Recensione il fiume rosso regia di Howard Hawks USA 1948
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione il fiume rosso (1948)

Voto Visitatori:   8,63 / 10 (15 voti)8,63Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film IL FIUME ROSSO

Immagine tratta dal film IL FIUME ROSSO

Immagine tratta dal film IL FIUME ROSSO

Immagine tratta dal film IL FIUME ROSSO

Immagine tratta dal film IL FIUME ROSSO

Immagine tratta dal film IL FIUME ROSSO
 

Howard Hawks era giÓ un veterano di Hollywood con pi¨ di trenta film alle spalle, alcuni anche di grande successo, quando decise di girare il suo primo western, dopo essersi giÓ accostato al genere con l'ibrido "La costa dei barbari"; voleva per˛ che il suo lavoro fosse "un western adulto e non uno dei soliti film di indiani".
Quando gli capit˛ tra le mani il racconto "The Chisholm Trail", di Borden Chase, ebbe la certezza che sarebbe riuscito nel suo intento.
E in effetti "Il fiume rosso" risult˛ un western adulto, un western che dietro la facciata convenzionale dei film del genere sottintende una molteplicitÓ di tematiche e di significati.

Innanzi tutto c'Ŕ la profonda analisi dei caratteri dei personaggi, non pi¨ visti soltanto come modelli di indiscussa virilitÓ, ma con le loro paure e le loro incertezze e forse anche con le loro ambiguitÓ sessuali (emblematica, nell'antefatto del film, l'uccisione della moglie di Dunson, quasi a simboleggiare la rimozione della componente femminile da un autosufficiente universo maschile); c'Ŕ poi la rivisitazione del mito della frontiera, che non Ŕ pi¨ il tema dominante del film ma rimane sullo sfondo, quasi a far da cornice ad altre tematiche ben pi¨ importanti quali il conflitto generazionale, la prevaricazione, l'insubordinazione, l'amicizia virile, la nebulositÓ sessuale; c'Ŕ poi infine il lirismo tipicamente hawksiano, epico ma non convenzionale, qui rappresentato dalla raffinatezza dei dialoghi, dalle suggestive sequenze notturne, dal rapporto edipico tra l'anziano cow boy e il giovane figlioccio, dalla facile ironia dei mandriani, dalle inconfondibili riprese a tutto campo, che fotografano immense distese e suggestivi paesaggi e che fanno da sfondo alla rude vita dei cowboy.

E poi c'Ŕ "lui", il fiume, the red river, il fiume rosso, presenza concreta e metafora di vita che scorre e si rinnova ma anche ostacolo da superare o confine da valicare.
Non Ŕ un caso che il fiume torni in quasi tutto il film con insistente ricorrenza a segnarne i momenti pi¨ significativi o a far da cornice ai molti simbolismi che lo percorrono.
╚ sul fiume o nelle sue immediate vicinanze che si sviluppano le parti pi¨ significative della storia: Ŕ nel fiume che Dunson uccide il pellerossa che gli ha massacrato la moglie; Ŕ vicino al fiume che incontra per la prima volta Matthew, il giovane orfano che ha avuto i genitori uccisi nello stesso massacro; Ŕ qui che avviene la prevaricazione di Dunson su Matthew, quando gli sottrae la vacca e la marchia con il suo simbolo; Ŕ al di lÓ del fiume che, anni dopo, vuole condurre la sua mandria; Ŕ immediatamente vicino al fiume che avviene la scena della ribellione di Matthew; Ŕ con il simbolo del fiume (due linee parallele che simboleggiano le rive del fiume e la D di Dunson) che marchia il suo bestiame; Ŕ sulla sabbia del fiume che disegna il nuovo marchio (accostando alla D la M di Matt), quando accetta di riconoscere le capacitÓ di Matthew ormai adulto.

Infine ci sono gli evidenti, malcelati, simbolismi sessuali, che non si limitano soltanto allo strano, burrascoso, rapporto (un misto tra la prevaricazione e l'ammirazione), che si instaura tra Dunson e Matthew fin dal loro primo incontro, quando l'uomo (che possiede un toro) sottrae al ragazzo la sua vacca e marchia con il suo simbolo i due animali, quasi a sottolineare una vera e propria appropriazione sessuale.

A rafforzare questo simbolismo c'Ŕ poi la scena della ribellione del ragazzo, che non esita a tirare fuori la pistola ma, con un vero e proprio atto di sopraffazione, Dunson lo disarma e, sottraendogli la pistola, lo costringe alla sottomisione.
E come non cogliere la chiara allusione omosessuale nella sequenza in cui Matt, dopo avergli preparato una sigaretta, nel gesto di accendergliela, mostra che al braccio porta il braccialetto che Dunson aveva donato alla moglie?
E quando Matthew, con l'aiuto di un nuovo arrivato, consuma la sua ribellione verso l'anziano cowboy, ferendolo ad una mano e assumendo il comando della carovana, non Ŕ forse il simbolo della ribellione di un'amante vessata?

╚ questo, e forse molto altro ancora, quel che Hawks voleva che fosse quello che sarebbe diventato uno dei pi¨ bei western della storia del cinema, che in Italia inspiegabilmente circola mutilato di circa trenta minuti.
Partendo dal suo racconto, Borden Chase e lo sceneggiatore Charles Schnee, firmano la sceneggiatura dal titolo "The River is Red", da un frammento di dialogo (poi tagliato in fase di montaggio), che allude al sangue indiano che colorava le acque del fiume.

Il film, iniziato tra non poche difficoltÓ (e finito tra altrettante), sottindende un antefatto e si apre con la mano di qualcuno non inquadrato che sfoglia il volume "Vecchi racconti del Texas".
Una didascalia ci introduce nell'antefatto, cominciato quattordici anni prima, quando l'allora giovane Tom Dunson decide di abbandonare la carovana che stava guidando, per recarsi in Texas alla conquista della "terra promesa". Lascia alla giovane moglie, in pegno del suo amore, un braccialetto, ricordo di famiglia.
Qualche tempo dopo, nelle acque del Fiume Rosso, uccide in battaglia un indiano che porta al polso il bracciale che aveva donato alla moglie prima di allontanarsi.
E' successo che, in sua assenza, una trib¨ indiana ha attaccato la carovana e ne ha trucidato tutti i membri, compresa sua moglie, che Ŕ morta nel peggiore dei modi.

Successivamente sopraggiunge un ragazzo, Matthew Garth, che reca con sŔ una vacca e che nel massacro ha perso i genitori.
Dunson si appropria dell'animale, prende con sŔ l'orfano e si avvia verso il Texas, dove, dopo uno scambio di colpi con un pattuglia messicana, conquista un grosso appezzamento di terreno che si estende fino al Rio Grande, storico confine con il Messico e limite di conquista dei coloni americani.

Dopo un salto di quindici anni ritroviamo Dunson, che nel frattempo Ŕ diventato un grosso allevatore e possiede un florido ranch, e Matthew Garth, che torna dalla guerra di secessione.
Il ragazzo Ŕ maturato, Ŕ diventato un uomo ma il suo rapporto di dipendanza dal padrino non Ŕ mutato.
La guerra ha fatto crollare il prezzo del bestiame e Tom decide di portare la sua mandria verso il nord, nel Missouri, dove Ŕ sicuro di venderla ad un prezzo pi¨ vantaggioso.
Il viaggio attraverso la pista Chisholm e il Fiume Rosso si rivela lungo e difficoltoso e Dunson, che Ŕ diventato ancora pi¨ dispotico, fa pesare sugli uomini della carovana tutta la sua autoritÓ.
Matt per˛, accogliendo il consiglio di un nuovo arrivato, Jerry Valance, si convince che Ŕ meglio deviare verso Abilene, dove la strada ferrata potrebbe condurli pi¨ agevolmente verso il mercato, ma quando comunica la sua decisione a Tom, questi, in uno dei suoi scatti di dispotismo, minaccia di impiccare i due, che si ribellano e lo disarmano ferendolo ad una mano.
E' a questo punto che si consuma la ribellione di Matt, che disarma Dunson, lo ferisce ad una mano e prende il comando della carovana.
Giunto ad Abilene riesce a vendere ad un ottimo prezzo il bestiame, suscitando ancora di pi¨ l'ira del vecchio, che non si Ŕ rassegnato alla sconfitta e lo ha inseguito con l'intenzione di vendicarsi.
La resa dei conti tra i due, che Matt affronta con cosciente passivitÓ, nonostante le pallottole, che lo sfiorano e gli graffiano il viso, fa capire a Tom che non pu˛ uccidere il suo protetto.
Gettata via la pistola affronta il giovane con i pugni in un combattimento selvaggio.
SarÓ una donna, Tess Millay, innamorata di Matt, a far capire ai due uomini che l'affetto che li lega Ŕ ancora molto forte, per poi uscire di scena furibonda.
A questo punto il ranch porterÓ anche il nome di Matthew.

Sorprendenti le interpretazioni dei due attori protagonisti, John Wayne e Montgomery Clift: il primo offre una delle sue pi¨ grandi prove interpretative, dimostrando, nonostante la critica si accanisse a bistrattarlo, che si tratava di interprete di talento; mentre il ventottenne Clift, al suo primo lungometraggio (molti considerano il suo primo film "Odissea tragica", ma solo perchŔ uscito prima nella sale) si dimostra giÓ grandissimo.
Montgomery Clift accett˛ il suo primo copione cinematografico tre mesi dopo la fine delle recite a Broadway della commedia romantica "You Touched Me!", di Tennessee Williams, rifiutando la parte di Treplev ne "Il gabbiano" di Cecov, perchŔ stanco di recitare il ruolo dell'uomo sensibile, volendosi liberare dell'immagine che si era costruito.
Lo interessava molto, invece, l'idea di impersonare un cowboy al fianco di John Wayne, anche se non si sentiva del tutto pronto per Hollywood e nonostante, come dichiar˛, non sapesse cavalcare nŔ sparare e neanche camminare con quegli strani stivali.

Hawks era rimasto molto colpito dalla bravura di Clift vedendolo recitare a Broadway, ma era titubante ad affidargli la parte.
Fu la moglie del regista, in un certo senso, ad indirizzare la scelta del marito, che affid˛ il giovane attore alle cure della sua controfigura (uno degli stuntman pi¨ famosi dell'epoca) il quale nel giro di tre settimane gli insegno a cavalcare, a sparare, ad usare il lazo e ad arrotolare una sigaretta come un vero cowboy.
Certo non fu impresa facile per il regista riuscire ad esaltare l'enorme diversitÓ sia fisica che psicologica fra i personaggi del virile e duro Tom Dunson e il fragile e quasi femmineo Matthew Garth, ma il risultato finale dimostra che il grande regista aveva visto giusto.
La rissa finale Ŕ il momento pi¨ emozionante e pi¨ atteso del film e simboleggia lo scontro tra due due mondi, tra due generazioni, tra due modi di vedere e concepire le cose.
Hawks voleva caratterizzare il personaggio di Matthew anche attraverso piccoli dettagli quali il modo di muoversi, di camminare, di agire, lasciando libertÓ di improvvisazione all'attore.
Clift, che amava molto improvvisare, ottenne un risultato eccellente, riuscendo ottimamente a fronteggiare la esuberante fisicitÓ di John Wayne.
Non c'Ŕ pi¨ stato, nella storia del cinema western, un cowboy pi¨ "elegante" del Matthew Grath di Montgomery Clift.

Il film riscosse critiche entusiaste ed ebbe un enorme successo al botteghino e, anche se molti non si dimostrarono d'accordo sul lieto fine aggiunto da Hawks alla sceneggiatura di Borden Chase, il New York Times lo definý "uno dei migliori film western mai fatti".

Commenta la recensione di IL FIUME ROSSO sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Mimmot - aggiornata al 19/10/2007

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1013589 commenti su 44801 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net