l'intera esistenza con un tremendo rimorso.
Alla fine della sua vita, vecchia e malata, Briony scriverÓ un nuovo libro che racconterÓ lo sviluppo narrativo della sua vicenda personale, imprimendo alla storia un percorso estraneo alla veritÓ:al fine di riabilitarsi e rendere realista un sogno d'amore che non ha avuto, per colpa sua, alcuna realizzazione.

"Espiazione" Ŕ un film ossessionato dalla possibilitÓ di rendere cinematografico l'Immaginario Letterario.
Joe Wright - regista di "Orgoglio e pregiudizio" (dal classico di Jane Austen) - Ŕ profondamente convinto che il Grande Schermo abbia il potere di enfatizzare in immagini tutto ci˛ che il testo originario riportava nelle parole.
Ma la forza delle parole Ŕ anche il perno su cui si fonda il capolavoro letterario di Ian McEwan, e il fatto che la scelta cada su un romanzo tanto imponente e inimitabile Ŕ del tutto relativo.
Il tema dominante proprio del classico di McEwan Ŕ soprattutto la dimensione "dolorosa e interiore" della Scrittura , la forza delle parole che diventano strumento di avversione o attrazione, monopolio del diverso modo di vedere e con-cepire le cose che girano attorno a noi.

Il film di Wright Ŕ in parte scandito dal battito dei tasti della macchina da scrivere che costituiscono l'arco temporale della vita della protagonista, e tutto sommato la sua (auto)condanna morale.
Inizialmente vediamo Briony scrivere un primo testo letterario, poi la deposizione della polizia in cui la ragazzina accusa Robbie di essere l'autore di uno stupro, e ancora le numerose lettere che Briony, anni dopo, scrive alla sorella nel vano tentativo di riconciliarsi e chiedere perdono, fino alla stesura definitiva del Romanzo della MaturitÓ, quello probabilmente postumo, scritto nel dovere di riabilitarsi e dare agli amanti un lieto fine alla drammatica vicenda.
Nei panni di Briony, tre diverse attrici: la tredicenne Ŕ interpretata da Saoirse Ronan, capelli a caschetto e sguardo imbronciato, assomiglia quasi alla Rita Tushingham del Free Cinema Inglese degli anni Sessanta. Romla Garai impersona Briony a diciotto anni, quando assiste e cura i reduci di guerra durante il secondo conflitto Mondiale. Infine, la Briony invecchiata e malata (Morbo di Alzheimer), nella performance di Vanessa Redgrave, mentre termina di scrivere la sua Storia "ma con un finale diverso".

Purtroppo il film ha degli scompensi narrativi di non poco conto, e resta un'occasione in parte sprecata.
Peccato, perchŔ tutta la prima parte funziona egregiamente: gli interni ed esterni della dimora, l'amore "proibito" e anticlassista tra Cecilia e il giovane Robbie, gli sguardi rancorosi e stupefatti di Briony, anche se nel campo dei turbamenti adolescenziali davanti a un mondo rigorosamente giÓ adulto il regista Joseph Losey ha fatto di meglio: quel film, "Messaggero d'amore", non aveva bisogno di forzare la mano sul coinvolgimento emotivo della storia. Il problema di "Espiazione" Ŕ che - senza tradire lo spirito del romanzo - rischia di rendere inverosimile e inavverrabile il Matrimonio tra Cinema e Letteratura.
A tratti non risolve il dilemma, anzi sembra tremendamente soffocato dalla forza intrinseca del testo.

L'escamotage di Wright Ŕ quello di rendere palpabile e visibile una dimensione emotiva che sfrutta tutto il campionario retorico del melodramma cinematogra-fico (musiche tenui accompagnate da altre pi¨ solenni e inquietante, porte che si chiudono, sguardi tormentati dalla disperazione o dalla rabbia, echi di sentimentalismo che riducono il tutto ad un'esiliante, promettente ma vago "torner˛".

Quando le didascalie confermano che la triste vicenda ha superato i cinque anni d'etÓ, e siamo nel pieno Conflitto Mondiale, Ŕ facile per lo spettatore cogliere l'"alibi" di pensare di vedere un'altro film.
La dimensione temporale coglie impreparati proprio perchŔ affonda nella convenzionalitÓ che aveva in precedenza efficamente evitato: le immagini che ci mostrano la protagonista mentre cura i reduci o il giovane Robbie in trincea, mentre vive comunque nel ricordo e nel rimpianto della sua amata Cecilia, sanno di falso, puzzano di preconfezionato, compresa l'ostentazione del regista di imprimere alla Guerra un'invettiva fuori-luogo, una denuncia che stordisce e sembra gratuita ai fini della storia e della sua evoluzione.
Uno stile patinato che sembra parodiare maldestramente l'"Addio alle armi" di Hemingwai, ma pi¨ il costoso film hollywoodiano che il celebre classico del noto autore.

Eppure, nonostante queste riserve, Wright Ŕ un regista di forti potenzialitÓ: se ambisse a uno stile meno accademico ed enfatico, avrebbe le capacitÓ di realizzare in futuro opere di grande spessore.
Il lungo piano-sequenza dei soldati nel campo militare, con una mdp che ruota attorno a gruppi di giovani immortalati nei rari momenti in cui Ŕ ancora plausibi-le ritrovare la propria esistenza, sarÓ manierato e anacronistico, ma Ŕ davvero di grande effetto visivo. E "gratuito ma non irrilevante" - tutt'altro - risulta essere il realismo crudo e non convenzionale della sequenza dei feriti in ospedale.
Sul piano emotivo, invece, le cose vanno diversamente: per quanto l'interpretazione del stakanovista James MacAvoy e di Keira Knightley (Cecilia) siano decorose, per quanto la breve ma intensa prova della Redgrave sia notevole, il film Ŕ troppo preoccupato di emozionare lo spettatore ad ogni sequenza per essere davvero credibile.
Eppure, considerando anche l'unicitÓ di un romanzo che Ŕ consegnato alla storia della letteratura Moderna, e il coraggio di un regista di affrontare un testo tanto prestigioso, il risultato Ŕ frammentario, ma non del tutto deludente.

Nel dizionario la parola stessa "Espiazione" suggerisce "la riparazione di una Colpa subendone la punizione, scontandone la pena o accettazione penitenze".
Nel libro di McEwan leggiamo "avrebbe potuto andare dalla madre subito, rannicchiarsi vicino a lei e raccontarle la cronaca della giornata trascorsa.
Se l'avesse fatto non avrebbe mai commesso il suo crimine, non sarebbe successo nulla, tante cose non sarebbero accadute, e la carezzevole mano del tempo avrebbe reso la giornata a malapena degna di memoria
".
L'ascesi temporale e lo smacco stilistico, piuttosto classico (per non dire quasi Hollywoodiano) del film non tradiscono tuttavia la forza di una sceneggiatura che porta i segni "dolorosi" di un'Intera Vita.

Commenta la recensione di ESPIAZIONE sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di kowalsky - aggiornata al 26/09/2007

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

5 cm al secondoa haunting at silver falls 2a mano disarmataa spasso con willya.n.i.m.a.after (2019)aladdin (2019)alive in francealla corte di ruth - rgbamerican animalsancora un giornoannabelle 3arrivederci professoreasbury park: lotta, redenzione, rock and rollattacco a mumbai - una vera storia di coraggioattenti a quelle dueavengers: endgame
 NEW
baby gang (2019)banglabeautiful boy (2018)bene ma non benissimo
 NEW
birba - micio combinaguaiblue my mind - il segreto dei miei annibook club - tutto puo' succederebutterfly (2019)cafarnaocarmen y lolache fare quando il mondo e' in fiamme?christo - walking on waterclimax (2018)cyrano, mon amourdagli occhi dell'amoredaitonadentro caravaggio
 NEW
di tutti i coloridicktatorship - fallo e basta!dilili a parigidolceromadolor y gloriadomino (2019)due amici (2019)
 NEW
edison - l'uomo che illumino' il mondoescape plan 3 - l'ultima sfidafiore gemelloforse e' solo mal di marego home - a casa lorogodzilla ii - king of the monstersgordon & paddy e il mistero delle nocciolehellboy (2019)i figli del fiume gialloi fratelli sistersi morti non muoionoil campione (2019)il corpo della sposail flauto magico di piazza vittorioil grande saltoil grande spiritoil museo del prado. la corte delle meraviglieil ragazzo che diventera' reil segreto di una famigliail traditore (2019)il viaggio di yaojohn mcenroe - l'impero della perfezionejohn wick 3 - parabellumjuliet, nakedkarenina & ikurskla bambola assassina (2019)la caduta dell'impero americanola citta' che curala llorona: le lacrime del malela mia vita con john f. donovanla prima vacanza non si scorda mail'alfabeto di peter greenawayl'angelo del criminel'angelo del male - brightburnle grand balle invisibilil'educazione di reylo spietatolucania - terra sangue e magial'ultima oral'uomo che compro' la lunal'uomo fedelema (2019)ma cosa ci dice il cervellomaryam of tsyon - cap 1 escape to ephesusmo' vi mento - lira di achillenoinon ci resta che riderenon sono un assassinonormalnureyev. il mondo, il suo palcooro verde - c'era una volta in colombiapalladio - the power of architecturepallottole in liberta'
 NEW
passpartu': operazione doppiozeropet sematarypets 2: vita da animalipokemon detective pikachupolaroidpowidoki - il ritratto negatoprimula rossaquando eravamo fratelliquel giorno d'estatequello che i social non dicono - the cleaners
 NEW
raccolto amarorapina a stoccolmarapiscimired joanrestiamo amicirocketmansarah & saleem - la' dove nulla e' possibileselfie
 NEW
serenity (2019)sharon tate: tra incubo e realta'shazam!shelter: addio all'edensir - cenerentola a mumbai
 NEW
skate kitchensoledadsolo cose bellespider-man: far from homestanlio e olliotakara - la notte che ho nuotatoted bundy: fascino criminalethe brink - sull'orlo dell'abisso
 NEW
the deepthe elevatorthe intruder (2019)the mirror and the rascalti presento patricktorna a casa, jimi!toy story 4tutti pazzi a tel avivtutto lisciouna famiglia al tappetouna vita violenta (2019)un'altra vita - mugunfriended: dark web
 NEW
vita segreta di maria capassowelcome home (2019)wolf call - minaccia in alto marewonder parkx-men: dark phoenix

990016 commenti su 41672 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net