Recensione malcolm x regia di Spike Lee USA 1992
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione malcolm x (1992)

Voto Visitatori:   7,81 / 10 (44 voti)7,81Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film MALCOLM X

Immagine tratta dal film MALCOLM X

Immagine tratta dal film MALCOLM X

Immagine tratta dal film MALCOLM X

Immagine tratta dal film MALCOLM X

Immagine tratta dal film MALCOLM X
 

Questa opera di Spike Lee illustra in una forma romanzata e a tratti storica la realtà politica e biografica di "Malcolm X": leader della Nazione dell'Islam statunitense, braccio destro di Muhammad capo dell'organizzazione stessa. E' un film sul tragico ed esteso razzismo presente negli Stati Uniti negli anni '50 e '60.
Il film sfiora il capolavoro sia per la fedeltà storica agli avvenimenti che per la credibilità politica delle scene. Queste ultime rispettano anche le esigenze di spettacolo del film: grazie a un'ottima capacità di Lee nell'alternare alle scene dense di significato politico sequenze di folclore nero ricche di musica.

Tuttavia nel film c'è qualcosa di inverosimile sul piano del linguaggio. I dialoghi e alcuni modi di esprimersi di Malcolm non sono molto credibili. Qualcosa di troppo occidentale e familiare balza agli occhi facendo dubitare dell'autenticità dei linguaggi usati da Lee. Sembra che Lee, nei dialoghi e nella gestualità propria degli afroamericani, trasponga con troppa disinvoltura codici linguistici di largo uso hollywoodiano, in particolare per quel che riguarda i comportamenti rituali e di costume degli uomini di colore. Penso che in parte ciò sia dovuto alla forte integrazione culturale di Spike Lee nella società americana. Il movimento del NOI (Nazione dell'Islam) era un movimento separatista: geloso di conservare le proprie identità culturali e di costume; restio a recepire le sollecitazioni ad integrarsi che venivano da altri settori afroamericani, quelli più cristiani. Il suo linguaggio era chiuso e ancora molto fedele alle proprie origini.

Il film, uscito nel 1992, è stato apprezzato sia in Italia che negli ambienti della critica cinematografica mondiale. Tuttavia dal punto di vista analitico e critico è stato valutato da autorevoli critici con qualche riserva. E' stata giustamente rilevata dalla critica una evidente separazione nell'andamento del film dei due modi di raccontare: quello epico e quello agiografico. Una divisione che si mantiene lungo tutto il film, come se la sceneggiatura fosse intrinsicamente incapace di giungere a una sintesi apprezzabile dei due modi di esporre una storia. Verranno però riconosciute a Lee la capacità di aver costruito una fedele storia del personaggio Malcolm X e la bravura profusa nella stesura di una nobile e credibile biografia. Una biografia ricca di risvolti visivi da intrattenimento ma che svela con intelligenza, seppur con qualche smagliatura, anche gli aspetti più intimi e significativi della vita di Malcolm, quelli che consentiranno di capire più a fondo la sua personalità politica: come essa giunge a formarsi.

Il pubblico che aveva assistito alle proiezioni del '92 aveva apprezzato il pathos presente nelle vicende del film. Un pathos che avvolge e seduce anche oggi, capace com'è di rapire senza scrupoli le forme più intime dell'animo occidentale: quelle sinceramente ricettive alle problematiche della gente di colore.
Fin dalle origini della schiavitù ('500-'600) agli schiavi neri americani veniva assegnato il cognome dei loro padroni. La scelta di Malcolm di mettere una X al posto del cognome assegnatogli (Little) preannuncia una scelta di lotta ai residui della pseudocultura schiavista. Quest'ultima è vista nel film anche nei suoi aspetti più torbidamente abitudinari. Quella di Malcolm X sarà una battaglia verso ciò che rimaneva di abitudinario-razzista contro gli afroamericani. Egli prende di mira anche gli afroamericani semi-integrati e lo fa attraverso la penetrazione nei loro gangli perbenisti, cattolici: così ricchi di rituali pacifisti e falsi inviti al buon comportamento.

Malcolm X si è schierato contro tutto ciò che non apparteneva alla sua organizzazione. Ha attaccato anche i battisti afroamericani, quelli più ferventi, che favorivano con l'invito all'amore universale, spesso dovuto, la permanenza negli Stati Uniti del problema razziale.
La X messa al posto del cognome rappresenta una concreta indignazione di Malcolm alla sottomissione forzata e abitudinaria degli afroamericani all'ambigua influenza bianca. Una ribellione senza riserve contro la vergognosa subordinazione dei neri ai bianchi. Il razzismo rimaneva consistente nonostante tutti i diritti di uguaglianza conquistati sulla carta. La subordinazione diventava sempre più anacronistica perché perdurava da troppo tempo in mezzo a un contesto storico che vedeva i paesi occidentali sempre più democratici e civili. Questa ingiustizia sociale di vaste proporzioni sussisteva anomala e a tratti feroce accanto ai grandi successi civili e politici ottenuti dai movimenti progressisti negli anni precedenti. Successi ottenuti in particolare nei confronti di chi voleva mantenere le disuguaglianze etniche e razziali.

Malcolm X nasce a Omaha, nel Nebraska, figlio di Earl e Louis Little. Suo padre era un predicatore Battista. Dopo una prima infanzia molto travagliata e costellata da seri e tragici episodi di razzismo avvenuti contro la sua famiglia, Malcolm X viene affidato per legge a dei tutori bianchi grazie ai quali riesce a studiare per un certo periodo con profitto ma senza riuscire ad ottenere la laurea di avvocato. Un obiettivo quest'ultimo che avrebbe facilitato la sua integrazione nella società americana. La rinuncia alla laurea avviene a seguito dell'intervento del suo maestro, che gliela sconsiglia nonostante i buoni voti ottenuti da Malcolm X negli studi precedenti. Il maestro ritiene la sua condizione sociale troppo incerta per tentare la scalata nel libero professionismo.
L'insegnante, valutando il caso in relazione con la condizione sociale di Malcolm X, gli suggerisce un lavoro umile, ad esempio diventare un buon falegname ("come Gesù", gli dice nel film).

Malcolm, spinto da istanze caratteriali e autobiografiche segnate dalla violenza e dalle divisioni psichiche procurate da una nevrosi ormai incontenibile, rifiuta lavori umili e finisce nella delinquenza di Harlem. Dopo diversi reati verrà condannato a 10 anni di carcere.
Nel carcere Malcolm X incontra un esponente influente della Nation of Islam (NOI) di nome Reginald che lo convince ad unirsi al NOI: "setta militante islamica". Il NOI si batteva per la creazione di una nazione nera, separata dai bianchi e operativa all'interno degli stessi Stati Uniti. Il NOI era capeggiato da Elijah Muhammad del quale in breve tempo Malcolm X divenne il vice.
La durezza separatista di Malcolm X tende a sfumare dopo il suo viaggio alla Mecca e a seguito di una forte delusione procuratagli da Muhammad. Con il viaggio alla Mecca Malcolm X scopre la multietnicità dell'islamismo, viene a contatto con fedeli di ogni razza, compreso quella bianca degli europei.

Un mattino i giornali statunitensi escono con una notizia scandalosa che riguarda il capo del NOI, Muhammad; la cosa procura a Malcolm un profondo sconforto. Muhammad viene accusato di molestie e attività sessuali verso le proprie ex-segretarie. Verificata la consistenza delle accuse nei confronti di Muhammad, Malcolm X comincia a vedere nel suo capo islamico soprattutto l'uomo: in tutta la sua nudità peccatrice. Ai suoi occhi Muhammad non è più il mistico rappresentante della purezza islamica.
Malcolm X deluso vuole cambiare rotta; intende gettare un ponte verso il mondo dei bianchi, rinunciando anche a quella idea persecutoria di razzismo della quale riteneva responsabile esclusivamente l'uomo bianco in quanto razza priva di politicità, un'ossessione che lo aveva accompagnato e guidato fino a quel punto del suo percorso. Malcolm X decide di dialogare politicamente con tutti i bianchi che sono sinceramente coinvolti dal problema razziale (ad esempio alcune parti della sinistra americana). Ma sarà troppo tardi.

La prima parte del film è straordinaria per ritmo e tecniche di ripresa e riguarda la briosità della giovinezza di Malcolm. Le vittorie del pugile Joe Louis riprese con le feste di massa a lui riservate rafforzano il tono del film. L'amante bianca e l'alba con lei sulla spiaggia preannunciano l'intensità delle passioni politiche di cui Malcolm sarà schiavo e protagonista.
Le scene nei locali da ballo con i numeri del boogie woogie sono di alto livello cinematografico e i balli sono ripresi da Lee in modo magistrale, unico.
La seconda parte del film, dal carcere in poi, scorre su un versante narrativo dai toni alti ma drammatici, severi, come se il clima da redenzione dei peccati che anima queste scene e il furore giudicante di Malcolm X che domina nel racconto costruissero e sostenessero l'emotività del dramma che andava maturando.

Commenta la recensione di MALCOLM X sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Giordano Biagio - aggiornata al 19/04/2006

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

a quiet place: giorno 1abigail (2024)accattaromaacidamen (2024)
 NEW
amici per casoanimale umanoanimali randagianna (2023)arrivederci berlinguer!bad boys: ride or diebanel e adamacuckoocult killer - la vendetta prima di tuttodall'alto di una fredda torre
 NEW
deadpool & wolverineeileenel paraisoera mio figlio (2024)fantastic machinefederer: gli ultimi dodici giornifly me to the moon - le due facce della lunafremontfuga in normandiafuriosa: a mad max sagagarfield - una missione gustosaghost: rite here rite nowgirasoligli immortaligli indesiderabili (2023)glory hole
 NEW
here after - l'aldila'
 R
hit man - killer per casoholy shoeshorizon: an american saga - capitolo 1hotspot - amore senza retei dannatiif - gli amici immaginariil caso goldmanil coraggio di blancheil gusto delle coseil mio posto e' quiil mio regno per una farfallail mistero scorre sul fiumeil regno del pianeta delle scimmieil segreto di liberatoin a violent natureindagine su una storia d'amoreinside out 2io & sissiio e il seccoio, il tubo e le pizzejago into the whitekinds of kindnessl’amante dell'astronautala memoria dell’assassinola morte e' un problema dei vivila profezia del malela stanza degli omicidila tartarugala treccial'esorcismo - ultimo attol'imperol'invenzione di noi duelonglegsl'ultima vendettamadame lunamade in dreams - l'italiano che ha costruito l'americamarcello miomatrimonio con sorpresa (2024)
 NEW
mavka e la foresta incantatame contro te: il film - operazione spiemetamorphosis (2024)mothers' instinctnew lifeniente da perdere (2024)noir casablancanon riattaccare
 NEW
persona non grata (2024)prima della fine - gli ultimi giorni di enrico berlinguerquattro figlie (2023)quell'estate con ireneracconto di due stagioniricchi a tutti i costiritratto di un amorerobo puffinroma bluessamadsaro' con tesei fratellishoshanashukransuperlunathe animal kingdomthe bikeridersthe boys - stagione 4the fall guythe penitent - a rational manthe rapture - le ravissementthe strangers: capitolo 1the tunnel to summer, the exit of goodbyesthe watchers - loro ti guardanoti mangio il cuoretroppo azzurrotwistersun messicano sulla luna
 NEW
un oggi alla voltaun piedipiatti a beverly hills: axel funa spiegazione per tuttouna storia neraunder parisunfrosted: storia di uno snack americanovangelo secondo mariavincent deve morirewindlesswoken - nulla e' come sembra

1052590 commenti su 50961 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

AYKAMA' ROSA

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

in sala


HIT MAN - KILLER PER CASO
Locandina del film HIT MAN - KILLER PER CASO Regia: Richard Linklater
Interpreti: Glen Powell, Adria Arjona, Austin Amelio, Retta, Sanjay Rao, Molly Bernard, Evan Holtzman, Gralen Bryant Banks, Mike Markoff, Bryant Carroll, Enrique Bush, Bri Myles, Kate Adair, Martin Bats Bradford, Morgana Shaw, Ritchie Montgomery, Richard Robichaux, Jo-Ann Robinson, Jonas Lerway, Kim Baptiste, Sara Osi Scott, Anthony Michael Frederick, Duffy Austin, Jordan Joseph, Garrison Allen, Beth Bartley, Jordan Salloum, John Raley, Tre Styles, Donna DuPlantier, Michele Jang, Stephanie Hong
Genere: azione

Recensione a cura di The Gaunt

ON THE JOB: THE MISSING 8
Locandina del film ON THE JOB: THE MISSING 8 Regia: Erik Matti
Interpreti: John Arcilla, Dennis Trillo, Dante Rivero, Joel Torre, Christopher De Leon, William Martinez, Lotlot De Leon, Ina Feleo, Ricky Davao, Vandolph, Isabelle De Leon, Rayver Cruz, Soliman Cruz, Andrea Brillantes
Genere: poliziesco

Recensione a cura di The Gaunt

archivio


LA ZONA D'INTERESSE
Locandina del film LA ZONA D'INTERESSE Regia: Jonathan Glazer
Interpreti: Christian Friedel, Sandra Hüller, Medusa Knopf, Daniel Holzberg, Ralph Herforth, Maximilian Beck, Sascha Maaz, Wolfgang Lampl, Johann Karthaus, Freya Kreutzkam, Lilli Falk, Nele Ahrensmeier, Stephanie Petrowitz, Marie Rosa Tietjen, Ralf Zillmann, Imogen Kogge, Zuzanna Kobiela, Julia Polaczek, Luis Noah Witte, Christopher Manavi, Kalman Wilson, Martyna Poznanski, Anastazja Drobniak, Cecylia Pekala, Andrey Isaev
Genere: drammatico

Recensione a cura di Gabriele Nasisi

MARILYN HA GLI OCCHI NERI
Locandina del film MARILYN HA GLI OCCHI NERI Regia: Simone Godano
Interpreti: Miriam Leone, Stefano Accorsi, Thomas Trabacchi, Mario Pirrello, Orietta Notari, Marco Messeri, Andrea Di Casa, Valentina Oteri, Ariella Reggio, Astrid Meloni, Giulia Patrignani, Vanessa Compagnucci, Lucio Patané, Agnese Brighittini
Genere: commedia

Recensione a cura di Severino Faccin

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net